Narrativa

La caduta

Camus Albert

Descrizione: Clamence, un brillante avvocato parigino, abbandona improvvisa mente la sua carriera e sceglie come quartier generale un locale d'infimo ordine, il Mexico-City, ad Amsterdam. Presa coscienza dell'insincerità e della doppiezza che caratterizza la sua vita, Clamence decide di redimersi confessando e incitando (per sincerità, per virtù, per dialettica?) gli occasionali avventori della taverna portuale a confessare la loro "cattiva coscienza". Ma non bisogna lasciarsi ingannare: Clamence non si redime. L'eroe di Camus secondo le sue stesse parole "percorre una carriera di falso profeta che grida nel deserto e rifiuta di uscirne".

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: I grandi tascabili

Anno: 2000

ISBN: 9788845246548

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Albert Camus, La caduta

Felice di fare la sua conoscenza. Lei è in commercio? Più o meno? Ottima risposta! Giudiziosa, anche; qualunque cosa siamo, la siamo sempre più o meno.

Più o meno, eterno limbo dell’essenza e dell’esistenza. Una maschera, pirandellianamente, indossata e tenuta stretta, schiacciata fra denti e naso fino a farla fondere in sé. È fatto divieto, severamente ma serenamente, di spostarla, scrutare, ricercare, capire, spogliarsi definitivamente di fronte alla società, di fronte allo specchio. Ma ancor più di fronte a sé stessi. Pena? La caduta. A mostrare a nervi scoperti la terribile anatomia di questo percorso irreversibile è Jean-Baptiste Clamence, protagonista del romanzo dello scrittore francese Albert Camus dal chiaro titolo evocativo, La caduta, edito da Bompiani in traduzione di Sergio Morando. Jean-Baptiste è un brillantissimo avvocato parigino con un’esistenza borghese che rasenta la perfezione, ma senza meriti. Lui stesso lo dice, “la mia storia non è affatto straordinaria”. Il successo e la fama caratterizzano la sua vita professionale, e anche privata. È di una gentilezza commovente, seppur di commovente non ci sia nulla, solo gli riesce bene e ne prova piacere. Le sue arringhe un vero godimento, la sua curiosità di una purezza allietante, la sua percezione è oggettiva, né più né meno. Naturalmente superiore a chiunque, abile negli sport e nelle belle arti, di salute forte e longeva, benestante, amatore seriale e ossessivo, insomma, “il mio accordo con la vita era totale”. Una sera però, passeggiando su di un ponte che attraversa la Senna, viene rapito dalla sagoma di una giovane donna di spalle con una nuca “fresca e umida a cui non fui insensibile”. Comunque, dopo qualche istante di esitazione, prosegue per la sua strada, indisturbato e assorto. Qualche passo dopo, come un segno tangibile e definitivo, ode un tonfo di corpo che cade in acqua, qualche grido lamentevole ripetuto che, d’improvviso, cessa bruscamente fra le acque. Immobile. Un solo pensiero: “Troppo tardi, troppo lontano”. Ecco, definitiva e terribile, la frattura, al centro del volto, chiara e irrimediabile. La consapevolezza si scopre e fa scoprire, si insinua, penetra, affonda: l’abbandono alla vita, la farsa scenica, la menzogna. Tutto questo, solo questo è sempre stata l’esistenza. “Non son mai riuscito a credere veramente che le faccende umane fossero cose serie”, ripete. E allora fingere ancora, e ancora, e mentire, e servire, ed essere servito, e credere ancora, e agire ancora, e osservare, e recitare. Inevitabile il crollo di un pensiero già incrinato. Le vertigini, il vuoto, la reazione, le grida di una coscienza che si ribella in un corpo perfetto e corrotto. Basta, la fuga, lontano dalla vita distrutta ma non annientata, ad Amsterdam per aprire un infimo locale dal nome Mexico-City, “e ogni volta che posso, predico nella mia chiesa di Mexico-City”. La vita ricalcitrante, da giudice a penitente, da penitente a giudice, le strade si incrociano e si intrecciano, maturano e insieme marciscono. No, non c’è la redenzione, non si cambia: il ritratto è completo, io sono caduto e con me anche voi. Ci vorrebbe una seconda chance, una seconda volta, ma no, no, non c’è: le acque sono fredde, la nuca sparita, la voce già liquida e assente. “Troppo tardi, troppo lontano”.

