Libri per ragazzi

LA BICICLETTA DI MIO PADRE

Roccheggiani Fabrizio

Descrizione: In occasione del giorno della memoria, un diario di ricordi sull'occupazione. Pagine di memoria da custodire e tramandare. Roma, 1943. I tedeschi occupano la “città aperta”. Il diario di un bambino tiene traccia di quei giorni terribili e degli anni che seguirono. I bombardamenti, i rastrellamenti, il papà partigiano e la Resistenza, la Liberazione e la lenta ripresa del dopoguerra vengono raccontati con un'impronta serena, senza polemiche, come solo un bambino potrebbe fare.

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Lapis

Collana:

Anno: 2009

ISBN: 9788878741171

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Il 25 aprile si celebra un importante anniversario, quello della Liberazione dell’Italia dall’occupazione nazista, al termine della seconda guerra mondiale.

Per ricordare ai più giovani questa fondamentale tappa della nostra storia, Lapis propone “La bicicletta di mio padre“. Il libro unisce la suggestione di un diario all’immediatezza delle illustrazioni e delle immagini fotografiche; il tutto è poi completato dagli approfondimenti storici della Prof.ssa Elvira Sabbatici Paladini, direttrice del Museo storico della Liberazione in Roma.

L’autore Fabrizio Roccheggiani racconta la sua storia ritornando bambino, un bambino nato in una notte magica, quella di San Lorenzo, in anno però difficile da vivere: nel 1942, infatti, è già in corso la guerra che vede l’Italia fiancheggiare la Germania di Hitler.

Dopo l’armistizio del 1943, con il quale cessano le ostilità con gli anglo-americani, comincia l’invasione tedesca del nostro paese. Molte famiglie offrono rifugio agli oppositori politici e riescono a creare una straordinaria rete di solidarietà (Resistenza civile o non armata), coadiuvando il fronte militare e i partigiani.

Perquisizioni, torture e sofferenze sono visti con gli occhi di un bambino, che riesce a scovare tra l’orrore generale spiragli di amicizia e di amore.

Gli allarmi notturni. Si accende il piccolo lume sul comodino accanto al letto dei miei genitori. Rumore attutito di coperte smosse e scalpiccio di piedi sul pavimento. Vengo vestito in fretta. C’è sempre una piccola valigia pronta per me con tutto l’occorrente per dei cambi d’abito, l’acqua, il latte in polvere. Solo per me“.

L’affiatamento che c’è tra di noi nasce dal continuo condividere l’abitudine ai rischi e alle privazioni. C’è sempre qualche spirito che ripete la stessa battuta: “Se gettano una bomba sul palazzo, facciamo la fine del topo”. Quando l’allarme termina si risalgono lentamente i gradini e ci si augura la buonanotte come a Natale, quando tutti tornano dalla messa di mezzanotte“.

L’amore ci protegge dalla paura, l’amore salva il cuore e i pensieri come la mano di mia madre che scivola certe volte davanti ai miei occhi per evitarmi le brutte visioni della realtà, per impedire che ritornino nei sogni“.

La violenza è solo intuita, il dolore mitigato dalla speranza. Ecco perché il breve libro di Roccheggiani rappresenta un valido spunto per parlare ai ragazzi di un’esperienza che ha segnato l’umanità intera, che andrebbe dimenticata per il carico di orrore e nefandezze che ha recato con sé ma, al tempo stesso, ricordata, per comprendere appieno ed evitare gli errori di un passato non così lontano.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fabrizio

Roccheggiani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Roccheggiani Fabrizio

