Narrativa

La bella estate

Pavese Cesare

Descrizione: Scritto nel 1940, questo racconto, ora riproposto da solo, venne pubblicato solo nel 1949, nel volume dal titolo omonimo che comprendeva "Il diavolo sulle colline" e "Tra donne sole". È la storia di Ginia e, più in generale, della scoperta della vita da parte di un'adolescente. Dall'ambiente operaio al quale appartiene, Ginia entra in contatto con alcuni esponenti di una bohème pseudo-artistica e intellettuale: studenti, eccentrici perdigiorno e pittori dilettanti, che si incontrano nei caffè e abitano nelle soffitte. La ragazza si innamora di Guido, un pittore di origine contadina e, dopo aver vinto le resistenze interiori e i rimorsi residui, si lascia alla fine sedurre. È l'inizio della sua dolorosa maturazione come donna.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Einaudi tascabili. Scrittori

Anno: 2015

ISBN: 9788806227623

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Con La bella estate, romanzo pubblicato nel 1949, Cesare Pavese risulterà essere il vincitore dell’edizione del “Premio Strega” del 1950. Nello stesso anno l’autore morirà suicida in una camera d’albergo a Torino. Si tratta di uno dei tre racconti che dà il titolo all’omonima trilogia, nei quali il filo conduttore è rappresentato dal tema dell’innocenza perduta, del passaggio all’età adulta. Nella bella estate la protagonista è l’adolescente Ginia, desiderosa di potere finalmente vivere la propria femminilità diventando una vera donna, proprio come è già successo ad alcune sue amiche. Grazie all’amicizia con Amelia, giovane e squattrinata ragazza che riesce a sopravvivere posando come modella per diversi pittori e concedendosi liberamente ad artisti e uomini, Ginia sarà anch’essa iniziata al mondo degli adulti. L’incontro con il pittore Guido e la forte attrazione che prova nei suoi confronti le permetteranno di sperimentare quelle sensazioni che il suo corpo da adolescente sembra desiderare ardentemente. Questa passione risulta tuttavia contrastata, controbilanciata da una certa pudicizia, tanto da farla esitare nello spogliarsi davanti a Guido.

Pavese propone al lettore il momento della transizione verso l’età adulta attraverso l’immagine della “tenda” dello studio di Guido, che rappresenta la sfida dell’andare oltre, il coraggio di superare le inibizioni e vivere la propria sessualità. Ma la tenda è anche “il luogo” del voyeurismo di Rodrigues (l’amico-artista di Guido), che nascosto dalla cortina spia la nudità di Ginia per poi palesarsi all’improvviso davanti a lei, decretando la fine dell’illusione e smascherando così il crudele gioco di Guido che assurge al ruolo di maschio seduttore senza scrupoli. Egli infatti non esita a etichettare il comportamento timido e pudico di Ginia, che cerca di celare la propria nudità, liquidandola davanti a Rodrigues e Amelia con uno sprezzante “Lasciala stare…è una scema”. Ginia a questo punto appare nella sua sconfitta, conscia di essere stata usata e tradita dalla persona che amava (“Era lei che aveva voluto voluto fare la donna e non c’era riuscita”). La fine dell’amore è anche la fine de La bella estate, la stagione del cuore e della vita piena di aspettative (“A quei tempi era sempre festa”) non soddisfatte, che troppo spesso conduce alle disillusioni, ma che comunque rappresenta un momento di crescita nella formazione dell’individuo.

Il sito della Fondazione Cesare Pavese

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cesare

Pavese

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pavese Cesare


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

GENTE DI DUBLINO – di James Joyce

1311. In missione segreta per conto dell'imperatore, Dante fa il suo ingresso a Venezia, una città umida e inospitale, che lui detesta. Non ha intenzione di trattenersi a lungo, ma poi viene fermato da un uomo che sembra sapere molte cose su di lui e soprattutto sull'opera che sta scrivendo, l'Inferno, e che lo invita alla riunione di una setta in possesso di una reliquia straordinaria: la Sindone del diavolo. Così, quando alcune persone vengono trovate morte in circostanze misteriose, il poeta capisce che a Venezia sta accadendo qualcosa di molto strano. Qualcosa su cui è necessario indagare...

La sindone del diavolo

Leoni Giulio

Nella luce di un giugno radioso e sfacciato, Viola sente crescere il vuoto delle sue giornate. Ha quarantatré anni, e per metà della vita è stata moglie devota di un acclamato direttore d’orchestra e madre di una figlia avuta da giovanissima. Nient’altro, nessuna concessione a se stessa, nessun inciampo, nemmeno ora che, con la morte improvvisa del marito e una figlia ormai adulta, le sue giornate sono scandite dalla solitudine. Il pomeriggio del solstizio d’estate, durante un concerto in memoria del marito, Viola conosce un uomo e qualcosa accade dentro di lei: una breccia nel muro, un’infiltrazione d’acqua nelle crepe, un punto di sutura che si dissolve. Mentre nel chiostro assolato risuonano le note di Bach, un’impacciata Viola in abito da cocktail, il filo di perle al collo e i capelli raccolti, lascia il concerto e fugge in macchina con lui. La tentazione è quella di abbandonarsi, di lasciarsi portare dalla corrente, ma l’autocontrollo è la disciplina in cui Viola eccelle e quello che sta succedendo non è solo sconveniente: è assurdo. Eppure è tardi per tornare indietro, perché il viaggio è iniziato, e con quell’uomo lei sta andando esattamente dove desiderava da tempo: lontano. Lontano da tutto per avvicinarsi alla sua verità, semplice e scandalosa.

IL TEMPO TAGLIATO

Longo Silvia

Per il detesctive Harry Bosch della polizia di Los Angeles un caso irrisolto è una ferita aperta. Per questo, quando sulle colline intorno a Hollywood raffiorono le ossa di un bambino, ucciso brutalmente venti anni prima, Bosch sente di dover scoprire l'assassino a ogni costo. Con un'indagine difficile, che porta alla luce storie sepolte da tempo, Bosch riesce a scoprire l'identità del bambino e a ricostruire la vita spezzata. Sfidando l'indifferenza della polizia, già pronta ad archiviare il caso e lottando contro i fantasmi che quella vicenda suscita in lui, Bosch annaspa tra indizi contraddittori, finché, in un crescendo di colpi di scena, la verità viene a galla. In tutto il suo inimmaginabile orrore.

LA CITTA’ DELLE OSSA

Connelly Michael