Giallo - thriller - noir

LA CIRCONFERENZA DELLE ARANCE

Genisi Gabriella

Descrizione: Ad Agrumeta, tranquilla cittadina nella provincia di Bari, da anni non si ricordava un dicembre così caldo. Ma a surriscaldare il clima generale è soprattutto la rivoluzione rosa delle giovani e agguerrite protagoniste di una nuova stagione politica. Nessuno si sarebbe però aspettato che nell’occhio del ciclone finisse anche la questura, dove è da poco stata nominata commissario Lolita Lobosco, detta Lolì: 36 anni di procace femminilità che si sprigiona dagli occhi arabi, dai lunghi capelli e da una quinta di reggiseno, tutto frutto di mamma-natura, che negli uomini evoca la perfezione dei frutti mediterranei. Ma fin dai primi giorni la nuova arrivata dovrà vedersela con maldicenze e avversari influenti. A peggiorare la situazione le viene affidato un caso che mette a rischio anche la sua vita privata: Stefano Benedetto Morelli, rampante dentista quarantenne accusato di violenza sessuale. E a lui basta uno sguardo, e quell’inconfondibile profumo di arancia che emana dal corpo di Lolì, perché si risvegli il ricordo di un imbarazzante passato comune.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Sonzogno

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788845415753

Trama

Le Vostre recensioni

 

Ho “scoperto” Gabriella Genisi leggendo “Giallo ciliegia”, il secondo episodio che vede protagonista il commissario Lolita Lobosco: un personaggio che ha ispirato anche la serie televisiva per la RAI scritta dalla stessa Gabriella.

Naturale, per me, precipitarmi a leggere anche il primo episodio, magari per verificare “la tenuta” del commissario “femmina” più sexy d’Italia. Sì, perché per Lolì le donne (lei compresa, anzi lei in prima fila) sono innanzitutto “femmine”.

Ma andiamo con ordine.

Il romanzo si apre con una trentina di pagine serrate serrate, che ho gustato per l’ironia e che ho trovato molto divertenti. Il primo caso che Lolita deve affrontare nelle pagine di un romanzo riguarda uno specchiato professionista, un affascinante dentista, che di nome fa Stefano Morelli e che è accusato, alla vigilia di Natale, di uno dei più vili reati: violenza carnale. Se questa è la fattispecie, che ci sarà mai da divertirsi, vi chiederete. Vi rispondo subito: innanzitutto si percepisce subito che l’accusa al bel Morelli è tutta una montatura. Con i toni della commedia, vengono descritte le riflessioni, le gelosie e i focosi moti d’animo del commissario. Infatti Lolita, prendendo atto del reato ipotizzato, si rende conto che l’accusato è addirittura il suo “primo amore” (che, come attesta il luogo comune, “non si scorda mai”), mentre la parte lesa è Angela, “l’assistente alla poltrona”, una vistosa “femmina” pratica dell’arte che ha già reso celebre Monica Lewinsky.

Di un giallo (e attenzione: secondo alcuni un giallo non è tale se non ci scappa almeno un morto!), ovvio, non si anticipano i dettagli, per non rubare ai lettori il piacere della sorpresa. E allora io, in questo mio commento, seguirò una pista ben precisa: quella tracciata dalle arance – i frutti ricorrenti – che con le loro circonferenze traboccano dalle pagine del romanzo e che, in almeno un paio di occasioni, sono la chiave di volta per risolvere il caso poliziesco.

Di questi sugosi agrumi è ghiotta non soltanto Lolì, ma anche la presunta vittima della violenza: Angela Capua segue una vera e propria dieta a base di arance.

Il commissario le tiene, in versione candita, sulla sua scrivania, per sopperire prontamente a cali di zuccheri e di affetto.

Gli stessi frutti – secondo uno stilema che ricorre anche nella lingua parlata (“portar le arance a un detenuto!”) – vengono recapitati da Lolita a Stefano durante una visita in carcere.

Le arance sono ovviamente l’occasione per celebrare le rotondità del commissario barese, nonché lo spunto per rievocare una scena ai tempi dell’amore adolescenziale, quando i due piccioncini avevano mangiato il frutto, metà ciascuno, e si erano abbandonati al loro sentimento.

Su un’arancia si stampa un morso di Angela e il calco vegetale rivela un difetto congenito: particolare rilevante per l’indagine in corso.

Infine, le arance sono l’immancabile ingrediente per una torta che Lolita cucina nelle feste di Natale: sì, perché il commissario ci cattura non soltanto con le sue gesta investigative e erotiche … ci prende anche per la gola!.

In quest’opera ritengo siano da segnalare, nell’ordine:

- a pagina 150, la rivelazione dei canoni dell’immaginario erotico maschile (tanto per parlar chiaro, i canoni sono incarnati dalle attrici Loren, Antonelli e Sandrelli);

- il due di picche che Lolita rifila al commissario Montalbano;

- e, sul finire del romanzo, la versione “coguaro”, alla “Sex and the city”, di una Lolita con tanto di toy boy, secondo il cliché abbondantemente in uso anche presso rockstar come Madonna e dive di Hollywood come Demi Moore.

