Narrativa

La caduta

Camus Albert

Descrizione: Clamence, un brillante avvocato parigino, abbandona improvvisa mente la sua carriera e sceglie come quartier generale un locale d'infimo ordine, il Mexico-City, ad Amsterdam. Presa coscienza dell'insincerità e della doppiezza che caratterizza la sua vita, Clamence decide di redimersi confessando e incitando (per sincerità, per virtù, per dialettica?) gli occasionali avventori della taverna portuale a confessare la loro "cattiva coscienza". Ma non bisogna lasciarsi ingannare: Clamence non si redime. L'eroe di Camus secondo le sue stesse parole "percorre una carriera di falso profeta che grida nel deserto e rifiuta di uscirne".

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: I grandi tascabili

Anno: 2000

ISBN: 9788845246548

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Albert Camus, La caduta

Felice di fare la sua conoscenza. Lei è in commercio? Più o meno? Ottima risposta! Giudiziosa, anche; qualunque cosa siamo, la siamo sempre più o meno.

Più o meno, eterno limbo dell’essenza e dell’esistenza. Una maschera, pirandellianamente, indossata e tenuta stretta, schiacciata fra denti e naso fino a farla fondere in sé. È fatto divieto, severamente ma serenamente, di spostarla, scrutare, ricercare, capire, spogliarsi definitivamente di fronte alla società, di fronte allo specchio. Ma ancor più di fronte a sé stessi. Pena? La caduta. A mostrare a nervi scoperti la terribile anatomia di questo percorso irreversibile è Jean-Baptiste Clamence, protagonista del romanzo dello scrittore francese Albert Camus dal chiaro titolo evocativo, La caduta, edito da Bompiani in traduzione di Sergio Morando. Jean-Baptiste è un brillantissimo avvocato parigino con un’esistenza borghese che rasenta la perfezione, ma senza meriti. Lui stesso lo dice, “la mia storia non è affatto straordinaria”. Il successo e la fama caratterizzano la sua vita professionale, e anche privata. È di una gentilezza commovente, seppur di commovente non ci sia nulla, solo gli riesce bene e ne prova piacere. Le sue arringhe un vero godimento, la sua curiosità di una purezza allietante, la sua percezione è oggettiva, né più né meno. Naturalmente superiore a chiunque, abile negli sport e nelle belle arti, di salute forte e longeva, benestante, amatore seriale e ossessivo, insomma, “il mio accordo con la vita era totale”. Una sera però, passeggiando su di un ponte che attraversa la Senna, viene rapito dalla sagoma di una giovane donna di spalle con una nuca “fresca e umida a cui non fui insensibile”. Comunque, dopo qualche istante di esitazione, prosegue per la sua strada, indisturbato e assorto. Qualche passo dopo, come un segno tangibile e definitivo, ode un tonfo di corpo che cade in acqua, qualche grido lamentevole ripetuto che, d’improvviso, cessa bruscamente fra le acque. Immobile. Un solo pensiero: “Troppo tardi, troppo lontano”. Ecco, definitiva e terribile, la frattura, al centro del volto, chiara e irrimediabile. La consapevolezza si scopre e fa scoprire, si insinua, penetra, affonda: l’abbandono alla vita, la farsa scenica, la menzogna. Tutto questo, solo questo è sempre stata l’esistenza. “Non son mai riuscito a credere veramente che le faccende umane fossero cose serie”, ripete. E allora fingere ancora, e ancora, e mentire, e servire, ed essere servito, e credere ancora, e agire ancora, e osservare, e recitare. Inevitabile il crollo di un pensiero già incrinato. Le vertigini, il vuoto, la reazione, le grida di una coscienza che si ribella in un corpo perfetto e corrotto. Basta, la fuga, lontano dalla vita distrutta ma non annientata, ad Amsterdam per aprire un infimo locale dal nome Mexico-City, “e ogni volta che posso, predico nella mia chiesa di Mexico-City”. La vita ricalcitrante, da giudice a penitente, da penitente a giudice, le strade si incrociano e si intrecciano, maturano e insieme marciscono. No, non c’è la redenzione, non si cambia: il ritratto è completo, io sono caduto e con me anche voi. Ci vorrebbe una seconda chance, una seconda volta, ma no, no, non c’è: le acque sono fredde, la nuca sparita, la voce già liquida e assente. “Troppo tardi, troppo lontano”.

