Classici

Jane Eyre

Brontë Charlotte

Descrizione: La storia romantica di una modesta e poco appariscente istitutrice che, con il suo fascino discreto e la sua forza di carattere, riesce a conquistare il tenebroso e avvenente signore di Rochester, la cui giovane figlia è affidata alle sue cure. La donna vittoriana di metà Ottocento, ridotta allo stato di femmina asessuata, trova in Jane Eyre un ideale contraltare antropologico sulla via dell'emancipazione e del suffragio universale.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar grandi classici

Anno: 2004

ISBN: 9788804527985

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Eccomi qui, di nuovo, a scrivere di una pietra miliare della letteratura. Sarà arduo anche questa volta, dopo essermi confrontata con un capolavoro come Orgoglio e Pregiudizio, riuscire a parlare degnamente di un altro splendore: Jane Eyre.

Charlotte Brontë diede vita a questo racconto scegliendo la forma autobiografica. L’io narrante è la giovane Jane che parla al lettore delle sue peripezie, della sua crescita morale e del suo destino.

Un romanzo di oltre settecento pagine che scorre veloce lasciando il lettore appagato e affascinato dalla complessità dei personaggi, dalla perfetta ambientazione e dalla profondità delle emozioni che la Brontë riesce a far vivere attraverso le vicende della sua protagonista.

È un’ardua sfida, ma provo a riassumervi la trama:

Dopo la morte di entrambi i genitori, Jane Eyre viene affidata allo zio paterno che promette di crescerla con amore. Purtroppo poco dopo anche lo zio della bambina muore ed ella resta con la zia e i cugini, tutti poco inclini a volerle bene e, anzi, presi dalla smania di vessarla. Ben presto la piccola dimostra il suo carattere deciso e la sua forza d’animo, al punto che la zia decide di non tener fede alla parola data al marito morente e la affida a un istituto per bambine senza famiglia. Qui Jane subisce angherie d’ogni genere e cresce di stenti. Molte delle sue compagne muoiono di tifo, la sua migliore amica viene portata via dalla tubercolosi, ma lei non si arrende e rafforza il suo carattere e la sua determinazione fino al diploma. A questo punto, ormai donna, Jane diviene lei stessa insegnante nell’istituto, fino al giorno in cui decide di andare via. Pubblica un annuncio di lavoro che viene accolto dal nobile Mr. Rochester, il quale le offre un posto di istitutrice per la sua figlioletta Adele.

Jane arriva a Thornfield Hall in assenza del padrone di casa e inizia a lavorare con la piccola Adele e ad abituarsi alle abitudini della nuova dimora. Tutto cambia quando Mr. Rochester fa ritorno a casa. Lo scontro – incontro fra i due nella nebbia della sera, cambia le vite di entrambi. Jane si sente attratta e spaventata allo stesso tempo dal burbero e sagace datore di lavoro, mentre lui è subito affascinato dall’intelligenza e dalla forza di spirito della giovane.

Non vi racconterò i dettagli da qui in poi, la storia bisogna leggerla. Vi basti sapere che non si tratta di un semplice romanzo d’amore, la Brontë mette in gioco molto più di questo. Ci parla di tormenti, di contraddizioni, di evoluzione dell’animo. Tutto ciò passando attraverso dialoghi sagaci e stimolanti nonché atteggiamenti caratteriali dei protagonisti che li rendono più che concreti agli occhi del fruitore, nella mente dei quali rimarranno indelebili.

Charlotte Brontë pubblicò Jane Eyre nel 1847. Fu il suo secondo tentativo nella narrativa, ma il primo ad essere pubblicato.
Il professore, il suo primo romanzo, fu infatti rifiutato dall’editoria e pubblicato solo postumo. Leggendo la biografia di Charlotte, viene da pensare che la prima parte di Jane Eyre, quella cioè che riguarda la sua fanciullezza, sia autobiografica.
Terza di sei figli, ella rimase infatti orfana di madre in giovanissima età. Le cinque sorelle e il fratello furono affidati dal padre alle cure di una zia materna, ma poi quest’ultima mandò Charlotte e tre delle sue sorelle in un istituto di carità, dove le piccole vissero tra stenti e afflizioni e dal quale uscirono vive solo Charlotte e la sorella minore Emily. Questo racconto lo riviviamo attraverso le sue parole nella prima parte di Jane Eyre.

