Narrativa

LA CASA DEGLI SPIRITI

Allende Isabel

Descrizione: Una saga familiare del nostro secolo in cui si rispecchiano la storia e il destino di tutto un popolo, quello cileno, nei racconti delle donne di una importante e stravagante famiglia. Un grande affresco che per fascino ed emozione può ricordare al lettore, nell'ambito della narrativa sudamericana, soltanto "Cent'anni di solitudine" di García Márquez.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788807880278

PRIMA EDIZIONE

LA CASA DEGLI SPIRITI

Editore:

Anno: 1982

Info:

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

 

La casa degli spiriti è un romanzo matriarcale: a partire da Nivea del Valle, il testimone della discendenza/narrazione è tutto al femminile.

Il primo capitolo è intitolato Rosa, la bella ma si apre parlando di Clara. Le due ragazze sono le sorelle del Valle e si caratterizzano una per la sua strana (e verde) bellezza, l’altra per i suoi poteri mentali.

Rosa, la più grande, è la promessa sposa di Esteban Trueba che, per permettere alla donna una vita agiata, ha lasciato la sua terra, la madre e la sorella, per cercare fortuna con le miniere d’oro.

Nell’attesa, però, Rosa muore, Clara – dopo aver assistito alla sua autopsia – si rifugia in un silenzio che durerà ben nove anni, e Esteban – tornato dalla miniera per accomiatarsi dalla sua amata parte verso la casa di campagnanelle vecchie terre appartenute al padre, per dare un rifugio al suo dolore.

Passato questo lungo periodo di tempo, la più piccola, che nel frattempo aveva “perfezionato” le sue doti soprannaturali e aveva intravisto il suo futuro, ritrova la voce per comunicare che presto si sarebbe sposata con Estaban. Due mesi dopo, l’uomo busserà alla porta dei coniugi del Valle per chiedere la mano di Clara.

Dopo questi capitoli iniziali relativamente statici si entra nel vivo del racconto. Esteban, conosciuto per il suo pessimo carattere, ha fatto delle Tre Marie un’azienda modello e, trasferitovisi con Clara e la sorella Férula, manda avanti la sua attività mentre la moglie evoca fantasmi, ospita poeti, fa sedute spiritiche e, solo distrattamente, bada alla casa e ai suoi tre figli: Jaime, Nicolás e Blanca. Quest’ultima s’innamora di Pedro Terzo García, figlio di un contadino della tenuta e, tra incontri furtivi, scandali e la furia del padre, darà alla luce il frutto del loro amore: Alba.

Attorno alle tre donne (non a caso coprotagoniste del “luogo-donna” per eccellenza, cioè la casa) ruotano i “loro uomini” e moltissimi altri personaggi e vicende ma, tutte loro, hanno come perno Esteban con cui, vuoi per il tipo di legame familiare (moglie, figlia, nipote) vuoi per lo scarto generazionale, si rapportano ciascuna in maniera differente.

Inoltre, le vicende della famiglia si svolgono sullo sfondo politico-sociale reale (ma romanzato) del Cile durante gli ultimi decenni del Novecento: il “golpe” (il colpo di stato del generale Pinochet – 1973), la violenza e il terrore (la dittatura militare) la lenta ripresa di una vita “normale” (il ritorno della democrazia).

La storia è un avvincente, circolare ed ereditario, misto di spiritismo, realtà e finzione e ancora di amori, crudeltà, carità, follia… Una storia cui non manca niente, perfetta nelle sue trecentosessantaquattro pagine. La narrazione è puntellata da continue prolessi che ravvivano la suspance e la curiosità del lettore. I personaggi sono molto ben caratterizzati, alcuni surreali, altri politicamente impegnati, altri presi dai loro piccoli interessi ma tutti ben combinati quando li si pensa nella totalità della vicenda. Un meraviglioso spaccato di mondo.

Un romanzo che ci permette di affermare che, nonostante l’imponenza dei grandi padri della letteratura, in un’epoca in cui tutto sembra essere già stato fatto, qualcosa di bello e grande può ancora essere creato.

