Romanzo storico

La banda del cimitero

Bullington Jesse

Descrizione: Nell’anno del Signore 1364, stritolata dal terribile morbo della Peste Nera, l’intera Europa appare come una landa desolata: una terra senza speranza in cui, simili agli spettri, si aggirano i corpi scheletrici di chi è sopravvissuto alla catastrofe. In questo regno di fame e paura, dove il prossimo non è altro che un nemico da tenere a bada con la forza delle armi, il terrore è tenuto vivo da storie che parlano di streghe e di demoni, creature malvagie sempre pronte a gettarsi sui vivi per consegnare nuove anime al mondo dei dannati. Hegel e Manfried Grossbart, però, non temono nessuna maledizione. E, convinti di godere della protezione della Vergine Maria a cui sono devoti, sbarcano il lunario svaligiando cimiteri. Guai a chi, per troppo coraggio o semplice ignavia, dovesse incrociare la strada dei due ladri di tombe. Fedeli a un solo desiderio – raggiungere l’Egitto per depredare le necropoli dei faraoni – Manfried ed Hegel, oltre che ladri, sono anche assassini senza scrupoli. I protagonisti di un viaggio che, in un romanzo in bilico tra il folklore dei fratelli Grimm e la vena dissacrante di Quentin Tarantino, saprà parlare di fattucchiere passionali e di morti viventi, di crociate e di eresie, di mostri assetati di sangue e di preti reietti. Un medioevo spaventoso ma vivo, in grado di trascinare il lettore in una storia dove i colpi di scena rappresentano la regola e i lati oscuri delle antiche leggende escono dai libri per impossessarsi della realtà.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Castelvecchi

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788876154348

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Nel quattordicesimo secolo imperversa la peste e l’Europa è in ginocchio.

Le città sono deserte, i sentieri insicuri, gli uomini sono crudeli e vivacchiano senza scrupoli.

In questo clima oscuro due gemelli, ladri e assassini, sopravvivono saccheggiando tombe. Ma sognano l’Egitto, dove sperano di trovare un tesoro in qualche sepolcro ancora da scoprire.

Li seguiamo in fuga dalle atrocità che seminano e ci inoltriamo nel bosco più folto delle nostre fantasie, che ricorda le favole che ascoltammo da bambini, ma ben poco ha di infantile. Mescola i nostri ricordi in un groviglio buio, dove persino il sangue che sgorga copioso è nero.

Il mondo è pieno di case stregate e personaggi fantastici dai tratti bestiali, orribili e descritti con minuzia. I fratelli Grossbart non sono da meno, anche se all’apparenza potrebbero sembrare normali. Appartengono a questo universo con una morale tutta personale, così come lo è il loro linguaggio segreto, usato in caso di necessità.

Sono devoti alla Vergine, e rubano in suo nome. Hanno una religione  particolare: sono ossessionati dalla ricerca di cimiteri, che li rende sensibili alla vista di chiese e campanili, senza alcuna liturgia. Maria è la loro donna angelicata, l’unica donna positiva che compare nel romanzo, meno affascinante rispetto alle streghe e alle perfide sirene che si incontrano lungo il tragitto.

Questi paradossi e l’assenza di speranza appartengono al più intimo spirito medievale, che l’autore trasfonde magistralmente. Ma il Medioevo si trasfigura e diventa straordinariamente moderno; si adatta, proprio come una veste, alla nostra sensibilità. Perché solo così può raggiungere il nostro animo, diverso da chi ascoltava i cantori di un tempo.

Siamo scossi dalla ferocia amorale e dalla mancanza di pietà, che è caricata proprio per adattarsi alla nostra percezione del male e per stupirci, impresa sempre più ardua.

Sono tempi tristi quelli in cui annientare il male incarnato, mandato direttamente dal diavolo a eseguire la sua iniquità, è meno categorico dell’investigare su chiacchiere di eresia, quando i giusti non possono neppure vivere nella loro città.[…] La cura delle anime è stata soppiantata dal desiderio di potere…

Si ha l’impressione che l’autore intenda qualcosa di più rispetto alla pestilenza che colpì il mondo in quel tempo, e questa atmosfera ci aiuta comprendere un po’ di più quello in cui viviamo.

È senza dubbio il maligno a trionfare e viene descritto in modo mirabile, senza alcuna reticenza. Ma è condito di ironia e riesce anche a divertire, come nella conclusione imprevedibile e nella continua allusione alle barbe, da cui deriva il nome dei protagonisti, che vuol dire “Dalle grosse barbe”. La barba è simbolo di valenza in un mondo di “grandi barboni”.

