Narrativa

La carne

Chiapparino Cristò

Descrizione: "Nel mondo come era quando avevo otto anni tutti morivano, chi prima e chi dopo. Adesso nessuno è sicuro neanche di questo". Un medico si confronta con strani fenomeni mentre sua moglie sogna una voce. Un uomo anziano racconta il mondo com'era, ma soprattutto come è diventato: la stasi, l'immobilità, un evento che ha bloccato e sospeso ogni cosa, anche la separazione tra vita e morte. Per strada si aggirano persone in cerca di carne. Non sono aggressivi, pericolosi, vanno avanti per inerzia e si mettono in fila per il cibo. Ognuno ha un parente passato dall'altra parte. Nessuno sa se sono contagiosi. Nel dubbio, bisogna evitare di toccarli. E mentre i sani si organizzano, l'uomo ricorda, la storia si ripiega su se stessa, alla ricerca dell'inizio o verso nuove direzioni da seguire. Un romanzo narrativamente perfetto, enigmatico, affascinante. «"La carne" ha emozionato, commosso e meravigliato, con la sua enorme bellezza, un essere umano; e questo è, in fondo, tutto quello che voglio dire» (Paolo Zardi)

Categoria: Narrativa

Editore: Neo Edizioni

Collana: Iena

Anno: 2020

ISBN: 9788896176788

Recensito da Tommaso De Beni

Le Vostre recensioni

La carne di Cristò Chiapparino è un romanzo uscito nel 2015 per Intermezzi e ripubblicato da NEO nel 2020.

L’autore è un libraio e critico letterario, una persona di cultura, intellettuale, e questo determina l’approccio a quello che è un genere ormai classico, in epoca contemporanea-postmoderna: l’horror apocalittico. La classica invasione zombie con la fine del mondo come lo abbiamo sempre conosciuto, un mondo che è andato avanti, come scrive Stephen King nella sua serie fanta-horror La torre nera, viene rappresentata in maniera intellettuale, filosofica (uno dei personaggi chiave è Averroé, il più influente filosofo musulmano del Medioevo assieme ad Avicenna, traduttore di Aristotele) esistenzialista (chiunque decida di condurre la propria vita inseguendo ossessivamente una sola cosa, denaro, donne, fama, potere, è in un certo senso uno zombie), con un finale enigmatico e shockante come ne L’esercito delle 12 scimmie. E questo è sicuramente un fattore che rende innovativo, e quindi molto interessante, questo romanzo. Parafrasando il poeta Thomas Eliot, “così il mondo finisce / Non con uno schianto ma con un lamento”. L’apocalisse non è violenta, non ci sono esplosioni, la fine del mondo è caratterizzata dall’apatia. Nel capolavoro di D.F.W. Infinite Jest l’arma terroristica più potente era l’intrattenimento, che portava le persone a non aver più voglia di nulla se non di guardare all’infinito la stessa videocassetta. Qui la sospensione del mondo è causata dalla fame, dall’aver voglia solo di mangiare di carne, senza violenza e anche oltre il confine tra vita e morte. Amici e parenti che si ammalano conservano l’aspetto di prima, non sono pericolosi, ma la loro apatia è insopportabile. Eppure, l’annullamento dell’individualità a scapito di un’unica coscienza collettiva, un’unica mente per tante teste, è l’evoluzione inesorabile della società rappresentata da Cristò. Una metafora, se vogliamo dirla volgarmente, del rincoglionimento collettivo della società, della democristianamente non violenta repressione di ciò che è diverso, originale, strano, dell’appiattimento delle nuove generazioni di fronte alla pubblicità, alle mode, agli influencer. Ma questa è solo una delle possibili chiavi di lettura di un romanzo che in realtà non dà nessun appiglio al lettore, e che, come dovrebbe fare la vera letteratura, invece di consolare e assecondare, prende a schiaffi chi si approcci alla lettura.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Cristò

Chiapparino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Chiapparino Cristò

Tutti i racconti dell'incubo, del mistero e del terrore nella straordinaria versione di Giorgio Manganelli. Inventore del racconto poliziesco e del thriller psicologico, nella sua sterminata produzione Edgar Allan Poe ha affrontato atmosfere torbide e terrificanti, trame allucinanti e bizzarre, intrecci misteriosi decifrabili solo con l'utilizzo di una lucida logica, mondi inquietanti e anche grotteschi, riuscendo sempre a penetrare a fondo nell'anima delle situazioni fino alle più estreme conseguenze. Questo volume che raccoglie i suoi racconti restituisce tutta la sua suprema intelligenza, la sua visionaria lucidità, la sua acuta percezione della realtà. Il lungo saggio introduttivo di Julio Cortázar aiuta a leggere la vita e l'opera di Poe sotto una luce spogliata di quei riflessi che a partire dalla sua morte hanno così spesso fuorviato i lettori di uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi.

