Giallo - thriller - noir

LA CIRCONFERENZA DELLE ARANCE

Genisi Gabriella

Descrizione: Ad Agrumeta, tranquilla cittadina nella provincia di Bari, da anni non si ricordava un dicembre così caldo. Ma a surriscaldare il clima generale è soprattutto la rivoluzione rosa delle giovani e agguerrite protagoniste di una nuova stagione politica. Nessuno si sarebbe però aspettato che nell’occhio del ciclone finisse anche la questura, dove è da poco stata nominata commissario Lolita Lobosco, detta Lolì: 36 anni di procace femminilità che si sprigiona dagli occhi arabi, dai lunghi capelli e da una quinta di reggiseno, tutto frutto di mamma-natura, che negli uomini evoca la perfezione dei frutti mediterranei. Ma fin dai primi giorni la nuova arrivata dovrà vedersela con maldicenze e avversari influenti. A peggiorare la situazione le viene affidato un caso che mette a rischio anche la sua vita privata: Stefano Benedetto Morelli, rampante dentista quarantenne accusato di violenza sessuale. E a lui basta uno sguardo, e quell’inconfondibile profumo di arancia che emana dal corpo di Lolì, perché si risvegli il ricordo di un imbarazzante passato comune.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Sonzogno

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788845415753

Trama

Le Vostre recensioni

 

Ho “scoperto” Gabriella Genisi leggendo “Giallo ciliegia”, il secondo episodio che vede protagonista il commissario Lolita Lobosco: un personaggio che ha ispirato anche la serie televisiva per la RAI scritta dalla stessa Gabriella.

Naturale, per me, precipitarmi a leggere anche il primo episodio, magari per verificare “la tenuta” del commissario “femmina” più sexy d’Italia. Sì, perché per Lolì le donne (lei compresa, anzi lei in prima fila) sono innanzitutto “femmine”.

Ma andiamo con ordine.

Il romanzo si apre con una trentina di pagine serrate serrate, che ho gustato per l’ironia e che ho trovato molto divertenti. Il primo caso che Lolita deve affrontare nelle pagine di un romanzo riguarda uno specchiato professionista, un affascinante dentista, che di nome fa Stefano Morelli e che è accusato, alla vigilia di Natale, di uno dei più vili reati: violenza carnale. Se questa è la fattispecie, che ci sarà mai da divertirsi, vi chiederete. Vi rispondo subito: innanzitutto si percepisce subito che l’accusa al bel Morelli è tutta una montatura. Con i toni della commedia, vengono descritte le riflessioni, le gelosie e i focosi moti d’animo del commissario. Infatti Lolita, prendendo atto del reato ipotizzato, si rende conto che l’accusato è addirittura il suo “primo amore” (che, come attesta il luogo comune, “non si scorda mai”), mentre la parte lesa è Angela, “l’assistente alla poltrona”, una vistosa “femmina” pratica dell’arte che ha già reso celebre Monica Lewinsky.

Di un giallo (e attenzione: secondo alcuni un giallo non è tale se non ci scappa almeno un morto!), ovvio, non si anticipano i dettagli, per non rubare ai lettori il piacere della sorpresa. E allora io, in questo mio commento, seguirò una pista ben precisa: quella tracciata dalle arance – i frutti ricorrenti – che con le loro circonferenze traboccano dalle pagine del romanzo e che, in almeno un paio di occasioni, sono la chiave di volta per risolvere il caso poliziesco.

Di questi sugosi agrumi è ghiotta non soltanto Lolì, ma anche la presunta vittima della violenza: Angela Capua segue una vera e propria dieta a base di arance.

Il commissario le tiene, in versione candita, sulla sua scrivania, per sopperire prontamente a cali di zuccheri e di affetto.

Gli stessi frutti – secondo uno stilema che ricorre anche nella lingua parlata (“portar le arance a un detenuto!”) – vengono recapitati da Lolita a Stefano durante una visita in carcere.

Le arance sono ovviamente l’occasione per celebrare le rotondità del commissario barese, nonché lo spunto per rievocare una scena ai tempi dell’amore adolescenziale, quando i due piccioncini avevano mangiato il frutto, metà ciascuno, e si erano abbandonati al loro sentimento.

Su un’arancia si stampa un morso di Angela e il calco vegetale rivela un difetto congenito: particolare rilevante per l’indagine in corso.

Infine, le arance sono l’immancabile ingrediente per una torta che Lolita cucina nelle feste di Natale: sì, perché il commissario ci cattura non soltanto con le sue gesta investigative e erotiche … ci prende anche per la gola!.

In quest’opera ritengo siano da segnalare, nell’ordine:

- a pagina 150, la rivelazione dei canoni dell’immaginario erotico maschile (tanto per parlar chiaro, i canoni sono incarnati dalle attrici Loren, Antonelli e Sandrelli);

- il due di picche che Lolita rifila al commissario Montalbano;

- e, sul finire del romanzo, la versione “coguaro”, alla “Sex and the city”, di una Lolita con tanto di toy boy, secondo il cliché abbondantemente in uso anche presso rockstar come Madonna e dive di Hollywood come Demi Moore.

Ma allora – mi chiedo riponendo soddisfatto il romanzo che si sbizzarrisce sulla geometria sferica delle versatili arance – questa Lolita è proprio perfetta? Poi mi viene in mente che, forse sì, un piccolo difetto glielo possiamo anche trovare. Sto parlando dei suoi gusti musicali. Murolo e Capossela,  avranno pure il loro perché nel contesto Mediterraneo della vicenda, però non corrispondono esattamente al gusto di …

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gabriella

Genisi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Genisi Gabriella


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"'Come un'Odissea' ha come sottotitolo "appunti di viaggio", non un viaggio vero e proprio ma le impressioni di esso scolpite nella mente della protagonista, che è però poeta e sceglie le parole come mezzo per fissare le sue immagini non una macchina fotografica né una cinepresa: è soggetto, mezzo e scopo. Il riferimento è chiaro: Itaca è la meta che dà senso al viaggio, ma dopo non sarà più uguale, non sarai più uguale." (dalla prefazione di Angela Lo Passo)

Come un’Odissea

Crisafulli Mariapia L.

In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza.

Cecità

Saramago José

La storia romantica di una modesta e poco appariscente istitutrice che, con il suo fascino discreto e la sua forza di carattere, riesce a conquistare il tenebroso e avvenente signore di Rochester, la cui giovane figlia è affidata alle sue cure. La donna vittoriana di metà Ottocento, ridotta allo stato di femmina asessuata, trova in Jane Eyre un ideale contraltare antropologico sulla via dell'emancipazione e del suffragio universale.

Jane Eyre

Brontë Charlotte

L’altare dei morti

James Henry