Classici

Jane Eyre

Brontë Charlotte

Descrizione: La storia romantica di una modesta e poco appariscente istitutrice che, con il suo fascino discreto e la sua forza di carattere, riesce a conquistare il tenebroso e avvenente signore di Rochester, la cui giovane figlia è affidata alle sue cure. La donna vittoriana di metà Ottocento, ridotta allo stato di femmina asessuata, trova in Jane Eyre un ideale contraltare antropologico sulla via dell'emancipazione e del suffragio universale.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar grandi classici

Anno: 2004

ISBN: 9788804527985

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Eccomi qui, di nuovo, a scrivere di una pietra miliare della letteratura. Sarà arduo anche questa volta, dopo essermi confrontata con un capolavoro come Orgoglio e Pregiudizio, riuscire a parlare degnamente di un altro splendore: Jane Eyre.

Charlotte Brontë diede vita a questo racconto scegliendo la forma autobiografica. L’io narrante è la giovane Jane che parla al lettore delle sue peripezie, della sua crescita morale e del suo destino.

Un romanzo di oltre settecento pagine che scorre veloce lasciando il lettore appagato e affascinato dalla complessità dei personaggi, dalla perfetta ambientazione e dalla profondità delle emozioni che la Brontë riesce a far vivere attraverso le vicende della sua protagonista.

È un’ardua sfida, ma provo a riassumervi la trama:

Dopo la morte di entrambi i genitori, Jane Eyre viene affidata allo zio paterno che promette di crescerla con amore. Purtroppo poco dopo anche lo zio della bambina muore ed ella resta con la zia e i cugini, tutti poco inclini a volerle bene e, anzi, presi dalla smania di vessarla. Ben presto la piccola dimostra il suo carattere deciso e la sua forza d’animo, al punto che la zia decide di non tener fede alla parola data al marito morente e la affida a un istituto per bambine senza famiglia. Qui Jane subisce angherie d’ogni genere e cresce di stenti. Molte delle sue compagne muoiono di tifo, la sua migliore amica viene portata via dalla tubercolosi, ma lei non si arrende e rafforza il suo carattere e la sua determinazione fino al diploma. A questo punto, ormai donna, Jane diviene lei stessa insegnante nell’istituto, fino al giorno in cui decide di andare via. Pubblica un annuncio di lavoro che viene accolto dal nobile Mr. Rochester, il quale le offre un posto di istitutrice per la sua figlioletta Adele.

Jane arriva a Thornfield Hall in assenza del padrone di casa e inizia a lavorare con la piccola Adele e ad abituarsi alle abitudini della nuova dimora. Tutto cambia quando Mr. Rochester fa ritorno a casa. Lo scontro – incontro fra i due nella nebbia della sera, cambia le vite di entrambi. Jane si sente attratta e spaventata allo stesso tempo dal burbero e sagace datore di lavoro, mentre lui è subito affascinato dall’intelligenza e dalla forza di spirito della giovane.

Non vi racconterò i dettagli da qui in poi, la storia bisogna leggerla. Vi basti sapere che non si tratta di un semplice romanzo d’amore, la Brontë mette in gioco molto più di questo. Ci parla di tormenti, di contraddizioni, di evoluzione dell’animo. Tutto ciò passando attraverso dialoghi sagaci e stimolanti nonché atteggiamenti caratteriali dei protagonisti che li rendono più che concreti agli occhi del fruitore, nella mente dei quali rimarranno indelebili.

Charlotte Brontë pubblicò Jane Eyre nel 1847. Fu il suo secondo tentativo nella narrativa, ma il primo ad essere pubblicato.
Il professore, il suo primo romanzo, fu infatti rifiutato dall’editoria e pubblicato solo postumo. Leggendo la biografia di Charlotte, viene da pensare che la prima parte di Jane Eyre, quella cioè che riguarda la sua fanciullezza, sia autobiografica.
Terza di sei figli, ella rimase infatti orfana di madre in giovanissima età. Le cinque sorelle e il fratello furono affidati dal padre alle cure di una zia materna, ma poi quest’ultima mandò Charlotte e tre delle sue sorelle in un istituto di carità, dove le piccole vissero tra stenti e afflizioni e dal quale uscirono vive solo Charlotte e la sorella minore Emily. Questo racconto lo riviviamo attraverso le sue parole nella prima parte di Jane Eyre.

Di questo romanzo sono state fatte decine di trasposizioni cinematografiche e televisive. A mio modesto parere la più riuscita e fedele è la miniserie televisiva messa in onda nel 2006 dalla televisione inglese. In quattro puntate (due quando fu trasmessa in Italia) e circa tre ore e mezzo di durata, la miniserie narra fedelmente l’intero romanzo ed è ben interpretata dagli attori che rivestono i ruoli dei due protagonisti: Toby Stephens (Edward Rochester) e Ruth Wilson (Jane Eyre).

