Letteratura americana

La 25ª ora

Benioff David

Descrizione: Il romanzo che ha dato origine al film-culto di Spike Lee. L’opera che ci svela il lato oscuro della New York di oggi, tra i club privati di Downtown e i freddi locali di Wall Street, dove si aggirano brokers e uomini d’affari, gangster senza scrupoli e giovani senza illusioni.

Categoria: Letteratura americana

Editore: BEAT

Collana:

Anno: 2001

Traduttore: Massimo Ortelio

ISBN: 9788865590256

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Si fotta questa città, e tutti i suoi abitanti. I barboni che mendicano spiccioli agli angoli di strada, sorridendo. I sikh con il turbante e i sudici pakistani che scorrazzano coi loro taxi lungo i viali. I finocchi di Chelsea con le tette finte e i bicipiti gonfiati. Che si fottano tutti. I droghieri coreani con le loro piramidi di frutta venduta a peso d’oro, e le rose e i tulipani fasciati nel cellophane. I nigeriani con le tuniche bianche che vendono falsi Gucci sulla Quinta Avenue. I russi di Brighton Beach, che bevono bicchieri di tè freddo masticando le zollette di zucchero. Che si fottano.

Il veloce e intenso romanzo d’esordio di David Benioff, prima che una storia di discesa agli inferi e redenzione, è soprattutto un affresco sulla New York contemporanea, capace di svelare i lati oscuri e più nascosti della metropoli statunitense. Ogni passaggio del libro, ogni dialogo, ogni riflessione, ogni descrizione di interni ed esterni trasuda New York, un atto di amore ed odio verso la città dove il protagonista, Montgomery Brogan, deve passare le sue ultime ventiquattro ore che lo dividono dal carcere di Otisville.

Fino al giorno precedente, Montgomery lavorava come spacciatore per Uncle Blue, venerato come una rock star nelle scuole bene di Manhattan, negli infimi locali dei gangster russi di Downtown e negli attici lussuosi dei brokers e degli attori pieni di soldi.
Ora gli è rimasto un ultimo giorno di libertà, ed è qui, in questo breve lasso di tempo che la narrazione diventa corale. Entrano in scena suo padre, la sua giovane compagna, il suo cane, e i suoi amici, Jakob Elinsky, un insegnante di letteratura inglese che passa il tempo a fantasticare sulle sue allieve adolescenti e Frank Slattery, un tipo svitato che lavora a Wall Street e sa tutto di tasso d’inflazione, rilevazioni statistiche, condizioni meteorologiche e oscillazioni di mercato. Nasce così l’affresco di New York e della sua gente.

Che si fottano. Gli hassidim col cappello nero e i sudici completi di gabardine, che vendono diamanti sulla Quarantasettesima Strada, contando il denaro in attesa del Messia. Gli sciancati, gli storpi, gli invalidi. Gli operatori di Wall Street, pieni di sé e di acqua di colonia, che leggono il giornale in metropolitana. Che si fottano tutti. I teppisti in skateboard di Washington Square Park con le catenelle dei portafogli che tintinnano, ogni volta che saltano sul marciapiede. I portoricani in macchina, con le bandiere e le radio a tutto volume. Gli italiani di Bensonhurst, con la brillantina sui capelli, le tute sintetiche e la medaglia di sant’Antonio. Le signore dell’Upper East Side, con le bocche tirate e il lifting facciale, che comprano i foulard di Hermes e i carciofi di Balducci. Si fottano i fratelli delle borgate che non passano mai la palla.

Montgomery deve andare in prigione e tutti vogliono salutarlo e festeggiarlo, capendo solo in parte l’angoscia che lo pervade e che non può condividere. Le tematiche del tradimento, dell’amicizia e dell’alienazione, così come quella della lealtà totale, messa in gioco non solo attraverso il cane Doyle, ma anche nei dialoghi padre-figlio e in quelli tra i tre amici, rendono il romanzo completo anche sul piano dei contenuti.
“La 25ª ora” è un dramma criminale incorniciato in una struttura dalla potente caratterizzazione, con dialoghi magistrali e un formidabile crescendo di tensione capace poi di stupire il lettore nella non scontata scena finale.

