Classici

La ciociara

Moravia Alberto

Descrizione:

Categoria: Classici

Editore: Bompiani

Collana: I grandi tascabili

Anno: 2001

ISBN: 9788845248368

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Il romanzo che ha dato spunto all’omonimo film di Vittorio De Sica, interpretato da Sophia Loren, è uno dei tanti scritti neorealisti che caratterizzano la nostra letteratura di quegli anni. Ma perché allora leggere questo romanzo, piuttosto che un altro, se sempre di guerra si parla? Per più ragioni, naturalmente: oltre alla prosa piana, scorrevole, chiara, soprattutto si deve considerare l’importante e nuovo punto di vista dal quale la storia viene narrata. A parlare in questo caso è una donna, Cesira, la quale, insieme a sua figlia Rosetta, sarà la protagonista di tutta la vicenda: quello che meraviglia è proprio che l’autore si sia calato nei panni di una donna e, cercando di emularne il modo di fare e di pensare, abbia raccontato la sua esperienza della guerra a partire dall’8 settembre 1943. Fenomeno, questo, a dir poco eccezionale, se ci si sofferma anche solo un attimo a pensare alla difficoltà di uomo che si trova a dover interpretare un personaggio di cui non può avere o percepire appieno la forma mentis: Cesira prima di tutto è una donna che dalla campagna si è trovata a vivere in una grande città; poi è una moglie/amante, ma soprattutto è una madre, che vive gli anni della guerra con il solo scopo di far stare bene sua figlia.

La guerra cambia tutti. Questo è il concetto che di fatto attraversa il romanzo: le persone in tempo di pace hanno la possibilità di essere buone, di dare il meglio di se stesse, ma in guerra dell’uomo emerge l’aspetto peggiore, quello calcolatore, avido, vigliacco, egoista; la guerra trasforma anche chi sembra incapace di fare del male.
Così è anche per coloro che ospitano le due protagoniste: lo fanno solo ed esclusivamente per un mero guadagno, per un personale tornaconto.

Cesira incontra molti personaggi in questo anno a cavallo tra il 1943 e 1944, ma nessuno le diventa più caro di Michele. Costui, figlio di un commerciante, ha avuto la possibilità di compiere gli studi universitari e rappresenta una voce fuori campo e di condanna del fascismo.
Il paese è lacerato e la liberazione si attende innanzitutto per poter tornare a mangiare. La stessa violenza subita da Rosetta diventa metafora non solo degli orrori della guerra (perché, come dice Concetta, sono cose che succedono in tempi come quelli) ma dell’Italia intera, un paese tormentato, violato, lacerato da forze nemiche, usato per la supremazia di due potenze avversarie; mancano autorità, giustizia, leggi e valori morali.

Tuttavia, sebbene Cesira si riconosca come ladra e Rosetta come prostituta, il finale lascia spazio ad esiti positivi: la speranza, non di una rinascita, ma di una ricostruzione, sia pure con le cicatrici delle ferite subite sulla pelle.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Moravia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moravia Alberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

C'è una scena de Il posto delle fragole di Bergman in cui la mente del protagonista è attraversata da un'immagine del passato: il padre e la madre che pescano in un lago. Che cosa significa quest'immagine circonfusa di una bianca luminosità irreale? Che il passato è irrimediabilmente presente, risponde La Capria. Questo è solo uno dei nuclei tematici, dei tanti significati di un libro semplice e complesso, colloquiale e profondo, godibile da leggere e difficile da definire. Che cos'è allora L'estro quotidiano? È apparentemente un diario, un libro d'ore, delle "ore che restano" dopo il compimento dell'ottantesimo anno. È un libro di saggezza, ma scritto da un uomo che non ha mai voluto essere saggio e fa davvero fatica a vedersi nel ruolo dell'ottantenne perché si sente ancora un ragazzo. È un libro pieno di indimenticabili ritratti di amici, di uomini e di donne che non ci sono più, e quindi parla molto della morte, ma lo fa quasi "per esorcismo e con poca vera convinzione", con humour e allegria.

L’estro quotidiano

La Capria Raffaele

Un'audace reinterpretazione della storia della creazione e del giardino dell'eden dal punto di vista degli angeli. Un gruppo di ribelli, tra insospettabili tradimenti ed enigmatici spiriti, decide di scoprire che cosa significhi libertà. Con un linguaggio dal sapore antico e ricco di riferimenti biblici e un'impaginazione in lettere capitali, Alessandro Cortese rivoluziona la lettura della Genesi, proiettando il lettore verso l'identificazione con Lucifero, custode della luce di eden. Un ribaltamento che seduce, invertendo l'eterna dialettica tra bene e male.

EDEN

Cortese Alessandro

Anna, una donna sensibile che ama il bello e ricerca i sapori autentici e indecifrabili della vita; Pietro, un nuovo collega arrivato da circa un anno nello studio di architetto dove entrambi lavorano. Tra loro due si sviluppa un complesso e inconfessato rapporto d'amicizia e d'attrazione. Anna e Pietro sono diventati due labirinti comunicanti così emozionanti e coinvolgenti da far paura, soprattutto a lui, già legato sentimentalmente a un'altra donna. Poi arriva l'estate e Anna si concede una lunga vacanza in un borgo di mare un po' aspro e selvaggio del Ponente ligure. Lì si nutre dei colori e della voce del mare e tesse una trama di rapporti delicati con altre persone. Tutto sembra procedere per il meglio fino a che una svolta dai contorni incerti e drammatici la strapperà da quei luoghi e da quei legami appena sbocciati. Senza una parola. In un allontanamento improvviso ingoiato da un temporale.

Nella spira di una conchiglia

Spes Ilaria

Vagli a spiegare che è primavera

Cipolat Catherine