Letteratura svedese

La biblioteca dell’anatomista

Brekke Jørgen

Descrizione: Bergen, 1528. Ha fatto un lungo viaggio, ma alla fine è riuscito a trovare la sua vittima. Il monaco è pronto a vendicarsi... Trondheim, oggi. Gunn Brita Dahle viene trovata morta nella biblioteca dell'università, nel deposito in cui si conservano i volumi più preziosi. L'assassino l'ha scuoiata e le ha tagliato la testa. E ha rubato il Libro di Johannes, un antico trattato di anatomia risalente ai primi del Cinquecento. Un trattato che da secoli è considerato maledetto.

Categoria: Letteratura svedese

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2012

ISBN: 9788842918868

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

“Non ci sono mostri sotto il letto.

Tenta di mantenere una respirazione lenta, di restare assolutamente immobile. Non deve produrre nemmeno un suono. Forse, così, quella persona infuriata non lo troverà, forse si volterà e se ne andrà. Ma è questo che lui vuole? Se quella figura se ne va, porterà con sé la mamma.”

Un omicidio atroce viene commesso a Richmond, in Virginia. Ad essere brutalmente ucciso è il curatore dell’Edgar Allan Poe Museum. A distanza di pochi giorni, ha luogo un altro efferato delitto, con le stesse modalità, nella biblioteca di Trondheim, in Norvegia. Le indagini, condotte indipendentemente nei due paesi, conducono ad un antico libro, un trattato di anatomia scritto nel XVI secolo in Norvegia, scomparso dalla biblioteca di Trondheim negli stessi giorni dell’omicidio. Un alone di mistero circonda questo libro, patrimonio nazionale norvegese, trovato in un casale fuori dalla città e collegato ad una maledizione che avrebbe colpito se fosse stato portato altrove.

Solo in un secondo momento la polizia americana, ed in particolare la detective Felicia Stone, e quella norvegese, con l’ispettore Odd Singsaker, inizieranno a collaborare, spostando le indagini in Norvegia, dove si troveranno a districarsi tra i vari sospettati, tra i quali Jon Vatten, già indagato alcuni anni prima per la scomparsa della moglie e del figlio, ma mai condannato per assenza di prove e per l’esistenza di un traballante alibi. Proprio su di lui la polizia norvegese aveva inizialmente indirizzato le indagini, per poi espanderle dopo aver appreso dell’omicidio negli Stati Uniti e dei nuovi elementi emersi da questo.

Ottima la caratterizzazione dei personaggi principali, presentati con cura al lettore, anche se alcuni risultano forse un po’ forzati, così come è ottima l’ambientazione delle storie.

L’autore, al suo esordio letterario con il quale si aggiudica il Premio Norli, alterna la narrazione delle indagini nei due paesi alla storia del frate Johannes, autore del libro maledetto, vissuto nel XVI secolo tra Italia e Norvegia.

L’organizzazione del libro ricorda molto i recenti successi di Glenn Cooper.  Jørgen Brekke, come l’ormai celebre collega americano, alterna i capitoli con fluidità tra i vari periodi storici coinvolti. La narrazione riesce a catturare l’attenzione del lettore e non risulta per nulla appesantita dalla complessa struttura del romanzo.

Si tratta di un buon esordio, un thriller che segue la scia positiva di altri autori scandinavi (pur con caratteristiche assai diverse), che mi sento di poter consigliare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jørgen

Brekke

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brekke Jørgen

C.U.B.A.M.S.C. Con Una Bomba A Mano Sul Cuore – di Marco Cubeddu

Una donna, Trudy, suo marito John Cairncross, editore e poeta, e l'amante di lei, Claude, agente immobiliare senza troppi scrupoli. Un triangolo destinato a concludersi nel sangue quando Trudy e Claude decidono di uccidere John, per impadronirsi della sua prestigiosa e decadente casa di famiglia. L'unico testimone del loro crimine è il narratore della storia, il bambino che Trudy sta per mettere al mondo; che non può vedere eppure è in grado di sentire ogni cosa. Attraverso le sue sensazioni, le sue ipotesi e i suoi dubbi scopriamo che Claude è il fratello di John; comprendiamo i dettagli del delitto e soprattutto i passi falsi dei due complici. Perché anche il crimine che sembra perfetto rivela qualche crepa. E sarà proprio quel testimone improbabile che, come un detective o un novello Amleto, si farà giustizia facendo emergere il dettaglio che incastra gli assassini.

Nel guscio

McEwan Ian

L'8 febbraio del 1989 un aereo partito da Bergamo, con 144 persone a bordo, si schianta su una montagna delle isole Azzorre. Una bambina di sei anni perde il padre nel disastro. Venticinque anni dopo la stessa bambina decide di partire per l'arcipelago portoghese. "Azzorre "è il viaggio di quella bambina ormai donna. Un viaggio fatto di persone e luoghi, di testimonianze, ricordi, reticenze, incontri fortuiti e voluti; un viaggio privo di compatimenti, intrapreso nella speranza che possa esistere una verità di altra sostanza, a suo modo liberatoria.

Azzorre

Giampaoli Cecilia

Milo Molteni è un pubblicitario e insieme all’amico Pietro Carminati ha aperto «La Moca», un’agenzia che sforna idee, slogan e campagne pubblicitarie per aziende. Soffre di insonnia, che lui chiama «la mia signora e tiranna» e si è separato dalla compagna Elisa con la quale non è riuscito ad avere un figlio. Tutto cambia quando una notte, alle quattro e sette minuti, i coniugi Mattei, i due anziani inquilini che vivono nell’appartamento sopra il suo, muoiono. Avvelenamento da funghi. Il figlio Gianluca, sconvolto, vuole liberarsi in fretta della casa e quando incrocia Milo il mattino seguente gli confida che i due anziani genitori avevano sempre desiderato vendere il loro appartamento a lui, che negli anni era stato così gentile e affettuoso. Nonostante le cose non stiano esattamente come Gianluca le ha percepite, secondo Milo i due vecchi non erano delle belle persone e l’età da sola non poteva bastare ad assolvere dalla meschinità o dall’idiozia, accetta di buon grado. Nel giro di pochi giorni fa sgombrare l’appartamento ed è proprio in quel momento, mentre i ragazzi di una onlus stanno portando via i mobili dei Mattei, che Milo scopre una seconda porta, nascosta nello sgabuzzino. Una porta che conduce a delle scale e poi giù, verso il cortile. Che senso ha? Perché qualcuno avrebbe dovuto tenere aperto quell’accesso? Quella stessa notte, Milo sente dei passi e dei rumori provenienti dal piano di sopra che non fanno presagire nulla di buono. Che qualcuno possa essere entrato proprio da quella porta? Quando decide di andare a controllare di persona, la sua vita cambia. C’è una persona che dorme sul materasso, l’unica cosa lasciata lì dopo lo sgombero. Milo Molteni non sa ancora quanto l’incontro con Adam, il bellissimo ragazzino migrante che ha preso possesso momentaneo del suo piccolo appartamento, gli cambierà la vita.

La seconda porta

Montanari Raul