Romanzo storico

LA CADUTA DEI GIGANTI

Follett Ken

Descrizione: I destini di cinque famiglie si intrecciano inesorabilmente attraverso due continenti sullo sfondo dei drammatici eventi scatenati dallo scoppio della Prima guerra mondiale e dalla Rivoluzione russa. Tutto ha inizio nel 1911, il giorno dell'incoronazione di Giorgio V nell'abbazia di Westminster a Londra. Quello stesso 22 giugno ad Aberowen, in Galles, Billy Williams compie tredici anni e inizia a lavorare in miniera. La sua vita sembrerebbe segnata. Amore e inimicizia legano la sua famiglia agli aristocratici Fitzherbert, proprietari della miniera e tra le famiglie più ricche d'Inghilterra. Lady Maud Fitzherbert, appassionata e battagliera sostenitrice del diritto di voto alle donne, si innamora dell'affascinante Walter von Ulrich, spia tedesca all'ambasciata di Londra. Le loro strade incrociano quella di Gus Dewar, giovane assistente del presidente americano Wilson. Ed è proprio in America che due orfani russi, i fratelli Grigorij e Lev Pe&kov, progettano di emigrare, ostacolati però dallo scoppio della guerra e della rivoluzione. Dalle miniere di carbone ai candelabri scintillanti di palazzi sontuosi, dai corridoi della politica alle alcove dei potenti, da Washington a San Pietroburgo, da Londra a Parigi il racconto si muove incessantemente fra drammi nascosti e intrighi internazionali. Ne sono protagonisti ricchi aristocratici, poveri ambiziosi, donne coraggiose e volitive e sopra tutto e tutti le conseguenze della guerra per chi la fa e per chi resta a casa. Primo grande romanzo di "The Century" - la nuova trilogia di Ken Follett incentrata sulla storia del ventesimo secolo - La caduta dei giganti è un'opera epica, uno straordinario affresco storico che, al pari de I pilastri della terra e Mondo senza fine, è destinato a diventare un classico.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2010

ISBN: 9788804603177

Trama

Le Vostre recensioni

La Caduta dei giganti è il primo romanzo della trilogia “The Century”. Pubblicato in Italia nel settembre 2010 da Mondadori, ha riscosso un notevole successo di pubblico.

Con questa trilogia Follett ha voluto perseguire un obiettivo molto ambizioso: narrare i momenti più significativi del 20° secolo.  Un intento di non poco conto, non c’è che dire. Quale che sia stato il riscontro del pubblico, che poi è ciò che maggiormente interessa all’autore, come da lui dichiarato in una recente intervista collettiva cui i-LIBRI ha partecipato a Milano, il mio personale giudizio è decisamente positivo. 
 
La Caduta dei giganti – come peraltro gli altri libri della trilogia – narra la storia di cinque famiglie, una americana, una tedesca, una inglese, una russa e una gallese, che vivono da protagoniste gli eventi drammatici della Prima Guerra Mondiale, della Rivoluzione Russa e della lotta delle donne per ottenere il diritto di voto.
 
Gus Dewar, un ambizioso studente universitario della facoltà di legge che intraprende una carriera nello staff del presidente Woodrow Wilson; i fratelli Peskov, Grigori e Lev, il primo alla ricerca di una nuova vita in America, il secondo in continua caccia di guai; il giovane tredicenne Billy Williams, che si accinge ad entrare nel mondo degli adulti iniziando a lavorare nelle miniere del Galles; Ethel Williams, la sorella di Billy, ambiziosa e piena di talento, che da governante al servizio della famiglia Fitzherbert diverrà membro del Parlamento inglese; Lady Maud Fitzherber, un’aristocratica con idee progressiste che lotta per aiutare il prossimo e finirà per innamorarsi di Walter von Ulrich, un aristocratico tedesco di stanza presso l’ambasciata di Londra.
Questi sono solo alcuni dei personaggi le cui vite Follett riesce abilmente ad intrecciare, dando vita ad un’avvincente saga.  Da Washington a Londra, da San Pietroburgo a Parigi, passando per la Germania. Questo solo per dare un’idea di quello che può attendersi il lettore che decidesse di avventurarsi in questa opera. Chi, come me, è rimasto estasiato da romanzi come “Guerra e pace” (con le dovute proporzioni – ovviamente), non resterà deluso dall’immane lavoro di Follett.
 
