Romanzo storico

La chimera

Vassalli Sebastiano

Descrizione: In una notte del 1590 una bambina viene abbandonata davanti alla Casa di Carità di Novara. Viene battezzata Antonia Spagnolini, per via degli occhi e dei capelli nerissimi. Siamo nell’epoca della Controriforma e il vescovo Bascapé impone alla popolazione una stretta osservanza religiosa. Passano gli anni e Antonia è scelta per rappresentare le esposte davanti al vescovo: ma, provata dai preparativi, sviene. Sulla base di voci Antonia inizia a essere indicata come una strega, finché viene denunciata al Sant’Uffizio. Inizia il processo e la ragazza si trova al cospetto dell'Inquisitore con una fila di testimoni pronti a deporre contro di lei.?L’11 settembre del 1610, Antonia viene condannata al rogo.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Rizzoli

Collana: Saggi Italiani

Anno: 2014

ISBN: 9788817077217

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

A lettura conclusa di questo celebre romanzo, La chimera, che riservò a Sebastiano Vassalli – recentemente scomparso – il prestigioso Premio Strega nel 1990, ci si potrebbe domandare “Chi ha paura delle streghe?”.  Al giorno d’oggi, anno 2015, diventa piuttosto facile rispondere: nessuno crede più nelle streghe, nemmeno i bambini diventati ormai troppo scaltri per questo genere di spauracchi, ma nel 1600 le cose non funzionavano propriamente in questo modo e bastava ben poco per essere additate come streghe. Ad esempio era sufficiente essere una ragazza trovatella, dotata anche di un certo fascino e magari provvista di un carattere ribelle tanto da andare in giro da sola alla notte per incontrarsi con un misterioso amante, per venire considerata una strega dal popolino e finire  processata dal tribunale dell’Inquisizione. Di storie del genere, nell’Europa del Seicento, erano piene le cronache e lo stesso Vassalli ce lo dimostra chiaramente, rispolverando nelle antiche carte della provincia di Novara il processo intentato nei confronti di Antonia, rinominata la strega di Zardino. Quest’ultimo era un antico borgo, oggi scomparso, situato nella bassa pianura novarese sul quale si stagliava ben visibile il profilo massiccio del Monte Rosa, considerato una sorta di chimera appunto, un luogo mitologico, fantastico e irraggiungibile che sembrava vigilare sulla vita del contado.

Zardino diventa dunque il teatro di questa vicenda descritta da Vassalli, il quale riesce a rappresentare efficacemente l’ignoranza e la superstizione della gente dell’epoca, sempre pronta a vedere spuntare lo zampino del Demonio nella vita quotidiana. La presenza malefica si manifesterebbe dunque nei piccoli eventi di ogni giorno, come ad esempio una semplice malattia, un periodo prolungato di siccità, la morte improvvisa di un capo di bestiame. Secondo l’interpretazione popolare si tratterebbe di atti di stregoneria tutti imputabili all’operato di una giovane donna come Antonia, accusata di compiere fatture e riti satanici e pertanto meritoria di finire al rogo.
La chimera” viene qualificata dallo stesso autore come un vero e proprio romanzo storico e Vassalli spiega in appendice al libro che, nel preciso intento di raccontare il Seicento così com’è, non può fare a meno di richiamare il Manzoni e quanto contenuto ne “I promessi sposi”, sebbene con una rilevante differenza. Mentre Manzoni infatti prende a prestito il Seicento per parlare della sua epoca, l’Ottocento, con l’obiettivo di scrivere un romanzo risorgimentale e spronare così un popolo alla ricerca dell’unità nazionale, Vassalli dichiara apertamente di volere narrare le vicende realmente accadute nel XVII secolo in quanto “Tornare nel Seicento dopo Manzoni significava compiere un viaggio alle origini del nostro carattere nazionale”.  Vassalli fotografa in maniera esaustiva i difetti dell’epoca, rappresentando non solamente le credenze popolari ma anche le malefatte del governo spagnolo e della Chiesa Cattolica nei confronti della povera gente: “… Ė con quel genere di persone e in quell’ambiente, che si è formata l’Italia moderna. In un clima di povertà ed illegalità diffuse dove le regole, che pure esistevano, non arrivavano a contrastare lo strapotere dei forti sui deboli; e dove la religione, che avrebbe dovuto attenuare i contrasti, finiva invece spesso per accentuarli”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sebastiano

Vassalli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vassalli Sebastiano

L'inquietante vicenda di dieci personaggi prigionieri in una villa su un'isola deserta di un ignoto giustiziere. Uno ad uno vengono assassinati.