Parlare de La caduta di Camus è certamente impresa ardua e complessa. È invero uno di quei libri che segnano definitivamente la rottura fra ciò che è stato prima e ciò che è dopo, fra l’assenza e la presenza, fra la vuotezza e la pienezza. Nella sua scrittura essenziale, breve, esistenziale, incisiva e decisiva, Camus riesce a modellare un universo reale e tangibile, crudele e terribile, crudo ed essenziale, e soprattutto, e gliene siamo grati, che non sa e non vuole mentire. La redenzione crolla per lasciare il posto alla condanna, allo specchio nudo che ci rivela per quello che siamo. Jean-Baptiste è un eroe che non salva, un eroe giudicato e condannato che, con durezza e vigore, giudica e condanna; è lui stesso a contemplare il crollo della sua testa; eccitato l’osserva essere innalzata dinnanzi al mondo affinché “vi si riconoscano e io li domini di nuovo”. È con ironia, con giudizio, con incredibile sensibilità e precisione che Camus attacca e fa crollare un sistema di valori completamente vuoto, penetrando fra le sue suture più interne. È con esse che prende familiarità, le accoglie, le scruta, le accarezza per poi farle capitolare inesorabilmente sotto i colpi della verità. In poco più di ottanta pagine il lettore viene rapito visceralmente, reso partecipe dal sapiente e gustoso utilizzo della seconda persona singolare, che fa immedesimare all’istante il fruitore con il silente personaggio a cui si rivolge il protagonista. È l’incredibile sensibilità della prosa dello scrittore francese a colpire e sconvolgere, la sua capacità di equilibrare gli affondi e le ritirate, i fendenti e le carezze lenitive, la durezza e la morbidezza, fino alla caduta finale. Quella di Clamence, come lui stesso scrive, è un’ “anonima carriera di falso profeta che grida nel deserto e rifiuta di uscirne”, in grado di fabbricare “un ritratto di tutti e di nessuno”, “una maschera davanti a cui si è portati a dire «Guarda un po’, quel tipo l’ho già incontrato!»”. Ecco il terribile segreto, svelato ormai quando il ritratto è concluso, la condanna già piombata e pesante. Ma c’è un altro piccolo segreto che Jean-Baptiste possiede e svela: “Io ho una superiorità, quella di sapere, il che mi dà diritto di parlare”. E allora l’ultimo richiamo è possibile, sincero, disperato: tutti siamo condannati, vi siamo immersi senza vie d’uscita, ora più che mai. Ma se il destino è inevitabile, l’immobilità è una colpa imperdonabile: “Dico soltanto che ci sono sulla terra flagelli e vittime, e che bisogna, per quanto è possibile, rifiutarsi di essere col flagello. Questo le sembrerà forse un po’ semplice, e io non so se è semplice, ma so che è vero”, conclude il suo discorso Tarrou, personaggio de La peste, altro splendido romanzo di Camus. Allora è vero, una sola via è possibile e percorribile, e passa per la consapevolezza, per la conoscenza, per il giudizio. Il velo deve essere tolto, la verità, seppur dolorosa, urlata e professata, il giudizio espresso, la parola rivelata. Il processo è lungo, sincero, emozionante, essenziale, e non può che attraversare inevitabilmente, in questo noi crediamo pienamente, l’opera di Albert Camus. La caduta, con la sua grazia crudele, la sua appassionante sincerità, la sua benevola crudezza, ne è un esempio alto e duraturo.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La caduta – Louis Book World

