Narrativa

La bambina e il sognatore

Maraini Dacia

Descrizione: Nani Sapienza fa il maestro e i suoi alunni lo adorano, soprattutto per la sua incredibile capacità di raccontare storie. Purtroppo lo stesso non vale per i colleghi e il preside della scuola, che lo accusano di non rispettare regole e programmi. Lui però ha sempre saputo resistere, anche alla perdita di una figlia morta di leucemia e all’abbandono da parte della moglie, che l’ha lasciato in una casa piena di oggetti della piccola. Quando in città scompare una bambina dell’età di sua figlia in lui nasce un’inquietudine tremenda, non smette di cercarla e sognarla, sente che può essere salvata. E allora farà di tutto, da solo e con i suoi alunni, pur di ritrovare la pace e sentirsi padre ancora una volta.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788817083799

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Chi sono La bambina e il sognatore di Dacia Maraini?
La bambina è Lucia, improvvisamente scomparsa una mattina mentre si recava a scuola da sola.
Il sognatore è Nani Sapienza: un maestro che ha vissuto la tragedia della morte della figlioletta Martina e il dramma della separazione dalla moglie Anita (“Ecco dove si è arenato il nostro amore. Quel trio non era concepito per trasformarsi in duo”), senza che l’amore sia finito… Nonostante questa triste premessa, Nani svolge il suo lavoro di maestro con passione (“Stamattina a scuola parlo ancora una volta della bambina scomparsa con i miei studenti”). Nella didattica il maestro sfoga principi e convinzioni personali, vitalità, anticonformismo, desiderio di raccontare (“Ho raccontato la leggenda di Urinone, che assomiglia molto alla storia di Geppetto, vecchio e solo, abitato dal terribile desiderio di avere un figlio…”).

Come interagiscono La bambina e il sognatore di Dacia Maraini?
Naturalmente attraverso i sogni!
“Ma i sogni sono stracci di nuvole, scomposti e inconsistenti.”
Da essi, Nani trae coincidenze (“Ti rendi conto che nel mio sogno portava il cappottino rosso di Martina?”), presagi (“Cosa aveva voluto dirmi la bambina? Che era stata sequestrata per fare da bomba umana in qualche luogo pubblico, seminando morte e terrore?”), ispirazioni e dubbi (“Cosa voleva dirmi lo strano sogno in cui Lucia mi invitava a mangiare un suo occhio?”), propulsione ad agire (“I sogni mi danno forza e mi fanno sentire vivo, capisci?”).
Su di essi, Nani si confronta con il suo alter ego, un immaginario corvo impertinente (“Ci sarà qualcosa di vero nelle parole del mio angelo pennuto…”).

Che fine faranno La bambina e il sognatore di Dacia Maraini?
Sulla sorte della bambina vengono formulate svariate ipotesi (“Commercio di bambine, possibile che nessuno lo proibisca?”), che consentono a Dacia di affrontare temi che da sempre le stanno a cuore: la violenza sulle donne, il rapporto – troppo spesso antagonistico – con l’altro sesso, l’influsso esercitato dai modelli culturali sulla concezione della donna.
Quanto al sognatore, s’improvviserà investigatore tenace (“Un visionario? Un improvviso detective perditempo?”), inizialmente supportato e poi addirittura guidato dal suo allievo (“Francesco… so da chi ha imparato la gioia del racconto”), per approfondire ogni sospetto (“Cesare Mammucchi… è un uomo schivo, introverso, selvatico…forastico…”).

Il nuovo romanzo di Dacia Maraini è coinvolgente, perché è una scarica emotiva che fulmina la quiete e attiva la sensibilità umana contro pratiche scandalose e immorali, troppo spesso anestetizzate, sottaciute  e ricoperte dalla patina delle ipocrisie sociali.

Bruno Elpis

Qui il sito personale dell’autrice.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Dacia

Maraini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Maraini Dacia

Torna finalmente disponibile “Il male naturale” di Giulio Mozzi. un libro di racconti bello e intenso, scritto da quello che è oggi in Italia il maestro riconosciuto della forma breve. Pubblicato originariamente nel 1998, “Il male Naturale” è straordinario per lo sguardo che contiene: uno sguardo attentissimo alle cose che crediamo di conoscere (l'amore, l'amicizia, il dolore dell'abbandono, la speranza negli eventi che verranno) e che, messe in pagina da Mozzi, ci sembra di capire per la prima volta. In ogni momento siamo lì, con i suoi personaggi, e attraverso le loro vite sentiamo che la nostra si fa più ricca di esperienza e di sentimento. I temi a volte sgradevoli - la pedofilia, la morte in giovane età, l'alcolismo e altri ancora - portarono il libro a un fraintendimento e a una interpellanza parlamentare promossa da un deputato che lo giudicò “a carattere pornografico". La conseguenza fu che la Mondadori privò del suo sostegno il volume, facendolo sparire dalle librerie e privando i lettori della possibilità di leggere un libro che è, semplicemente, molto bello. Per questo Laurana Editore ritiene che sia un atto di civiltà ripubblicarlo: per restituirlo ai suoi destinatari, cui in questi lunghi anni non è potuto giungere. Questa nuova edizione è corredata da due testi scritti appositamente: uno dello stesso Mozzi, che racconta cosa accadde nel 1998, e uno scritto di Demetrio Paolin, che delinea l'importanza di Mozzi come scrittore-maestro per la generazione successiva.