I racconti

Poe Edgar Allan

Anna, una donna sensibile che ama il bello e ricerca i sapori autentici e indecifrabili della vita; Pietro, un nuovo collega arrivato da circa un anno nello studio di architetto dove entrambi lavorano. Tra loro due si sviluppa un complesso e inconfessato rapporto d'amicizia e d'attrazione. Anna e Pietro sono diventati due labirinti comunicanti così emozionanti e coinvolgenti da far paura, soprattutto a lui, già legato sentimentalmente a un'altra donna. Poi arriva l'estate e Anna si concede una lunga vacanza in un borgo di mare un po' aspro e selvaggio del Ponente ligure. Lì si nutre dei colori e della voce del mare e tesse una trama di rapporti delicati con altre persone. Tutto sembra procedere per il meglio fino a che una svolta dai contorni incerti e drammatici la strapperà da quei luoghi e da quei legami appena sbocciati. Senza una parola. In un allontanamento improvviso ingoiato da un temporale.

Nella spira di una conchiglia

Spes Ilaria

Dove sono gli uomini, fisicamente e psicologicamente? Soprattutto a fare cosa, dove se non qui, e perché? Perché le donne sono tutte in giro, tutte in viaggio, tutte da qualche parte, spesso tra di loro, intente a fare o progettare qualcosa, mentre gli uomini sembra che si siano chiusi in casa, a doppia mandata, e non rispondano neppure a chi bussa con forza alle loro porte? Dove sono i protagonisti della scena, gli uomini del Mediterraneo, quelli che trovavi sempre al centro della piazza, al centro della spiaggia, al centro del bar, al centro della scena? Perché sul palco ora sembra che ci siano soltanto donne? Perché gli uomini non escono dai percorsi codificati del lavoro e della società? Perché sono sempre protetti da convenzioni e ruoli codificati, e quando non lo sono entrano subito in difficoltà? Perché gli uomini non parlano (se non di alcuni, pochi, argomenti estranei tanto a loro quanto a me), perché non chiamano, perché sembrano chiusi, rassegnati, stanchi prima ancora di aver iniziato a fare qualsiasi cosa? Per parlare degli uomini, oggi più che mai, occorre parlare con le donne, ascoltare le loro storie, farsi raccontare le loro avventure e disavventure, sfidando le leggi della riservatezza, tentando di collegare fatti e circostanze che ogni donna considera isolati, per cui spesso prova sentimenti di colpa, e che invece sono profondamente collegati tra loro.

Dove sono gli uomini?

Perotti Simone

Nella Roma fastosa, corrotta e sanguinaria dei papi rinascimentali, in cui forte è il mecenatismo della nobiltà e del clero che convive con intrighi e sortite, si accende la passione amorosa del più dannato dei nobili Paolo Giordano Orsini, duca di Bracciano. Tutto ha inizio nel 1576, quando il blasonato Orsini fa strangolare la giovane moglie, colpevole di aver ricambiato i suoi continui tradimenti, facendo passare l'omicidio per un semplice incidente. Le esequie della vittima rappresentano per il duca l'occasione per notare la splendida Vittoria Accoraboni, moglie insoddisfatta del nipote del potente cardinale Felice Peretti, attratta dalla sensualità di quel nobile altezzoso e arrogante. Pazzo d'amore decide che dovrà essere sua anche a costo di versare del sangue. I due, dopo molte disavventure, riescono ad assecondare momentaneamente passione e sentimento, inconsapevoli che i loro sorrisi si sarebbero spenti con l'elezione a papa di Felice Peretti: il peggior nemico di Paolo Giordano Orsini.

L’orso e la rosa

De Angelis Giorgio