Classici

Jane Eyre

Brontë Charlotte

Descrizione: La storia romantica di una modesta e poco appariscente istitutrice che, con il suo fascino discreto e la sua forza di carattere, riesce a conquistare il tenebroso e avvenente signore di Rochester, la cui giovane figlia è affidata alle sue cure. La donna vittoriana di metà Ottocento, ridotta allo stato di femmina asessuata, trova in Jane Eyre un ideale contraltare antropologico sulla via dell'emancipazione e del suffragio universale.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar grandi classici

Anno: 2004

ISBN: 9788804527985

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Eccomi qui, di nuovo, a scrivere di una pietra miliare della letteratura. Sarà arduo anche questa volta, dopo essermi confrontata con un capolavoro come Orgoglio e Pregiudizio, riuscire a parlare degnamente di un altro splendore: Jane Eyre.

Charlotte Brontë diede vita a questo racconto scegliendo la forma autobiografica. L’io narrante è la giovane Jane che parla al lettore delle sue peripezie, della sua crescita morale e del suo destino.

Un romanzo di oltre settecento pagine che scorre veloce lasciando il lettore appagato e affascinato dalla complessità dei personaggi, dalla perfetta ambientazione e dalla profondità delle emozioni che la Brontë riesce a far vivere attraverso le vicende della sua protagonista.

È un’ardua sfida, ma provo a riassumervi la trama:

Dopo la morte di entrambi i genitori, Jane Eyre viene affidata allo zio paterno che promette di crescerla con amore. Purtroppo poco dopo anche lo zio della bambina muore ed ella resta con la zia e i cugini, tutti poco inclini a volerle bene e, anzi, presi dalla smania di vessarla. Ben presto la piccola dimostra il suo carattere deciso e la sua forza d’animo, al punto che la zia decide di non tener fede alla parola data al marito morente e la affida a un istituto per bambine senza famiglia. Qui Jane subisce angherie d’ogni genere e cresce di stenti. Molte delle sue compagne muoiono di tifo, la sua migliore amica viene portata via dalla tubercolosi, ma lei non si arrende e rafforza il suo carattere e la sua determinazione fino al diploma. A questo punto, ormai donna, Jane diviene lei stessa insegnante nell’istituto, fino al giorno in cui decide di andare via. Pubblica un annuncio di lavoro che viene accolto dal nobile Mr. Rochester, il quale le offre un posto di istitutrice per la sua figlioletta Adele.

Jane arriva a Thornfield Hall in assenza del padrone di casa e inizia a lavorare con la piccola Adele e ad abituarsi alle abitudini della nuova dimora. Tutto cambia quando Mr. Rochester fa ritorno a casa. Lo scontro – incontro fra i due nella nebbia della sera, cambia le vite di entrambi. Jane si sente attratta e spaventata allo stesso tempo dal burbero e sagace datore di lavoro, mentre lui è subito affascinato dall’intelligenza e dalla forza di spirito della giovane.

Non vi racconterò i dettagli da qui in poi, la storia bisogna leggerla. Vi basti sapere che non si tratta di un semplice romanzo d’amore, la Brontë mette in gioco molto più di questo. Ci parla di tormenti, di contraddizioni, di evoluzione dell’animo. Tutto ciò passando attraverso dialoghi sagaci e stimolanti nonché atteggiamenti caratteriali dei protagonisti che li rendono più che concreti agli occhi del fruitore, nella mente dei quali rimarranno indelebili.

Charlotte Brontë pubblicò Jane Eyre nel 1847. Fu il suo secondo tentativo nella narrativa, ma il primo ad essere pubblicato.
Il professore, il suo primo romanzo, fu infatti rifiutato dall’editoria e pubblicato solo postumo. Leggendo la biografia di Charlotte, viene da pensare che la prima parte di Jane Eyre, quella cioè che riguarda la sua fanciullezza, sia autobiografica.
Terza di sei figli, ella rimase infatti orfana di madre in giovanissima età. Le cinque sorelle e il fratello furono affidati dal padre alle cure di una zia materna, ma poi quest’ultima mandò Charlotte e tre delle sue sorelle in un istituto di carità, dove le piccole vissero tra stenti e afflizioni e dal quale uscirono vive solo Charlotte e la sorella minore Emily. Questo racconto lo riviviamo attraverso le sue parole nella prima parte di Jane Eyre.

Di questo romanzo sono state fatte decine di trasposizioni cinematografiche e televisive. A mio modesto parere la più riuscita e fedele è la miniserie televisiva messa in onda nel 2006 dalla televisione inglese. In quattro puntate (due quando fu trasmessa in Italia) e circa tre ore e mezzo di durata, la miniserie narra fedelmente l’intero romanzo ed è ben interpretata dagli attori che rivestono i ruoli dei due protagonisti: Toby Stephens (Edward Rochester) e Ruth Wilson (Jane Eyre).