Assolutamente consigliato, praticamente obbligatorio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Book City Milano – parte prima – i-LIBRI

[…] 22/10 ore 20.30: La magia della scrittura – Isabel Allende in dialogo con Barbara Stefanelli http://www.i-libri.com/libri/la-casa-degli-spiriti-di-isabel-allende/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Isabel

Allende

Libri dallo stesso autore

Intervista a Allende Isabel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La tragedia d’un personaggio (commento e testo)

A Parigi tutti i giovedì s'incontrano in luoghi di fortuna uomini dai destini e dalle condizioni diversissime tra loro, ma accomunati da pene di cuore. Le assemblee si svolgono nello spirito di tolleranza più completo: nessuno ha il diritto di ribattere alle testimonianze che vengono recate e il più religioso silenzio accoglie le confessioni di tutti. Tre i protagonisti principali di questo romanzo al maschile: un filosofo in guerra con l'ontologia della donna, uno scapolo impenitente convinto dell'esistenza di un complotto femminile planetario contro la sua virilità, e un marito tradito che si avventura alla scoperta della donna in tutte le sue varianti. Uno sguardo senza pregiudizi sul maschio contemporaneo, nutrito di autoironia e leggerezza.

GLI UOMINI DEL GIOVEDI’

Benacquista Tonino

Perché una sacca di sangue costa 3 euro al Sant’Andrea di Vercelli e 12 al Gallicano di Cosenza? E perché la Regione Piemonte dispone di 700 dipendenti e la Sicilia di 6000? Ci sono tante cose che ci fanno arrabbiare: gli sprechi, le inefficienze e ognuna delle mille male-qualcosa che popolano le cronache quotidiane. Una volta si tratta di truffe. Un’altra volta è una partoriente che ci lascia la pelle a causa di un errore o di un disguido. Un’altra ancora sono i treni fermi in mezzo alla campagna per il sistema andato in tilt. Perché tutto questo? La risposta non viene da differenze culturali o caratteriali che, con facile qualunquismo, si potrebbero individuare. La ragione affonda le radici nella storia: proprio quella di 150 anni fa. Se oggi i cittadini si lamentano per l’eccessivo carico fiscale e per le troppe tasse che gravano sul singolo contribuente, diventa inevitabile rammentare che l’andazzo prese il via giusto un secolo e mezzo fa, quando ci si cominciò a inventare imposte con tanta fantasia e nessuna logica. Se adesso tutti parlano di federalismo (e pochi immaginano come farlo) è perché si riconosce implicitamente che sono stati commessi errori imperdonabili che adesso diventa urgente rettificare. Non un’Italia unita e nuova ma un regno sabaudo allargato, che annette, che conquista e che impone le sue regole e le sue misure. Un travisamento degli accordi e del progetto originario, che ha tradito il Nord danneggiando anche il Sud.

Polentoni

Del Boca Lorenzo

Dialogando con il figlio mai avuto, un uomo ripercorre la sua vita. Ma se a quel padre e a quel figlio dà la voce Erri De Luca, leparole nate dalla notte emanano luce. “Le parole, figlio, non inventano la realtà, che esiste comunque. Danno alla realtà la lucidità improvvisa, che le toglie la sua naturale opacità e così la rivela.” In una sera senza corrente elettrica, mentre rilegge Pinocchio, un uomo sente la presenza del figlio che non ha avuto, il figlio che la madre – la donna con cui in gioventù lo concepì – decise di abortire. Alla fiamma del camino, il figlio gli appare già adulto, e quella presenza basta “qui e stasera” a fare la sua paternità. Per tutta la notte al figlio “estratto da una cena d’inverno” lui racconta “un poco di vita scivolata”. E così ecco l’infanzia napoletana, la nostalgia della madre e del padre, il bisogno di andare via, di seguire la propria libertà – “lalibertà che ho conosciuto è stata andare e stare dove non potevo fare a meno” –, le guerre trascorse ma anche i baci che ha dato… e, a poco a poco che racconta, immagina le reazioni di questo figlio adulto, ciò che potrebbe dire, fino a che il figlio, da muto che era, prende la parola e inizia a dare voce alla propria curiosità (“a proposito di maschere, di che ti vestivi a Carnevale?”), punteggia il racconto del padre con domande e osservazioni, lo guida, aiuta a mettere i dettagli a fuoco, e si fa guidare. Il monologo iniziale diventa così un dialogo a due voci, che indaga su una vita, sugli affetti, sulle scelte fatte, sui libri letti e su quelli scritti, sull’importanza delle parole e delle storie. Un’indagine che, più che tracciare un bilancio, vuol essere scandaglio, ricerca intima – quasi una rivelazione –, che accoglie l’obiezione, è aperta all’errore, si china sull’inevitabilità di ciò che è stato e salva, tramanda le qualità emerse dai ricordi (“questa potrebbe essere una dote per me: imparare da qualunque esempio”)...

Il giro dell’oca

De Luca Erri