Narrativa

Koto

Kawabata Yasunari

Descrizione: Due ragazze, Chieco e Naeko, si incontrano e scoprono di essere gemelle. Hanno però avuto dal destino storie diverse: la prima, abbandonata dai genitori poveri, viene allevata dalla famiglia di un originale e benestante mercante di kimono, mentre la sorella, morti presto la madre e il padre, deve guadagnarsi la vita lavorando nei boschi della montagna. Malgrado il profondo legame che le unisce, alla fine le due sorelle torneranno a percorrere strade diverse.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Bur la scala

Anno: 1997

ISBN: 9788817106061

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Yasunari Kawabata, premio Nobel nel 1968, in “Koto” rappresenta l’anima tradizionale del Giappone e assume la storia di Chieko, ventenne figlia adottiva di Takichiro  (“I trovatelli sono figli degli dei”), come spunto efficace per affrescare tradizioni e cerimoniali nipponici.

Takichiro è proprietario di una bottega tessile di Kyoto (“I tre monti Higashiyama, Kitayama e Hieizan si vedevano da qualunque punto dell’orto botanico, ma da lì, l’Hieizan appariva esattamente di fronte) e si diletta a realizzare kimono per la figlia. Costei regala al padre un libro con le opere di Klee, per offrire nuovi spunti creativi al padre.
La storia di Chieko viene rappresentata nell’arco di quattro stagioni: sboccia in primavera, insieme alle violette del giardino (“Sotto le violette, ai piedi dell’acero, c’era un’antica lanterna di pietra. Era stato il padre a dirle che la figura scolpita era quella del Cristo”); procede nell’atmosfera della festa estiva di Gion; subisce un’accelerazione improvvisa nella casuale conoscenza della sorella gemella Naeko, che le somiglia come una goccia d’acqua e vive nel paese dei cedri; trova una nuova consapevolezza familiare e sentimentale nel corso dell’inverno.

Il percorso di Chieko si compie nelle tradizioni familiari (“Adesso, naturalmente, il focolare non si usava più… Ma il focolare non era stato toccato… anche per rispetto al dio del fuoco… c’era ancora l’amuleto contro gli incendi, simboleggiato da quella divinità, Kojin-sama. Accanto stavano allineate le sette divinità della fortuna…”) e nazionali (“La caratteristica più bella del giardino sacro è una particolare varietà di ciliegi scarlatti dai rami pendenti. Non esiste altro fiore che possa meglio simboleggiare la primavera di Kyoto”), a contatto con i luoghi del culto e della spiritualità asiatica, nel confronto continuo con regole sociali difficilmente comprensibili per la mentalità occidentale.

Nel quadro liturgico e naturale del Giappone, Kawabata rappresenta il dramma dell’esperienza filiale di un’adozione che si pone gli interrogativi sulla provenienza (“Chieko doveva essere stata abbandonata non solo perché vent’anni innanzi partorire due gemelli era stato ritenuto quasi una vergogna, ma anche perché sarebbe stato certo problematico per la famiglia allevare entrambe le figlie”) e che avverte insidie e richiami della consanguineità. Nonostante il potenziale tragico della storia, la drammatica esperienza di crescita si sviluppa nella grazia e nell’equilibrio della civiltà orientale.

Lo stile di Kawabata è poetico, pennellato, cromatico (“Nella lunga giornata d’estate era ancora presto per il tramonto, in quel colore del cielo non v’era perciò ombra di malinconia. In alto si espandeva un rosso di fiamma… Forse a causa di quel cielo, lo Hieizan e il Kitayama apparivano di un verde più intenso”).
Nei dialoghi spesso ricorre quest’espressione: «…»
Per dare spazio all’immaginazione del lettore?
Per significare che alcuni sentimenti non si possono esprimere con le parole?
Koto” è la prova che in ogni cultura trova espressione uno spirito cosmico e artistico, che mi fa chiedere con Kawabata: “E se tutti gli uomini fossero gemelli?”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasunari

Kawabata

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kawabata Yasunari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La pietà della luce, una poesia di Franco Di Carlo