Anche nella seconda parte della sua vita Charlotte Brontë non ebbe gran fortuna. Innamorata non ricambiata di un suo professore, fu poi costretta dal padre a sposare un reverendo. Morirà un anno dopo, appena trentanovenne, in attesa del suo primo figlio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charlotte

Brontë

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brontë Charlotte

Jennifer e Ian si conoscono da sette anni e gli ultimi cinque li hanno passati a farsi la guerra. A capo di due diverse squadre nella stessa banca d'affari, tra di loro la competizione è altissima e i colpi bassi e le scorrettezze non si contano. Si detestano, non si sopportano, e non fanno altro che mettersi i bastoni fra le ruote. Finché un giorno, per caso, i due sono costretti a lavorare a uno stesso progetto: la gestione dei capitali di un facoltoso e nobile cliente. E così si ritrovano a passare molto del loro tempo insieme, anche oltre l'orario d'ufficio. Ma Ian è lo scapolo più affascinante, ricco e ambito di tutta Londra e le sue accompagnatrici non passano mai inosservate: basta un'innocente serata trascorsa a uno stesso tavolo perché lui e Jennifer finiscano sulle pagine di gossip di un giornale scandalistico. Lei è furiosa: come possono averla associata a un borioso, classista e pallone gonfiato come Ian? Lui è divertito, ma soprattutto sorpreso: le foto con Jenny hanno scoraggiato tutte le sue assillanti corteggiatrici. E allora si lancia in una proposta indecente: le darà carta bianca col facoltoso cliente se lei accetterà di fingersi la sua fidanzata. Sfida accettata e inizio del gioco! Ma ben presto portare avanti quello che per Jenny sembrava un semplice accordo di affari si rivela più complicato del previsto.

TI PREGO LASCIATI ODIARE

Premoli Anna

Boston, 1975. In un quartiere popolare della città tre ragazzini – Sean, Jimmy e Dave – fanno a botte in mezzo alla strada. Una macchina con a bordo due uomini, due poliziotti all’apparenza, accosta, fermandosi a un passo da loro. Quando uno degli agenti gli ordina di salire, Dave non ha il coraggio di rifiutarsi e, singhiozzando, prende posto sul sedile posteriore. E scompare. Per quattro, terribili giorni. Venticinque anni dopo Dave è accusato di omicidio. La vittima è la figlia di Jimmy, e Sean è incaricato delle indagini. Per loro è giunto il momento di fare i conti con un passato ingiusto e con l’agghiacciante episodio che ha sfregiato per sempre le loro anime.

MYSTIC RIVER

Lehane Dennis

"Piove merda dal cielo. Gocce pesanti che, cariche di sabbia proveniente dalle sponde africane del Mediterraneo, esplodono sul parabrezza. La notte è incazzata. Fredda e buia. Il ritmo dei tergicristalli eccessivo e fastidioso". Fosco vive a Ibiza, ha reciso ogni legame con il passato. "La vocina che ti parla da dentro, che ti consiglia di muoverti con cautela, si fa più insistente. Se avesse anche un volto, ti lancerebbe un'occhiata colma di disapprovazione. Resta fiori dai guai, dice. Troppo tardi, rispondi". Uno sparo sordo nella notte. Fosco oggi non è più un poliziotto, convive con un proiettile incastrato nella testa, con i flash back dei ricordi e poche certezze. Tornerà a Milano dopo una sconvolgente telefonata e sarà costretto a indagare sulla morte sospetta di uno dei suoi migliori amici. Interpretando suo malgrado il ruolo dello sfidante in un gioco perverso e pericoloso.

L’ultimo respiro della notte

Pastori Ferdinando

Quando fa il suo ingresso nell’aula di tribunale in cui verrà giudicata per l’omicidio del suo giovanissimo amante, Gladys Eysenach viene accolta dai mormorii di un pubblico sovreccitato, impaziente di conoscere ogni più sordido dettaglio di quello che promette di essere l’affaire più succulento di quanti il bel mondo parigino abbia visto da anni. Nel suo pallore, Gladys evoca davvero l’ombra di Jezabel, quell’ombra che nell’Athalie di Racine compare in sogno alla figlia, che così la descrive: «Non ne aveva, il dolore, smorzato la fierezza; / aveva anzi, ancora, quella finta bellezza / mantenuta con cure, con espedienti labili, / per riparar degli anni le sfide irreparabili». Sì, è ancora molto, molto bella, Gladys Eysenach: il tempo sembra averla «sfiorata come a malincuore, con mano cauta e gentile», quasi si fosse limitato ad accarezzarla teneramente, e le donne presenti nell’aula si sussurrano con invidia i nomi dei suoi innumerevoli amanti. Ma pochi giorni dopo, allorché vengono pronunciate le arringhe, tutta la sua bellezza pare averla abbandonata, e Gladys è ormai soltanto una donna vecchia e sfinita, che a mani giunte supplica i giudici di infliggerle la pena che merita. La condanna sarà lieve, invece, solo cinque anni: il movente passionale ha fatto sì che le venissero concesse le attenuanti previste dalla legge. Ma qual è la verità – quella verità che Gladys Eysenach ha cercato ad ogni costo di occultare? Qual è il vero movente dell’omicidio da lei commesso? Capace come pochi altri scrittori di scavare nel cuore femminile con implacabile, chirurgica precisione, Irène Némirovsky ci svela a poco a poco il segreto di questa donna che ha desiderato più di ogni altra cosa di sconfiggere il tempo, di rimanere immutabilmente bella, di essere amata per sempre – e che per questo è arrivata a uccidere.

Jezabel

Némirovsky Irene