Parlare de La caduta di Camus è certamente impresa ardua e complessa. È invero uno di quei libri che segnano definitivamente la rottura fra ciò che è stato prima e ciò che è dopo, fra l’assenza e la presenza, fra la vuotezza e la pienezza. Nella sua scrittura essenziale, breve, esistenziale, incisiva e decisiva, Camus riesce a modellare un universo reale e tangibile, crudele e terribile, crudo ed essenziale, e soprattutto, e gliene siamo grati, che non sa e non vuole mentire. La redenzione crolla per lasciare il posto alla condanna, allo specchio nudo che ci rivela per quello che siamo. Jean-Baptiste è un eroe che non salva, un eroe giudicato e condannato che, con durezza e vigore, giudica e condanna; è lui stesso a contemplare il crollo della sua testa; eccitato l’osserva essere innalzata dinnanzi al mondo affinché “vi si riconoscano e io li domini di nuovo”. È con ironia, con giudizio, con incredibile sensibilità e precisione che Camus attacca e fa crollare un sistema di valori completamente vuoto, penetrando fra le sue suture più interne. È con esse che prende familiarità, le accoglie, le scruta, le accarezza per poi farle capitolare inesorabilmente sotto i colpi della verità. In poco più di ottanta pagine il lettore viene rapito visceralmente, reso partecipe dal sapiente e gustoso utilizzo della seconda persona singolare, che fa immedesimare all’istante il fruitore con il silente personaggio a cui si rivolge il protagonista. È l’incredibile sensibilità della prosa dello scrittore francese a colpire e sconvolgere, la sua capacità di equilibrare gli affondi e le ritirate, i fendenti e le carezze lenitive, la durezza e la morbidezza, fino alla caduta finale. Quella di Clamence, come lui stesso scrive, è un’ “anonima carriera di falso profeta che grida nel deserto e rifiuta di uscirne”, in grado di fabbricare “un ritratto di tutti e di nessuno”, “una maschera davanti a cui si è portati a dire «Guarda un po’, quel tipo l’ho già incontrato!»”. Ecco il terribile segreto, svelato ormai quando il ritratto è concluso, la condanna già piombata e pesante. Ma c’è un altro piccolo segreto che Jean-Baptiste possiede e svela: “Io ho una superiorità, quella di sapere, il che mi dà diritto di parlare”. E allora l’ultimo richiamo è possibile, sincero, disperato: tutti siamo condannati, vi siamo immersi senza vie d’uscita, ora più che mai. Ma se il destino è inevitabile, l’immobilità è una colpa imperdonabile: “Dico soltanto che ci sono sulla terra flagelli e vittime, e che bisogna, per quanto è possibile, rifiutarsi di essere col flagello. Questo le sembrerà forse un po’ semplice, e io non so se è semplice, ma so che è vero”, conclude il suo discorso Tarrou, personaggio de La peste, altro splendido romanzo di Camus. Allora è vero, una sola via è possibile e percorribile, e passa per la consapevolezza, per la conoscenza, per il giudizio. Il velo deve essere tolto, la verità, seppur dolorosa, urlata e professata, il giudizio espresso, la parola rivelata. Il processo è lungo, sincero, emozionante, essenziale, e non può che attraversare inevitabilmente, in questo noi crediamo pienamente, l’opera di Albert Camus. La caduta, con la sua grazia crudele, la sua appassionante sincerità, la sua benevola crudezza, ne è un esempio alto e duraturo.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La caduta – Louis Book World

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Albert

Camus

Libri dallo stesso autore

Intervista a Camus Albert


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In una metropoli attanagliata dalla crisi economica, assediata dal crimine, dall’immondizia e da un sole cocente e malato, un’unità speciale delle forze di polizia – la Red – sembra essere l’unica risposta possibile alla richiesta della cittadinanza: giustizia e sicurezza. Sono in pochi a conoscerne l’esistenza e la squadra dipende direttamente dal più alto potere politico. Il motivo di tanta segretezza è che la Red agisce in via sperimentale e con metodi che ai più potrebbero far gridare, nel migliore dei casi, a una violazione della privacy. Il commissario Vincent Tripaldi è a capo della Red. Ha alle spalle una storia difficile, il rapporto asfittico con suo fratello gemello Nicolas lo ha portato a rifugiarsi dietro una maschera di misantropia e cinismo, ad autoconvincersi che l’egoismo sia l’unico vero sentimento umano, che l’amore non esista. Vincent non ha amici, solo colleghi, le sue uniche gratificazioni le attinge dal lavoro; fuori dalla Red è un uomo solo. Quando si trova a indagare sull’omicidio di un collega, Vincent si rende conto che l’assassino usa contro la Red le sue stesse armi: per mostrarne i limiti ed evidenziarne la pericolosità sociale insita in un’attività investigativa che tiene così poco in considerazione i diritti elementari dei cittadini. Durante l’indagine Vincent si trova risucchiato in un vortice che ne mina le convinzioni più profonde: sulla natura del suo rapporto con la sua apprendista Naima, con suo fratello Nicolas, con il suo mentore Luca Basile. L’inchiesta lo trascina sempre più a fondo, fino a metterlo davanti a una verità tanto atroce da non trovare posto neppure nel peggiore dei suoi incubi. Vincent Tripaldi ora deve decidere cosa fare della propria vita: scegliere se abbandonarsi all’odio o provare a rincorrere l’amore.

