Romanzo storico

La casa delle vergini

McKay Ami

Descrizione: New York, 1871. Nella casa delle vergini, dove Miss Everett provvede all'educazione di prostituire giovanissime, Moth cerca di sottrarre il proprio corpo e la propria anima al suo ineluttabile destino.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Neri Pozza

Collana: I narratori delle tavole

Anno: 2012

ISBN: 9788854506046

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

 

New York 1871, qual è il destino di una ragazzina povera, figlia di una gitana e di un padre scappato, che vive nei bassifondi e che a stento riesce a mangiare?

Ovviamente la prostituzione.

Venduta dalla madre a soli 12 anni a una violenta matrona che vuole un giocattolo da maltrattare, la piccola Moth scappa ed è costretta a rubare, elemosinare, lottare ogni giorno duramente, anche solo per conquistare un angolino per dormire. Un giorno, apparentemente per caso, si imbatte in una giovane fanciulla vestita bene e generosa che la porta da Miss Everett, titolare di una cosiddetta “casa delle vergini”. In sostanza la signora prepara delle ragazzine poco più che adolescenti alla deflorazione, vendendole a caro prezzo e introducendole, quindi, al mestiere più antico del mondo.

Moth ha un sogno, quello di possedere cose belle, dormire in un letto comodo, essere ricca, e la soluzione offerta da Miss Everett le sembra quella giusta. Incontra però la dottoressa Sadie, personaggio carismatico e molto moderno, che prende a cuore il suo destino, che si accorge dell’ingenuità, ben mascherata, della piccola Moth e che comincia a insinuare nella sua quotidianità la possibilità di un’alternativa.

Non si tratta però di una storia di salvezza e riabilitazione totale. Moth andrà avanti per la sua strada, troppo provata dalla mancanza di amore da parte dei genitori e dalla povertà che ha fatto parte della sua vita da quando è nata. Poi si libererà dall’inferno della prostituzione, ma non per diventare “una brava ragazza americana’. La sua riabilitazione si manterrà comunque nei limiti delle sue reali possibilità. La dottoressa Sadie l’aiuterà e lei userà le sue origini gitane e la sua intelligenza, con anche un pizzico di fortuna, per diventare una donna di spettacolo, con una ricchezza consistente. Moth si vendicherà della prima crudele padrona in un modo che però farà soffrire più lei, si scontrerà duramente con stupro e pura mercificazione del corpo; solo dopo deciderà di voltare pagina.

Lieto fine sì, ma niente di irreale e favolistico.

La casa delle vergini è un libro che si legge velocemente, scritto molto bene, a tratti è leggero, nonostante i temi trattati. Ma è anche un libro molto serio, che va dritto al punto e che non lascia niente all’immaginazione. Quello che ci racconta accadeva davvero e, nei bassifondi di tutto il mondo, continua ad accadere. Molti destini sono già segnati, però poi c’è qualcuno che è destinato a fare la differenza.

Una storia di abbandono, di perdita, di violenza, ma anche una storia di crescita e maturazione. Non un capolavoro, certo, ma comunque una storia da leggere, perché di piccole Moth ce ne sono ancora troppe.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ami

Mckay

Libri dallo stesso autore

Intervista a McKay Ami

Santi, poeti e commissari tecnici è una raccolta che racconta con ironia e tenerezza e una scrittura scoppiettante il senso di una fine: il crollo del mito tutto italiano del "campionato più bello del mondo", una bufala identitaria a cui abbiamo voluto credere per anni, una vera e propria religione di stato la cui dissacrazione ci renderà - si spera - un po' più leggeri e meno tronfi, un po' più umani, sopportabili e meno sfegatati.Santi, poeti e commissari tecnici è uno spaghetti-fantasy calcistico dai toni agrodolci che parla dritto al nostro cuore, al cuore di una nazione che sul calcio ha strepitato troppo e troppo a lungo perché, versata una lacrima, non fosse giunto il momento di riderci su.

Santi, poeti e commissari tecnici

Meloni Angelo Orlando

Sergio Scozzacane è un impresario musicale. Lo chiamano "lo squalo" per la forma a pinna del suo naso. Un soprannome, ma anche un destino da carnivoro: è il proprietario della casa discografica Musica Blue Records, che produce dischi a pagamento vendendo illusioni a cantanti privi di talento. Alloggiato in una pensione d'infimo ordine e sommerso dai debiti contratti con la camorra, lo squalo progetta una improbabile uscita di scena. Ma quando tutto sembra perduto, una speranza si riaccende: Mattia, un giovane cantante che ha ancora sotto contratto per due mesi, vince un talent show televisivo, e portarlo a cantare a Sanremo sembra l'occasione di riscatto della sua vita da agente fallito e per salvare la pelle. Ma anche il "viaggio della speranza" nella città dei fiori, che lo squalo affronta assieme a Mattia (bella voce ma leggermente autistico) e alla sorella Sofia (cieca, bellissima e determinata), con la camorra alle costole, si rivela l'ennesimo buco nell'acqua.

IL FIUTO DELLO SQUALO

Solla gianni

È una primavera strana, indecisa, come l’umore di Guido Guerrieri. Messo all’angolo da una vicenda personale che lo spinge a riflettere sulla propria esistenza, Guido pare chiudersi in sé stesso. Come interlocutore preferito ha il sacco da boxe che pende dal soffitto del suo soggiorno. A smuovere la situazione arriva un cliente fuori del comune: un giudice nel pieno di una folgorante carriera, suo ex compagno di università, sempre primo negli studi e nei concorsi. Si rivolge a lui perché lo difenda dall’accusa di corruzione, la peggiore che possa ricadere su un magistrato. Quasi suo malgrado, Guerrieri si lascia coinvolgere dal caso e a poco a poco perde lucidità, lacerato dalla tensione fra regole formali e coscienza individuale. In un susseguirsi di accadimenti drammatici e squarci comici, ad aiutarlo saranno l’amico poliziotto, Carmelo Tancredi, e un investigatore privato, un personaggio difficile da decifrare: se non altro perché è donna, è bella, è ambigua, e gira con una mazza da baseball.

La regola dell’equilibrio

Carofiglio Gianrico

Le sue clienti la chiamano l’Amantide. Detesta questo soprannome. È così banale. E poi lei non è un’assassina. Come sanno bene gli usurai, i morti non pagano i loro debiti. È a Nizza, nel cuore della Costa Azzurra, in compagnia di un omuncolo che si illude di essere in vacanza con la sua amante. L’atmosfera sembra quella giusta, l’illusione si accende. Ma la fiaba erotica dura poco. La realtà torna a mostrare il suo vero volto, fatto di sopraffazione. Il divertimento è finito, è arrivata l’ora di tirare fuori i punteruoli da ghiaccio. L’Amantide deve portare a termine il suo lavoro.

L’AMANTIDE. Nizza, Francia

Di Martino Antonella