Da quando si è gettato nel genere romanzo storico, devo dire che Follett non mi ha mai deluso e forse meriterebbe di perdere quella nomea di autore di libri commerciali che lo spesso lo accompagna.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ken

Follett

Libri dallo stesso autore

Intervista a Follett Ken

Sei fiabe in cui è raccolta tutta la poetica di Miyazawa Kenji, scienziato, buddista, agronomo e filosofo (1895-1993). Il racconto che dà il titolo alla raccolta ha ispirato numerose serie di telefilm, fumetti e cartoni animati di fantascienza.

UNA NOTTE SUL TRENO DELLA VIA LATTEA E ALTRI RACCONTI

Kenji Miyazawa

Venezia, 1981. Una giovane coppia, appartata su una panchina dei giardini della Biennale, a Sant'Elena, viene aggredita. Il ragazzo resta ucciso, la ragazza precipita in un silenzio al limite della follia, che rende impossibile risalire al colpevole. Alla Polizia non rimane che archiviare il caso. Venezia, oggi. Dalle acque della laguna affiora un cadavere. Si tratta di Mirco Albrizzi, immobiliarista molto conosciuto e vittima troppo illustre per passare inosservata. Se le autorità vorrebbero archiviare la faccenda come suicidio, il commissario Nicola Aldani, incaricato delle indagini, riconosce inequivocabili i segni dell'omicidio. È un caso scomodo, e a complicarlo ci si mette anche quel commissario Zennari, da tempo in pensione, che pretende aiuto per chiudere una storia ormai dimenticata, risalente a molti anni prima, l'aggressione ai giardini della Biennale... Ma nulla avviene per caso, e ben presto le due piste si confondono, le acque si intorbidano, gli indizi si inquinano... Sullo sfondo della vicenda, vivida e inconfondibile, Venezia: l'altana sul tetto, dove Aldani ama rifugiarsi; la laguna davanti alle fondamente Nove, dove il pilota del commissario fa sfrecciare il vecchio Toni, la lancia in dotazione alla Polizia; il dialetto, che risuona nelle calli e lungo i rii; le acque e le foschie, complici di misteri e custodi di verità.

Acqua morta

Catozzi Michele

Scritto neI 1917 e pubblicato nel 1919, "Demian" è la storia di un ragazzo combattuto fra due mondi, quello bello e pulito del bene e quello terribile, enigmatico eppur allettante del male. Protagonista è il giovane EmiI Sinclair, caduto sotto l'influsso di un cattivo compagno di scuola, Franz Kromer, che lo spinge a ingannare i genitori, rubare e discendere la china del peccato. Sarà un altro compagno, Max Demian, che sembra vivere fuori del tempo o uscire da un passato senza età, ad attrarre Sinclair e a liberarlo dal nefasto influsso di Kromer, guidandolo verso una concezione della vita straordinariamente complessa e misteriosa.

DEMIAN

Hesse Hermann

Si può sfuggire allo scorrere del tempo, come scrive l'autore di LA SCIENZA DI VIVERE PER SEMPRE? Esiste una connessione profonda tra la presenza di uno strano essere a Dartmoor, una nave in bottiglia, il tracciato di un ricamo all'uncinetto che rappresenta il mondo intero e le fate di Cottingley? Tra una recensione da consegnare e un libro da scrivere, Meg Carpenter non se la passava né troppo bene né troppo male. Aveva un ragazzo che era il classico inetto, certo. Arrivare alla fine del mese non era proprio una passeggiata, certo. E i libri erano tutta la sua vita, si potrebbe dire. Almeno fino a quando, tra le pagine di un testo di pseudoscienza, Meg non ha cominciato a guardare il suo tragico universo con occhi diversi. Tra psicologia e tarocchi, enigmi buddisti e teoremi di fisica, antiche cosmologie e leggende fatate, Meg si è messa alla ricerca delle risposte definitive a tutte le domande sul senso della vita e su come le relazioni nascano, crescano e poi, miseramente, muoiano. Mescolando filosofia e humour, ironia e colpi di genio, con IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO Scarlett Thomas ci regala un altro giro di giostra nella migliore letteratura: quella che fa sognare e riflettere senza soluzione di continuità.

IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO

Thomas Scarlett