Classici

La ciociara

Moravia Alberto

Descrizione:

Categoria: Classici

Editore: Bompiani

Collana: I grandi tascabili

Anno: 2001

ISBN: 9788845248368

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Il romanzo che ha dato spunto all’omonimo film di Vittorio De Sica, interpretato da Sophia Loren, è uno dei tanti scritti neorealisti che caratterizzano la nostra letteratura di quegli anni. Ma perché allora leggere questo romanzo, piuttosto che un altro, se sempre di guerra si parla? Per più ragioni, naturalmente: oltre alla prosa piana, scorrevole, chiara, soprattutto si deve considerare l’importante e nuovo punto di vista dal quale la storia viene narrata. A parlare in questo caso è una donna, Cesira, la quale, insieme a sua figlia Rosetta, sarà la protagonista di tutta la vicenda: quello che meraviglia è proprio che l’autore si sia calato nei panni di una donna e, cercando di emularne il modo di fare e di pensare, abbia raccontato la sua esperienza della guerra a partire dall’8 settembre 1943. Fenomeno, questo, a dir poco eccezionale, se ci si sofferma anche solo un attimo a pensare alla difficoltà di uomo che si trova a dover interpretare un personaggio di cui non può avere o percepire appieno la forma mentis: Cesira prima di tutto è una donna che dalla campagna si è trovata a vivere in una grande città; poi è una moglie/amante, ma soprattutto è una madre, che vive gli anni della guerra con il solo scopo di far stare bene sua figlia.

La guerra cambia tutti. Questo è il concetto che di fatto attraversa il romanzo: le persone in tempo di pace hanno la possibilità di essere buone, di dare il meglio di se stesse, ma in guerra dell’uomo emerge l’aspetto peggiore, quello calcolatore, avido, vigliacco, egoista; la guerra trasforma anche chi sembra incapace di fare del male.
Così è anche per coloro che ospitano le due protagoniste: lo fanno solo ed esclusivamente per un mero guadagno, per un personale tornaconto.

Cesira incontra molti personaggi in questo anno a cavallo tra il 1943 e 1944, ma nessuno le diventa più caro di Michele. Costui, figlio di un commerciante, ha avuto la possibilità di compiere gli studi universitari e rappresenta una voce fuori campo e di condanna del fascismo.
Il paese è lacerato e la liberazione si attende innanzitutto per poter tornare a mangiare. La stessa violenza subita da Rosetta diventa metafora non solo degli orrori della guerra (perché, come dice Concetta, sono cose che succedono in tempi come quelli) ma dell’Italia intera, un paese tormentato, violato, lacerato da forze nemiche, usato per la supremazia di due potenze avversarie; mancano autorità, giustizia, leggi e valori morali.

Tuttavia, sebbene Cesira si riconosca come ladra e Rosetta come prostituta, il finale lascia spazio ad esiti positivi: la speranza, non di una rinascita, ma di una ricostruzione, sia pure con le cicatrici delle ferite subite sulla pelle.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Moravia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moravia Alberto

Avvalendosi di tecnologie all'avanguardia, nuovi documenti e sofisticate tecniche investigative, un team internazionale ha fatto luce su uno dei grandi misteri irrisolti della Seconda guerra mondiale. «Sullivan da voce a un’indagine unica nella storia, per il numero di ricercatori e investigatori coinvolti e per le tecniche utilizzate, che hanno consentito di costituire e organizzare gli archivi dei dati raccolti con un programma di intelligenza artificiale, mai utilizzato per una ricerca di questo tipo.» – Frediano Sessi, Il Corriere della Sera Più di trenta milioni di persone in tutto il mondo hanno letto il Diario di Anne Frank, la tredicenne ebrea che affidò alle pagine di tre quaderni la storia dei due anni trascorsi nascosta con la famiglia e altre quattro persone nella casa segreta ricavata nel retro di un edificio di Amsterdam, fino a quando i nazisti non li arrestarono tutti e li mandarono in un campo di concentramento. Eppure, nonostante il gran numero di saggi, articoli, opere teatrali e romanzi che sono stati scritti su Anne e la sua storia, nessuno è mai riuscito a spiegare come otto persone siano potute vivere nascoste per tutto quel tempo senza essere scoperte, né chi o che cosa abbia portato la polizia alla loro porta. Un team di investigatori guidati dall'ex agente dell'FBI Vincent Pankoke ha vagliato un'enorme quantità di documenti, alcuni mai esaminati prima, e intervistato i discendenti di molte persone che conoscevano i Frank. Avvalendosi delle più moderne tecniche di indagine sviluppate dall'FBI, la Squadra Casi Irrisolti ha ricostruito i mesi che hanno portato all'arresto degli inquilini della casa segreta, giungendo infine a una scioccante conclusione. Chi ha tradito Anne Frank. Indagine su un caso mai risolto è la storia della loro missione. Rosemary Sullivan ci presenta gli investigatori che hanno collaborato al caso, spiega il comportamento dei prigionieri e di coloro che li catturarono, stila un profilo psicologico dei principali sospettati, e descrive con straordinaria efficacia come si viveva in tempo di guerra ad Amsterdam... una città in cui a prescindere da quanto eri ricco, istruito o prudente, non sapevi mai di chi ti potevi fidare.

Chi ha tradito Anne Frank

Sullivan Rosemary

Un primo romazo sugli effetti - alcuni prevedibili, altri del tutto inattesi - che un drammatico avvenimento può avere sulla vita di una ragazza fino a quel momento del tutto in pace con se stessa. Ellis ha 21 anni e sta facendo una tranquilla passeggiata in un parco di New York quando viene avvicinata da uno sconosciuto che la minaccia con una pistola. Dopo averla fatta sedere per alcuni minuti con sé su una panchina, lo sconosciuto la lascia inspiegabilmente andare.

E ADESSO PUOI ANDARE

Vida Vendela

Il diario di Enrico, un bimbo torinese di terza elementare, ci conduce per mano giorno dopo giorno attraverso le diverse tappe di un anno scolastico denso di avvenimenti gioiosi e tristi. Lo scrivano fiorentino, la maestrina dalla penna rossa, il severo maestro Perboni, il buon compagno Garrone, il povero figlio del carbonaio sono tra i piccoli grandi protagonisti dell'Italia risorgimentale che in questo libro prende vita ancora oggi, a oltre cento anni dalla pubblicazione. Straordinarie storie di eroismi quotidiani capaci di imprimersi nel cuore dei lettori odierni come di quelli di un secolo fa, lasciando un ricordo indelebile.

Cuore

De Amicis Edmondo

Viviamo il tempo dell'incertezza, dell'intolleranza, della paura, dell'ingiustizia. Tornare ai classici e riflettere sulla natura delle virtù cardinali - prudenza, temperanza, fortezza e giustizia - da sempre al centro della riflessione filosofica oltre che teologica, può orientare il nostro agire sia personale che collettivo. Da Aristotele a Machiavelli, da Locke a Hobbes, da Freud ad Arendt fino a Rawls scopriamo come la prudenza, la virtù deliberativa per eccellenza, sia l'unica capace di discernere il bene dal male e orientare le nostre decisioni; come la temperanza consenta agli uomini e alle donne di vivere in una società in cui nessuno impone la propria regola contro le altre; come il coraggio sia conoscenza dei propri limiti e condizione per vincere la paura; e infine come la giustizia faccia sì che i diritti non restino inchiodati entro i confini di comunità politiche chiuse.

Le virtù cardinali

Autori vari