Letteratura femminile

LA CASA DELLE BELLE ADDORMENTATE

Kawabata Yasunari

Descrizione: In una particolarissima casa di appuntamenti, attempati gentiluomini si concedono il piacere di giacere accanto a splendide giovani donne addormentate. Un raffinato e inquietante racconto erotico che sa cogliere i profondi misteri dell'anima con tocchi luminosi e leggeri. Il romanzo più delicato e suggestivo di Kawabata (1899-1972), premio Nobel per la letteratura 1968.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Mondadori

Collana: Classici Moderni

Anno: 2001

ISBN: 9788804496106

Recensito da Stefania De Lucia

Le Vostre recensioni

Se non fosse così famoso per essere stato il primo scrittore giapponese ad aver ricevuto un premio Nobel per la letteratura, la prosa di Yasunari Kawabata sembrerebbe quella di un paesaggista, un pittore in grado di dipingere quadri di parole, interi paesaggi e orizzonti di frasi.  
 
Nel caso de La casa delle belle addormentate, i paesaggi in questione sono quelli dei corpi flessuosi, dalla pelle diafana, di giovani vergini, addormentate in una casa di appuntamenti con droghe potenti e segrete, per soddisfare i desideri erotici  di anziani clienti, più vicini al tramonto della vita che al picco della loro virilità.
 
Sono corpi di giovanissime ragazze che, in un puro atto di voyerismo, gli anziani clienti osservano con attenzione, seguendo con gli occhi la linea dei fianchi sinuosi, quella del seno, delle braccia e delle mani, mollemente adagiate sul cuscino, sul quale i capelli, solitamente sciolti, formano meduse scomposte, mentre le  labbra, colorate di rossetto, si schiudono su denti bianchi.
La regola della casa impedisce ai clienti di deflorare le ragazze, cosa che sembrerebbe difficile alla maggior parte di loro, in considerazione della loro età avanzata. Per questo motivo, quei corpi addormentati, quasi vittima di un incantesimo che sembra averli sospesi, ancora in vita, in un limbo di morte apparente, consente ai vecchi di nascondere la loro virilità depressa e spenta, e di non avvertire “alcun complesso di inferiorità per il proprio decadimento”. 
 
Di contro, questo spazio di osservazione privilegiato e silenzioso offre a tutti loro illimitata libertà nelle fantasie e nei sogni: due pillole di blando sonnifero assicurano a ciascuno la possibilità di cadere in un sonno pieno di ricordi, nel quale affiorano scene di una vita trascorsa, di amori passati, di gioie, dolori e nefandezze. I vecchi clienti della casa addormentata non sono infatti persone “con l’animo in pace, ma piuttosto terrorizzate, derelitte”. Giacere accanto a un corpo così giovane, fa  insorgere in essi non tanto “il terrore della morte” o “l’inalienabile tristezza della gioventù perduta” quanto piuttosto il rimorso per le immoralità da loro stessi compiute e la consapevolezza della loro profonda infelicità familiare.
 
I corpi delle ragazze diventano quindi un altare di espiazione delle proprie colpe, dinnanzi al quale diviene possibile sacrificare, confessare e rimettere la propria misera, talora meschina  esistenza prima che la morte giunga, inesorabile: «i vecchi verosimilmente non avevano un Budda innanzi a cui inginocchiarsi e pregare. Stringendosi al petto le nude bellezze, versavano fredde lacrime, si abbandonavano al pianto e quand’anche urlassero le ragazze non ne sapevano nulla, non si svegliavano neppure. I vecchi non dovevano così provare vergogna o umiliazione. Si pentivano e si rattristavano in completa libertà. Sotto tale aspetto le “bellezze addormentate” non erano forse qualcosa di simile a Budda? Ed erano corpi vivi. La giovane pelle e il profumo delle ragazze erano forse perdono e consolazione per quei poveri vecchi».

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasunari

Kawabata

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kawabata Yasunari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È una primavera strana, indecisa, come l’umore di Guido Guerrieri. Messo all’angolo da una vicenda personale che lo spinge a riflettere sulla propria esistenza, Guido pare chiudersi in sé stesso. Come interlocutore preferito ha il sacco da boxe che pende dal soffitto del suo soggiorno. A smuovere la situazione arriva un cliente fuori del comune: un giudice nel pieno di una folgorante carriera, suo ex compagno di università, sempre primo negli studi e nei concorsi. Si rivolge a lui perché lo difenda dall’accusa di corruzione, la peggiore che possa ricadere su un magistrato. Quasi suo malgrado, Guerrieri si lascia coinvolgere dal caso e a poco a poco perde lucidità, lacerato dalla tensione fra regole formali e coscienza individuale. In un susseguirsi di accadimenti drammatici e squarci comici, ad aiutarlo saranno l’amico poliziotto, Carmelo Tancredi, e un investigatore privato, un personaggio difficile da decifrare: se non altro perché è donna, è bella, è ambigua, e gira con una mazza da baseball.

La regola dell’equilibrio

Carofiglio Gianrico

Cos'hanno in comune gli atti con le azioni? Esistono atti inediti, mai compiuti, che possono divenire autentici mezzi di liberazione e disturbo del "quieto" vivere? E cosa possiamo imparare dagli animali per cambiare lo stato di cose presente? Dal punto di vista della società-grattacielo, le risposte a queste domande dovranno essere qualcosa d'inaccettabile. D'intollerabile, anche solo per un attimo. Quando saranno tollerabili, ecco la filosofia d'accademia, "di cani abbaianti in una cuccia sordomuta, ignoranti allo sbaraglio". La filosofia non cerca soluzioni, ma problemi. Non può prestarsi alla perversione della cura: resta per sua stessa essenza diagnosi.

Flatus vocis

Caffo Leonardo

Reso immortale da Hitchcock grazie al suo indimenticabile film, Gli uccelli è ormai divenuto un classico della letteratura horror mondiale. Le altre cinque, agghiaccianti storie contenute in questa antologia si fanno beffe della volontà di dominio sulla natura da parte dell'uomo. Un inaccessibile monastero sulle montagne promette l'immortalità, ma a un terribile prezzo; una moglie trascurata dà la caccia al marito sotto forma di un albero di mele; un fotografo professionista lascia il suo posto dietro la macchina ed entra nella vita del suo soggetto: un appuntamento con una maschera del cinema si trasforma in una passeggiata in un cimitero; e un padre geloso trova il modo di sbarazzarsi del terzo incomodo... Sei magistrati racconti in cui Daphne Du Maurier conferma, se ancora ce ne fosse bisogno, il suo straordinario talento di narratrice e di maestra indiscussa della suspenze e dell'orrore.

Gli uccelli e altri racconti

Du Maurier Daphne

Sono storie d’amore, sono incontri di un istante, sono figure femminili indimenticabili. E non importa che siano realmente esistite – e magari frequentate nella Sicilia di tanti anni fa –, o che emergano da qualche capolavoro della letteratura. Il loro fascino rinasce in queste pagine in cui, insieme al maestro, sorridiamo, desideriamo e ci innamoriamo. Di Angelica, di Beatrice, di Carmela, di Helga, di Maria, di Zina... Dalla A alla Z. E pur di conquistarle l’uomo è pronto a tutto, anche andare in bicicletta mentre diluvia o venire malmenato da un lanciatore di coltelli; tutto per fare i conti con i temperamenti, le voglie segrete e i sogni, diversi per ogni donna, in letteratura come nella vita.

Donne

Camilleri Andrea