Letteratura araba

La città del piacere

El Kamhawi Ezzat

Descrizione: La città del piacere, un luogo fuori dal tempo e dallo spazio, plasmato in fretta e furia da un abile architetto e consacrato alla Dea del Piacere. Una felicità mista a malinconia aleggia per le strade di questa moderna metropoli immaginaria, insinuandosi nei cuori dei suoi abitanti, dediti alla pratica del piacere e sudditi di un licenzioso re. Una narrazione che a tratti ha quasi il sapore di una fiaba, abilmente intrecciata con rimandi a miti e leggende. El Kamhawi in questo testo affronta questioni scottanti, lasciando divenire questa città un luogo in cui si condensano i difetti e gli errori dell'uomo moderno.

Categoria: Letteratura araba

Editore: Il Sirente

Collana: Altriarabi

Anno: 2015

ISBN: 9788887847482

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Una verità ti frusterà: le donne girano in stormi, imbalsamate in un profumo lascivo, talmente forte che non ne sentirai più l’odore, ma solo il ronzio quando emana dai loro corpi, e lo vedrai condensarsi, alla fine, e formare una tenda spessa che ricopre la città molestando gli spiriti delle immagini nella loro ascesa.

Un testo elegante e particolare che sicuramente si discosta da molta letteratura, non solo araba, contemporanea. Si tratta di La città del piacere, dello scrittore egiziano Ezzat El Kamhawi (pubblicato in Italia da Il Sirente nella collana altriarabi e tradotto da Isadora D’Aimmo). Il libro narra di un luogo leggendario, la città del piacere appunto, dove la dimensione del reale si intreccia, danza, si avviluppa a una dimensione onirica e immaginaria che richiama a una prosa fiabesca e visionaria senza tempo.

Vedrai il gregge esplodere di piacere e disperdersi. E poi radunarsi un’altra volta, e sbattere con foga le portiere. Vedrai il movimento veloce che li riunisce, due a due, nelle automobili dove i sedili, ribaltati, diventano letti. In momenti come questi non puoi sentire nient’altro che sospiri trattenuti dentro macchine sussultanti.

La città del piacere è una città unica, i cui bianchi palazzi si stagliano alti e leggeri, nel mezzo del deserto. Si dice sia stata eretta in un solo giorno e consacrata alla Dea del piacere e che i suoi abitanti, plasmati per rispondere alla chiamata della seduzione e abbandonarsi a carezze lascive, siano consumati da un desiderio bruciante e inappagabile.

Un libro strano, di non facile comprensione, difficilmente collocabile in una realtà temporale ben definita dato che la narrazione passa senza una consequenzialità logica da emiri e indovini mitologici ad auto, inquinamento, e modernità. Probabilmente nell’immaginario dell’autore c’è qualche città del Golfo: a volte, infatti, vengono in mente paesaggi di Dubai o  Doha. Il testo alterna descrizioni di passaggi evanescenti, lirici e leggeri a scene esplicite e carnali, che trascinano il lettore in una dimensione terrena.

Avvertirai la vischiosità dell’aria, e sentirai l’odore dell’acqua della vita, che gli amanti santificano e i professionisti odiano, e allora capirai di essere arrivato vicino al Palazzo del piacere. Un palazzo elegante, di tre piani, con alte mura senza porte, e una canna fumaria a forma di cresta di gallo da cui cola il fumo del desiderio con gocce di acqua della vita mista a sangue.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ezzat

Kamhawi

El

Libri dallo stesso autore

Intervista a El Kamhawi Ezzat


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Al largo di Fjällbacka, nella nassa di un pescatore a caccia di aragoste rimane impigliato il corpo senza vita di una bambina. Nei suoi polmoni ci sono tracce d'acqua dolce e sapone: qualcuno l'ha annegata in una vasca da bagno prima di gettarla in mare. Mentre Erica, mamma da poche settimane, è completamente assorbita da una neonata che tutto le offre fuorché le "gioie deliranti della maternità" che si aspettava, Patrik guida le indagini. Ma chi può aver voluto la morte della piccola Sara? Il paese è alla ricerca di un capro espiatorio, la gente bisbiglia, i conflitti nutriti negli anni si fanno più aspri: dentro le case dalle facciate perfette affiorano drammi famigliari che il tempo non ha saputo placare. Al terzo romanzo della sua serie pubblicata in trentadue paesi, Camilla Làckberg, con occhio attento agli esseri umani e alla loro psicologia, intreccia le colpe del passato agli effetti devastanti sul presente, tracciando il ritratto lacerante di una psiche femminile sfrenata, affascinante, e mostruosa.

LO SCALPELLINO

Läckberg Camilla

Un narratore "collettivo", voce di un gruppo di coetanei maschi, rievoca a vent'anni di distanza la vicenda delle cinque giovani sorelle Lisbon, oggetto proibito della loro adolescenza, avvolte in un'aura di mistero che la tragica fine comune - si sono tutte tolte la vita nel breve spazio di un anno - ha fissato per sempre. Nella memoria di questi antichi, tenacissimi spasimanti, esse divengono il simbolo - accarezzato con una nostalgia che lo scanzonato humour della scrittura non riesce a dissimulare - di una possibilità remota e perduta: l'irruzione di un fremito ignoto nel mondo tranquillo, ordinario, opprimente dell'America suburbana degli anni Settanta. Salutato alla sua uscita, nel 1993, come romanzo-sorpresa dell'anno, Le vergini suicide segna l'esordio folgorante di uno scrittore poco più che trentenne, ma già padrone di uno stile e di un universo letterario affatto personali.

LE VERGINI SUICIDE

Eugenides Jeffrey

Il libro che dava inizio alla saga di Arturo Bandini. Un commosso, divertito ritratto di una famiglia italo-americana e del suo disperato tentativo di integrazione. Con l'introduzione di Niccolò Ammaniti.

Aspetta primavera, Bandini

Fante John

Bernie Gladhart è un mite venditore d’auto di Chicago che nel tempo libero si diletta, con scarso successo, a fare lo scrittore. Un giorno la moglie, impressionata dalla storia di Cabot Wright – giovane finanziere di Wall Street, autore di circa trecento violenze carnali – lo spinge a recarsi a new york per cercarlo e, basandosi sulla sua vicenda, a scrivere finalmente il Grande romanzo Americano. L’industria culturale, che nella vicenda intravede il soggetto ideale per un bestseller, punta immediatamente gli occhi su Cabot e il libro di Bernie. Inizia così una caccia all’uomo tra i grattacieli di new york – con Bernie accompagnato dalla zelante zoe Bickle, affiancatagli dall’editore – in cerca del «personaggio Cabot»; ma questi, una volta rintracciato, non ricorda più nulla: il «suo» romanzo resterà incompiuto, ma vedere la sua storia scritta lo spingerà a cercare la propria verità, che non ha nulla a che vedere con quella che vorrebbero attribuirgli, per motivi diversi, l’editore e il mondo che lo circonda. Un libro divertente e grottesco. Una descrizione precisa dei meccanismi perversi dell’industria culturale e un’esplorazione inedita dell’ambiguo gioco tra realtà e finzione.

Cabot Wright ci riprova

Purdy James