Narrativa

Koto

Kawabata Yasunari

Descrizione: Due ragazze, Chieco e Naeko, si incontrano e scoprono di essere gemelle. Hanno però avuto dal destino storie diverse: la prima, abbandonata dai genitori poveri, viene allevata dalla famiglia di un originale e benestante mercante di kimono, mentre la sorella, morti presto la madre e il padre, deve guadagnarsi la vita lavorando nei boschi della montagna. Malgrado il profondo legame che le unisce, alla fine le due sorelle torneranno a percorrere strade diverse.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Bur la scala

Anno: 1997

ISBN: 9788817106061

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Yasunari Kawabata, premio Nobel nel 1968, in “Koto” rappresenta l’anima tradizionale del Giappone e assume la storia di Chieko, ventenne figlia adottiva di Takichiro  (“I trovatelli sono figli degli dei”), come spunto efficace per affrescare tradizioni e cerimoniali nipponici.

Takichiro è proprietario di una bottega tessile di Kyoto (“I tre monti Higashiyama, Kitayama e Hieizan si vedevano da qualunque punto dell’orto botanico, ma da lì, l’Hieizan appariva esattamente di fronte) e si diletta a realizzare kimono per la figlia. Costei regala al padre un libro con le opere di Klee, per offrire nuovi spunti creativi al padre.
La storia di Chieko viene rappresentata nell’arco di quattro stagioni: sboccia in primavera, insieme alle violette del giardino (“Sotto le violette, ai piedi dell’acero, c’era un’antica lanterna di pietra. Era stato il padre a dirle che la figura scolpita era quella del Cristo”); procede nell’atmosfera della festa estiva di Gion; subisce un’accelerazione improvvisa nella casuale conoscenza della sorella gemella Naeko, che le somiglia come una goccia d’acqua e vive nel paese dei cedri; trova una nuova consapevolezza familiare e sentimentale nel corso dell’inverno.

Il percorso di Chieko si compie nelle tradizioni familiari (“Adesso, naturalmente, il focolare non si usava più… Ma il focolare non era stato toccato… anche per rispetto al dio del fuoco… c’era ancora l’amuleto contro gli incendi, simboleggiato da quella divinità, Kojin-sama. Accanto stavano allineate le sette divinità della fortuna…”) e nazionali (“La caratteristica più bella del giardino sacro è una particolare varietà di ciliegi scarlatti dai rami pendenti. Non esiste altro fiore che possa meglio simboleggiare la primavera di Kyoto”), a contatto con i luoghi del culto e della spiritualità asiatica, nel confronto continuo con regole sociali difficilmente comprensibili per la mentalità occidentale.

Nel quadro liturgico e naturale del Giappone, Kawabata rappresenta il dramma dell’esperienza filiale di un’adozione che si pone gli interrogativi sulla provenienza (“Chieko doveva essere stata abbandonata non solo perché vent’anni innanzi partorire due gemelli era stato ritenuto quasi una vergogna, ma anche perché sarebbe stato certo problematico per la famiglia allevare entrambe le figlie”) e che avverte insidie e richiami della consanguineità. Nonostante il potenziale tragico della storia, la drammatica esperienza di crescita si sviluppa nella grazia e nell’equilibrio della civiltà orientale.

Lo stile di Kawabata è poetico, pennellato, cromatico (“Nella lunga giornata d’estate era ancora presto per il tramonto, in quel colore del cielo non v’era perciò ombra di malinconia. In alto si espandeva un rosso di fiamma… Forse a causa di quel cielo, lo Hieizan e il Kitayama apparivano di un verde più intenso”).
Nei dialoghi spesso ricorre quest’espressione: «…»
Per dare spazio all’immaginazione del lettore?
Per significare che alcuni sentimenti non si possono esprimere con le parole?
Koto” è la prova che in ogni cultura trova espressione uno spirito cosmico e artistico, che mi fa chiedere con Kawabata: “E se tutti gli uomini fossero gemelli?”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasunari

Kawabata

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kawabata Yasunari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Secondo le cronache ufficiali Giulia Di Marco è stata un'eretica, uno dei più clamorosi scandali del Cristianesimo. La sua vera storia, raccontata in prima persona, inizia in Molise: venduta come amante bambina a un uomo che poteva essere suo nonno, Giulia cresce nella miseria e anni dopo dovrà abbandonare una figlia in fasce. A Napoli diventa "suor Partenope" e indica al popolo una nuova strada per arrivare a Dio: l'estasi. Venerata come una santa, finisce per dare fastidio al nemico più terribile, il Papa. Perseguitata, torturata per mesi e costretta all'abiura, Giulia inizierà una nuova vita a Roma, divenendo confidente di Gian Lorenzo Bernini, l'architetto che sta aprendo l'Urbe al futuro.

Io, Partenope

Vassalli Sebastiano

Che cos'è la libertà? Difficile dirlo per Emma Bonelli, che sulle colline del Monferrato piemontese nell'aprile del 1935 per la prima volta varca la soglia della casa dei Francesi, come sposa del ciabattino zoppo che le hanno dato per marito. Emma è una contadina che ha la terza elementare. La sua dote è misera. Però è una gran lavoratrice, e per questo i Francesi l'hanno voluta come nuora. Anche per sua figlia Luciana, libertà non è che una parola lontana. Solo una volta l'ha quasi assaporate quando le è stata offerta l'occasione di realizzare il sogno di diventare sarta, ma poi il marito la figlia, la casa, la vita hanno preso il sopravvento. Forse solo Anna, nata negli anni Settanta, l'unica donna nella famiglia a poter proseguir gli studi, spezzerà la catena di rinuncia e sottomissione a cui ha visto piegarsi la madre la nonna. Emma, Luciana, Anna, tre donne diverse, ugualmente legate con la mente e il cuore alla vecchia casa in collina, obbligate a lasciarla dai rivolgimenti della Storia e dalla durezza de rispettivi destini. Tutte, dolorosamente, desiderose di tornarvi. E tutte, in modi diversi, masnà, bambine. In un gioco di sorprendenti rivelazioni, miserie quotidiane e commoventi eroismi, questo romanzo è la storia di una scelta difficile e coraggiosa: romper l'esilio, tornare alla casa dei Francesi, decidere della propria vita, sentirsi libere. Perfino di sbagliare. E smettere, finalmente, di essere masnà.

LA MASNA’

Romagnolo Raffaella

Il Messico crudele e violento dei narcotrafficanti. E la California accogliente e libertaria della marijuana e del vivi e lascia vivere. I due mondi che Don Winslow conosce e ha saputo raccontare come nessun altro, in un solo, affascinante, adrenalinico noir.

LE BELVE

Winslow Don

«Ricordo i ragazzi con cui giocavo sui bordi del vecchio tubo di cemento che usciva dallo sfiatatoio e a noi sembrava uscisse dal mare. Cos’era un mare, allora non lo sapevamo mica. Ce ne parlavano i vecchi a ridosso, alzavano lo sguardo e noi giovani associavamo quello sguardo al mare. Era sopra di noi, di questo avevamo la certezza, e per raggiungerlo si andava attraverso le fessure fino allo sfiatatoio e lassù c’era il tombino e da qualche parte il mare.»

LA RICERCA DEL LEGNAME

Magliani Marino