Narrativa

La bella estate

Pavese Cesare

Descrizione: Scritto nel 1940, questo racconto, ora riproposto da solo, venne pubblicato solo nel 1949, nel volume dal titolo omonimo che comprendeva "Il diavolo sulle colline" e "Tra donne sole". È la storia di Ginia e, più in generale, della scoperta della vita da parte di un'adolescente. Dall'ambiente operaio al quale appartiene, Ginia entra in contatto con alcuni esponenti di una bohème pseudo-artistica e intellettuale: studenti, eccentrici perdigiorno e pittori dilettanti, che si incontrano nei caffè e abitano nelle soffitte. La ragazza si innamora di Guido, un pittore di origine contadina e, dopo aver vinto le resistenze interiori e i rimorsi residui, si lascia alla fine sedurre. È l'inizio della sua dolorosa maturazione come donna.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Einaudi tascabili. Scrittori

Anno: 2015

ISBN: 9788806227623

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Con La bella estate, romanzo pubblicato nel 1949, Cesare Pavese risulterà essere il vincitore dell’edizione del “Premio Strega” del 1950. Nello stesso anno l’autore morirà suicida in una camera d’albergo a Torino. Si tratta di uno dei tre racconti che dà il titolo all’omonima trilogia, nei quali il filo conduttore è rappresentato dal tema dell’innocenza perduta, del passaggio all’età adulta. Nella bella estate la protagonista è l’adolescente Ginia, desiderosa di potere finalmente vivere la propria femminilità diventando una vera donna, proprio come è già successo ad alcune sue amiche. Grazie all’amicizia con Amelia, giovane e squattrinata ragazza che riesce a sopravvivere posando come modella per diversi pittori e concedendosi liberamente ad artisti e uomini, Ginia sarà anch’essa iniziata al mondo degli adulti. L’incontro con il pittore Guido e la forte attrazione che prova nei suoi confronti le permetteranno di sperimentare quelle sensazioni che il suo corpo da adolescente sembra desiderare ardentemente. Questa passione risulta tuttavia contrastata, controbilanciata da una certa pudicizia, tanto da farla esitare nello spogliarsi davanti a Guido.

Pavese propone al lettore il momento della transizione verso l’età adulta attraverso l’immagine della “tenda” dello studio di Guido, che rappresenta la sfida dell’andare oltre, il coraggio di superare le inibizioni e vivere la propria sessualità. Ma la tenda è anche “il luogo” del voyeurismo di Rodrigues (l’amico-artista di Guido), che nascosto dalla cortina spia la nudità di Ginia per poi palesarsi all’improvviso davanti a lei, decretando la fine dell’illusione e smascherando così il crudele gioco di Guido che assurge al ruolo di maschio seduttore senza scrupoli. Egli infatti non esita a etichettare il comportamento timido e pudico di Ginia, che cerca di celare la propria nudità, liquidandola davanti a Rodrigues e Amelia con uno sprezzante “Lasciala stare…è una scema”. Ginia a questo punto appare nella sua sconfitta, conscia di essere stata usata e tradita dalla persona che amava (“Era lei che aveva voluto voluto fare la donna e non c’era riuscita”). La fine dell’amore è anche la fine de La bella estate, la stagione del cuore e della vita piena di aspettative (“A quei tempi era sempre festa”) non soddisfatte, che troppo spesso conduce alle disillusioni, ma che comunque rappresenta un momento di crescita nella formazione dell’individuo.

Il sito della Fondazione Cesare Pavese

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cesare

Pavese

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pavese Cesare


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ernesto Cervicati si è sempre occupato di zia Antonia. L'ha tenuta in casa finché lei - ormai anziana - non ha preferito trasferirsi nella Casa di Riposo di Bellano, un po' per non gravare troppo sul nipote, un po' per pudore. Antonio, fratello di Ernesto, della zia non ne ha mai voluto sapere, impegnato com'è con sua moglie Augusta, vogliosa e ossigenata. Finché un giorno Antonio non decide che è venuto il momento di occuparsi dell'anziana parente. Certo, non è ricca, ma si può sempre sperare in qualche briciola di eredità...

ZIA ANTONIA SAPEVA DI MENTA

Vitali Andrea

Celestial e Roy sono l’incarnazione del sogno americano: lui, pur provenendo da una famiglia della classe operaia della Louisiana, è riuscito a frequentare il college e ritagliarsi un posto nella società come dirigente, lei è una promettente artista emergente. Sposati da appena diciotto mesi, hanno una splendida casa ad Atlanta e stanno cercando di avere un figlio. Durante una visita ai genitori di Roy, la giovane coppia pernotta in un hotel. Dopo un litigio di poco conto, Roy esce dalla stanza per prendere del ghiaccio. Nella hall dell’albergo incontra una donna con un braccio fasciato, che gli chiede una mano per risolvere un problema con il condizionatore della propria stanza. Dopo aver scambiato quattro chiacchiere con la sconosciuta, Roy torna da Celestial, si riappacificano e si addormentano. All’alba vengono svegliati dalla polizia che butta giù la porta della stanza e arresta Roy con l’accusa di stupro. Ad additarlo come il proprio aggressore è la donna a cui ha prestato aiuto la sera precedente. La donna è bianca, Roy e Celestial sono afro-americani. Roy viene condannato a dodici anni per un crimine che non ha commesso, solo e unicamente in virtù del colore della sua pelle e del pregiudizio che ne consegue. Benché fieramente indipendente, Celestial si ritrova all’improvviso sola, povera e disarmata, trovando conforto in André, un amico d’infanzia da sempre innamorato di lei. Dopo cinque anni di carcere, la condanna di Roy viene commutata e lui si ritrova libero, pronto a tornare ad Atlanta e a riprendere in mano la propria vita, inconsapevole dei cambiamenti avvenuti negli anni della sua detenzione.

Un matrimonio americano

Jones Tayari

Le nostre conoscenze sull’umano, sulla vita, sull’universo, sono in piena espansione. Sono anche separate e disperse. Come legarle fra loro? Come affrontare problemi che sono nello stesso tempo complessi e vitali? La risposta di Edgar Morin è luminosa di intelligenza e accessibile a tutti. L’autore ci invita a “pensare globale”, cioè a considerare l’umanità nella sua natura “trinitaria”, poiché ciascuno è nello stesso tempo un individuo, un essere sociale e una parte della specie umana. L’umanità è trascinata nella corsa sfrenata della mondializzazione: la riflessione di Morin ci propone di scrutare il suo futuro senza cedere alla facilità dei luoghi comuni né alle ingiunzioni dell’attualità.

Sette lezioni sul pensiero globale

Morin Edgar

Il mercante di Venezia

Shakespeare William