Narrativa

LA CASA DEGLI SPIRITI

Allende Isabel

Descrizione: Una saga familiare del nostro secolo in cui si rispecchiano la storia e il destino di tutto un popolo, quello cileno, nei racconti delle donne di una importante e stravagante famiglia. Un grande affresco che per fascino ed emozione può ricordare al lettore, nell'ambito della narrativa sudamericana, soltanto "Cent'anni di solitudine" di García Márquez.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788807880278

PRIMA EDIZIONE

LA CASA DEGLI SPIRITI

Editore:

Anno: 1982

Info:

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

 

La casa degli spiriti è un romanzo matriarcale: a partire da Nivea del Valle, il testimone della discendenza/narrazione è tutto al femminile.

Il primo capitolo è intitolato Rosa, la bella ma si apre parlando di Clara. Le due ragazze sono le sorelle del Valle e si caratterizzano una per la sua strana (e verde) bellezza, l’altra per i suoi poteri mentali.

Rosa, la più grande, è la promessa sposa di Esteban Trueba che, per permettere alla donna una vita agiata, ha lasciato la sua terra, la madre e la sorella, per cercare fortuna con le miniere d’oro.

Nell’attesa, però, Rosa muore, Clara – dopo aver assistito alla sua autopsia – si rifugia in un silenzio che durerà ben nove anni, e Esteban – tornato dalla miniera per accomiatarsi dalla sua amata parte verso la casa di campagnanelle vecchie terre appartenute al padre, per dare un rifugio al suo dolore.

Passato questo lungo periodo di tempo, la più piccola, che nel frattempo aveva “perfezionato” le sue doti soprannaturali e aveva intravisto il suo futuro, ritrova la voce per comunicare che presto si sarebbe sposata con Estaban. Due mesi dopo, l’uomo busserà alla porta dei coniugi del Valle per chiedere la mano di Clara.

Dopo questi capitoli iniziali relativamente statici si entra nel vivo del racconto. Esteban, conosciuto per il suo pessimo carattere, ha fatto delle Tre Marie un’azienda modello e, trasferitovisi con Clara e la sorella Férula, manda avanti la sua attività mentre la moglie evoca fantasmi, ospita poeti, fa sedute spiritiche e, solo distrattamente, bada alla casa e ai suoi tre figli: Jaime, Nicolás e Blanca. Quest’ultima s’innamora di Pedro Terzo García, figlio di un contadino della tenuta e, tra incontri furtivi, scandali e la furia del padre, darà alla luce il frutto del loro amore: Alba.

Attorno alle tre donne (non a caso coprotagoniste del “luogo-donna” per eccellenza, cioè la casa) ruotano i “loro uomini” e moltissimi altri personaggi e vicende ma, tutte loro, hanno come perno Esteban con cui, vuoi per il tipo di legame familiare (moglie, figlia, nipote) vuoi per lo scarto generazionale, si rapportano ciascuna in maniera differente.

Inoltre, le vicende della famiglia si svolgono sullo sfondo politico-sociale reale (ma romanzato) del Cile durante gli ultimi decenni del Novecento: il “golpe” (il colpo di stato del generale Pinochet – 1973), la violenza e il terrore (la dittatura militare) la lenta ripresa di una vita “normale” (il ritorno della democrazia).

La storia è un avvincente, circolare ed ereditario, misto di spiritismo, realtà e finzione e ancora di amori, crudeltà, carità, follia… Una storia cui non manca niente, perfetta nelle sue trecentosessantaquattro pagine. La narrazione è puntellata da continue prolessi che ravvivano la suspance e la curiosità del lettore. I personaggi sono molto ben caratterizzati, alcuni surreali, altri politicamente impegnati, altri presi dai loro piccoli interessi ma tutti ben combinati quando li si pensa nella totalità della vicenda. Un meraviglioso spaccato di mondo.

Un romanzo che ci permette di affermare che, nonostante l’imponenza dei grandi padri della letteratura, in un’epoca in cui tutto sembra essere già stato fatto, qualcosa di bello e grande può ancora essere creato.

