Narrativa

Koto

Kawabata Yasunari

Descrizione: Due ragazze, Chieco e Naeko, si incontrano e scoprono di essere gemelle. Hanno però avuto dal destino storie diverse: la prima, abbandonata dai genitori poveri, viene allevata dalla famiglia di un originale e benestante mercante di kimono, mentre la sorella, morti presto la madre e il padre, deve guadagnarsi la vita lavorando nei boschi della montagna. Malgrado il profondo legame che le unisce, alla fine le due sorelle torneranno a percorrere strade diverse.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Bur la scala

Anno: 1997

ISBN: 9788817106061

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Yasunari Kawabata, premio Nobel nel 1968, in “Koto” rappresenta l’anima tradizionale del Giappone e assume la storia di Chieko, ventenne figlia adottiva di Takichiro  (“I trovatelli sono figli degli dei”), come spunto efficace per affrescare tradizioni e cerimoniali nipponici.

Takichiro è proprietario di una bottega tessile di Kyoto (“I tre monti Higashiyama, Kitayama e Hieizan si vedevano da qualunque punto dell’orto botanico, ma da lì, l’Hieizan appariva esattamente di fronte) e si diletta a realizzare kimono per la figlia. Costei regala al padre un libro con le opere di Klee, per offrire nuovi spunti creativi al padre.
La storia di Chieko viene rappresentata nell’arco di quattro stagioni: sboccia in primavera, insieme alle violette del giardino (“Sotto le violette, ai piedi dell’acero, c’era un’antica lanterna di pietra. Era stato il padre a dirle che la figura scolpita era quella del Cristo”); procede nell’atmosfera della festa estiva di Gion; subisce un’accelerazione improvvisa nella casuale conoscenza della sorella gemella Naeko, che le somiglia come una goccia d’acqua e vive nel paese dei cedri; trova una nuova consapevolezza familiare e sentimentale nel corso dell’inverno.

Il percorso di Chieko si compie nelle tradizioni familiari (“Adesso, naturalmente, il focolare non si usava più… Ma il focolare non era stato toccato… anche per rispetto al dio del fuoco… c’era ancora l’amuleto contro gli incendi, simboleggiato da quella divinità, Kojin-sama. Accanto stavano allineate le sette divinità della fortuna…”) e nazionali (“La caratteristica più bella del giardino sacro è una particolare varietà di ciliegi scarlatti dai rami pendenti. Non esiste altro fiore che possa meglio simboleggiare la primavera di Kyoto”), a contatto con i luoghi del culto e della spiritualità asiatica, nel confronto continuo con regole sociali difficilmente comprensibili per la mentalità occidentale.

Nel quadro liturgico e naturale del Giappone, Kawabata rappresenta il dramma dell’esperienza filiale di un’adozione che si pone gli interrogativi sulla provenienza (“Chieko doveva essere stata abbandonata non solo perché vent’anni innanzi partorire due gemelli era stato ritenuto quasi una vergogna, ma anche perché sarebbe stato certo problematico per la famiglia allevare entrambe le figlie”) e che avverte insidie e richiami della consanguineità. Nonostante il potenziale tragico della storia, la drammatica esperienza di crescita si sviluppa nella grazia e nell’equilibrio della civiltà orientale.

Lo stile di Kawabata è poetico, pennellato, cromatico (“Nella lunga giornata d’estate era ancora presto per il tramonto, in quel colore del cielo non v’era perciò ombra di malinconia. In alto si espandeva un rosso di fiamma… Forse a causa di quel cielo, lo Hieizan e il Kitayama apparivano di un verde più intenso”).
Nei dialoghi spesso ricorre quest’espressione: «…»
Per dare spazio all’immaginazione del lettore?
Per significare che alcuni sentimenti non si possono esprimere con le parole?
Koto” è la prova che in ogni cultura trova espressione uno spirito cosmico e artistico, che mi fa chiedere con Kawabata: “E se tutti gli uomini fossero gemelli?”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasunari

