Narrativa

La bambina e il sognatore

Maraini Dacia

Descrizione: Nani Sapienza fa il maestro e i suoi alunni lo adorano, soprattutto per la sua incredibile capacità di raccontare storie. Purtroppo lo stesso non vale per i colleghi e il preside della scuola, che lo accusano di non rispettare regole e programmi. Lui però ha sempre saputo resistere, anche alla perdita di una figlia morta di leucemia e all’abbandono da parte della moglie, che l’ha lasciato in una casa piena di oggetti della piccola. Quando in città scompare una bambina dell’età di sua figlia in lui nasce un’inquietudine tremenda, non smette di cercarla e sognarla, sente che può essere salvata. E allora farà di tutto, da solo e con i suoi alunni, pur di ritrovare la pace e sentirsi padre ancora una volta.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788817083799

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Chi sono La bambina e il sognatore di Dacia Maraini?
La bambina è Lucia, improvvisamente scomparsa una mattina mentre si recava a scuola da sola.
Il sognatore è Nani Sapienza: un maestro che ha vissuto la tragedia della morte della figlioletta Martina e il dramma della separazione dalla moglie Anita (“Ecco dove si è arenato il nostro amore. Quel trio non era concepito per trasformarsi in duo”), senza che l’amore sia finito… Nonostante questa triste premessa, Nani svolge il suo lavoro di maestro con passione (“Stamattina a scuola parlo ancora una volta della bambina scomparsa con i miei studenti”). Nella didattica il maestro sfoga principi e convinzioni personali, vitalità, anticonformismo, desiderio di raccontare (“Ho raccontato la leggenda di Urinone, che assomiglia molto alla storia di Geppetto, vecchio e solo, abitato dal terribile desiderio di avere un figlio…”).

Come interagiscono La bambina e il sognatore di Dacia Maraini?
Naturalmente attraverso i sogni!
“Ma i sogni sono stracci di nuvole, scomposti e inconsistenti.”
Da essi, Nani trae coincidenze (“Ti rendi conto che nel mio sogno portava il cappottino rosso di Martina?”), presagi (“Cosa aveva voluto dirmi la bambina? Che era stata sequestrata per fare da bomba umana in qualche luogo pubblico, seminando morte e terrore?”), ispirazioni e dubbi (“Cosa voleva dirmi lo strano sogno in cui Lucia mi invitava a mangiare un suo occhio?”), propulsione ad agire (“I sogni mi danno forza e mi fanno sentire vivo, capisci?”).
Su di essi, Nani si confronta con il suo alter ego, un immaginario corvo impertinente (“Ci sarà qualcosa di vero nelle parole del mio angelo pennuto…”).

Che fine faranno La bambina e il sognatore di Dacia Maraini?
Sulla sorte della bambina vengono formulate svariate ipotesi (“Commercio di bambine, possibile che nessuno lo proibisca?”), che consentono a Dacia di affrontare temi che da sempre le stanno a cuore: la violenza sulle donne, il rapporto – troppo spesso antagonistico – con l’altro sesso, l’influsso esercitato dai modelli culturali sulla concezione della donna.
Quanto al sognatore, s’improvviserà investigatore tenace (“Un visionario? Un improvviso detective perditempo?”), inizialmente supportato e poi addirittura guidato dal suo allievo (“Francesco… so da chi ha imparato la gioia del racconto”), per approfondire ogni sospetto (“Cesare Mammucchi… è un uomo schivo, introverso, selvatico…forastico…”).

Il nuovo romanzo di Dacia Maraini è coinvolgente, perché è una scarica emotiva che fulmina la quiete e attiva la sensibilità umana contro pratiche scandalose e immorali, troppo spesso anestetizzate, sottaciute  e ricoperte dalla patina delle ipocrisie sociali.

Bruno Elpis

Qui il sito personale dell’autrice.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Dacia

Maraini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Maraini Dacia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È il 2 maggio del 1945. Martin Bormann, braccio destro di Adolf Hitler, scompare per le strade di Berlino durante l'avanzata sovietica. Vent'anni dopo, fonti prossime alla CIA lo identificano come Martin Weisberg, finanziatore eccentrico e pacifista della rock band The Love's White Rabbits vicina al Movimento radicale. Da qui ha inizio una caccia all'uomo che coinvolgerà settori deviati dei servizi segreti americani e israeliani, uno scovanazisti italiano, un attore cieco fan di Charles Bronson, un reduce dal Vietnam fuori di testa. La vicenda è ambientata prevalentemente negli Stati Uniti, con incursioni fra Città del Guatemala, Singapore, Saigon. Sullo sfondo il clima esplosivo dell'estate del '68. Storia, cronaca e finzione si rincorrono fondendosi dalla prima all'ultima pagina di questo originale romanzo dal ritmo incalzante e dal finale al cardiopalma. Così accade che una spia in gonnella semini il Caos. Uno scheletro sia perdutamente innamorato di Anita Garibaldi. Una chitarra racconti la Beat generation. Una scultrice plasmi marijuana e hashish. Uno spietato killer del Mossad adori indossare scarpe rosa coi tacchi a spillo. E mentre scorrono fiumi di limonata all'LSD, esplode la questione nera, le università sono in rivolta, la musica psichedelica spopola tra i giovani e gli agenti dell'FBI reprimono le proteste.

Quando le chitarre facevano l’amore

Mazzoni Lorenzo

Le abitudini della felicità

Colbert Brian

L'automobile del marito nel vialetto di casa. La chiave nella toppa. I passi che risuonano in corridoio. Rumori familiari per Sarah Bridgewater. Ma è notte. E l'uomo in corridoio non è suo marito Stephen. È uno sconosciuto, che però sembra conoscere tutto di lei. Sarah deve mantenersi calma a tutti i costi. Perché nella stanza vicina dorme suo figlio di sei anni...

Phobia

Dorn Wulf

Nel 1855 Walt Whitman, il grande poeta dell'anima americana, dava alla luce le prime "Foglie d'erba", ovvero le prime poesie che comporranno la raccolta di una vita. Il grande edificio delle Foglie d'erba crescerà, una zolla dopo l'altra, una poesia dopo l'altra, un'edizione dopo l'altra, per tutta la vita di Whitman. Solo sul letto di morte il poeta mise la parola "fine" a questa raccolta, ricca come una vita umana e sconfinata come la natura che tanto amava. La prima edizione resta tuttavia la testimonianza più viva della novità della poesia di Whitman, di quella superiore indifferenza alle rigidità della metrica classica, di quello slancio, che lo renderanno unico e ne garantiranno l'immortalità artistica.

Foglie d’erba

Whitman Walt