La badante

Collura Matteo

Descrizione: Italo Gorini, ultraottantenne professore di Lettere in pensione, vedovo e disabile, un figlio di trentacinque anni laureato e disoccupato, è accudito da una badante straniera che ne tiene desti i sensi e le fantasie. Sono di casa la sorella Maddalena e la cognata Giorgina, che a oltre settant'anni non ha abdicato alla propria femminilità. Ma un colpo di scena impensabile deflagra da un lontano passato e sconvolge i rapporti tra l'anziano invalido e la badante, mettendo in crisi i delicati equilibri dell'intera famiglia. L'ambigua relazione affettiva tra il professore e la sorella, rimasta nubile e per questo convinta di avere in mano il destino del fratello, nonché l'imprevista reazione del figlio, rendono sorprendenti gli esiti della vicenda. Questo singolare romanzo si interroga (e ci interroga) su uno dei temi cruciali del mondo contemporaneo: il protrarsi, sempre più medicalizzato, della vita, che però non di rado, quando i sogni sono finiti e i giorni, le ore diventano una lunga attesa, trasforma la vecchiaia in una crudele solitudine. Non solo: è anche un implacabile ritratto di non poche famiglie d'oggi.

Categoria:

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja Scienza

Anno: 2015

ISBN: 88-304-4075-2

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Superata la soglia degli Ottanta, cosa resta di un uomo?

Nel suo implacabile ritratto della vecchiaia, Matteo Collura mette da parte il buonismo senza rinunciare alla delicatezza.

Italo Gorini non è lo stereotipo dell’anziano di oggi. La sua cultura e la sua intelligenza lo collocano al di sopra della media dei coetanei, e di questo anche lui è consapevole. Eppure in questo vecchio arcigno ed egoista c’è qualcosa di familiare: la ferocia della solitudine, che spesso nasce in chi si avvicina all’unico, vero punto di non ritorno. La stessa ferocia triste e rassegnata che tutt’a un tratto, in un giorno qualunque, iniziamo a vedere negli occhi dei nostri cari divenuti anziani.

A generarla, la consapevolezza di non aver nulla da perdere, la voglia spasmodica di consumare gli istanti che rimangono, il tentativo di dimostrare che sì, si è ancora in grado. E su tutto, la paura di non essere all’altezza, quando sarà il momento, di affrontare la morte con la dignità e il coraggio dimostrati in vita.

Italo Gorini è costretto su una sedia a rotelle e non manca di ricordare a coloro che lo circondano che è ancora un uomo a tutti gli effetti. Le sue pulsioni sono integre, intatte. Potrebbe soddisfare la sua badante quarantenne proprio come faceva con le numerose donne conosciute durante la giovinezza trascorsa in Libia.

Dispensa perle di saggezza, Italo Gorini; i suoi discorsi sono ricchi di citazioni colte. Conosce l’arte, conosce il mondo, conosce le persone, e usa la sua carrozzina come un trono. L’invalidità lo rende schiavo ma anche padrone.

Succube è la sorella, delle cui cure si lamenta eppure abusa; succube è il figlio, della cui pigrizia si vergogna e al tempo stesso si compiace, perché gli consente di primeggiare.

É su questo scenario che s’innesta la trama, basata su un solo colpo di scena, emblematico ma piuttosto prevedibile. D’altronde, al centro del libro non c’è la storia: ci sono i sentimenti.

Gradevole per lo stile lineare; interessante per gli innumerevoli spunti che offre. Tradisce le aspettative se si è alla ricerca di risvolti sorprendenti.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matteo

Collura

Libri dallo stesso autore

Intervista a Collura Matteo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"La famiglia è un tema ricorrente e centrale della mia narrativa. Il mio nuovo romanzo attraversa la storia di una famiglia lungo diverse generazioni, concentrandosi questa volta sul rapporto tra fratelli e sorelle, su come si amano, si feriscono e tradiscono, ma anche su come si stimano e si sacrificano l'uno per l'altro. Sono emozionato alla prospettiva di condividere questo nuovo libro con tutti i miei lettori." (Khaled Hosseini)

E l’eco rispose

Hosseini Khaled

Il giovane Theo Decker sta visitando una mostra di pittori fiamminghi al Metropolitan Museum di New York quando accade l'inconcepibile: lo scoppio di una bomba, calcinacci, sangue e grida dappertutto, e per terra decine di corpi senza vita, tra cui quello della madre di Theo. Sconvolto e in stato confusionale, Theo si allontana dal luogo dell'attentato senza che i soccorsi e le forze dell'ordine riescano a intercettarlo. E, per timore di finire affidato ai servizi sociali (il padre ha da tempo abbandonato la famiglia per rifarsi una vita con la nuova fidanzata a Las Vegas), si nasconde nel suo appartamento insieme al pacchetto che una delle vittime gli ha affidato pochi minuti prima di morire. Il tesoro contenuto all'interno, un piccolo prezioso dipinto raffigurante un cardellino, sarà l'unica costante, il centro di gravità permanente nella vita deragliata di Theo, simbolo di un'innocenza impossibile da riscattare. E insieme miccia di una pulsione autodistruttiva destinata a tormentarlo per sempre. Tra i salotti dell'Upper East Side e la desolazione della periferia Las Vegas, tra amori impossibili e vizi inconfessabili, capolavori rubati e vertiginose fughe lungo i canali di Amsterdam.

Il cardellino

Tartt Donna

Berlino nel 1933 è in subbuglio. L'undicenne Carla von Ulrich, figlia di Lady Maud Fitzherbert, cerca con tutte le forze di comprendere le tensioni che stanno lacerando la sua famiglia, nei giorni in cui Hitler inizia l'inesorabile ascesa al potere. Insieme a lei, tanti altri personaggi, Ethel Leckwith e suo figlio Lloyd, Volodja Peskov, destinato a un brillante futuro nei servizi segreti sovietici, e sua cugina Daisy, brillante frequentatrice dell'alta società, i due fratelli americani Woody e Chuck Dewar... Il destino li metterà a dura prova, così come le vite e le speranze di tanti altri verranno annientate dalla più grande e crudele guerra nella storia dell'umanità, che si scatenerà con violenza da Londra a Berlino, dalla Spagna a Mosca, da Pearl Harbor a Hiroshima, dalle residenze private alla polvere e al sangue delle battaglie che hanno segnato l'intero secolo.

L’inverno del mondo

Follett Ken

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

ENON

Harding Paul