La badante

Collura Matteo

Descrizione: Italo Gorini, ultraottantenne professore di Lettere in pensione, vedovo e disabile, un figlio di trentacinque anni laureato e disoccupato, è accudito da una badante straniera che ne tiene desti i sensi e le fantasie. Sono di casa la sorella Maddalena e la cognata Giorgina, che a oltre settant'anni non ha abdicato alla propria femminilità. Ma un colpo di scena impensabile deflagra da un lontano passato e sconvolge i rapporti tra l'anziano invalido e la badante, mettendo in crisi i delicati equilibri dell'intera famiglia. L'ambigua relazione affettiva tra il professore e la sorella, rimasta nubile e per questo convinta di avere in mano il destino del fratello, nonché l'imprevista reazione del figlio, rendono sorprendenti gli esiti della vicenda. Questo singolare romanzo si interroga (e ci interroga) su uno dei temi cruciali del mondo contemporaneo: il protrarsi, sempre più medicalizzato, della vita, che però non di rado, quando i sogni sono finiti e i giorni, le ore diventano una lunga attesa, trasforma la vecchiaia in una crudele solitudine. Non solo: è anche un implacabile ritratto di non poche famiglie d'oggi.

Categoria:

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja Scienza

Anno: 2015

ISBN: 88-304-4075-2

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Superata la soglia degli Ottanta, cosa resta di un uomo?

Nel suo implacabile ritratto della vecchiaia, Matteo Collura mette da parte il buonismo senza rinunciare alla delicatezza.

Italo Gorini non è lo stereotipo dell’anziano di oggi. La sua cultura e la sua intelligenza lo collocano al di sopra della media dei coetanei, e di questo anche lui è consapevole. Eppure in questo vecchio arcigno ed egoista c’è qualcosa di familiare: la ferocia della solitudine, che spesso nasce in chi si avvicina all’unico, vero punto di non ritorno. La stessa ferocia triste e rassegnata che tutt’a un tratto, in un giorno qualunque, iniziamo a vedere negli occhi dei nostri cari divenuti anziani.

A generarla, la consapevolezza di non aver nulla da perdere, la voglia spasmodica di consumare gli istanti che rimangono, il tentativo di dimostrare che sì, si è ancora in grado. E su tutto, la paura di non essere all’altezza, quando sarà il momento, di affrontare la morte con la dignità e il coraggio dimostrati in vita.

Italo Gorini è costretto su una sedia a rotelle e non manca di ricordare a coloro che lo circondano che è ancora un uomo a tutti gli effetti. Le sue pulsioni sono integre, intatte. Potrebbe soddisfare la sua badante quarantenne proprio come faceva con le numerose donne conosciute durante la giovinezza trascorsa in Libia.

Dispensa perle di saggezza, Italo Gorini; i suoi discorsi sono ricchi di citazioni colte. Conosce l’arte, conosce il mondo, conosce le persone, e usa la sua carrozzina come un trono. L’invalidità lo rende schiavo ma anche padrone.

Succube è la sorella, delle cui cure si lamenta eppure abusa; succube è il figlio, della cui pigrizia si vergogna e al tempo stesso si compiace, perché gli consente di primeggiare.

É su questo scenario che s’innesta la trama, basata su un solo colpo di scena, emblematico ma piuttosto prevedibile. D’altronde, al centro del libro non c’è la storia: ci sono i sentimenti.

Gradevole per lo stile lineare; interessante per gli innumerevoli spunti che offre. Tradisce le aspettative se si è alla ricerca di risvolti sorprendenti.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matteo

Collura

Libri dallo stesso autore

Intervista a Collura Matteo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Prendi un verso dai poeti e dipingi il mondo di pace

Questa storia inizia nel 1919, con il trattato di St Germain che avanza il confine italiano sul crinale alpino, stabilendo che gli altoatesini, pur essendo di lingua e cultura tedesca, non sono più austriaci ma italiani. È soltanto l’inizio di un’assurdità che dura un secolo, dall’“italianizzazione forzata” del Fascismo alla collaborazione coi nazisti in fuga, fino alle bombe negli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta. Una regione in cui la politica, di ogni colore, anziché eliminare i contrasti li ha lasciati proliferare insieme all’odio. Vassalli ripercorre questo paradosso e arriva ad oggi con una proposta concreta per chiudere i conti con la Storia e andare finalmente avanti.

Il confine

Vassalli Sebastiano

Iole Vergara lavora come dattilografa presso il comune di Bellano. Vive sola, infatti è la zitella del paese. Tutto prevedibile e scontato nella sua vita fino a quando non irrompe Dante, misterioso e affascinante, che le rapisce il cuore.

UN AMORE DI ZITELLA

Vitali Andrea

Yambo, il protagonista del romanzo, si risveglia dopo un incidente e scopre di aver perso la memoria. Non la memoria che i neurologi chiamano “semantica” (egli ricorda tutto di Giulio Cesare e sa recitare tutte le poesie che ha letto in vita sua), bensì quella “autobiografica”: non sa più il proprio nome, non riconosce la moglie e le figlie, non ricorda nulla della sua infanzia. La moglie lo convince a tornare nella casa di campagna, dove ha conservato i libri e i giornali letti da ragazzo, i quaderni di scuola, i dischi ascoltati allora. Così, in un immenso solaio, l’uomo rivive la storia della propria generazione, arrestandosi soltanto di fronte a due vuoti ancora nebbiosi: le tracce di un’esperienza atroce vissuta negli anni della resistenza e l’immagine vaga di una ragazza amata a sedici anni e poi perduta.

La misteriosa fiamma della regina Loana

Eco Umberto