Letteratura americana

La cerimonia

Patterson James

Descrizione: Circondata dalle inseparabili amiche – le Donne del Club Omicidi – la detective Lindsay Boxer ha finalmente coronato il suo sogno d’amore, sposando l’agente dell’FBI Joe Molinari. L’eco della marcia nuziale si è appena spenta che già Lindsay deve tornare al suo difficile lavoro, perché un caso delicato richiede tutta la sua esperienza di investigatrice e di donna. È stata ritrovata un’adolescente in fin di vita: dai primi accertamenti è chiaro che ha partorito da poco, ma lei non ha alcuna intenzione di dire che cosa è stato del bambino né chi sia il padre. Mentre menzogne e false piste si sovrappongono, Lindsay cerca la verità, soprattutto per salvare la vita del neonato scomparso. Anche per il procuratore Yuki Castellano c’è un caso difficile, nel quale si gioca la carriera. Yuki rappresenta la pubblica accusa nel processo contro la dottoressa Candace Martin, imputata per l’omicidio del marito. Yuki è certa della sua colpevolezza, ma il processo riserverà più di un colpo di scena... Per fortuna c’è sempre il momento in cui le quattro amiche possono ritrovarsi da Susie’s per un margarita e qualche tacos, per parlare di lavoro e di uomini, di problemi e di sogni e trovare insieme una soluzione ai difficili casi che le impegnano. Perché la loro forza sta nella loro straordinaria amicizia.

Categoria: Letteratura americana

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Quando quattro donne si uniscono, la loro combinazione può avere gli effetti più disparati. Può essere un disastro. O un successo planetario.

Così (successo planetario) è stato per le Spice Girls (anche in quattro dopo l’abbandono della Ginger Spice, Geri Halliwell), così è per le “donne del Club Omicidi”.

Vende più di JK Bowling, John Grisham e Dan Brown, ma come fa?”, recita la fascetta gialla dell’ultimo Patterson, in libreria con “La cerimonia”. “260 milioni di libri venduti nel mondo”, sta scritto in copertina.

Le quattro fanciulle delle quali sto parlando sono le ragazze uscite dalla fantasia dell’autore americano e interpreti di una fortunata serie di romanzi. Le protagoniste … be’ le presento una a una (soltanto a chi ancora non le conoscesse!), proprio come si fa in un concerto – per rimanere nella similitudine con le Spice – quando il leader nomina tutti i componenti della sua rock band.

La frontwoman (chitarra solista?) è il sergente Lindsay Boxer: è l’io narrante, professione détective della squadra omicidi di San Francisco (“Mi piaceva il lavoro sul campo. Era faticoso, me lo sognavo persino di notte, ma era il mio lavoro”). La cerimonia del titolo è la sua ed è nientepocodimeno che quella nuziale. Grazie a essa, Lindsay convola a giuste nozze con Joe, agente dell’FBI, che la rende “in Molinari”. Tra i fiori d’arancio e la sindrome premestruale per il desiderio di veder spiccare il volo della cicogna, il bel sergente s’impegna a risolvere il mistero di una bugiarda quindicenne, Avis Richardson, tragicamente neo-puerpera: “Ẻ arrivata al Pronto Soccorso con un’emorragia in atto”, senza il bambino appena partorito. “Che razza di storia era quella? Traffico di neonati?

La seconda componente della band (basso acustico?) è il procuratore Yuki Castellano. Le sue vertenze si intrecciano ai casi di Lindsay e spesso in essi convergono. La presenza di Yuki conferisce al thriller una dimensione legal degna di Perry Mason (“Yuki rappresentava la pubblica accusa”). In questo romanzo, Yuki dibatte in tribunale il caso di Candace Martin. “L’imputata … era una cardiochirurga molto nota, che aveva ammazzato il marito, donnaiolo impenitente.”

Yuki è bravissima nel suo lavoro, ma quando si tratta di uomini è una vera frana”.

