Classici

Il deserto dei tartari

Buzzati Dino

Descrizione: In una fortezza ai limiti del deserto una guarnigione aspetta l'arrivo dei Tartari invasori. Ma sarà una lunghissima, vana, logorante attesa.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2001

ISBN: 9788804492955

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

Alla Fortezza Bastiani de “Il deserto dei Tartari” bisognerebbe mandarci quel signore che alla fila dell’ufficio postale con il numeretto in mano sbircia i cedolini di prenotazione degli altri utenti. Mostra segni di impazienza guardandosi intorno, sbuffando, rovistando tra le carte sparse in cerca di un numero inferiore per scavalcare la coda. Accampa motivi come: i bambini lasciati in auto da soli, la mamma in ospedale, il responsabile dell’ufficio che gli farà una lavata di capo storica. Ogni volta che si libera uno sportello prova ad avanzare facendo lo gnorri e scusandosi per aver frainteso.

Leggendo il libro di Dino Buzzati, si stupirebbe della forza d’animo del Tenente Giovanni Drogo, inviato ai confini del Regno appena nominato ufficiale, di stanza in quella fortezza dalle mura gialle.

Drogo la guardava ipnotizzato e un inesplicabile orgasmo gli entrava nel cuore.”

Rimarrebbe di sasso nel vedersi costretto in un luogo inospitale e disadorno, avendo ben altre speranze e sogni di gloria.

Ho capito: lei la Fortezza la immaginava diversa e adesso si è un po’ spaventato. Ma mi dica onestamente: come fa a giudicare, onestamente, se è arrivato da pochi minuti?”

Fuggirebbe a gambe levate, con le chiappe a sbattere sulle spalle, pur di abbandonare quel posto.

A meno che lei non si adatti a restar qui quattro mesi, il che sarebbe la soluzione migliore.”

Quattro mesi?” chiese Drogo, già alquanto deluso, dopo la prospettiva di potersene andare subito.

Si calerebbe in una realtà unica e prestabilita, dove la disciplina e le stringenti logiche militari farebbero sembrare naturale sparare in fronte a un sottoufficiale che per sbaglio fosse capitato fuori dalle mura della fortezza, non potendo farsi riaccogliere nuovamente all’interno senza proferire la parola d’ordine. Soltanto che la parola d’ordine i sottoufficiali, per gerarchia, non sono tenuti a conoscerla.

Così morì il sottotenente Lazzari, colpito nonostante fosse stato ben riconosciuto.

Parlando del romanzo in modo appropriato, stupisce la capacità di Buzzati di riempire di contenuto una storia meramente piatta e squallida: un tenente che viene inviato in un avamposto ad aspettare il nemico tutta la vita, che allorquando questi si presenti, purtroppo muore.

Il senso della vita, potrebbe essere il sottotitolo de “Il deserto dei Tartari“. Si vive un’intera esistenza nell’attesa che succeda qualcosa, quella cosa, che imprima un significato alla monotonia dei giorni tutti uguali. A tutte le assurdità  e le stranezze.

Un romanzo metafora del perché, percome e del ma chi cazzo ci ha messi al mondo e per fare cosa.

L’ispirazione, all’autore del più bel romanzo d’amore del secolo scorso, ça va sans direUn amore“, venne nelle annoiate giornate d’ozio nella redazione del Corriere della Sera, grattandosi la testa insieme ai suoi colleghi cronisti. Voleva essere un espediente per trasfigurare l’attesa di una novità che tarda ad arrivare.

La novità nella fortezza Bastiani sembra ogni volta sul punto di fare la comparsa. Per decenni e decenni. Ma si rivela sempre un fuoco fatuo.

In finale il nemico paventato e sempre atteso appare per davvero. Soltanto che il tenente Drogo è ormai invecchiato, malato, solo e costretto dal superiore a lasciare il bastione per far posto a giovani valorosi più prestanti per pugnare efficacemente.

La delusione però che si potrebbe attendere sul volto del vecchio perdente che ha investito una vita intera in quell’unico scopo, si trasforma in un sorriso semplice e rilassato, come chi abbia compreso alla fine tutto quello che c’era da capire. Da solo in una semplice locanda.

