Narrativa

LA CASA DEGLI SPIRITI

Allende Isabel

Descrizione: Una saga familiare del nostro secolo in cui si rispecchiano la storia e il destino di tutto un popolo, quello cileno, nei racconti delle donne di una importante e stravagante famiglia. Un grande affresco che per fascino ed emozione può ricordare al lettore, nell'ambito della narrativa sudamericana, soltanto "Cent'anni di solitudine" di García Márquez.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788807880278

PRIMA EDIZIONE

LA CASA DEGLI SPIRITI

Editore:

Anno: 1982

Info:

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

 

La casa degli spiriti è un romanzo matriarcale: a partire da Nivea del Valle, il testimone della discendenza/narrazione è tutto al femminile.

Il primo capitolo è intitolato Rosa, la bella ma si apre parlando di Clara. Le due ragazze sono le sorelle del Valle e si caratterizzano una per la sua strana (e verde) bellezza, l’altra per i suoi poteri mentali.

Rosa, la più grande, è la promessa sposa di Esteban Trueba che, per permettere alla donna una vita agiata, ha lasciato la sua terra, la madre e la sorella, per cercare fortuna con le miniere d’oro.

Nell’attesa, però, Rosa muore, Clara – dopo aver assistito alla sua autopsia – si rifugia in un silenzio che durerà ben nove anni, e Esteban – tornato dalla miniera per accomiatarsi dalla sua amata parte verso la casa di campagnanelle vecchie terre appartenute al padre, per dare un rifugio al suo dolore.

Passato questo lungo periodo di tempo, la più piccola, che nel frattempo aveva “perfezionato” le sue doti soprannaturali e aveva intravisto il suo futuro, ritrova la voce per comunicare che presto si sarebbe sposata con Estaban. Due mesi dopo, l’uomo busserà alla porta dei coniugi del Valle per chiedere la mano di Clara.

Dopo questi capitoli iniziali relativamente statici si entra nel vivo del racconto. Esteban, conosciuto per il suo pessimo carattere, ha fatto delle Tre Marie un’azienda modello e, trasferitovisi con Clara e la sorella Férula, manda avanti la sua attività mentre la moglie evoca fantasmi, ospita poeti, fa sedute spiritiche e, solo distrattamente, bada alla casa e ai suoi tre figli: Jaime, Nicolás e Blanca. Quest’ultima s’innamora di Pedro Terzo García, figlio di un contadino della tenuta e, tra incontri furtivi, scandali e la furia del padre, darà alla luce il frutto del loro amore: Alba.

Attorno alle tre donne (non a caso coprotagoniste del “luogo-donna” per eccellenza, cioè la casa) ruotano i “loro uomini” e moltissimi altri personaggi e vicende ma, tutte loro, hanno come perno Esteban con cui, vuoi per il tipo di legame familiare (moglie, figlia, nipote) vuoi per lo scarto generazionale, si rapportano ciascuna in maniera differente.

Inoltre, le vicende della famiglia si svolgono sullo sfondo politico-sociale reale (ma romanzato) del Cile durante gli ultimi decenni del Novecento: il “golpe” (il colpo di stato del generale Pinochet – 1973), la violenza e il terrore (la dittatura militare) la lenta ripresa di una vita “normale” (il ritorno della democrazia).

La storia è un avvincente, circolare ed ereditario, misto di spiritismo, realtà e finzione e ancora di amori, crudeltà, carità, follia… Una storia cui non manca niente, perfetta nelle sue trecentosessantaquattro pagine. La narrazione è puntellata da continue prolessi che ravvivano la suspance e la curiosità del lettore. I personaggi sono molto ben caratterizzati, alcuni surreali, altri politicamente impegnati, altri presi dai loro piccoli interessi ma tutti ben combinati quando li si pensa nella totalità della vicenda. Un meraviglioso spaccato di mondo.

Un romanzo che ci permette di affermare che, nonostante l’imponenza dei grandi padri della letteratura, in un’epoca in cui tutto sembra essere già stato fatto, qualcosa di bello e grande può ancora essere creato.