La terza componente del gruppo (la immaginiamo alle tastiere?) è Cindy Thomas, “inguaribile romantica”: lavora al San Francisco Chronicle (“Era la cronista di nera del giornale”) e anche le sue, di vicende, spesso sfociano al “Club Omicidi”. Cindy “è una donna sincera, ma è comunque una giornalista”: quindi, con lei, le altre si devono cautelare che le notizie ‘non fuggano’. Durante “La cerimonia”, lei si occupa di misteriose aggressioni: “Le ragazze che avevano subito un’aggressione erano due, o forse addirittura , ma nessuna ricordava che cosa le era successo. Che ci fosse un nesso con la vicenda di Avis Richardson?

A proposito di uomini … proprio come le Spice Girls hanno sposato uomini di spettacolo (la Posh Beckam), anche le donne del “Club omicidi” attingono ‘la materia prima’ dal loro ambiente: così Yuki si innamora di Brady, il capo di Lindsay, e Cindy riceve una romantica proposta di matrimonio da Richard Conklin, l’affascinante collega del sergente in gonnella (“Cindy si preoccupava di una cosa soltanto: che tornasse a casa sano e salvo”).

Alla “yellow band” manca dunque soltanto il quarto membro: è Claire Washburn. Lavora all’istituto di medicina legale, ma noi idealmente la posizioniamo … alla batteria!!!

Ecco fatto. Ve le ho presentate. Adesso speriamo soltanto … che non facciano la fine delle Spice. Di sicuro, la loro carriera è più duratura. Questo è il loro decimo episodio (a proposito, per quanti dischi hanno “resistito” le Spice Girls?). E ancora dimostrano un affiatamento notevole. Si ritrovano da Susie’s (“Il mio locale caraibico preferito, è un posto che mette di buon umore”) a bere margarita all’anguria e birra gelata. E a rinsaldare un legame che è amicizia, cameratismo, complicità femminile e reciproco affetto.

Quanto a Patterson, possiamo dire che è uno scrittore decisamente poliedrico. Con “il Club Omicidi” indossa un abito legal e mantiene le distanze dalle storie truculente sanguinolente alla quale ci ha abituati a partire da “Jack & Jill” o da “Gatto e topo” con i thriller, sempre vendutissimi, di Alex Cross. O con i best seller più recenti, che hanno per protagonista l’agente Michael Bennett (“Il negoziatore”, “Il maestro”).

Concludo con un consiglio: chi apprezza questa versione soft del celebre autore di thriller potrà ancora sorprendersi – come ha fatto il sottoscritto – leggendo i suoi romanzi sentimentali. Tipo “A Jennifer con amore”, “Domeniche da Tiffany” o “Il diario di Suzanne”. Ebbene sì, Patterson ha scritto anche quelli.

E adesso è il momento del voto. Quattro sono le componenti del Club Omicidi, quattro le Spice, e – secondo voi – quante sono le stelle che attribuisce al divertente romanzo …

… Bruno Elpis?

****, naturalmente!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

James

Patterson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Patterson James


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Marina ha vent'anni e una bellezza assoluta. È cresciuta inseguendo l'affetto di suo padre, perduto sulla strada dei casinò e delle belle donne, e di una madre troppo giovane e fragile. Per questo dalla vita pretende un risarcimento, che significa lasciare la Valle Cervo, andare in città e prendersi tutto: la fama, il denaro, avere il mondo ai suoi piedi. Un sogno da raggiungere subito e con ostinazione. La stessa ostinazione di Andrea, che lavora part time in una biblioteca e vive all’ombra del fratello emigrato in America, ma che ha un progetto folle e coraggioso in cui nessuno sembra disposto a credere, neppure suo padre, il granitico ex sindaco di Biella. Per lui la sfida è tornare dove ha cominciato il nonno tanti anni prima, risalire la montagna, ripartire dalle origini. Marina e Andrea si attraggono e respingono come magneti, bruciano di un amore che vuole essere per sempre. Marina ha la voce di una dea, canta e balla nei centri commerciali trasformandoli in discoteche, si muove davanti alle telecamere con destrezza animale. Andrea sceglie invece di lavorare con le mani, di vivere secondo i ritmi antichi delle stagioni. Loro due, insieme, sono la scintilla. Se con Acciaio Silvia Avallone aveva anticipato la fine di un benessere che credevamo inesauribile, con questo romanzo ci dice che il destino non è già segnato e che la vera rivoluzione sta nel rimanere, nel riappropriarci della nostra terra senza arretrare di un passo perché, anche se scalzi, furiosi e affamati, ce la faremo. Le regole del gioco sono cambiate quando i padri hanno divorato il futuro dei loro figli. Da oggi siamo tutti figli. Siamo tutti luci al neon e campi da arare. Siamo tutti Marina Bellezza.