Nel posto sbagliato

Poldelmengo Luca

Perché, poco prima delle Idi di marzo, il giorno fatidico in cui venne ucciso, Giulio Cesare rinunciò a essere accompagnato dalla scorta? E perché proprio Bruto e Decimo, gli uomini più vicini al dittatore, avrebbero dovuto desiderarne e organizzarne la fine? Perché, mentre si recava alla Curia, il dittatore di Roma ignorò tutti coloro che lo avvertivano che sarebbe stato vittima di un complotto? E infine perché, quando venne portato via dopo essere stato accoltellato a morte, un lembo della tonaca gli copriva il viso? Secondo Cicerone il dittatore avrebbe provato vergogna per le smorfie di dolore che gli contraevano il volto nel momento della morte, e si sarebbe coperto per nasconderle. Ma se la ragione fosse un'altra? Furono gli schiavi dello stesso Cesare a portare via il corpo del padrone, con il viso nascosto dalla toga. E solo dopo un certo tempo il medico Antistione dichiarò che Cesare era stato colpito da diciotto coltellate, di cui una mortale. Ai tanti enigmi che si affollano intorno alla più famosa congiura della storia, Franco Forte dà un'incredibile risposta nelle pagine di questo romanzo: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di marzo? Forse la congiura non aveva la finalità di ucciderlo, ma di sottrarlo allo scomodo e gravoso incarico di padre-padrone di Roma. Offrendogli così la possibilità di tornare a dedicarsi a ciò che nella vita aveva sempre amato: essere alla testa di una legione, la Legio Caesaris, e combattere per la gloria personale e dell'Urbe. Con un ulteriore obiettivo, che solo una mente ambiziosa come quella di Cesare poteva escogitare: raggiungere i confini del mondo alla ricerca della dimora degli dèi, per strappare loro il segreto della vita eterna. Tra colpi di scena strabilianti e gustosissimi cammei di personaggi storici, Franco Forte ci regala la prima epica avventura di Cesare e della sua nuova legione.

Cesare l’immortale

Forte Franco

Sono passati cinquant'anni da quando è stato scritto, ma continuiamo a vederlo, Holden Caufield, con quell'aria scocciata, insofferente alle ipocrisie e al conformismo, lui e la sua "infanzia schifa" e le "cose da matti che gli sono capitate sotto Natale", dal giorno in cui lasciò l'Istituto Pencey con una bocciatura in tasca e nessuna voglia di farlo sapere ai suoi. La trama è tutta qui, narrata da quella voce spiccia e senza fronzoli. Ma sono i suoi pensieri, il suo umore rabbioso, ad andare in scena. Perché è arrabbiato Holden? Poiché non lo si sa con precisione, ognuno ha potuto leggervi la propria rabbia e assumere il protagonista ad "exemplum vitae".

Il giovane Holden

Salinger J. D.

Un turno di radiomobile come tanti si trasforma presto nell'inizio di un vero rompicapo. In Contrada Madonnuzza è stato trovato il corpo senza vita di una giovane donna, bendata, mani e piedi legati. Sul luogo del ritrovamento giungono il capitano Spada e il maresciallo Piscopo ma non solo. Per cercare l'assassino e il movente di questo omicidio, si aprono, infatti, tre piste divergenti, ciascuna battuta da personaggi interessanti che hanno tutti un buon motivo per consegnare alla giustizia il colpevole. La competenza e la professionalità degli uomini dell'arma, si incontrano e scontrano, così, con un reporter d'assalto alla ricerca del ghiotto scoop da mandare in Tv in una sensazionale prima serata, e con un'insolita appassionata di mappe astrali.

Le geometrie dell’animo omicida

Bartolini Monica