Narrativa

Koto

Kawabata Yasunari

Descrizione: Due ragazze, Chieco e Naeko, si incontrano e scoprono di essere gemelle. Hanno però avuto dal destino storie diverse: la prima, abbandonata dai genitori poveri, viene allevata dalla famiglia di un originale e benestante mercante di kimono, mentre la sorella, morti presto la madre e il padre, deve guadagnarsi la vita lavorando nei boschi della montagna. Malgrado il profondo legame che le unisce, alla fine le due sorelle torneranno a percorrere strade diverse.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Bur la scala

Anno: 1997

ISBN: 9788817106061

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Yasunari Kawabata, premio Nobel nel 1968, in “Koto” rappresenta l’anima tradizionale del Giappone e assume la storia di Chieko, ventenne figlia adottiva di Takichiro  (“I trovatelli sono figli degli dei”), come spunto efficace per affrescare tradizioni e cerimoniali nipponici.

Takichiro è proprietario di una bottega tessile di Kyoto (“I tre monti Higashiyama, Kitayama e Hieizan si vedevano da qualunque punto dell’orto botanico, ma da lì, l’Hieizan appariva esattamente di fronte) e si diletta a realizzare kimono per la figlia. Costei regala al padre un libro con le opere di Klee, per offrire nuovi spunti creativi al padre.
La storia di Chieko viene rappresentata nell’arco di quattro stagioni: sboccia in primavera, insieme alle violette del giardino (“Sotto le violette, ai piedi dell’acero, c’era un’antica lanterna di pietra. Era stato il padre a dirle che la figura scolpita era quella del Cristo”); procede nell’atmosfera della festa estiva di Gion; subisce un’accelerazione improvvisa nella casuale conoscenza della sorella gemella Naeko, che le somiglia come una goccia d’acqua e vive nel paese dei cedri; trova una nuova consapevolezza familiare e sentimentale nel corso dell’inverno.

Il percorso di Chieko si compie nelle tradizioni familiari (“Adesso, naturalmente, il focolare non si usava più… Ma il focolare non era stato toccato… anche per rispetto al dio del fuoco… c’era ancora l’amuleto contro gli incendi, simboleggiato da quella divinità, Kojin-sama. Accanto stavano allineate le sette divinità della fortuna…”) e nazionali (“La caratteristica più bella del giardino sacro è una particolare varietà di ciliegi scarlatti dai rami pendenti. Non esiste altro fiore che possa meglio simboleggiare la primavera di Kyoto”), a contatto con i luoghi del culto e della spiritualità asiatica, nel confronto continuo con regole sociali difficilmente comprensibili per la mentalità occidentale.

Nel quadro liturgico e naturale del Giappone, Kawabata rappresenta il dramma dell’esperienza filiale di un’adozione che si pone gli interrogativi sulla provenienza (“Chieko doveva essere stata abbandonata non solo perché vent’anni innanzi partorire due gemelli era stato ritenuto quasi una vergogna, ma anche perché sarebbe stato certo problematico per la famiglia allevare entrambe le figlie”) e che avverte insidie e richiami della consanguineità. Nonostante il potenziale tragico della storia, la drammatica esperienza di crescita si sviluppa nella grazia e nell’equilibrio della civiltà orientale.

Lo stile di Kawabata è poetico, pennellato, cromatico (“Nella lunga giornata d’estate era ancora presto per il tramonto, in quel colore del cielo non v’era perciò ombra di malinconia. In alto si espandeva un rosso di fiamma… Forse a causa di quel cielo, lo Hieizan e il Kitayama apparivano di un verde più intenso”).
Nei dialoghi spesso ricorre quest’espressione: «…»
Per dare spazio all’immaginazione del lettore?
Per significare che alcuni sentimenti non si possono esprimere con le parole?
Koto” è la prova che in ogni cultura trova espressione uno spirito cosmico e artistico, che mi fa chiedere con Kawabata: “E se tutti gli uomini fossero gemelli?”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasunari

Kawabata

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kawabata Yasunari

l peccato (1914) di Giovanni Boine usa tutti gli ingredienti della letteratura d’appendice: lui, l’artista, e lei, la novizia che sta per prendere i voti, l’amore come conflitto e lo scenario della provincia ligure come spaesamento dell’anima. Pubblicato in tre puntate nel 1914 sulla rivista “La Riviera ligure”, il testo – grazie a una serie di studiate soluzioni narratologiche – anticipa Schnitzler, Svevo, Mann, Joyce. Si respira l’Europa, infatti, in queste pagine tormentate nella forma e nel contenuto, lo spavento della Guerra alle porte e il presagio della frattura inevitabile tra l’Uomo e le cose che i “tempi moderni” porteranno.

Il peccato

Boine Giovanni

Come d'Arco scocca. Perché, innanzitutto, questo titolo dalle evidenti assonanze con la celebre frase "Senza cozzar dirocco" con cui il Vate volle celebrare il Genio di uno dei più significativi personaggi della Storia di Arco, il pioniere dell'aeronautica Gianni Caproni? Perché questo libro vuole colpire come una freccia, idealmente scoccata dai merli del castello di Arco, a tracciare il filo di tredici racconti ambientati in diversi momenti della sua Storia.

Come d’arco scocca

Narciso Giancarlo

Nel luglio 1845, Henry Thoreau lasciava la sua cittadina natale per andare a vivere in una capanna nei boschi del vicino lago di Walden. Il suo voleva essere un esperimento, che assumeva però risvolti politici e sociali insieme: era una scelta di "disobbedienza civile" verso una società di cui non condivideva gli ideali mercantili. Nell'introduzione Piero Sanavio spiega come il vagabondo di Walden, nel suo solitario rapporto con la natura, ricercasse un alfabeto segreto: quello del mitico New England di due secoli prima, dimensione morale, estetica e metafisica, prima ancora che semplice territorio geografico.

Walden. Vita nei boschi

Thoreau Henry D.

Doppio sogno

Schnitzler Arthur