Letteratura americana

La cerimonia

Patterson James

Descrizione: Circondata dalle inseparabili amiche – le Donne del Club Omicidi – la detective Lindsay Boxer ha finalmente coronato il suo sogno d’amore, sposando l’agente dell’FBI Joe Molinari. L’eco della marcia nuziale si è appena spenta che già Lindsay deve tornare al suo difficile lavoro, perché un caso delicato richiede tutta la sua esperienza di investigatrice e di donna. È stata ritrovata un’adolescente in fin di vita: dai primi accertamenti è chiaro che ha partorito da poco, ma lei non ha alcuna intenzione di dire che cosa è stato del bambino né chi sia il padre. Mentre menzogne e false piste si sovrappongono, Lindsay cerca la verità, soprattutto per salvare la vita del neonato scomparso. Anche per il procuratore Yuki Castellano c’è un caso difficile, nel quale si gioca la carriera. Yuki rappresenta la pubblica accusa nel processo contro la dottoressa Candace Martin, imputata per l’omicidio del marito. Yuki è certa della sua colpevolezza, ma il processo riserverà più di un colpo di scena... Per fortuna c’è sempre il momento in cui le quattro amiche possono ritrovarsi da Susie’s per un margarita e qualche tacos, per parlare di lavoro e di uomini, di problemi e di sogni e trovare insieme una soluzione ai difficili casi che le impegnano. Perché la loro forza sta nella loro straordinaria amicizia.

Categoria: Letteratura americana

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Quando quattro donne si uniscono, la loro combinazione può avere gli effetti più disparati. Può essere un disastro. O un successo planetario.

Così (successo planetario) è stato per le Spice Girls (anche in quattro dopo l’abbandono della Ginger Spice, Geri Halliwell), così è per le “donne del Club Omicidi”.

Vende più di JK Bowling, John Grisham e Dan Brown, ma come fa?”, recita la fascetta gialla dell’ultimo Patterson, in libreria con “La cerimonia”. “260 milioni di libri venduti nel mondo”, sta scritto in copertina.

Le quattro fanciulle delle quali sto parlando sono le ragazze uscite dalla fantasia dell’autore americano e interpreti di una fortunata serie di romanzi. Le protagoniste … be’ le presento una a una (soltanto a chi ancora non le conoscesse!), proprio come si fa in un concerto – per rimanere nella similitudine con le Spice – quando il leader nomina tutti i componenti della sua rock band.

La frontwoman (chitarra solista?) è il sergente Lindsay Boxer: è l’io narrante, professione détective della squadra omicidi di San Francisco (“Mi piaceva il lavoro sul campo. Era faticoso, me lo sognavo persino di notte, ma era il mio lavoro”). La cerimonia del titolo è la sua ed è nientepocodimeno che quella nuziale. Grazie a essa, Lindsay convola a giuste nozze con Joe, agente dell’FBI, che la rende “in Molinari”. Tra i fiori d’arancio e la sindrome premestruale per il desiderio di veder spiccare il volo della cicogna, il bel sergente s’impegna a risolvere il mistero di una bugiarda quindicenne, Avis Richardson, tragicamente neo-puerpera: “Ẻ arrivata al Pronto Soccorso con un’emorragia in atto”, senza il bambino appena partorito. “Che razza di storia era quella? Traffico di neonati?

La seconda componente della band (basso acustico?) è il procuratore Yuki Castellano. Le sue vertenze si intrecciano ai casi di Lindsay e spesso in essi convergono. La presenza di Yuki conferisce al thriller una dimensione legal degna di Perry Mason (“Yuki rappresentava la pubblica accusa”). In questo romanzo, Yuki dibatte in tribunale il caso di Candace Martin. “L’imputata … era una cardiochirurga molto nota, che aveva ammazzato il marito, donnaiolo impenitente.”

Yuki è bravissima nel suo lavoro, ma quando si tratta di uomini è una vera frana”.