Facendosi forza, Giovanni raddrizza un po’ il busto, si assesta con una mano il colletto dell’uniforme, dà ancora uno sguardo fuori della finestra, una brevissima occhiata, per l’ultima sua porzione di stelle. Poi nel buio, benché nessuno lo veda, sorride.”

Il deserto dei Tartari” può essere preso ad emblema del significato dell’esistenza dell’uomo: si vivono le giornate pianificando e rimuginando in attesa dell’evento che giustifichi tutta una vita. Il primum movens.

Sarebbe stato diverso restare accanto a sua madre e alla fidanzata anziché esiliarsi al termine del mondo a lui conosciuto per difendere i confini dal nemico?

Forse.

O forse no.

Ah, scordavo: quello della fila alla posta aveva veramente lasciato i bambini in auto da soli, in doppia fila.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Dino

Buzzati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Buzzati Dino

Un raffinato racconto erotico centrato sulle visite del vecchio Eguchi a un inconsueto postribolo in cui gli ospiti possono passare la notte con giovanissime donne addormentate da un narcotico. Un viaggio tra i più misteriosi recessi della psiche.

La casa delle belle addormentate

Kawabata Yasunari

Shuggie è un adolescente obeso, che racconta la propria storia e quella della sua famiglia, composta dalla madre Glenda e dal patrigno Red, un uomo brutale e ignorante che odia il ragazzo ma lo usa nei suoi furti di medicine e di qualsiasi altra cosa che possa poi rivendere. Glenda tira avanti occupandosi del cimitero locale e passa il tempo cercando di distrarre Red da suo figlio, che lei invece adora: lo chiama Sweet Mister e non fa che promettergli che prima o poi avranno una vita migliore. Ma quando un giorno Glenda vede una Thunderbird verde coi sedili di pelle e il suo giovane guidatore, Jimmy Vin Pearce, si innesca una catena di eventi che potrebbe generare solo dolore e sangue... così la donna deve tenere segreta la sua infatuazione per i soldi e i bei vestiti di Jimmy Vin, mentre lei e suo figlio sognano di scappare dalla loro vita d’inferno per trovarne una priva della violenza che hanno conosciuto finora.

IO E GLENDA

Woodrell Daniel

Una portinaia, all'apparenza sciatta, scorbutica e teledipendente, assiste allo scorrere della vita in un palazzo elegante abitato da famiglie dell'alta borghesia. Ma all'insaputa di tutti Renée è una coltissima autodidatta che incontrerà Paloma, una dodicenne geniale e brillante che stanca di vivere ha deciso di farla finita.

L’ELEGANZA DEL RICCIO

Barbery Muriel

Finalista al Booker Prize 2010, “In una stanza sconosciuta” prende il titolo da una frase di William Faulkner: "In una stanza sconosciuta ti devi svuotare per il sonno. E prima che tu sia svuotato per il sonno, che cosa sei." Il protagonista del romanzo legge questo passaggio mentre riposa sulla riva di un fiume durante uno dei suoi viaggi tra Europa, Africa, Asia e tra ricerca, irrequietezza e passione. Il protagonista è lui, il giovane Damon, che strada facendo resta segnato nel profondo dalle intense vicende che vive. Cambiano gli ambienti e i paesaggi, ma al centro resta la persona, i rapporti umani che nascono e muoiono, il tentativo di stabilire un contatto e lo sforzo contro le condizioni, le circostanze avverse, le persone stesse che lo ostacolano. I sentimenti sono forti, ma nello stesso tempo c'è il distacco, che consente al protagonista narratore di raccontare fatti e moti dell'anima da due punti di vista differenti, da dentro e da fuori. E il racconto si divide in due, e segue in parallelo viaggio fisico e viaggio dello spirito con una lingua tersa, asciutta, essenziale che è stata paragonata a quella di John M. Coetzee e dello stesso William F aulkner. “In una stanza sconosciuta” esalta la grande intelligenza e l'acuta sensibilità di uno scrittore straordinario e straordinariamente umano.

IN UNA STANZA SCONOSCIUTA

Galgut Damon