Marina bellezza

Avallone Silvia

Attore cinematografico e teatrale, regista, doppiatore, Giancarlo Giannini è un grande protagonista del cinema italiano, tra i più dotati e apprezzati dal pubblico e dalla critica, pluripremiato (nel suo palmarès vanta anche una nomination all'Oscar come miglior attore protagonista per "Pasqualino Settebellezze"). Grazie alla sua lunga e fulgida carriera, tutti conoscono le grandi interpretazioni di Giannini in film famosissimi in cui è stato diretto da registi del calibro di Lina Wertmüller, Luchino Visconti, Ettore Scola, Francis Ford Coppola, Ridley Scott, Mario Monicelli, Dino Risi e Rainer Fassbinder. Quello che scopriamo in queste pagine è sì il Giannini attore e personaggio pubblico, ma anche e soprattutto il Giannini privato, che da grande affabulatore qual è si racconta a ruota libera, intrecciando la sua storia personale a quella del nostro paese e del cinema internazionale. In questa autobiografia, generosa e travolgente come lui, troviamo dunque il racconto della sua adolescenza tra Napoli e Roma, gli studi di perito elettronico, la grande passione per la cucina e per le invenzioni (è suo il giubbotto pieno di gadget che Robin Williams indossa nel film "Toys"), i suoi incontri con le stelle del cinema internazionale, il lungo sodalizio con Mariangela Melato, le telefonate (e le abbuffate) notturne con Fellini...

Sono ancora un bambino (ma nessuno può sgridarmi)

Giannini Giancarlo

Questo romanzo comincia il 6 luglio 777 in un'abbazia sull'isola di Vectis (Inghilterra), quando il piccolo Octavus, accolto dai monaci per pietà, prende una pergamena e comincia a scrivere un'interminabile serie di nomi affiancati da numeri. Un elenco enigmatico e inquietante. Questo romanzo comincia il 12 febbraio 1947, a Londra, quando Winston Churchill prende una decisione che peserà sulla sua coscienza sino alla fine dei suoi giorni. Una decisione atroce ma necessaria. Questo romanzo comincia il 28 marzo 1949, a Washington, quando Harry Truman, il presidente della prima bomba atomica, scopre un segreto che, se divulgato, scatenerebbe il panico nel mondo intero. Un segreto lontano e vicinissimo. Questo romanzo comincia il 22 maggio 2009, a New York, quando il giovane avvocato David Swisher riceve una cartolina su cui ci sono una bara e la data di quel giorno. Poco dopo, muore. E la stessa cosa succede ad altre cinque persone. Un destino crudele e imprevedibile. Questo romanzo è cominciato e forse tutti noi ci siamo dentro, anche se non lo sappiamo.

LA BIBLIOTECA DEI MORTI

Cooper Glenn

Io guidavo e Vittorio stava seduto davanti, vicino a me. Divorava tutto con gli occhi, il suo sguardo attraeva a sè le facciate delle case, i pochi alberi, le persone. Rimaneva per lo più zitto. Solo a un certo punto ha detto di avere fame e poco dopo ha aggiunto, parlando a bassa voce senza staccare gli occhi dal finestrino, che doveva trovare il modo di dare un senso a quello che gli era successo. un senso estetico, ha detto ancora.

PICCOLO TESTAMENTO

Dadati Gabriele