1914. Il transatlantico Il Paradiso naviga verso il nuovo mondo. A bordo, tra i passeggeri di ogni rango sociale, stipata nella terza classe, spicca Aquilina per gli strani poteri di cui sembra essere dotata. Ma non è lei l'unico pensiero dell'integerrimo capitano Zocalo. Sul piroscafo, infatti, scoppia una improvvisa epidemia dalle cause sconosciute persino al medico di bordo, Nerio Ferrer. Inoltre, viene denunciata la scomparsa di un uomo che, dal racconto del suo accompagnatore, aveva fatto espressa richiesta di cenare al tavolo di Marie Verdier, una francese che viaggia in seconda classe con il marito. L'incontro tra il capitano e la francese si rivela potente almeno quanto la tempesta nella cui balìa cade la nave. Nessuno forse aveva colto il presagio di una traversata difficile in quei gabbiani agonizzanti schiantatisi sul ponte della nave durante il passaggio nello stretto di Gibilterra. Quando una cameriera mostrerà al capitano le piume nere disseminate nella cabina di Aquilina, il legame tra i suoi misteriosi poteri e quei fenomeni assumerà contorni inaspettati.

La passeggera

Frascati Daniela

Varsavia, 1940. Adam aveva nove anni ed era alto un metro e ventisei; misurare la sua altezza era uno dei passatempi con cui lui e lo zio ingannavano la monotonia della vita nel ghetto. È nel filo spinato che separa quell'isola dimenticata nel cuore della città dal mondo esterno che, all'alba di un gelido mattino d'inverno, viene ritrovato il suo corpo senza vita: nudo, la gamba destra amputata sotto il ginocchio. Poi è la volta di Anna, quindici anni: anche lei è stata gettata nel filo spinato, ma a mancarle è la mano destra. In entrambi i casi, nelle parti mutilate la pelle presentava macchie o strane anomalie. La lotta quotidiana per la sopravvivenza non dà il tempo di soffermarsi sulle analogie che legano i due delitti: quando l'orrore è all'ordine del giorno, analizzarne i dettagli è una pratica che può condurre alla follia. Eppure, proprio nei particolari si scorge la strada verso la verità, e solo la ricerca della verità può in qualche modo placare il dolore e il senso di colpa di Erik Cohen, zio di Adam nonché psichiatra nella precedente vita da uomo libero. Quando Adam è scomparso, era lui a doverlo tenere d'occhio; è stato lui, dietro tanta insistenza da parte del bambino, che si annoiava in casa, a dargli il permesso di uscire a giocare, facendogli promettere di non allontanarsi dalla strada, neanche se i marziani fossero atterrati sulla sinagoga e avessero chiesto a lui in persona di negoziare un trattato di pace. L'uomo inizia un'indagine personale.

Gli anagrammi di Varsavia

Zimler Richard

Resoconto giornalistico e racconto si fondono per svelare i retroscena di un fatto di cronaca accaduto nel Midwest degli Stati Uniti nel 1959: lo sterminio brutale di un'intera famiglia da parte di due psicopatici.

A sangue freddo

Capote Truman

Hazel, un'allegra bambina di otto anni, è ospite della terribile zia Eugenia in compagnia del suo antipatico cuginetto Isambard. Basterebbe l'immagine del vecchio maniero dove vìvono i parenti dì Hazel per spaventare qualsiasi visitatore, eppure, dopo la prima inquietante giornata con zia Eugenia, la vita comincia a cambiare. Isambard, intatti, presenta a Hazel la sua collezione di cuccioli terrificanti: un cane con la testa di legno, un gruppo dì paperelle che fumano sigarette nello stagno, due maiali senza zampe... e questo è solo l'inizio! Una notte Hazel decide di esplorare il giardino e, nascosti tra i cespugli, scopre degli strani mostri: il pitonspino (un pitone con la testa di porcospino), il gorillopardo (un gorilla con il corpo da ghepardo) e la ranostrica (un'ostrica con le zampe da rana). Queste tre curiose creature non sono altro che gli incubi di zia Eugenia che, tutte le notti, disturbano i sogni dell'antipatica signora. Quando Hazel capisce che dietro i mostri c'è il suo caro cuginetto, intenzionato a far morire di paura la zia, si troverà a lottare contro Isambard e imparerà che, nelle favole come nella vita, persine le cose più brutte non sono mai così cattive come possono sembrare.

GLI INCUBI DI HAZEL

Deeny Leander