Di questo romanzo sono state fatte decine di trasposizioni cinematografiche e televisive. A mio modesto parere la più riuscita e fedele è la miniserie televisiva messa in onda nel 2006 dalla televisione inglese. In quattro puntate (due quando fu trasmessa in Italia) e circa tre ore e mezzo di durata, la miniserie narra fedelmente l’intero romanzo ed è ben interpretata dagli attori che rivestono i ruoli dei due protagonisti: Toby Stephens (Edward Rochester) e Ruth Wilson (Jane Eyre).

Anche nella seconda parte della sua vita Charlotte Brontë non ebbe gran fortuna. Innamorata non ricambiata di un suo professore, fu poi costretta dal padre a sposare un reverendo. Morirà un anno dopo, appena trentanovenne, in attesa del suo primo figlio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charlotte

Brontë

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brontë Charlotte


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dell’aurora

IL SILENZIO IMPERFETTO – di Aldo Penna

È come se portasse il destino nel nome, Signorina: suo padre, capostazione in un piccolo paese di provincia, l'ha chiamata così ispirandosi al soprannome di una locomotiva di straordinaria eleganza. E creare eleganza, grazia, bellezza è il suo talento. Un giorno dal treno sbuca un omino con gli occhi a mandorla e, con pochi semplici gesti, crea un vestitino di carta per la sua bambola. L'omino scompare, ma le lascia un dono, un dono che lei scoprirà di possedere solo quando una sarta assisterà a una delle sue creazioni. Potrebbe essere l'atto di nascita di una grande stilista, ma ci sono il fascismo, la povertà e gli scontri in famiglia, le responsabilità, i divieti e poi la guerra... e Signorina poco a poco rinuncia a parti di se stessa, a desideri e aspirazioni, soffocando anche la propria femminilità, con una generosità istintiva e assoluta. E quando infine anche lei, quasi all'improvviso, si scopre donna e conosce l'amore, il sogno dura comunque troppo poco, sopraffatto da nuovi doveri e nuove fatiche, e dalla prova più difficile: un figlio nato troppo presto e nato malato, costretto a "succhiare aria" intorno a sé come un ciclista in salita. Nonostante i binari della ferrovia siano ormai lontani e la giovinezza lasci il posto a una maturità venata di nostalgia, ancora una volta Signorina sfodera il suo coraggio e la sua determinazione al bene e lotta per far nascere suo figlio una seconda volta, forte e capace di respirare da solo. Solo alla fine, nell'attimo esatto in cui la lotta cede il passo alla quiete, quel figlio nato due volte si renderà conto che l'amore coraggioso, quello di una donna e di una madre come Signorina, porta nel suo stesso corpo le ferite e i graffi del tempo... L'amore graffia il mondo è il ritratto appassionante di una donna più forte delle proprie fragilità e del vento della storia: una figura indimenticabile, unica, eppure sorella delle tante donne che ogni giorno come guerriere silenziose rinunciano a se stesse per abnegazione e per amore. Ma - come Il dolore perfetto, con cui Riccarelli ha vinto il premio Strega nel 2004 - questo romanzo è anche la saga di una grande famiglia, con una galleria di personaggi severi o meschini, inermi o tenaci che rimangono incisi nella memoria perché appartengono a un tempo perduto. È la storia dell'amore più assoluto e viscerale, quello tra madre e figlio, e della speranza più visionaria. Ed è la celebrazione della forza dell'immaginazione: quella di una donna capace di trarre un abito dalle pieghe di un foglio di carta, perché bastano pochi semplici gesti per vestire di bellezza il mondo.

L’AMORE GRAFFIA IL MONDO

Riccarelli Ugo

Miles Halter, solitario collezionista di Ultime Parole Famose, lascia la tranquilla vita di casa per cercare il suo Grande Forse a Culliver Creek, prestigiosa scuola dell'Alabama. È qui che conosce Alaska Young: brillante, svitata, imprevedibile e molto sexy. Per Miles sarà un enigma, un pensiero fisso, una magnifica ossessione... Età consigliata: da 14 anni

Cercando Alaska

Green John