Assolutamente consigliato, praticamente obbligatorio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Book City Milano – parte prima - New i-LIBRI

[…] 22/10 ore 20.30: La magia della scrittura – Isabel Allende in dialogo con Barbara Stefanellihttp://www.i-libri.com/libri/la-casa-degli-spiriti-di-isabel-allende/ […]

Book City Milano – parte prima – i-LIBRI

[…] 22/10 ore 20.30: La magia della scrittura – Isabel Allende in dialogo con Barbara Stefanelli http://www.i-libri.com/libri/la-casa-degli-spiriti-di-isabel-allende/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Isabel

Allende

Libri dallo stesso autore

Intervista a Allende Isabel

Anita, redattrice in una rivista di moda, è quello che tutte sognano di essere: bella, giovane, elegante e colta. Ma anche tremendamente complicata. Sua madre e sua sorella, così concrete, non capiscono da dove arrivi la sua inquietudine, quella voglia di mangiarsi ogni attimo come fosse l'ultimo e di scappare a gambe levate non appena qualcuno minaccia di metterla in gabbia. Anita però lo sa bene: quando si guarda allo specchio, le sue "mille me" - così le chiama lei - riflettono i suoi cambiamenti di umore e la incoraggiano, la contraddicono, la rimproverano quando sbaglia. Perché Anita sbaglia spesso, soprattutto quando si tratta di uomini. I suoi errori più grandi sono tre: Filippo, affascinante e indisponibile, incontrato per caso su un volo per New York; Flavio, un incrocio di sguardi che si è trasformato in passione; e poi Jacopo, il marito che le è sempre stato accanto ma ultimamente sembra non capirla più. Anita crede di amarli tutti, ma forse la verità è che la vita le sta sfuggendo di mano, come la sua immagine riflessa nello specchio. Dovrà scavarsi dentro e fare i conti con un passato ancora dolorosissimo, per imparare a prendersi cura di sé senza smettere di innamorarsi e di sbagliare: solo così potrà ricominciare a vedersi, e a esistere, davvero.

Se non ti vedo non esisti

Levante

Paura di volare è la storia di Isadora Wing, una delle più spregiudicate antieroine della letteratura contemporanea. Isadora è bella, appassionata e sessualmente infiammabile, ma ha una terribile paura di volare, paura della sua forza e della sua libertà. Ingabbia la sua esuberanza in matrimoni che esplodono mandando in frantumi speranze di protezione e di sicurezza, con un primo marito che finisce col credersi Cristo e minaccia una passeggiata sulle acque del lago di Central Park, un secondo che non smette di essere un freddo analista neppure nel letto matrimoniale. La terra promessa della libertà non arriva neppure con la folle passione per Adrian Goodlove, anticonvenzionale psichiatra lainghiano sostenitore della autonomia e della poligamia. Il viaggio attraverso l'Europa che Isadora intraprende con lui, dopo mille incertezze venate di desiderio del volo e paura delle conseguenze, si rivela fallimentare. La famiglia, gli amori del passato, i sogni dell'adolescenza riprendono il sopravvento in un processo di acuta autoanalisi.

Paura di volare

Jong Erica

GENTE DI DUBLINO – di James Joyce

I due protagonisti – e autori – sono fratelli, ma non si frequentano molto, forse nemmeno si sopportano. Adesso però gli tocca stare insieme, almeno per qualche ora: devono dare un’ultima occhiata alla casa di villeggiatura della loro infanzia – la casa nel bosco – prima di consegnare le chiavi al nuovo proprietario. Qui ha inizio un viaggio nella memoria, un inventario buffo e struggente di oggetti, luoghi, odori, storie, sapori: qui ha inizio la riconciliazione. Un memoir a quattro mani che racconta di amicizie perdute, di amori rubati, di vecchi fumetti e di torte di ricotta. Un ricettario, non solo metaforico, dell’infanzia, dell’adolescenza e di un’età adulta ancora capace di riservare sorprese.

La casa nel bosco

Carofiglio Gianrico e Francesco