Romanzo storico

La casa delle vergini

McKay Ami

Descrizione: New York, 1871. Nella casa delle vergini, dove Miss Everett provvede all'educazione di prostituire giovanissime, Moth cerca di sottrarre il proprio corpo e la propria anima al suo ineluttabile destino.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Neri Pozza

Collana: I narratori delle tavole

Anno: 2012

ISBN: 9788854506046

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

 

New York 1871, qual è il destino di una ragazzina povera, figlia di una gitana e di un padre scappato, che vive nei bassifondi e che a stento riesce a mangiare?

Ovviamente la prostituzione.

Venduta dalla madre a soli 12 anni a una violenta matrona che vuole un giocattolo da maltrattare, la piccola Moth scappa ed è costretta a rubare, elemosinare, lottare ogni giorno duramente, anche solo per conquistare un angolino per dormire. Un giorno, apparentemente per caso, si imbatte in una giovane fanciulla vestita bene e generosa che la porta da Miss Everett, titolare di una cosiddetta “casa delle vergini”. In sostanza la signora prepara delle ragazzine poco più che adolescenti alla deflorazione, vendendole a caro prezzo e introducendole, quindi, al mestiere più antico del mondo.

Moth ha un sogno, quello di possedere cose belle, dormire in un letto comodo, essere ricca, e la soluzione offerta da Miss Everett le sembra quella giusta. Incontra però la dottoressa Sadie, personaggio carismatico e molto moderno, che prende a cuore il suo destino, che si accorge dell’ingenuità, ben mascherata, della piccola Moth e che comincia a insinuare nella sua quotidianità la possibilità di un’alternativa.

Non si tratta però di una storia di salvezza e riabilitazione totale. Moth andrà avanti per la sua strada, troppo provata dalla mancanza di amore da parte dei genitori e dalla povertà che ha fatto parte della sua vita da quando è nata. Poi si libererà dall’inferno della prostituzione, ma non per diventare “una brava ragazza americana’. La sua riabilitazione si manterrà comunque nei limiti delle sue reali possibilità. La dottoressa Sadie l’aiuterà e lei userà le sue origini gitane e la sua intelligenza, con anche un pizzico di fortuna, per diventare una donna di spettacolo, con una ricchezza consistente. Moth si vendicherà della prima crudele padrona in un modo che però farà soffrire più lei, si scontrerà duramente con stupro e pura mercificazione del corpo; solo dopo deciderà di voltare pagina.

Lieto fine sì, ma niente di irreale e favolistico.

La casa delle vergini è un libro che si legge velocemente, scritto molto bene, a tratti è leggero, nonostante i temi trattati. Ma è anche un libro molto serio, che va dritto al punto e che non lascia niente all’immaginazione. Quello che ci racconta accadeva davvero e, nei bassifondi di tutto il mondo, continua ad accadere. Molti destini sono già segnati, però poi c’è qualcuno che è destinato a fare la differenza.

Una storia di abbandono, di perdita, di violenza, ma anche una storia di crescita e maturazione. Non un capolavoro, certo, ma comunque una storia da leggere, perché di piccole Moth ce ne sono ancora troppe.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ami

Mckay

Libri dallo stesso autore

Intervista a McKay Ami


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Rebecca è nata irreparabilmente brutta. Sua madre l’ha rifiutata dopo il parto, suo padre è un inetto. A prendersi cura di lei, la zia Erminia, il cui affetto però nasconde qualcosa di terribile, e la tata Maddalena, affettuosa e piangente. Ma Rebecca ha mani bellissime e talento per il piano. Grazie all’anziana signora De Lellis, Rebecca recupera un rapporto con la complessa figura della madre, scoprendo i meccanismi perversi della sua famiglia. E nella musica trova un suo modo singolare di riscatto, una vita forse possibile. La Veladiano racconta senza sconti l’ipocrisia, l’intolleranza, la crudeltà della natura, la prevaricazione degli uomini sulle donne, l’incapacità di accettare e di accettarsi, la potenza delle passioni e del talento. E lo fa con una scrittura limpida, godibilissima, con personaggi buffi, comici, memorabili, e con la sapiente leggerezza di una favola.

La vita accanto

Veladiano Mariapia

LA RUOTA DEL CRICETO – di Lukas Milani

1 – Introduzione alla sezione giallo – thriller – noir

Alla vigilia della morte, stendendo l’elenco delle sue opere sul retro del quaderno di “Suite francese”, accanto al “Vino della solitudine” l’autrice scriveva: «Di Irène Némirovsky per Irène Némirovsky». Non sarà difficile, in effetti, riconoscere nella piccola Hélène – che all’inizio del romanzo siede a tavola dritta e composta per evitare gli aspri rimproveri della madre – la stessa Irène; e nella bella donna dall’aria annoiata – che a cena sfoglia le riviste di moda appena arrivate da Parigi in quella lontana provincia dell’Impero russo, che si occupa di sé e del giovane amante ignorando la figlia – quella Fanny Némirovsky, che ha fatto dell’infanzia di Irène un deserto senza amore. Hélène detesta la madre con tutte le sue forze («doveva baciare quel volto odioso ... posare la sua bocca su quella guancia che avrebbe voluto lacerare con le unghie»), al punto da sostituirne il nome, nelle preghiere serali, con quello dell’amata istitutrice («con una vaga speranza omicida»). Verrà un giorno, però, in cui la madre sarà vecchia, ed Hélène avrà diciott’anni: accadrà a Parigi, dove la famiglia si è stabilita dopo la guerra (che ha consentito al padre di accumulare un’immensa ricchezza) e la rivoluzione d’Ottobre (in cui hanno rischiato di perdere ogni cosa) e la fuga attraverso le vaste pianure gelate della Finlandia, durante la quale l’adolescente ha avuto per la prima volta «la consapevolezza del suo potere di donna». Sembra giunto il momento della vendetta: «Aspetta e vedrai! Ti farò piangere come tu hai fatto piangere me!». Ma quando Hélène scoprirà in sé lo stesso demone che abita la madre – quello «della civetteria, della crudeltà, del piacere di giocare con l’amore di un uomo» –, si allontanerà, scegliendo una vita diversa: «Sono sola, ma la mia solitudine è amara e inebriante». Se è vero che da un’infanzia infelice non si guarisce mai, pochi hanno saputo raccontare quell’infelicità come Irène Némirovsky.

Il vino della solitudine

Némirovsky Irène