Narrativa

La bella estate

Pavese Cesare

Descrizione: Scritto nel 1940, questo racconto, ora riproposto da solo, venne pubblicato solo nel 1949, nel volume dal titolo omonimo che comprendeva "Il diavolo sulle colline" e "Tra donne sole". È la storia di Ginia e, più in generale, della scoperta della vita da parte di un'adolescente. Dall'ambiente operaio al quale appartiene, Ginia entra in contatto con alcuni esponenti di una bohème pseudo-artistica e intellettuale: studenti, eccentrici perdigiorno e pittori dilettanti, che si incontrano nei caffè e abitano nelle soffitte. La ragazza si innamora di Guido, un pittore di origine contadina e, dopo aver vinto le resistenze interiori e i rimorsi residui, si lascia alla fine sedurre. È l'inizio della sua dolorosa maturazione come donna.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Einaudi tascabili. Scrittori

Anno: 2015

ISBN: 9788806227623

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Con La bella estate, romanzo pubblicato nel 1949, Cesare Pavese risulterà essere il vincitore dell’edizione del “Premio Strega” del 1950. Nello stesso anno l’autore morirà suicida in una camera d’albergo a Torino. Si tratta di uno dei tre racconti che dà il titolo all’omonima trilogia, nei quali il filo conduttore è rappresentato dal tema dell’innocenza perduta, del passaggio all’età adulta. Nella bella estate la protagonista è l’adolescente Ginia, desiderosa di potere finalmente vivere la propria femminilità diventando una vera donna, proprio come è già successo ad alcune sue amiche. Grazie all’amicizia con Amelia, giovane e squattrinata ragazza che riesce a sopravvivere posando come modella per diversi pittori e concedendosi liberamente ad artisti e uomini, Ginia sarà anch’essa iniziata al mondo degli adulti. L’incontro con il pittore Guido e la forte attrazione che prova nei suoi confronti le permetteranno di sperimentare quelle sensazioni che il suo corpo da adolescente sembra desiderare ardentemente. Questa passione risulta tuttavia contrastata, controbilanciata da una certa pudicizia, tanto da farla esitare nello spogliarsi davanti a Guido.

Pavese propone al lettore il momento della transizione verso l’età adulta attraverso l’immagine della “tenda” dello studio di Guido, che rappresenta la sfida dell’andare oltre, il coraggio di superare le inibizioni e vivere la propria sessualità. Ma la tenda è anche “il luogo” del voyeurismo di Rodrigues (l’amico-artista di Guido), che nascosto dalla cortina spia la nudità di Ginia per poi palesarsi all’improvviso davanti a lei, decretando la fine dell’illusione e smascherando così il crudele gioco di Guido che assurge al ruolo di maschio seduttore senza scrupoli. Egli infatti non esita a etichettare il comportamento timido e pudico di Ginia, che cerca di celare la propria nudità, liquidandola davanti a Rodrigues e Amelia con uno sprezzante “Lasciala stare…è una scema”. Ginia a questo punto appare nella sua sconfitta, conscia di essere stata usata e tradita dalla persona che amava (“Era lei che aveva voluto voluto fare la donna e non c’era riuscita”). La fine dell’amore è anche la fine de La bella estate, la stagione del cuore e della vita piena di aspettative (“A quei tempi era sempre festa”) non soddisfatte, che troppo spesso conduce alle disillusioni, ma che comunque rappresenta un momento di crescita nella formazione dell’individuo.

Il sito della Fondazione Cesare Pavese

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cesare

Pavese

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pavese Cesare


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Laura è giovane, bella e molto amata. Ha sposato un famoso scrittore che la venera, lei stessa scrive, va a teatro, è un’esperta storica dell’arte. E’ capace di concedersi emozioni intense con altri uomini, senza farsi travolgere dal senso di colpa. E’ generosa di sé e delle proprie ricchezze. Ma, in certi momenti, su di lei cala un cono d’ombra. “Ho il ghibli” dice, secondo l’immagine evocata da uno dei suoi amanti: perché davvero è come se si alzasse nel suo cuore il temibile vento del deserto, che la prostra e la costringe a giorni di reclusione durante i quali nessuno deve azzardarsi a toccarla. Poi torna la bonaccia, e Laura è di nuovo la donna volubile ma anche luminosa che tutti ammirano. Fino a che, una notte, Laura scompare. Incontrando chi l’ha conosciuta, presto il commissario Maurizi – incaricato delle indagini sulla sua sparizione – capirà che di Laura, come di una divinità antica, ognuno ricorda un volto diverso. Al primo sguardo sembra una donna facile, che non vuole perdere una sola occasione. E invece le tracce che portano a lei sono quelle invisibili lasciate dalle domande che si è posta senza tregua, dalla tensione bruciante nascosta in ogni suo gesto. Proprio come nel movimento dei corpi al centro dell’affresco del Beato Angelico che Laura stessa aveva saputo interpretare con una intuizione straordinaria, quello dedicato alle parole che Gesù dice a Maria Maddalena dopo essere risorto: Noli me tangere, Non toccarmi…

Noli me tangere

Camilleri Andrea

Il giorno perfetto è quello in cui Camilla compie sette anni, Zero fa esplodere la prima bomba in un McDonald's, Emma perde il lavoro, Kevin le mutande, Elio recita il discorso sbagliato al suo comizio elettorale, Valentina fa un piercing all'ombelico, Maja trova la casa dei suoi sogni, Sasha festeggia l'anniversario dei dieci anni con l'amante, Antonio vede la moglie per l'ultima volta e qualcuno carica con 7 colpi +1 la sua pistola. Vittime e assassini si aggirano nella stessa città - una Roma caotica e magnifica -, a volte le loro strade si incrociano, a volte no. Ma questo non è un giallo. I ruoli non sono stabiliti. Perché anche un minimo gesto, una sola parola, potrebbe deviare la traiettoria, e la trama, e trasformare il finale.

Un giorno perfetto

Mazzucco Melania G.

Quando è giusto distribuire traduzioni non autorizzate?

MALAMORE

De Gregorio Concita