Ma allora – mi chiedo riponendo soddisfatto il romanzo che si sbizzarrisce sulla geometria sferica delle versatili arance – questa Lolita è proprio perfetta? Poi mi viene in mente che, forse sì, un piccolo difetto glielo possiamo anche trovare. Sto parlando dei suoi gusti musicali. Murolo e Capossela,  avranno pure il loro perché nel contesto Mediterraneo della vicenda, però non corrispondono esattamente al gusto di …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gabriella

Genisi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Genisi Gabriella

A ventinove anni, dopo un'infanzia e un'adolescenza difficili, la bella e intelligente Hilary Thomas è arrivata al successo. Ma quando viene aggredita nella sua lussuosa villa di Beverly Hills da un maniaco omicida, i peggiori incubi del passato sembrano rimaterializzarsi nei bagliori della lama acuminata del suo aggressore. Non basterà fuggire, non basterà lottare, non basterà nemmeno ucciderlo: lui tornerà, più forte della morte, a ossessionarla, costringendola a scavare disperatamente nei segreti sepolti per scoprire una realtà allucinante. Da Hollywood a Napa Valley, dalle piscine soleggiate delle dimore dei divi alla penombra umida di morte dell'obitorio, il ritmo tranquillo della vita quotidiana in California viene sconvolto da eventi ben più spaventosi e dirompenti dei terremoti ai quali la gente è ormai abituata. Esistono forze, nella mente umana, al confronto delle quali le scosse telluriche sono carezze e le urla di morte soltanto sussurri.

SUSSURRI

Koontz Dean R.

Fosse vissuta sei o sette secoli fa, nelle terre umbre dov'è nata, Patrizia Cavalli sarebbe stata senz'altro una delle grandi mistiche di quel periodo. Le sue esatte visioni verbali avrebbero narrato i misteri più sensibili della divinità, e le sue estasi, i suoi terrori e le sue ebbrezze sarebbero stati registrati e trascritti con devozione dai fedeli amici intorno a lei. Nei nostri tempi, invece, Patrizia Cavalli si è proposta il compito, più arduo, di dare parola ai misteri profani di cui tutti facciamo esperienza: all'indicibile nostalgia di settembre, che ogni anno, regolarmente, ci trafigge; al pulsare frenetico della «nemica mente», quando insegue e controlla ogni lieve mutamento del corpo; alla felicità che scende, come rugiada dal cielo, se una certa luce pomeridiana si mostra all'improvviso. In ogni verso, il ragionare poetico di Patrizia Cavalli non cerca, ma trova. Il suo ardente, ostinato desiderio conoscitivo non chiede altro che arrendersi, infine, dinanzi allo stupore e all'evidenza dell'apparizione poetica. "Vita meravigliosa" rappresenta una summa della poesia di Patrizia Cavalli, attraverso le ossessioni ricorrenti, i temi e i molteplici registri stilistici che la caratterizzano. Insieme ai molti fulminei epigrammi, comici o filosofici (spesso le due cose insieme), compaiono i monologhi ipocondriaci, quasi teatrali, oltre alle tante poesie d'amore, non prive di ferocia descrittiva, e un breve poemetto, "Con Elsa in Paradiso", dove la promessa - o la minaccia? - della vita eterna apre al poeta la possibilità terrestre di «abolire, non dico la realtà / ma ogni traccia di verosimiglianza». Poco importa che il poeta dica sempre 'io': quell'io è talmente dilatato, talmente elastico da includere nella sua lingua ogni cosa, purché esista e viva.

La poesia è donna

Cavalli Patrizia

«Non ho ucciso mio padre, ma certe volte mi sembra quasi di avergli dato una mano a morire». Chi racconta è Jack, un ragazzino sporco, foruncoloso, tenuto in disparte dalla famiglia; suo padre è un uomo fragile, irascibile e ossessivo, che un giorno decide di costruire un giardino roccioso: si mette al lavoro, ma muore di fronte all'indifferenza di Jack che non chiede aiuto. Julie, sorella maggiore, prime magliette scollate, primi amori tenuti segreti. Sue, due anni meno di Jack, sgraziata, sempre pronta a ritessere i difficili rapporti di famiglia. Tom, un bambinetto vivace, tutto preso dai suoi giochi e dai terrori scolastici. Infine la madre, slavata, sempre affaccendata in cucina oppure sprofondata nel letto di malata. Un balletto di «enfants terribles» che fanno pensare a Cocteau, a Vitrac, alla Compton Burnett, eppure sono anche banali; figli di una «cattività» familiare segnata da un esasperato sadismo.

IL GIARDINO DI CEMENTO

Il vecchio della montagna

Deledda Grazia