Giallo - thriller - noir

LA BAMBOLA CHE DORME

Deaver Jeffery

Descrizione: California, 1999. Daniel Raymond Pell per i media è il "figlio di Manson": affascinante e sinistramente carismatico, al pari del suo predecessore ha incantato, sedotto e plagiato i giovani adepti della sua setta. E con la complicità di uno di essi ha sterminato un'intera famiglia. Nessuno dei due però si è accorto che la notte del massacro, confusa in mezzo alle bambole, una bambina dormiva tranquilla nel suo lettino. Otto anni dopo Pell sta scontando la condanna a vita in un carcere di massima sicurezza per l'efferata carneficina e deve essere processato di nuovo perché vari indizi lo collegano a un altro delitto del passato rimasto irrisolto. Condotto in tribunale, è interrogato dall'agente del California Bureau of Investigation Kathryn Dance, esperta in cinesica. Kathryn è uno dei pochi poliziotti in grado di interpretare il linguaggio non verbale e di capire se testimoni e sospetti dicono la verità. E non sbaglia mai. Questa volta, però, il suo compito è davvero arduo, perché deve confrontarsi con un osso duro, un killer dall'intelligenza quasi sovrumana, un abile manipolatore della volontà altrui. E quando, dopo un sottile gioco di parole, sguardi, gesti, Kathryn scalfisce l'assoluta compostezza di Pell e intuisce un diabolico trucco, è troppo tardi: il "figlio di Manson" è evaso dal tribunale. Comincia la caccia...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno: 2009

ISBN: 9788817030892

Trama

Le Vostre recensioni

La protagonista del romanzo è Kathryn Dance, una detective del California Bureau of Investigation specializzata in cinesica, la lettura del linguaggio del corpo, vedova e due volte madre. E’ una donna arguta e determinata che riesce a conciliare il duro lavoro con la difficoltà di seguire da sola la crescita dei due figli.

Il romanzo si apre con l’interrogatorio da parte della Dance a uno spietato killer, Daniel Raimond Pell.

Pell è rinchiuso in carcere da otto anni e sconta l’ergastolo perché dichiarato colpevole della strage di un’intera famiglia la cui unica sopravvissuta e testimone chiave, è la figlia minore delle vittime. Addormentatasi tra le bambole, la bambina era passata inosservata alla vista del killer e del suo complice. Da qui il titolo del romanzo. Pell è un maniaco del controllo ed è chiamato ‘il figlio di Manson’ per la sua attitudine a plagiare le persone e piegarle al proprio volere, che lo ha portato a divenire capo di una setta. Pell è in attesa di un nuovo processo perché accusato di un altro delitto che gli viene attribuito. Durante l’interrogatorio tra lui e la Dance scatta subito una sfida solo apparentemente pacata. Kathryn cerca di leggere la verità attraverso il comportamento dell’assassino, ma fallisce e quando si rende conto del proprio errore è troppo tardi. Aiutato da una ragazza plagiata al suo volere, Raimond Pell mette in atto una clamorosa e violenta fuga lasciando alle sue spalle vittime e devastazione.

Tutto il resto del racconto è una caccia al killer con momenti di alta tensione e passaggi non sempre imprevedibili. Kathryn Dance si comporterà in modo encomiabile, ma commetterà un errore di valutazione che accompagnerà il lettore verso un finale piuttosto sorprendente.

Kathryn Dance, comparve per la prima volta ne “La luna fredda”, romanzo del 2006 in cui divideva la scena con i più noti Lincoln Ryme e Amelia Sachs. ‘La bambola che dorme’ è il suo romanzo d’esordio da protagonista (2007) seguito da ‘La strada delle croci’ (2009).

Jeffery Deaver, classe 1950, è nato negli Stati Uniti. Ha raggiunto il successo internazionale  quando, nel 1997, ha vinto il Premio Nero Wolfe con il suo romanzo “Il collezionista di ossa”, prima indagine mozzafiato di Lincoln Rhyme e Amelia  Sachs dal quale  nel 1999 è stato tratto l’omonimo film con Denzel Washington e Angelina Jolie. “La bambola che dorme” non ne ripete il trionfo, ma è comunque un romanzo godibile.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jeffery

Deaver

Libri dallo stesso autore

Intervista a Deaver Jeffery


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Camelia vive con la madre a Leeds, una città in cui "non comincia mai niente" e l'inverno non è mai finito, in una casa assediata dalla muffa accanto al cimitero. Traduce manuali di istruzioni per lavatrici, mentre la madre fotografa ossessivamente buchi di ogni tipo. Entrambe segnate da un trauma, comunicano con un alfabeto fatto di sguardi. Un giorno Camelia trova nel cassonetto dei vestiti deformi, con molte maniche e strani squarci: in quel momento cambia qualcosa, comincia a trascorrere più tempo fuori casa e ogni giorno trova nuovi vestiti nel cassonetto. È così che incontra Wen, un ragazzo cinese che lavora in un negozio di vestiti e che le insegna la sua lingua. Saranno proprio gli ideogrammi ad aprire un varco di bellezza e mistero nella vita di Camelia, attribuendo nuovi significati alle cose. Camelia si innamora di Wen, ma lui la respinge nascondendole il motivo. E c'è anche il bizzarro fratello di lui, ossessionato dall'oscura morte di Lily, un'altra studentessa di Wen...

SETTANTA ACRILICO TRENTA LANA

Di Grado Viola

Erri De Luca e la scoperta della musica. La musica della scrittura, certo, ma anche la musica che si ascolta, che colma le nostre giornate, la musica che si canta. Questa "musica provata" comincia sui banchi del liceo con il celebre invito omerico alla musa "cantami o diva del pelide Achille", con la Napoli delle canzoni ottocentesche, con Ciccio Formaggio, con le incisioni beethoveniane di Arturo Toscanini, e prosegue dentro i canti di Pete Seeger negli anni Sessanta, Il disertore di Boris Vian, le canzoni scritte o rimaneggiate insieme all'amico Gian Maria Testa, l'armonica di Mauro Corona. Ci sono le bombe di Sarajevo e la memoria dei canti della fatica, quelli legati alla terra, quelli legati al lavoro operaio, c'è la musica di Stefano Di Battista e la voce di Nicky Nicolai. C'è il Mediterraneo. C'è tutta una vita che prova a intonare la voce.

La musica provata

De Luca Erri

De Amicis, Edmondo – LA PICCOLA VEDETTA LOMBARDA (Cuore, 1886)

Giulio Cesare non è morto, durante la congiura delle Idi di marzo...

Cesare il conquistatore

Forte Franco