Romanzo storico

La biblioteca segreta di Leonardo

Fioretti Francesco

Descrizione: 1498, Milano. Leonardo da Vinci aveva atteso con ansia quel primo incontro con Frate Luca Pacioli, allievo di Piero della Francesca e illustre matematico. Entrato nella cella del frate nel monastero francescano, nell’attesa che questi arrivi, Leonardo si sofferma su un dipinto che ritrae lo studioso. Un insieme di allegorie e di richiami alla geometria euclidea che lo colpisce infinitamente, di certo era stato il frate a scegliere ogni dettaglio. Per Leonardo, da sempre interessato a ogni branca del sapere, la matematica, il cui studio gli è stato precluso, rimaneva la regina di ogni scienza. Dal francescano avrebbe finalmente potuto apprendere quel sapere. L’incontro tra i due uomini, però, è funestato dalla morte del vicino di cella di Pacioli, un sedicente frate, in realtà un ladro, reo di aver trafugato degli antichi testi bizantini giunti in Italia in seguito alla rovinosa crociata condotta da Sigismondo Malatesta. Quei volumi sono di grandissimo interesse anche per Leonardo e Pacioli. Insieme, da Milano a Mantova, da Firenze a Urbino, attraversando un’Italia ormai al tramonto della felice epoca pacifica e indipendente, i due si metteranno sulle tracce dell’assassino e Leonardo scoprirà il misterioso enigma nascosto nel quadro che raffigura Pacioli.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788856665833

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La biblioteca segreta di Leonardo di Francesco Fioretti è un romanzo che trae spunto dalla filosofia del grande artista fiorentino (“La quinta essenza… desidera sempre ritornare al suo mandatario… E l’omo è modello del mondo”) e dalla sua attitudine a cifrare le sue opere attraverso simboli (“Lo chiamano eicosiexaedron, che vuol dire di ventisei facce… 18 quadrati e 8 triangoli equilateri, le tre sezioni mediane… sono ottagonali. L’otto e l’ottagono… sono simboli d’eternità, di resurrezione o di nuova creazione…”) e scrittura speculare.

Leonardo si trova a Milano, alla corte di Ludovico il Moro (“Doveva produrre il più gigantesco monumento equestre che fosse mai stato realizzato”). Nel suo laboratorio ha un garzone ladro e bugiardo (“Gian Giacomo, il suo garzone di quindici anni, che però lui chiamava Salaì, col nome di un diavolo del Morgante di Pulci”), che ben conosce le caratteristiche del maestro (“Quella mania del suo maestro di smontare le cose, di aprirle, persino i morti… per capirne – o carpirne – il funzionamento) e il suo interesse per le scienze matematiche (“La divina proporzione… è quella che oggi chiamiamo sezione aurea”).

Mentre Leonardo attende ad affrescare l’Ultima cena ed è alla ricerca di modelli involontari (“Il volto del giovane soldato al seguito del capitano Giovanni Conte… aveva trovato finalmente il viso del Cristo per il suo Cenacolo!”), l’incontro con Fra Luca Pacioli, l’enigmatico omicidio di un presunto frate e l’anelito alla  conoscenza inducono l’artista a rintracciare preziosi libri antichi (“Devo ritrovare quei libri. Vi sono racchiusi i segreti della meccanica, i disegni delle macchine più sofisticate degli antichi alessandrini, gli ingegni e la teoria per costruirli, di cui dobbiamo di nuovo impadronirci”).

Su Milano incombe la minaccia francese (“Che Francesco Sforza, padre del Moro, per legittimare la propria ascesa al potere avesse sposato la figli dell’ultimo Visconti non cambiava le carte in tavola”): Leonardo saluta il Moro e Beatrice d’Este, lascia la premessa di un amore (“Era Cecilia Gallerani, la donna per cui il Moro aveva nutrito … una passione divorante. Era la dama che Leonardo aveva raffigurato… con un ermellino sul braccio, che in verità era un furetto”), decide di riparare a Mantova presso Isabella d’Este, poi a Venezia, Firenze e infine a Urbino, dove imperversa Cesare Borgia detto il Valentino e si nasconde la soluzione del mistero dei libri trafugati (“È certo che la combinazione per aprire il passaggio in biblioteca sia contenuta nel ritratto di frate Luca”).