Assolutamente consigliato, praticamente obbligatorio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Book City Milano – parte prima – i-LIBRI

[…] 22/10 ore 20.30: La magia della scrittura – Isabel Allende in dialogo con Barbara Stefanelli http://www.i-libri.com/libri/la-casa-degli-spiriti-di-isabel-allende/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Isabel

Allende

Libri dallo stesso autore

Intervista a Allende Isabel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Jeremy Rifkin spiega come allo schiudersi del nuovo secolo "l'Internet delle cose", una nuova realtà in via di formazione, stia dando luce a un inedito sistema economico, basato sulla "condivisione collaborativa" e destinato a mutare radicalmente il nostro modo di vivere. Questa infrastruttura intelligente, composta dall'Internet delle comunicazioni, la nascente Internet dell'energia e l'Internet della logistica, è destinata a spingere la produttività fino al punto in cui il costo marginale della produzione di numerosi beni e servizi sarà quasi azzerato. Nei prossimi anni il vortice del costo marginale zero trascinerà con sé quasi ogni settore dell'economia generando un'economia ibrida, in parte orientata al mercato capitalistico e in parte alla condivisione collaborativa, con ricadute sociali notevolissime. In questo nuovo mondo il capitale sociale è non meno importante del capitale finanziario, la libertà di accesso prevale sulla proprietà, la cooperazione soppianta la concorrenza e al "valore di scambio" nel mercato capitalista va sempre più sostituendosi il "valore di condivisibilità" nel comune spazio collaborativo. Nell'immediato futuro il capitalismo rimarrà tra noi, con un ruolo sempre più circoscritto fino a scomparire nella seconda metà del XXI secolo. Stiamo per entrare in un mondo che ha trasceso i mercati, per imparare a vivere gli uni accanto agli altri in uno spazio di condivisione collaborativa caratterizzato da una sempre più profonda interdipendenza.

La società a costo marginale zero

Rifkin Jeremy

CONFESSIONI DI UN BARMAN

Cavalli Mirco

Un esordio potentissimo e atteso da molti noti scrittori della narrativa italiana contemporanea. Con il passo di una ballata, Mia moglie e io mette in scena un protagonista che fa i salti mortali affinché la mancanza di lavoro, e dunque di realizzazione personale, non lo annienti del tutto. Seguendo il ritmo di un montaggio alternato, il protagonista si inventa un mestiere e, con la moglie, mette in scena atti efferati. I due interpretano cadaveri, immaginando le loro storie, e girano cortometraggi che sperano possano dare loro, un giorno, una parossistica notorietà. A questa narrazione si unisce quella dei lavori che il protagonista svolge a tempo determinato: le esperienze da manovale, da commesso libraio e da orientatore. Lavori esercitati con sovrumano impegno e ossessiva epicità. La ballata incede con un registro umoristico: humor nero che informa e deforma. La danza si svolge tra il protagonista e la propria sconfitta, la depressione, che assume di volta in volta sembianze diverse fino a mostrare la sua vera identità ovvero quella di una donna con la quale il protagonista instaura un rapporto sensuale e perverso, di repulsione e attrazione. Il controcanto di una tale esistenziale lotta per la sopravvivenza è la dolcissima storia d’amore con la moglie del protagonista: la sua anima complementare. Speculativo lui, pragmatica lei; astrattamente furioso l’eroe, altrettanto dialogante l’amata: pur essendo precaria, insegnante di scuola media, dimostra al marito la possibilità di salvezza.

MIA MOGLIE E IO

Garigliano Alessandro

Una piccola città di provincia. Una casa al limite della campagna. Un garage. Un gruppo di adolescenti che ogni martedì si incontra là sotto, per giocare di ruolo. Lo fanno per vent’anni, fino a diventare uomini fatti. Una forma di resistenza, un disperato tessere mondi, opposto a quella forza centripeta che, come il ‘Nulla’ della Storia infinita, divora il fuori, vaporizza le vite e le relazioni. Qualcuno lascia, qualcun altro rientra, c’è chi non ha più tempo e chi scopre di averne troppo. Se nella ‘stanza profonda’ i mondi fantastici diventano sempre più complessi e le schede-personaggio si accumulano, fuori la provincia italiana va dissipandosi. La piccola città perde di senso, di connessioni, il lavoro non c’è più o si atomizza in unità risibili; le identità faticano a coagularsi; lo spazio urbano si fa dormitorio. Un libro ibrido, una narrative non fiction, un po’ memoir e un po’ affresco sociale, che, tra drammi di provincia e viaggi nel cuore degli Stati Uniti, punta a raccontare la storia di un hobby nato in un garage e arrivato alla conquista del mondo, finendo per gettare le basi di un modello di realtà, quello basato sulla proiezione codificata del sé, che viviamo ogni giorno attraverso Facebook e gli altri social network. Vent’anni dopo, Il Trono di Spade, Il Signore degli Anelli, Word of Warcraft sono nomi globali, così come globale è diventata l’industria del videogioco, diretta filiazione di quella dei giochi di ruolo.

La stanza profonda

Santoni Vanni