La terza componente del gruppo (la immaginiamo alle tastiere?) è Cindy Thomas, “inguaribile romantica”: lavora al San Francisco Chronicle (“Era la cronista di nera del giornale”) e anche le sue, di vicende, spesso sfociano al “Club Omicidi”. Cindy “è una donna sincera, ma è comunque una giornalista”: quindi, con lei, le altre si devono cautelare che le notizie ‘non fuggano’. Durante “La cerimonia”, lei si occupa di misteriose aggressioni: “Le ragazze che avevano subito un’aggressione erano due, o forse addirittura , ma nessuna ricordava che cosa le era successo. Che ci fosse un nesso con la vicenda di Avis Richardson?

A proposito di uomini … proprio come le Spice Girls hanno sposato uomini di spettacolo (la Posh Beckam), anche le donne del “Club omicidi” attingono ‘la materia prima’ dal loro ambiente: così Yuki si innamora di Brady, il capo di Lindsay, e Cindy riceve una romantica proposta di matrimonio da Richard Conklin, l’affascinante collega del sergente in gonnella (“Cindy si preoccupava di una cosa soltanto: che tornasse a casa sano e salvo”).

Alla “yellow band” manca dunque soltanto il quarto membro: è Claire Washburn. Lavora all’istituto di medicina legale, ma noi idealmente la posizioniamo … alla batteria!!!

Ecco fatto. Ve le ho presentate. Adesso speriamo soltanto … che non facciano la fine delle Spice. Di sicuro, la loro carriera è più duratura. Questo è il loro decimo episodio (a proposito, per quanti dischi hanno “resistito” le Spice Girls?). E ancora dimostrano un affiatamento notevole. Si ritrovano da Susie’s (“Il mio locale caraibico preferito, è un posto che mette di buon umore”) a bere margarita all’anguria e birra gelata. E a rinsaldare un legame che è amicizia, cameratismo, complicità femminile e reciproco affetto.

Quanto a Patterson, possiamo dire che è uno scrittore decisamente poliedrico. Con “il Club Omicidi” indossa un abito legal e mantiene le distanze dalle storie truculente sanguinolente alla quale ci ha abituati a partire da “Jack & Jill” o da “Gatto e topo” con i thriller, sempre vendutissimi, di Alex Cross. O con i best seller più recenti, che hanno per protagonista l’agente Michael Bennett (“Il negoziatore”, “Il maestro”).

Concludo con un consiglio: chi apprezza questa versione soft del celebre autore di thriller potrà ancora sorprendersi – come ha fatto il sottoscritto – leggendo i suoi romanzi sentimentali. Tipo “A Jennifer con amore”, “Domeniche da Tiffany” o “Il diario di Suzanne”. Ebbene sì, Patterson ha scritto anche quelli.

E adesso è il momento del voto. Quattro sono le componenti del Club Omicidi, quattro le Spice, e – secondo voi – quante sono le stelle che attribuisce al divertente romanzo …

… Bruno Elpis?

****, naturalmente!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

James

Patterson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Patterson James

Lo sguardo di Giacometta

Panzarani Piersanti Liliana

Tim, diciassette anni, albino, è un outsider, precipitato al prestigioso college di Irving per un solo semestre. Alla vigilia del suo arrivo a scuola conosce in aeroporto la bella Vanessa, ma l'incanto di quella notte si infrange contro il muro della realtà: Vanessa intesse una relazione clandestina con Tim ma non intende lasciare il suo Patrick. La tragedia si consuma durante la festa di fine anno: Tim, annebbiato dalle medicine che sta prendendo senza prescrizione, sale su una slitta trascinando con sé Vanessa, e finisce contro un albero. Lei entra in coma e lui perde la vista. È il materiale di partenza per quella che alla Irving diventerà una tradizione: il Tragedy Paper, la tesi di fine anno.

