Giallo - thriller - noir

La casa delle ombre

Mizar Paini Paola

Descrizione: "Non vi tragga in inganno il mio romantico abbandono, le forme delicate, i colori tenui, le vetrate colorate che risplendono nel sole. Io rivivo di notte, tra le nebbie delle risaie, i rumori furtivi della campagna, il gelo che trasmetto a chi mi osserva. Struggente lamento fra queste mura, infame è la mia solitudine...". La "villa degli amanti maledetti" poco fuori Lomello si erge in tutta la sua spettrale bellezza, ma un'ombra funesta incombe sempre su di essa. Nel 1964 l'ultimo proprietario chiuse dietro di sé il pesante cancello e se ne andò senza più voltarsi. Nessuno sarebbe mai più dovuto entrare, e mai nessuno osò farlo. Nicole ha ventun anni, è una brillante studentessa di Psicologia; la discussione della sua tesi verte su credenze popolari e isterie collettive. Ha un solo obiettivo: scrivere una tesi originale e attuale e quella villa in stile liberty fa al caso suo... Una casa avvolta nel mistero. Una morte sospetta. Inizia un'indagine segnata da brusche svolte e drammatici cambiamenti di direzione, nel corso della quale il maresciallo Marchi si troverà ad affrontare una realtà sconvolgente.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Frilli

Collana: Supernoir

Anno: 2019

ISBN: 9788869433092

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

La casa delle ombre. Un’indagine del maresciallo Marchi di Paola Mizar Paini

Paola Mizar Paini, dopo aver pubblicato Angeli innocenti, torna in libreria con La casa delle ombre, un romanzo giallo dal taglio classico, sia per impostazione che per contenuti. Infatti, come nei migliori gialli, c’è un ingrediente principe: una casa maledetta nella quale viene trovato un  cadavere, orribilmente mutilato. La casa è denominata “la villa degli amanti maledetti”: “Considerata dagli appassionati di paranormale come un mistero ancora irrisolto. Su quella villa in stile liberty, ormai disabitata da anni, le voci si erano sprecate. La casa dall’aspetto minaccioso si innalzava tetra in mezzo ai campi di riso della nebbiosa Lomellina. Molte trasmissioni televisive si erano interessate alla sua storia raccontandola piena di morte e segreti mai svelati.

Tutto è mistero e inganno, però “non vi tragga in inganno il mio romantico abbandono, le forme delicate, i colori tenui, le vetrate colorate che risplendono nel sole. Io rivivo di notte, tra le nebbie delle risaie, i rumori furtivi della campagna, il gelo che trasmetto a chi mi osserva. Struggente lamento fra queste mura, infame è la mia solitudine.

Una studentessa,  Nicole, si reca sul posto per approfondire il contenuto della sua prossima tesi di laurea e vi trova  il cadavere di una donna. Si scoprirà molto più avanti appartenere a una certa Regina, una donna “dalla pelle chiara, i capelli neri lunghissimi e gli occhi a mandorla color miele… sufficienti a non farla passare inosservata. Il suo portamento elegante e la figura slanciata seducevano sia gli uomini che le donne.”

Era incinta. Chi ha voluto una morte così orribile, e soprattutto perché? Inizia in questo modo un’indagine “colma di segreti e fatti privati, intimi e inconfessati, ora perduti per sempre. La ragazza era morta insieme al suo minuscolo bambino, e quel segreto se l’era portato con sé. Così come quella vecchia villa diventata il suo sepolcro e che a sua volta custodiva un segreto vecchio di anni.

Il giallo è intrigante e avvincente, ben costruito ed elaborato. Scritto con una prosa fresca e precisa, ha il suo culmine proprio nella storia e nelle caratteristiche della villa, emblema del male assoluto. I personaggi ben evidenziati e descritti nell’intimo completano una trama coinvolgente per il lettore amante di un genere ricco di colpi di scena, narrati con bravura e maestria narrativa.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paola

Paini

Mizar

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mizar Paini Paola

I due protagonisti – e autori – sono fratelli, ma non si frequentano molto, forse nemmeno si sopportano. Adesso però gli tocca stare insieme, almeno per qualche ora: devono dare un’ultima occhiata alla casa di villeggiatura della loro infanzia – la casa nel bosco – prima di consegnare le chiavi al nuovo proprietario. Qui ha inizio un viaggio nella memoria, un inventario buffo e struggente di oggetti, luoghi, odori, storie, sapori: qui ha inizio la riconciliazione. Un memoir a quattro mani che racconta di amicizie perdute, di amori rubati, di vecchi fumetti e di torte di ricotta. Un ricettario, non solo metaforico, dell’infanzia, dell’adolescenza e di un’età adulta ancora capace di riservare sorprese.