Sono storie d’amore, sono incontri di un istante, sono figure femminili indimenticabili. E non importa che siano realmente esistite – e magari frequentate nella Sicilia di tanti anni fa –, o che emergano da qualche capolavoro della letteratura. Il loro fascino rinasce in queste pagine in cui, insieme al maestro, sorridiamo, desideriamo e ci innamoriamo. Di Angelica, di Beatrice, di Carmela, di Helga, di Maria, di Zina... Dalla A alla Z. E pur di conquistarle l’uomo è pronto a tutto, anche andare in bicicletta mentre diluvia o venire malmenato da un lanciatore di coltelli; tutto per fare i conti con i temperamenti, le voglie segrete e i sogni, diversi per ogni donna, in letteratura come nella vita.

Donne

Camilleri Andrea

Ferite d’oro. Quando un oggetto di valore si rompe, in Giappone, lo si ripara con oro liquido. È un’antica tecnica che mostra e non nasconde le fratture. Le esibisce come un pregio: cicatrici dorate, segno orgoglioso di rinascita. Anche per le persone è così. Chi ha sofferto è prezioso, la fragilità può trasformarsi in forza. La tecnica che salda i pezzi, negli esseri umani, si chiama amore. Questa è la storia di Irina, che ha combattuto una battaglia e l’ha vinta. Una donna che non dimentica il passato: lo ricorda, lo porta al petto come un fiore. Irina ha una vita serena, ordinata. Un marito, due figlie gemelle. È italiana, vive in Svizzera, lavora come avvocato. Un giorno qualcosa si incrina. Il matrimonio finisce, senza traumi apparenti. In un fine settimana qualsiasi Mathias, il padre delle bambine, porta via Alessia e Livia. Spariscono. Qualche giorno dopo l’uomo si uccide. Delle bambine non c’è più nessuna traccia. Pagina dopo pagina, rivelazione dopo rivelazione, a un ritmo che fa di questo libro un autentico thriller psicologico e insieme un superbo ritratto di donna, coraggiosa e fragile, Irina conquista brandelli sempre più luminosi di verità e ricuce la sua vita. Da quel fondo oscuro, doloroso, arriva una luce nuova. La possibilità di amare ancora, l’amore che salda e che resta. Concita De Gregorio prende i fatti, semplici e terribili, ed entra nella voce della protagonista. Indagando a fondo una storia vera crea un congegno narrativo rapido, incalzante e pieno di sorprese. Scandisce l’esistenza di questa madre privata dei figli – qual è la parola per dirlo? – in lettere, messaggi, elenchi. Irina scrive alla nonna, al fratello, al giudice, alla maestra delle gemelle, abbozza ritratti, scava nei gesti, torna alle sue radici, trova infine un approdo. Dimenticare significa portare fuori dalla mente, ricordare è tenere nel cuore. Il bisogno di essere ancora felice, ripetuto a voce alta, una sfida contro le frasi fatte, contro i giudizi e i pregiudizi.

Mi sa che fuori è primavera

De Gregorio Concita

Fra un tema su Kerouac e uno sul "Giovane Holden", tra una citazione da "L'attimo fuggente" e una canzone degli Smiths, scorrono i giorni di un adolescente per niente ordinario. L'ingresso nelle scuole superiori lo lancia in un vortice di prime volte: la prima festa, la prima rissa, il primo amore - per la bellissima ragazza con gli occhi verdi che quando lo guarda fa tremare il mondo. Il primo bacio, e lei gli dice: per te sono troppo grande, però possiamo essere amici. Per compensare, Charlie trova una che non gli piace e parla troppo: a sedici anni fa il primo sesso, e non sa neanche perché. Allora lui, più portato alla riflessione che all'azione, affida emozioni, trasgressioni e turbamenti a una lunga serie di lettere indirizzate a un amico, al quale racconta ciò che vive, che sente, che ha intorno. Dotato di un'innata gentilezza d'animo e di un dono speciale per la poesia, il ragazzo è il confidente perfetto di tutti, quello che non dimentica mai un compleanno, quello che non tradisce mai e poi mai un segreto. Peccato che quello più grande, fosco e lontano, sia nascosto proprio dentro di lui.

Noi siamo infinito (Ragazzo da parete)

Chbosky Stephen