Io sono la neve

Laban Elizabeth

Fausto si è rifugiato in montagna perché voleva scomparire, Silvia sta cercando qualcosa di sé per poi ripartire verso chissà dove. Lui ha quarant'anni, lei ventisette: provano a toccarsi, una notte, mentre Fontana Fredda si prepara per l'inverno. Intorno a loro ci sono Babette e il suo ristorante, e poi un rifugio a piú di tremila metri, Santorso che sa tutto della valle, distese di nevi e d'erba che allargano il respiro. Persino il lupo, che mancava da un secolo, sembra aver fatto ritorno. Anche lui in cerca della sua felicità. «Un libro che sta racchiuso nei silenzi. Negli spartiti dei fiati, per esempio, è la virgola a dare il respiro, in poesia invece è l'andare a capo, mentre nei passi di montagna il respiro è una regola non scritta. Fiato, poesia, montagna, silenzi: è in questi elementi che si può riassumere l'ultimo libro di Paolo Cognetti.» – Eugenio Giannetta, Avvenire «Non è un romanzo sulla solitudine e non è un romanzo sulla montagna. La solitudine e la montagna sono parti fondamentali e vive di un racconto terso sugli incontri fra esseri umani.» – Annalena Benini, Il Foglio «Silvia rise. E di cosa sa gennaio? Di cosa sapeva gennaio? Fumo di stufa. Prati secchi e gelati in attesa della neve. Il corpo nudo di una ragazza dopo una lunga solitudine. Sapeva di miracolo.» Arrivato alla fine di una lunga relazione, Fausto cerca rifugio tra i sentieri dove camminava da bambino. A Fontana Fredda incontra Babette, anche lei fuggita da Milano molto tempo prima, che gli propone di fare il cuoco nel suo ristorante, tra gli sciatori della piccola pista e gli operai della seggiovia. Silvia è lí che serve ai tavoli, e non sa ancora se la montagna è il nascondiglio di un inverno o un desiderio duraturo, se prima o poi riuscirà a trovare il suo passo e se è pronta ad accordarlo a quello di Fausto. E poi c'è Santorso, che vede lungo e beve troppo, e scopre di essersi affezionato a quel forestiero dai modi spicci, capace di camminare in silenzio come un montanaro. Mentre cucina per i gattisti che d'inverno battono la pista e per i boscaioli che d'estate profumano il bosco impilando cataste di tronchi, Fausto ritrova il gusto per le cose e per la cura degli altri, assapora il desiderio del corpo e l'abbandono. Che esista o no, il luogo della felicità, lui sente di essere esattamente dove deve stare. Di Paolo Cognetti conosciamo lo sguardo luminoso e la voce limpida, il dono di osservare le relazioni umane nel loro dialogo ininterrotto con la natura, che siano i boschi di larici dei duemila metri o il paesaggio di roccia e ghiaccio dei tremila. Con le loro ferite e irrequietezze, quando scappano e quando poi fanno ritorno, i suoi personaggi ci sembrano amici che conosciamo da sempre, di quelli rari. È per questo, forse, che tra le pagine vive di questo libro purificatore abbiamo l'impressione di attraversare non le stagioni di un anno, ma di una vita intera.

La felicità del lupo

Cognetti Paolo

Con un'analisi antropologica l'autore racchiude nella figura di Arturo - che all'inizio è presentato come un piccolo orfano, per poi ritrovarsi, alla fine della storia, un uomo anziano, saggio e fonte di consigli preziosi per le nuove generazioni - tutte le riflessioni sull'esistenza umana. Infanzia, primi amori, matrimonio, famiglia, lavoro, pensione, vedovanza, sono temi affrontati con vera introspezione psicologica, che costituiscono uno specchio di verità per chiunque si accosti a questa lettura. La vita del protagonista è scandita da una continua lotta con l'oscuro destino, la cui ingovernabilità rispetto alle vite altrui non sarà che un'amara accettazione. Nonostante le rinunce e i dispiaceri, un'energia però è in grado di animare ancora la speranza di Arturo, quella dirompente dell'amore, che lo sosterrà fino a età matura, quando a essa si affiancherà un'altra forza, quella dei ricordi, che come un'ancora gli permetterà di stare a essi aggrappato, come se ancora ogni cosa fosse possibile e in viaggio verso la realizzazione.

Vecchiaia e gioventù

Giancane Gaetano