La casa nel bosco

Carofiglio Gianrico e Francesco

Presentazione dell'autore Un piccolo paese, Soulpass, sperduto ai margini del Crater Lake in Oregon, al limitare della riserva indiana. Un posto isolato da tutti dove l’unica stranezza, vissuta con curiosa indifferenza dagli abitanti, è che ogni tanto “qualcuno scompare”. Una ragazzina capitata lì dal nulla, malconcia e senza memoria, viene trovata da un abitante del villaggio, comincia una nuova vita, con un nuovo nome: Neve. Un corollario di personaggi quanto mai vario che si trovano ad incrociare le loro esistenze con lei; si accorgeranno presto che Neve è speciale, capace a volte di mutare gli agenti atmosferici, trasgredire talvolta le leggi della fisica oltre ad essere dotata di un unico talento musicale. Sono questi gli ingredienti del romanzo “La linea verde” scritto da Simone Fancelli e pubblicato da Albatros. Una lettura dal tono leggero che si presta a una duplice chiave di lettura: è adatto agli adolescenti che si lasceranno travolgere da un turbinio di immagini e di vicende intrise di mistero, amore e avventura; gli adulti invece potranno cogliere i risvolti profondi, la riflessione (scevra da condizionamenti politici, religiosi, medici) sulla natura spirituale e materiale del genere umano, che si offre pagina dopo pagina fino al sorprendente epilogo in cui ogni tessera, comprese le apparenti incongruenze, trova collocazione e spiegazione.

La linea verde

Fancelli Simone

Rincasando dopo una cena con il commissario Ferrazza, l'ispettore Ceolin si trova di fronte a una scena raccapricciante: sua sorella Teresa è stata uccisa a coltellate e poi impiccata alla ringhiera di una scala a chiocciola. Teresa, che in passato aveva aderito a ideali di sinistra, negli ultimi anni era diventata militante di un movimento di estrema destra, Supremazia Italia. Ed è in questi ambienti che iniziano le indagini per individuare l'autore o l'autrice dell'atroce delitto. Al centro dell'accaduto pare ci sia la scomparsa di un malloppo di cinquecentomila euro, una somma considerevole che fa gola a tante persone, a qualunque schieramento politico appartengano. In una catena di ulteriori omicidi, di fughe e ritrovamenti, di tradimenti e di rimorsi, il coro degli innumerevoli personaggi del romanzo disegna un universo umano e sociale al limite della disgregazione, all'interno del quale i nostri investigatori si muoveranno con estrema difficoltà. Un mondo amorale e autocentrato, permeato di individualismo e di opportunismo, a stretto contatto con un'ondata migratoria che lentamente sta cambiando i connotati della città, provocando violente reazioni contrapposte. Saranno l'amore di Laura e una notizia inaspettata che consentiranno a Daniele Ferrazza di uscire dal caso senza grossi contraccolpi, mentre chi apparirà fortemente abbattuto sarà l'ispettore Ceolin, e non solo per la tragedia che l'ha indirettamente colpito. Con "Milano e i pensieri oscuri" Bastasi si sposta dal noir classico dei suoi precedenti romanzi all'esplorazione di altri territori, dove non esiste un'univoca soluzione del caso: perché qui l'ambito dell'indagine è soprattutto il lato oscuro acquattato nella mente di ciascuno di noi, che ci spinge ad azioni e comportamenti anche in netto contrasto con i nostri convincimenti razionali.

Milano e i pensieri oscuri

Bastasi Alessandro

La carriola di Luigi Pirandello (commento)