Dieci piccoli indiani

Christie Agatha

In questo lavoro l'Autore racconta gli anni Ottanta, una stagione magica per la boxe. Un decennio segnato dalle imprese di Marvin Hagler. Protagonista di mitiche sfide con Thomas Hearns, Roberto Duran, John Mugabi, Ray Leonard. Erano gli anni in cui un italiano, il pugliese Vito Antuofermo, riusciva a conquistare il titolo dei medi e Mike Tyson diventava il più giovane campione del mondo nella storia dei massimi. Torromeo ho visto tre indimenticabili riprese tra Hagler ed Hearns, assistito al tragico balletto di Trevor Berbick, messo ko da Mike Tyson. Era a bordo ring quando Hagler ha sofferto contro Juan Domingo Roldan, ma poi l´ha distrutto come solo lui sapeva fare. La battaglia di Marvin contro John Mugabi l´ha guardata davanti alla tv. In quei giorni era a Sanremo prima, e a Montecarlo poi, per raccontare il vittorioso assalto di Patrizio Oliva al mondiale dei superleggeri. Ospite di Roberto Duran nella sua casa di Miami, ho passeggiato nell´inferno di Brownsville, a Brooklyn, dove Mike Tyson è nato. Ha viaggiato con Ray Boom Boom Mancini dopo la tragedia della morte di Duk Koo Kim. Ha parlato con Thomas Hearns nello scenario di una Detroit in piena crisi economica. L'Autore racconto i magici anni Ottanta. La linea guida è la rincorsa di Marvin Hagler e Sugar Ray Leonard verso la grande sfida. Un match, datato 6 aprile 1987, che ha saputo conservare intatto negli anni un alone di mistero. Il libro svela vicende e segreti di quel periodo indimenticabile, quando la boxe era una cosa seria.

Meraviglioso

Torromeo Dario

"Mi chiamo D'Arco e sono uno sbirro morto." Comincia così questo romanzo, metafisico e d'azione. Il protagonista è un uomo pieno di dolore, delicatezza e furore, chiamato a compiere una missione impossibile. La città dei vivi e quella dei morti sono vicine, comunicanti, e si assomigliano molto. La polizia dei vivi e la polizia dei morti sono in contatto e collaborano, quando devono risolvere i casi più difficili. Dispongono di cellulari tarati per la comunicazione tra vivi e morti, e di e-mail criptate. Ma c'è un'altra cosa, che però nessuno sa dire: quale dei due mondi venga prima. Ora D'Arco deve tornare nel mondo dei vivi, nel quale fu ucciso, per fermare un massacro di vittime innocenti. Ma, se la morte venisse davvero prima della vita e il male prima del bene, come si potrà invertire la spirale? D'Arco ci proverà perché è uno che non si arrende, perché ha una formidabile guida e un alleato: un bambino dal cranio rasato, gli occhi spalancati e i denti serrati, una creatura senza più voce e con il collo percorso da una cicatrice prodotta da una collana di filo spinato, ma con la volontà attraversata dalla stessa indomabile sete di giustizia. Una coppia di eroi fragili e indistruttibili, individui solitari e disillusi ma disposti a mettere in gioco tutto per difendere chi sia stato umiliato e offeso: un uomo che si è gettato alle spalle le speranze e un bambino muto ma capace di guardare.

L’addio

Moresco Antonio

Anche nel commissariato di Pozzuoli arriva la primavera piovosa e fredda: il commissario Martusciello rimpiange la capacità di memoria degli anni passati, la sovrintendente Blanca vive una crisi amorosa con l’ispettore Liguori, l’agente scelto Carità è tornato nei suoi silenzi. Dovranno dimenticare le loro irrequietezze per occuparsi di due omicidi; le vittime lavoravano nello stesso ufficio postale di zona, ma pare l’unico legame, perché le morti si riferiscono a contesti diversi: spiriti e voyeurismo pseudo artistico da una parte e crimine di rapine e ricatti dall’altra. Intanto Gianni Russo, il padre di Ninì, la figlia adottiva di Blanca, in carcere per aver confessato l’omicidio della moglie, scappa dall’ospedale dove è ricoverato. Cerca Ninì e la fa sprofondare di nuovo nell’incertezza da cui la ragazza si sta liberando. Il rapporto tra Blanca e Ninì si incrina, Russo ferisce gravemente il commissario e le vite di tutti si frantumano. Martusciello ce la farà, i misteri saranno decifrati: gli spiriti sono solo tormento dato dai vivi ai vivi e le relazioni e gli irrisolti di tutti troveranno un nuovo ordine.

Rosso caldo

Rinaldi Patrizia