Romanzo storico

La casa delle vergini

McKay Ami

Descrizione: New York, 1871. Nella casa delle vergini, dove Miss Everett provvede all'educazione di prostituire giovanissime, Moth cerca di sottrarre il proprio corpo e la propria anima al suo ineluttabile destino.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Neri Pozza

Collana: I narratori delle tavole

Anno: 2012

ISBN: 9788854506046

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

 

New York 1871, qual è il destino di una ragazzina povera, figlia di una gitana e di un padre scappato, che vive nei bassifondi e che a stento riesce a mangiare?

Ovviamente la prostituzione.

Venduta dalla madre a soli 12 anni a una violenta matrona che vuole un giocattolo da maltrattare, la piccola Moth scappa ed è costretta a rubare, elemosinare, lottare ogni giorno duramente, anche solo per conquistare un angolino per dormire. Un giorno, apparentemente per caso, si imbatte in una giovane fanciulla vestita bene e generosa che la porta da Miss Everett, titolare di una cosiddetta “casa delle vergini”. In sostanza la signora prepara delle ragazzine poco più che adolescenti alla deflorazione, vendendole a caro prezzo e introducendole, quindi, al mestiere più antico del mondo.

Moth ha un sogno, quello di possedere cose belle, dormire in un letto comodo, essere ricca, e la soluzione offerta da Miss Everett le sembra quella giusta. Incontra però la dottoressa Sadie, personaggio carismatico e molto moderno, che prende a cuore il suo destino, che si accorge dell’ingenuità, ben mascherata, della piccola Moth e che comincia a insinuare nella sua quotidianità la possibilità di un’alternativa.

Non si tratta però di una storia di salvezza e riabilitazione totale. Moth andrà avanti per la sua strada, troppo provata dalla mancanza di amore da parte dei genitori e dalla povertà che ha fatto parte della sua vita da quando è nata. Poi si libererà dall’inferno della prostituzione, ma non per diventare “una brava ragazza americana’. La sua riabilitazione si manterrà comunque nei limiti delle sue reali possibilità. La dottoressa Sadie l’aiuterà e lei userà le sue origini gitane e la sua intelligenza, con anche un pizzico di fortuna, per diventare una donna di spettacolo, con una ricchezza consistente. Moth si vendicherà della prima crudele padrona in un modo che però farà soffrire più lei, si scontrerà duramente con stupro e pura mercificazione del corpo; solo dopo deciderà di voltare pagina.

Lieto fine sì, ma niente di irreale e favolistico.

La casa delle vergini è un libro che si legge velocemente, scritto molto bene, a tratti è leggero, nonostante i temi trattati. Ma è anche un libro molto serio, che va dritto al punto e che non lascia niente all’immaginazione. Quello che ci racconta accadeva davvero e, nei bassifondi di tutto il mondo, continua ad accadere. Molti destini sono già segnati, però poi c’è qualcuno che è destinato a fare la differenza.

Una storia di abbandono, di perdita, di violenza, ma anche una storia di crescita e maturazione. Non un capolavoro, certo, ma comunque una storia da leggere, perché di piccole Moth ce ne sono ancora troppe.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ami