Il male naturale

Mozzi Giulio

Un giovane uomo e una giovanissima donna. Lei è vivace e brillante, insieme vivono un amore tempestoso. Dopo l’ennesimo litigio, a Teresa viene un’idea: raccontami qualcosa che non hai mai detto a nessuno – dice a Pietro –, raccontami un tuo segreto inconfessabile, e io farò altrettanto. Così rimarremo legati per sempre. Si lasceranno, naturalmente, poco dopo. Pietro incontra Nadia, e Nadia lo incanta. La morbidezza del suo corpo e del suo carattere sono come un respiro lungo, dopo tanti spigoli. Ma pochi giorni prima delle nozze Teresa magicamente ricompare. E con lei l’ombra di quello che si sono confessati a vicenda, quasi un avvertimento: «Attento a te». Da quel momento in poi la confidenza lo seguirà minacciosa: la buona volontà poggia sulla cattiva coscienza, e Pietro non potrà mai più dimenticarlo. Anche perché Teresa si riaffaccia sempre, puntualmente, davanti a ogni bivio esistenziale. Dopo Lacci e Scherzetto, Domenico Starnone aggiunge una pagina potente al suo lavoro di scavo sull’ambivalenza delle persone e delle relazioni.

Confidenza

Starnone Domenico

«Stizzita per la scemenza dei suoi stessi oracoli e per l’ingenua credulità dei Greci, la sacerdotessa di Delfi Pannychis XI, lunga e secca come quasi tutte le Pizie che l’avevano preceduta, ascoltò le domande del giovane Edipo, un altro che voleva sapere se i suoi genitori erano davvero i suoi genitori, come se fosse facile stabilire una cosa del genere nei circoli aristocratici, dove, senza scherzi, donne maritate davano a intendere ai loro consorti, i quali peraltro finivano per crederci, come qualmente Zeus in persona si fosse giaciuto con loro». Con queste parole spigolose e beffarde ha inizio La morte della Pizia e subito il racconto investe alcuni dei più augusti miti greci, senza risparmiarsi irriverenze e furia grottesca. Ma Dürrenmatt è troppo buono scrittore per appagarsi di una irrisione del mito. Procedendo nella narrazione, vedremo le storie di Delfi addensarsi in un «nodo immane di accadimenti inverosimili che danno luogo, nelle loro intricatissime connessioni, alle coincidenze più scellerate, mentre noi mortali che ci troviamo nel mezzo di un simile tremendo scompiglio brancoliamo disperatamente nel buio». L’insolenza di Dürrenmatt non mira a cancellare, ma a esaltare la presenza del vero sovrano di Delfi: l’enigma. La morte della Pizia è stato pubblicato da Dürrenmatt all’interno del Mitmacher nel 1976.

La morte della Pizia

Durrenmatt Friedrich

Jess Thomas, giovane mamma single con due figli da mantenere, fa del suo meglio per vivere dignitosamente, ma i sacrifici sono molti, specie quando non c'è nessuno che ti possa dare una mano. Suo marito se ne è andato da tempo, sua figlia Tanzie è un genietto dei numeri, ma per far fruttare il suo talento matematico c'è bisogno di un aiuto concreto. E poi c'è Nicky, un adolescente difficile come tutti i ragazzi della sua età, vittima di bullismo, che non può certo combattere da solo... La famiglia di Jess è proprio scombinata e spesso lei non sa come fare e corre dei rischi inutili, finché inaspettatamente sul suo cammino incontra Ed Nicholls, quell'antipatico uomo d'affari cui lei pulisce la casa per arrotondare. Jess e Ed non si conoscono affatto. Jess non sa che lui è travolto da una crisi profonda e che uno stupido errore gli è costato tutto, e Ed non sa fino a che punto la ragazza sia nei guai, ma entrambi sanno cosa significhi essere davvero soli e desiderano la stessa cosa. Capiscono, nonostante la loro diversità, che hanno molto da imparare l'uno dall'altra e che una più uno fa più di due. In questo suo nuovo romanzo, Jojo Moyes racconta con grande empatia una storia d'amore insolita e coinvolgente tra due persone che si incontrano in circostanze inverosimili, come solo la vita sa riservare.

Una più uno

Moyes Jojo