Anche nella seconda parte della sua vita Charlotte Brontë non ebbe gran fortuna. Innamorata non ricambiata di un suo professore, fu poi costretta dal padre a sposare un reverendo. Morirà un anno dopo, appena trentanovenne, in attesa del suo primo figlio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charlotte

Brontë

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brontë Charlotte


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un padre ossessivo e brutale che lo vuole numero uno al mondo a ogni costo. Gli allenamenti a ritmi disumani, contro il «drago» sputapalle. La solitudine assoluta in campo che gli nega qualsiasi forma di gioventú. E poi una carriera da numero uno lunga vent'anni e 1000 match. Punteggiata da imprese memorabili ma anche da paurose parabole discendenti. Con l'avversario di sempre: Sampras. E chiacchierati matrimoni: Brooke Shields e Steffi Graf. Una vita sempre sotto i riflettori. Ma non senza dolorosi lati oscuri. «Open è uno dei piú appassionati libri contro lo sport che siano mai stati scritti da un atleta. Non è soltanto il memoir di un atleta, ma un vero e proprio racconto di formazione di grandissima profondità». New York Times Books Review Se colpisci 2500 palle al giorno, cioè 17500 la settimana, cioè un milione di palle l'anno, non potrai che diventare il numero uno. Questo è quello che il padre-padrone di Agassi ripeteva ad Andre bambino, costringendolo ad allenamenti disumani nel cortile di casa, contro una sorta di macchinario sputapalle di sua invenzione. Un padre dispotico e ossessivo che con i suoi metodi brutali diede l'avvio a una delle carriere sportive piú sfolgoranti e anche controverse di tutti i tempi. Perché Andre Agassi con i suoi capelli ossigenati, l'orecchino e le tenute sportive piú da musicista punk che da tennista, ha sconvolto l'austero mondo del tennis. Dei suoi 21 anni di carriera e di alcuni dei piú incredibili match giocati, dei rivali di varie generazioni, da Jimmy Connors a Pete Sampras a Roger Federer, dei suoi matrimoni da rotocalco e di molto altro, Andre Agassi racconta in questo libro. Mettendo in luce, con sorprendente franchezza e onestà, un lato umano del tutto inedito.

Open. La mia storia

Agassi Andre

Arrivata a Londra in cerca di fortuna, Iris, attraverso la tenacia e i compromessi riesce ad ottenere il successo tanto desiderato, ma ormai è diventata incapace di goderselo. Il ricordo costante della sua terra, la Grecia, del suo primo amore e dei dialoghi con il suo primo grande amico la tengono divisa tra i sogni di gloria e le insoddisfazioni. L'incontro con un vagabondo segnerà l'inizio di un viaggio introspettivo alla scoperta di sé stessa che raggiungerà il suo culmine con la conoscenza di Dimitri, un uomo che ha lasciato il lavoro della sua vita, il circo, per qualcosa che vale di più. Dopo cinque anni, per Iris, è arrivato il momento di innamorarsi di nuovo. Però proprio quando la vita inizia a sorriderle capisce che deve partire nuovamente, ma non più in cerca di fortuna, questa volta scappa da qualcosa. Una storia che svela il segreto della felicità, il significato dei tradimenti, il sottile confine tra amicizia e amore, il senso della vita e il valore di un legame che resiste alla distanza, al tempo, ai silenzi, alla morte... e a far da sfondo a tutto questo, una promessa impossibile da mantenere... forse.

TI PROMETTO

Pezzolla Indro

Nei suoi bestseller (Il Codice da Vinci, Angeli e demoni e Il simbolo perduto), Dan Brown ha mescolato in modo magistrale storia, arte, codici e simboli. In questo nuovo e avvincente thriller, ritorna ai temi che gli sono più congeniali per dare vita al suo romanzo più esaltante. Robert Langdon, il professore di simbologia di Harvard, è il protagonista di un'avventura che si svolge in Italia, incentrata su uno dei capolavori più complessi e abissali della letteratura di ogni tempo: l'"Inferno" di Dante. Langdon combatte contro un terribile avversario e affronta un misterioso enigma che lo proietta in uno scenario fatto di arte classica, passaggi segreti e scienze futuristiche. Addentrandosi nelle oscure pieghe del poema dantesco, Langdon si lancia alla ricerca di risposte e deve decidere di chi fidarsi... prima che il mondo cambi irrimediabilmente.

Inferno

Brown Dan

Come si fa ad andare avanti dopo aver perso chi ami? Come puoi ricostruire la tua vita? Tutti perdiamo qualcuno, ma c'è sempre un "dopo" e questo è il messaggio molto forte e positivo che Jojo Moyes dà alle sue lettrici, un sequel non scontato e pieno di colpi di scena.

Dopo di te

Moyes Jojo