Romanzo storico

La casa delle vergini

McKay Ami

Descrizione: New York, 1871. Nella casa delle vergini, dove Miss Everett provvede all'educazione di prostituire giovanissime, Moth cerca di sottrarre il proprio corpo e la propria anima al suo ineluttabile destino.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Neri Pozza

Collana: I narratori delle tavole

Anno: 2012

ISBN: 9788854506046

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

 

New York 1871, qual è il destino di una ragazzina povera, figlia di una gitana e di un padre scappato, che vive nei bassifondi e che a stento riesce a mangiare?

Ovviamente la prostituzione.

Venduta dalla madre a soli 12 anni a una violenta matrona che vuole un giocattolo da maltrattare, la piccola Moth scappa ed è costretta a rubare, elemosinare, lottare ogni giorno duramente, anche solo per conquistare un angolino per dormire. Un giorno, apparentemente per caso, si imbatte in una giovane fanciulla vestita bene e generosa che la porta da Miss Everett, titolare di una cosiddetta “casa delle vergini”. In sostanza la signora prepara delle ragazzine poco più che adolescenti alla deflorazione, vendendole a caro prezzo e introducendole, quindi, al mestiere più antico del mondo.

Moth ha un sogno, quello di possedere cose belle, dormire in un letto comodo, essere ricca, e la soluzione offerta da Miss Everett le sembra quella giusta. Incontra però la dottoressa Sadie, personaggio carismatico e molto moderno, che prende a cuore il suo destino, che si accorge dell’ingenuità, ben mascherata, della piccola Moth e che comincia a insinuare nella sua quotidianità la possibilità di un’alternativa.

Non si tratta però di una storia di salvezza e riabilitazione totale. Moth andrà avanti per la sua strada, troppo provata dalla mancanza di amore da parte dei genitori e dalla povertà che ha fatto parte della sua vita da quando è nata. Poi si libererà dall’inferno della prostituzione, ma non per diventare “una brava ragazza americana’. La sua riabilitazione si manterrà comunque nei limiti delle sue reali possibilità. La dottoressa Sadie l’aiuterà e lei userà le sue origini gitane e la sua intelligenza, con anche un pizzico di fortuna, per diventare una donna di spettacolo, con una ricchezza consistente. Moth si vendicherà della prima crudele padrona in un modo che però farà soffrire più lei, si scontrerà duramente con stupro e pura mercificazione del corpo; solo dopo deciderà di voltare pagina.

Lieto fine sì, ma niente di irreale e favolistico.

La casa delle vergini è un libro che si legge velocemente, scritto molto bene, a tratti è leggero, nonostante i temi trattati. Ma è anche un libro molto serio, che va dritto al punto e che non lascia niente all’immaginazione. Quello che ci racconta accadeva davvero e, nei bassifondi di tutto il mondo, continua ad accadere. Molti destini sono già segnati, però poi c’è qualcuno che è destinato a fare la differenza.

Una storia di abbandono, di perdita, di violenza, ma anche una storia di crescita e maturazione. Non un capolavoro, certo, ma comunque una storia da leggere, perché di piccole Moth ce ne sono ancora troppe.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ami

Mckay

Libri dallo stesso autore

Intervista a McKay Ami


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il Circolo de i-LIBRI – Segnalazione prossimo libro

Siamo abituati a desiderare. A desiderare cose nuove che ancora non possediamo, rapporti sereni con le persone che abbiamo attorno, soluzioni efficaci per i problemi della vita di tutti i giorni. Siamo dunque convinti che la felicità, sulla terra, stia nel soddisfare questi desideri. Giulio Mozzi nei racconti del suo libro mostra invece una possibilità differente: che i nostri desideri crescano a tal punto da uscire fuori di noi e creare un mondo diverso da quello reale, che a quello reale si sovrappone e che quello reale nasconde. L’immaginazione non può certo prendere il potere e cambiare lo stato delle cose, ma costituire un nido entro cui ripararsi sì. La felicità che ne deriva è di questa vita e non riguarda solo i personaggi del libro, ma tutti noi lettori. Pubblicato originariamente nel 1996 da Einaudi, entrato nella cinquina di finalisti del Premio Strega di quell’anno, La felicità terrena è il libro più importante di Giulio Mozzi e torna disponibile in una nuova edizione con testi inediti e una nota finale d’autore.

LA FELICITA’ TERRENA

Mozzi Giulio

Chi ha ucciso Dante? Quale segreto doveva sparire con lui? Dopo la morte del poeta, la figlia, suor Beatrice, un Cavaliere Templare e un medico iniziano un’indagine per fare chiarezza sull’accaduto. Quale codice si nasconde tra le pagine della Divina Commedia? Chi voleva impedire che l’opera fosse terminata? Perché Dante aveva occultato gli ultimi tredici canti del Paradiso? E chi ha rubato il manoscritto del poema? Teoremi raffi nati, intrighi complessi e personaggi oscuri si celano tra le righe dell’Inferno e del Purgatorio, come la vera identità del Veltro, o l’annuncio dell’arrivo di un enigmatico vendicatore… Sullo sfondo, un periodo storico decisivo: la crisi del Trecento, adombrata da misteri, intrecci e inquietanti interrogativi.

Il libro segreto di Dante

Fioretti Francesco

Il Minotauro trent’anni dopo. Un giovane ufficiale dei servizi segreti israeliani specializzato nella prevenzione degli attentati, in seguito alla morte di un prigioniero, ha un incarico differente dal solito. Deve avvicinare, fingendo di essere un aspirante romanziere, l’affascinante e misteriosa scrittrice Daphna. La donna è israeliana ma per qualche motivo i servizi segreti vogliono usarla per avvicinare il suo amico Hani, conosciutissimo poeta palestinese. L’innominato protagonista è in crisi, non sa più cosa è giusto e cosa è sbagliato nel suo lavoro, ma anche nella sua famiglia e nei rapporto con la moglie e con “il bambino”. Anche la famiglia di Daphna è in crisi a causa dei problemi del figlio tossicodipendente inseguito da un trafficante di Tel Aviv. L’unica famiglia a sembrare unita è quella di Hani, una famiglia palestinese tradizionale con legami molto stretti tra Hani e i figli, uno dei quali è il vero obiettivo dei servizi segreti. Man mano che il protagonista penetra nelle vite di Daphna e Hani i muri delle sue certezze crollano: i due fanno riemergere in lui sentimenti soffocati da anni di attentati, interrogatori muscolari e torture. Tuttavia porta avanti la sua missione obbligato dal senso del dovere e dai suoi solidi riflessi da soldato. Ma per quanto tempo ancora durerà? Un libro stupendo sulle contraddizioni dell’Israele di oggi, dei rapporti tra i vari settori della società, sul vivere sempre sotto pressione in un paese in guerra e su come ciò influenzi l’etica pubblica e personale.

IL POETA DI GAZA

Sarid Yishai