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Albert

Camus

Libri dallo stesso autore

Intervista a Camus Albert


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

“Voci di famiglia” è un titolo che allude alla storia narrata, dove parlano tre persone distintamente, quelle che in un'unica scena del romanzo formano una famiglia.Sofia si reca al cimitero a portare un fiore a sua madre, Ashley. Era una scrittrice, e prima di morire aveva chiesto che all'interno della cappella dove avrebbe dimorato la sua salma, ci fosse un ripiano dove collocare una copia di ogni suo libro. Chi avesse voluto prenderne uno da leggere, in cambio avrebbe dovuto lasciare un fiore. Sofia vede una rosa rossa. Vede che non c'è La musica del silenzio, l'unico che non ha letto. Torna a casa, prende il libro, si accomoda sul letto e inizia a leggere una storia che non conosceva. Nel libro che Sofia legge segue una pagina bianca; intuisce che la seconda parte non è stata scritta da sua madre. Quando Sofia torna al cimitero vede che il libro è stato riportato, ma ce n'è anche un altro mai visto prima. Si intitola “Il risveglio” ed è firmato solo con un nome: Luciano. Sofia si guarda intorno ma non vede nessuno. Torna a casa per leggerlo.Poi si reca al cimitero, e lo inserisce accanto ai libri scritti da sua madre. Sente un rumore alle sue spalle. Si volta, e lo vede.

Voci di famiglia

Giubilei Vincenza

In un'esclusiva clinica neuropsichiatrica di Los Angeles Maria Wyeth, attrice fallita, ripensa alla sua vita, frammentata in episodi che appaiono ormai distanti e freddi come gli astri nella volta celeste. Dal deserto del Nevada alle colline di Hollywood, da modella a protagonista in film minori: la sua parabola è quella di una stella che non ha mai davvero brillato. Dopo anni di scelte sbagliate e di ferite emotive, Maria ha smesso di provare ogni sentimento e lascia che la vita le passi accanto. Anestetizza il dolore guidando per ore senza meta sulle autostrade della California, navigando nel traffico come nelle acque di un immenso fiume. Nonostante tutto, continua a voler giocare la sua partita forse motivata dall'unica scintilla d'amore che riserva per Kate, la figlia malata che vede di rado. Joan Didion seziona con la sua penna affilata la fauna umana che orbita intorno a Hollywood, che sfodera sorrisi e false promesse in infiniti cocktail party, che teme il fallimento come una malattia infettiva, pronta a tutto pur di riempire il vuoto che la assedia. Romanzo dalla lingua essenziale e spietata, "Prendila così" fotografa gli aspetti più vacui e autodistruttivi della società americana, raccontando quanto sia doloroso vivere e quanto più facile semplicemente esistere.

Prendila così

Didion Joan

Londra, i ricordi, la giovinezza trascorsa ma non ancora sepolta, una libreria molto particolare, un'amica che sembra svanita nel nulla, un buffo editore, una vitalità che si rifiuta di essere domata, nonostante le disillusioni. Uno scavo leggero e spesso ironico nei miti giovanili, in ciò che ci si aspetta dalla vita, nella forza di rigenerazione di chi sa mantenere, nonostante tutto, la grande dote della leggerezza.

Dare il resto e poi sorridere di Laura Angeloni

Angeloni Laura

A Ischiano Scalo il mare c'è ma non si vede. E' un paesino di quattro case accanto a una laguna piena di zanzare. Il turismo lo evita perché d'estate s'infuoca come una graticola e d'inverno si gela. Questo è lo scenario nel quale si svolgono due storie d'amore tormentate. Ammaniti crea e dissolve coincidenze, è pronto a catturare gli aspetti più grotteschi e più sentimentali, più comici e inquietanti della realtà.

TI PRENDO E TI PORTO VIA

Ammaniti Niccolò