Per la nostra morale dominante è proprio un ironico valore al contrario!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jesse

Bullington

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bullington Jesse


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questo saggio nasce dalla passione dell'autrice per la psicoanalisi e per il canto, ed esplora la voce nel suo valore di legame sociale, di capacità inventiva e sublimatoria. È uno sguardo attento sulla voce mentre fa arte, in un'epoca, quella attuale, controversa e per molti cospetti anestetica, cioè sfavorevole all'estetica e alla sensibilità. All'interno di un discorso dominante in cui "la sicurezza è il bene supremo e l'unica audacia ammessa è quella del consumo", cantare può divenire un modo per affermare la propria unicità e contrastare la spinta all'omologazione del mondo contemporaneo. Come si manifesta nel canto la dimensione pulsionale che contraddistingue ogni atto creativo? In che senso un corpo che dà voce è metaforicamente femminile? Qual è il rapporto tra canto e godimento? A queste e altre domande il volume risponde spaziando dalle "voci narcise" a quelle sperimentali, da Tom Waits a Demetrio Stratos a Mina, dai castrati alla death voice (nata nell'universo heavy metal), dalle diplofonie al rumore bianco, al silenzio. Non mancano una rivisitazione del mito di Orfeo e l'esame coraggioso di tematiche quali la dislessia e le voci stonate, la relazione tra canto e anoressia, il vissuto del cambio della voce negli adolescenti, le voci trans.

Voci smarrite

Pigozzi Laura

Denny ha solo sette anni, una madre tossica, un padre folle e alcolizzato, dei compagni di scuola che lo maltrattano e lo considerano pazzo. Quando è solo, per vincere il terrore inventa filastrocche inquietanti. Ha un unico amico, che si fa chiamare Uomo dei Sogni: è un vecchio crudele, trasandato, con un bastone in mano. Se qualcuno fa del male a Denny, l'Uomo dei Sogni non perdona. Arriva e vendica. Pietro di anni ne ha quattordici. È un autistico geniale col dono del disegno. Unico testimone oculare delle aberranti sparizioni di alcuni ragazzini, Pietro fa la sola cosa che gli riesce in modo esemplare: disegna ciò che ha visto. E ciò che ha visto è agghiacciante. Nessuno gli crede, nessuno tranne la sua educatrice professionale. Alice: quei disegni le tolgono il sonno e la precipitano nell'incubo, le ricordano qualcosa che molti anni prima aveva cercato di rimuovere... Ma ora il passato ritorna e travolge. E deve essere fermato.

IL DIVORATORE

Ghinelli Lorenza

Un romanzo costruito di racconti concentrici, un puzzle le cui tessere sono sguardi diversi sulla stessa storia. Una donna ancora giovane, con una figlia bambina e una adolescente, una donna ancora bella e baciata dalla grazia di una eccezionale sensibilità creativa, si ritrova prigioniera della stessa prigione che si è chiusa attorno al corpo di suo marito, Pietro, anche lui giovane ancora bello, ancora forte, ridotto dalle conseguenze di un incidente a vegetare muto e inconsapevole, paralizzato e totalmente dipendente, senza potere vivere, senza poter morire. Si chiama Miriam, la donna. Corteggiata, amata. A quattro anni dalla tragedia si trova in bilico fra la voglia di ribellarsi al dolore e il bisogno di sacrificargli tutte le sue possibilità, tutto il suo possibile futuro, come a un Dio Minore da placare. Certa che non riceverà niente in cambio. Attorno a Miriam e alle sue oscillazioni “gli altri”: ciascuno a suo modo colpito e modificato, colpito e atterrito, colpito e affondato. Da lei, Miriam, da lui, Pietro. Gli altri: la bambina, la ragazza, l’uomo ancora giovane, l’uomo più vecchio. tutti a confrontarsi con se stessi e con Miriam, con Miriam e con Pietro, come ci si confronta, consapevoli o no, continuamente, con la morte e con l’amore.

MIRIAM E LA GEOMETRIA

Grosso Luisa

Un uomo misterioso, scrittore di gialli di scarso successo, 65 anni, sapendo di non avere molto da vivere a causa di un cancro ai polmoni, decide che come ultimo atto della sua esistenza compirà un gesto spettacolare che tramanderà la sua memoria ai posteri: un omicidio perfetto. Non uno soltanto, tre. Ucciderà tre donne diverse, già individuate, accomunate dal fatto di avere i capelli rossi. L'assassino ha intenzione di mettere per iscritto dettagliatamente il suo operato e di avvertire via lettera le tre donne della loro sorte imminente per vedere come si comporteranno. L'uomo, servendosi della favola di Cappuccetto Rosso nella sua versione originale e cruenta, avverte le tre donne che il lupo cattivo è sulle loro tracce e che le ucciderà, senza specificare quando, come o dove. Nel momento in cui arrivano le lettere con l'annuncio di morte le tre donne reagiscono in modi diversi. L'uomo non vuole soltanto uccidere, vuole fare una ricerca e una riflessione approfondita sul periodo che precederà la morte. La sfida che si trova di fronte è cercare di aggirare e superare tutti i mezzi e modi in cui le sue tre vittime tenteranno di salvarsi da lui, per questo dovrà avvicinarsi a loro mantenendo il suo anonimato, per prevenire le loro mosse. Nessuno ha mai tentato prima un'operazione simile: tre vittime diverse, in tre luoghi diversi, destinate a tre morti diverse, tutte nello stesso giorno a poche ore di distanza l'una dall'altra. Ma anche il lupo cattivo può sottovalutare...

Un finale perfetto

Katzenbach John