Si fotta Gesù Cristo, a lui si che gli è andata bene: un pomeriggio in croce, un fine settimana all’inferno e poi l’alleluia di una folla di angeli. Si fotta questa città e tutti i suoi abitanti, dalle case a schiera di Astoria, agli attici di Park Avenue, dalle case popolari di Brownsville ai loft di Soho: che gli arabi ci mettano una bomba riducendoli in macerie. Che le acque si sollevino e sommergano questa topaia pazzesca; venga un terremoto e butti giù i grattacieli; che il fuoco divampi incontrastato; che bruci, bruci, bruci. E fottiti anche tu, Montgomery Brogan, vai al diavolo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

David

Benioff

Libri dallo stesso autore

Intervista a Benioff David

La trilogia del mistero

«Ho scelto due "tipi" generalmente condannati dalla società: il matricida e l'arrampicatore sessuale – li ho ascoltati per mesi, mi stanno simpatici; potrebbero essere miei figli. Se li ho scelti non è solo perché amo le stranezze; la ragione per cui ho raccontato insieme le loro storie è più sotterranea e radicale: perché, sommandosi, i miei due eroi hanno fatto quello che avrei voluto fare io.» Nati alla periferia umana e urbana di due città italiane a pochi anni di distanza, percorsi dalla comune fierezza di chi deve guadagnarsi il proprio posto al sole, Filippo e Ruggero hanno due storie dall'incipit simile. Le loro vite, però, si muovono divergenti nella realtà e nel racconto che ascoltiamo dalla voce lucida e insieme partecipe di Walter Siti. Filippo ha vent'anni quando, sorvegliato dall'ombra dell'Etna, uccide la madre fedifraga e così amata, gesto estremo e vulcanico come il suo sentimento per lei. Ruggero ne ha qualcuno in più quando in America, col nome d'arte Carlo Masi, inizia la sua carriera di pornoattore; tornato a Roma, incontrerà Giovanni del Drago, l'uomo che farà di lui una principessa. In bilico tra tragedia e fiaba, quelle di Filippo e Ruggero sono vite amorali, davanti alle quali sospendere il giudizio, ma sono anche la filigrana attraverso cui, con una scrittura immersiva, Siti affronta il suo buio più segreto proprio mentre sperava di allontanarsene; perché i romanzi sono più intelligenti del loro autore e si parlano tra loro. Siti ci consegna un libro potente e disperato, scommettendo su una letteratura che sia ancora capace di farsi domande e di accettare l'imprevisto come risposta.

La natura è innocente

Siti Walter

Venezia 1894. Un incontro fortuito. 36 anni lei, 31 lui. Duse e d’Annunzio attraverseranno insieme 10 burrascosi anni. Un breve tratto, ma per entrambi capitale: sia perché, col tempo, il Vate si sarebbe ravveduto, rimpiangendola; sia perché quella con d’Annunzio è la sola convivenza della Diva che, sul viale del tramonto, parrà prediligere la compagnia di giovani donne. Questo narra la vulgata confermata da oltre un secolo. Se corrispondono al vero passione, tradimenti e umiliazioni, sono da ribaltare i ruoli: fu lui la vittima e lei il carnefice. È quanto emerge dai numerosi documenti, sottoposti a nuovo esame con un’avvertenza: a varare la favola dei divi amanti fu Gabriele per suo tornaconto.

Più che l’amore

Andreoli Annamaria

Dopo aver lasciato una carriera da manager, Sergio Bambarén ha sposato la natura e i grandi spazi, primo fra tutti il mare e in particolare l'oceano. Ha nuotato con i delfini, ha praticato il surf sulle coste più selvagge, ha trovato amici dal cuore grande. E ha intrapreso una ricerca spirituale. Alle grandi distese di acqua, però, ha anche affiancato il viaggio in uno dei luoghi più magici e avvolgenti della terra: il deserto. Insieme a una famiglia berbera, Sergio ha vissuto l'esperienza intensa ed emozionante di immergersi nel silenzio di sabbie millenarie, dove è possibile svuotare la mente da ogni affanno quotidiano e ritrovare la semplicità delle cose essenziali, quelle che contano davvero.

L’eco del deserto

Bambarén Sergio