La badante

Collura Matteo

Descrizione: Italo Gorini, ultraottantenne professore di Lettere in pensione, vedovo e disabile, un figlio di trentacinque anni laureato e disoccupato, è accudito da una badante straniera che ne tiene desti i sensi e le fantasie. Sono di casa la sorella Maddalena e la cognata Giorgina, che a oltre settant'anni non ha abdicato alla propria femminilità. Ma un colpo di scena impensabile deflagra da un lontano passato e sconvolge i rapporti tra l'anziano invalido e la badante, mettendo in crisi i delicati equilibri dell'intera famiglia. L'ambigua relazione affettiva tra il professore e la sorella, rimasta nubile e per questo convinta di avere in mano il destino del fratello, nonché l'imprevista reazione del figlio, rendono sorprendenti gli esiti della vicenda. Questo singolare romanzo si interroga (e ci interroga) su uno dei temi cruciali del mondo contemporaneo: il protrarsi, sempre più medicalizzato, della vita, che però non di rado, quando i sogni sono finiti e i giorni, le ore diventano una lunga attesa, trasforma la vecchiaia in una crudele solitudine. Non solo: è anche un implacabile ritratto di non poche famiglie d'oggi.

Categoria:

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja Scienza

Anno: 2015

ISBN: 88-304-4075-2

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Superata la soglia degli Ottanta, cosa resta di un uomo?

Nel suo implacabile ritratto della vecchiaia, Matteo Collura mette da parte il buonismo senza rinunciare alla delicatezza.

Italo Gorini non è lo stereotipo dell’anziano di oggi. La sua cultura e la sua intelligenza lo collocano al di sopra della media dei coetanei, e di questo anche lui è consapevole. Eppure in questo vecchio arcigno ed egoista c’è qualcosa di familiare: la ferocia della solitudine, che spesso nasce in chi si avvicina all’unico, vero punto di non ritorno. La stessa ferocia triste e rassegnata che tutt’a un tratto, in un giorno qualunque, iniziamo a vedere negli occhi dei nostri cari divenuti anziani.

A generarla, la consapevolezza di non aver nulla da perdere, la voglia spasmodica di consumare gli istanti che rimangono, il tentativo di dimostrare che sì, si è ancora in grado. E su tutto, la paura di non essere all’altezza, quando sarà il momento, di affrontare la morte con la dignità e il coraggio dimostrati in vita.

Italo Gorini è costretto su una sedia a rotelle e non manca di ricordare a coloro che lo circondano che è ancora un uomo a tutti gli effetti. Le sue pulsioni sono integre, intatte. Potrebbe soddisfare la sua badante quarantenne proprio come faceva con le numerose donne conosciute durante la giovinezza trascorsa in Libia.

Dispensa perle di saggezza, Italo Gorini; i suoi discorsi sono ricchi di citazioni colte. Conosce l’arte, conosce il mondo, conosce le persone, e usa la sua carrozzina come un trono. L’invalidità lo rende schiavo ma anche padrone.

Succube è la sorella, delle cui cure si lamenta eppure abusa; succube è il figlio, della cui pigrizia si vergogna e al tempo stesso si compiace, perché gli consente di primeggiare.

É su questo scenario che s’innesta la trama, basata su un solo colpo di scena, emblematico ma piuttosto prevedibile. D’altronde, al centro del libro non c’è la storia: ci sono i sentimenti.

Gradevole per lo stile lineare; interessante per gli innumerevoli spunti che offre. Tradisce le aspettative se si è alla ricerca di risvolti sorprendenti.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matteo

Collura

Libri dallo stesso autore

Intervista a Collura Matteo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«Straordinario, questo romanzo di Roth; è stupefacente, sferzante, uno dei capolavori narrativi piú insoliti che mi sia capitato di leggere... Una vera delizia». James Wood, «New Republic» Il teatro di Sabbath è una creazione comica di proporzioni epiche, e Mickey Sabbath ne è lo smisurato eroe. Un tempo burattinaio scandalosamente creativo, a sessantaquattro anni Sabbath conserva il suo sprezzante antagonismo e la sua sfrenata libidine. Ma dopo la morte della sua amante di vecchia data - uno spirito libero in fatto di erotismo, la cui audacia nell'adulterio supera perfino quella dello stesso Sabbath - egli s'imbarca in un viaggio turbolento nel proprio passato. Nudo e dolente, perseguitato dai fantasmi di coloro che piú l'hanno amato e odiato, ordirà una sequela di disastri farseschi che lo condurranno sull'orlo della follia e dell'estinzione.

Il teatro di Sabbath

Roth Philip

I bambini osservano muti le giostre dei grandi

Marotta Giuseppe

Per cucinare gli spaghetti all'assassina, il piatto più famoso di Bari, ci vuole la padella in ferro nero che si trova solo nella città vecchia. Ed è proprio lì che sorge il ristorante di Colino Stramaglia, inventore della famosa ricetta. Una mattina di primavera, all'apertura del locale, il grande chef viene trovato morto ammazzato in maniera talmente efferata da far sospettare un torbido movente passionale. Quale grave sgarbo avrebbe commesso l'illustre personaggio per meritare una fine così orrenda? E quanti misteri si celano dietro al mondo sempre più competitivo dell'alta cucina? Fra le persone informate sui fatti, un affascinante cuoco algerino, una spogliarellista brasiliana e un capocameriere con un'aria da becchino uscito da un film western. A indagare è il commissario Lolita Lobosco, che stavolta trova imbrattate di sangue le sue due attività preferite: l'amore e la cucina. Sullo sfondo di una città sempre più pulp, una nuova intricata indagine, con fosche tinte da noir mediterraneo, metterà a dura prova l'abilità e l'istinto della caparbia investigatrice barese.

Spaghetti all’assassina

Genisi Gabriella

Se il giallo all’inglese l’avessero inventato i ferraresi, probabilmente assomiglierebbe a questo. Una vicenda ironica e delittuosa che intende sottolineare un fatto: in provincia non si crepa solo di noia. E poco importa se l’investigatore non porta il trench e se il suo braccio destro ha quattro zampe: a volte le cose serie richiedono improvvisazione e senso dell’umorismo. Sullo sfondo di una Ferrara in festa, un killer, sfigato ma con tanta buona volontà, appende per il collo un losco individuo, proprio lì, nella libreria del centro. Così, a suon di vittime, la vicenda ci condurrà a spasso per Ferrara, in compagnia di un fotografo della Scientifica costretto a riallacciare i contatti col parentado ferrarese: solo scoprendo l’autore di quell’omicidio, e di quelli che seguiranno, potrà salvare il buon nome dei suoi familiari, presunti colpevoli di una faida libresca. Tra gare di sbandieratori e aperitivi, dalla Ferrara da bere a quella dei sobborghi, dalla Caritas locale alla Sacca di Goro, l’ambientazione reale e i nomi – storpiati ma non troppo – di alcune location permetteranno al lettore di passeggiare, e investigare, assieme ai protagonisti. E poi gattare, poliziotti imbranati, un commissario privo di scrupoli e dalle pessime maniere, ragazze in abiti succinti e indizi che rimandano ai personaggi delle fiabe. Un giallo all’inglese in salsa ferrarese che vuole essere un omaggio a Ferrara e alla ferraresità dei suoi abitanti.

Giallo di zucca

Converti Gaia