Mckay

Libri dallo stesso autore

Intervista a McKay Ami

Vagli a spiegare che è primavera

Cipolat Catherine

Londra, fine Ottocento: la giovane Mina Murray convive segretamente dall'infanzia con un dono inquietante, la capacità di leggere i pensieri e di vedere presenze invisibili agli altri. Quando il suo fidanzato Jonathan si allontana per lavoro, chiamato da un misterioso Conte, Mina raggiunge la sua amica Lucy nello Yorkshire: qui, tra leggende sugli spiriti locali e macabre avventure notturne, scopre la sessualità disordinata dell'amica, fidanzata con un Lord ma amante di un focoso pittore americano. Poco dopo il matrimonio con il Lord, Lucy viene a mancare: al funerale Mina conosce il dottor Seward, direttore dell'ospedale psichiatrico in cui Lucy è morta. Da alcune lettere, Mina scopre che Lucy era stata ricoverata a forza dal marito e sottoposta da Seward a torture spaventose per curarla, e decide di indagare. Nel manicomio sono ricoverate donne “isteriche”, curate con vere e proprie torture, spesso a sfondo sessuale. Mina viene imprigionata da Seward e sottoposta alle stesse torture che hanno ucciso Lucy, ma viene liberata da una belva misteriosa e si risveglia in casa del Conte. Qui troverà la spiegazione alle sue facoltà sovrannaturali, mentre il Conte che veglia su di lei la preparerà allo scontro finale tra il bene e il male, suggellato da un vampiresco patto di sangue.

DRACULA IN LOVE

Essex Karen

Una raccolta di poesie per addentrarsi nel roveto dell'esistenza contemporanea, laddove le certezze sono barbagli, riflessi impalpabili e ingannatori ai quali non è più possibile credere. La metafora della vita come viaggio, pur solida nella propria tradizione plurimillenaria, scricchiola qui sotto il peso del nonsenso odierno. Partire, restare, ostinarsi nel cammino sono forse cose vane; persino l'amore è defraudato dell'assoluto, è un soffione raggiunto dal vento e privato dei semi, una ruota impazzita che si incaglia tra i sassi e che non sa fermarsi. Ivanoe Privitera porta alle estreme conseguenze la lirica del secolo appena trascorso, rivelandosi attento osservatore dei nostri giorni e raffinato cantore del sentimento. Ed ecco che la muraglia di montaliana memoria si fa profilo seghettato di montagne che restituisce avaro l'eco di un vuoto esistenziale incolmabile, il passato è uno spettro di cui si perdono i contorni, il futuro un intrico di frasche che serra i polsi e nel quale ci ostiniamo a cercare il germoglio nuovo e fruttifero: anche il tempo, ormai crocifisso alla propria relatività, è pura illusione. Ma qualcosa è ancora possibile salvare: l'abbraccio di un fratello, la voglia del ritorno e l'ostinata guerra di ognuno di noi contro la solitudine; addirittura la morte, sempre uguale a se stessa, placida e rassicurante nella propria assolutezza.

L’istante violento

Privitera Ivanoe

Tra macchine per distillare dai romanzi la vita vera, manuali da tradurre dal russo, tutine stringipelle, speranze di vincere il premio Viareggio, Learco e Francesca si telefonano, si incontrano, cantano, decidono di andare a vivere insieme. Ma perché non scrivi un romanzo dove lo scrittore gioca con accostamenti generazionali molto ricercati e ben dosati a vestire ogni volta un sentimento che troppo spesso si dà per scontato di colori infiniti? chiede a Learco una voce di quelle che ha nella testa Eh, perché non lo scrivi? Con un interregionale lanciato sul far della notte nel cuore della vecchia Europa meridionale Learco va a trovare un’amica. Learco con questa sua amica canta tutto il pomeriggio e va in giro in autobus per Bologna, e quando sono insieme sull’autobus Learco sente l’odore del suo respiro. A Learco sentire l’odore del suo respiro è come se il mondo circostante gli arrivasse dopo essere passato per le vie respiratorie e i polmoni e i bronchi e tutti gli organi interessati di questa sua amica, si chiama Francesca, questa sua amica. Che schifo, dice a Learco una voce di quelle che stanno nella sua testa, al posto di un romanzo le cui pagine scorrano via al passo leggero di una lettura dal ritmo gradevole sorprendentemente femminile ma anche tenera aggraziata ironica e originale lui cosa ti scrive? Un romanzo d’amore. Con un titolo con in mezzo una virgola che fa venire gli sgrisori.

SI CHIAMA FRANCESCA, QUESTO ROMANZO

Nori Paolo