Kawabata

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kawabata Yasunari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La prima settimana di libertà dell'irreprensibile maggiordomo inglese Stevens diventa occasione per ripensare la propria vita spesa al servizio di un gentiluomo moralmente discutibile. Stevens ha attraversato l'esistenza spinto da un unico ideale: quello di rispettare una certa tradizione e di difenderla a dispetto degli altri e del tempo. Ma il viaggio in automobile verso la Cornovaglia lo costringe ben presto a rivedere il suo passato, cosi tra dubbi e ricordi dolorosi egli si accorge dì aver vissuto come un soldato nell'adempimento di un dovere astratto senza mai riuscire ad essere se stesso. Si può cambiare improvvisamente vita e ricominciare daccapo? Da questo romanzo di Ishiguro, acclamato in Gran Bretagna e negli Stati Uniti e vincitore del prestigioso Booker Prize, nel 1993 il regista americano James Ivory ha tratto un famoso film con Anthony Hopkins ed Emma Thompson.

Quel che resta del giorno

Ishiguro Kazuo

Fare i conti con un tumore vuol dire anche provare a raccontare le cose come stanno. Imparare a parlare della propria prostata impazzita ai medici, agli infermieri e poi ai familiari, alle persone che amiamo e che all’improvviso sembrano deformate dalla nostra malattia. Vittorino Andreoli, da sempre abile narratore della fragilità psichica dell’essere umano, descrive per la prima volta il proprio mondo sconvolto dalla notizia del cancro. Una rivelazione che di colpo lo trasforma da dottore in paziente.

Il corpo segreto

Andreoli Vittorino

Questo romanzo comincia il 6 luglio 777 in un'abbazia sull'isola di Vectis (Inghilterra), quando il piccolo Octavus, accolto dai monaci per pietà, prende una pergamena e comincia a scrivere un'interminabile serie di nomi affiancati da numeri. Un elenco enigmatico e inquietante. Questo romanzo comincia il 12 febbraio 1947, a Londra, quando Winston Churchill prende una decisione che peserà sulla sua coscienza sino alla fine dei suoi giorni. Una decisione atroce ma necessaria. Questo romanzo comincia il 28 marzo 1949, a Washington, quando Harry Truman, il presidente della prima bomba atomica, scopre un segreto che, se divulgato, scatenerebbe il panico nel mondo intero. Un segreto lontano e vicinissimo. Questo romanzo comincia il 22 maggio 2009, a New York, quando il giovane avvocato David Swisher riceve una cartolina su cui ci sono una bara e la data di quel giorno. Poco dopo, muore. E la stessa cosa succede ad altre cinque persone. Un destino crudele e imprevedibile. Questo romanzo è cominciato e forse tutti noi ci siamo dentro, anche se non lo sappiamo.

LA BIBLIOTECA DEI MORTI

Cooper Glenn

È il 1981, Ciccio lavora a Foggia in un negozio di dischi e vuole fare il deejey. Tonio è un genio dell'elettronica, intrappolato nell'officina del padre. Giovanni, bello come Alain Delon, è l'ala destra dell'Aquilana calcio, la grande promessa del calcio italiano. Teresa, la sua fidanzata, ha deciso, partirà, finirà gli studi e diventerà un medico. E poi Lorenzo, il prete che ama Jimi Hendrix, e irrompe in paese all'alba su una vecchia citroen. Tre ragazzi, una ragazza e un prete. Un luogo inghiottito nella valle, dove tutto sembra immobile e i segreti germogliano sotto i sassi. Un giorno Ciccio ha un'idea: fare una radio, dare una scossa a quella vita fatta di niente. In un paese dove il mondo arriva in ritardo, la musica si lancerà nell'etere per scorticare il silenzio. E la voce di Lupo Solitario, il mitico dj, si materializzerà in una notte di tregenda.

RADIOPIRATA

Carofiglio Francesco