Il romanzo s’impernia sul fascino della personalità e dell’arte di Leonardo. La trama è piuttosto macchinosa, dunque l’energia del giallo storico viene attenuata dall’intrico e dall’erudizione che caratterizzano la storia.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesco

Fioretti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fioretti Francesco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Uno dei più clamorosi successi letterari giapponesi di tutti i tempi è anche il libro più intimo, introspettivo di Murakami, che qui si stacca dalle atmosfere oniriche e surreali che lo hanno reso famoso, per esplorare il mondo in ombra dei sentimenti e della solitudine. Norwegian Wood è anche un grande romanzo sull'adolescenza, sul conflitto tra il desiderio di essere integrati nel mondo degli "altri" per entrare vittoriosi nella vita adulta e il bisogno irrinunciabile di essere se stessi, costi quel costi. Come il giovane Holden, Toru è continuamente assalito dal dubbio di aver sbagliato o poter sbagliare nelle sue scelte di vita e di amore, ma è anche guidato da un ostinato e personale senso della morale e da un'istintiva avversione per tutto ciò che sa di finto e costruito. Diviso tra due ragazze, Naoko e Midori, che lo attirano entrambe con forza irresistibile, Toru non può fare altro che decidere. O aspettare che la vita (e la morte) decidano per lui.

Norwegian Wood. Tokyo blues

Murakami Haruki

Sarajevo, 28 giugno 1914. Sei colpi di rivoltella freddano Francesco Ferdinando d’Asburgo e Sophie Chotek, sposa morganatica dell’erede di Francesco Giuseppe perché “non abbastanza nobile” per diventare imperatrice. In sette capitoli, corrispondenti ai giorni in cui si dipana la querelle fra l’opinione pubblica e Alfred di Montenuovo, incaricato di organizzare le esequie, Edgarda Ferri racconta le discussioni, i puntigli, i compromessi dell’inquietante Gran Ciambellano di Corte, che non riconosce Sophie come moglie legittima dell’erede al trono, arrivando a concederle soltanto un paio di misteriosi guanti bianchi posati sulla bara, poggiata a terra e lontana da quella del marito, issata su un enorme catafalco ornato dai simboli imperiali.

Guanti bianchi

Ferri Edgarda

Dopo il terribile inverno di Case Rosse, il commissario Roberto Serra ha lasciato l'Appennino emiliano per Termine, nel profondo Nord Est, sulle colline del Prosecco: quattro case, tre strade, una chiesa, un cimitero, e intorno solo vigneti, a perdita d'occhio. Lì, di sera, Roberto sfoga in incognito la sua passione per la cucina e per i vini nel piccolo ristorante ricavato nel chiostro di un antico monastero. Di giorno, invece, lavora nella questura della scintillante e perbenista Treviso. Una vita che scorre lenta, tra le sempre più rade visite della sua Alice e le sempre più frequenti chiacchierate con Susana, una bella sudamericana andata come lui a voltare pagina in quell'angolo di mondo. Sino a quando, un giorno d'inverno, il commissario non incontra Francesca, una ragazza eccentrica e disperata che cerca di convincerlo a occuparsi del caso di una giovane sparita nel nulla. Per quanto Roberto punti i piedi in nome della serenità ritrovata tra i vigneti di Termine - anche grazie ai farmaci che assume per non sprofondare nelle visioni angosciose che lo tormentano - davanti a lui si delinea una scia di scomparse misteriose: tutte donne, tutte giovanissime, tutte straniere. Invisibili per la procura, per la polizia, per la gente. Roberto non può più scappare. è costretto ad affrontare un'indagine che lo porterà a scrutare le acque nere dei laghi nascosti tra i vigneti, a scoprire che un passato irrisolto può allungare le sue dita fatali fino al nostro presente, a sondare gli abissi più oscuri della mente umana. Dormienza, pianto, allegagione, invaiatura... le fasi della vita delle vigne scandiscono la nuova indagine del commissario Serra, i cui occhi hanno la luce speciale di chi si sente, in ogni luogo, straniero - e proprio per questo vicino alla sofferenza delle vittime, alla disumanità dei carnefici. Con scrittura mobile, asciutta, a tratti intensamente poetica, Giuliano Pasini dà vita a un romanzo sull'amore e sull'odio, sul dolore e sulla redenzione. Un thriller -spumante, torbido e profumato- come un calice di Prosecco sur lie.

IO SONO LO STRANIERO

Pasini Giuliano

Una storia sul Risorgimento, dalle delusione del 1848 alla riscossa del '59, attraverso il dramma di un fervente cattolico modernista e di sua moglie, liberale e tiepida credente.

Piccolo mondo antico

Fogazzaro Antonio