Letteratura araba

La città del piacere

El Kamhawi Ezzat

Descrizione: La città del piacere, un luogo fuori dal tempo e dallo spazio, plasmato in fretta e furia da un abile architetto e consacrato alla Dea del Piacere. Una felicità mista a malinconia aleggia per le strade di questa moderna metropoli immaginaria, insinuandosi nei cuori dei suoi abitanti, dediti alla pratica del piacere e sudditi di un licenzioso re. Una narrazione che a tratti ha quasi il sapore di una fiaba, abilmente intrecciata con rimandi a miti e leggende. El Kamhawi in questo testo affronta questioni scottanti, lasciando divenire questa città un luogo in cui si condensano i difetti e gli errori dell'uomo moderno.

Categoria: Letteratura araba

Editore: Il Sirente

Collana: Altriarabi

Anno: 2015

ISBN: 9788887847482

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Una verità ti frusterà: le donne girano in stormi, imbalsamate in un profumo lascivo, talmente forte che non ne sentirai più l’odore, ma solo il ronzio quando emana dai loro corpi, e lo vedrai condensarsi, alla fine, e formare una tenda spessa che ricopre la città molestando gli spiriti delle immagini nella loro ascesa.

Un testo elegante e particolare che sicuramente si discosta da molta letteratura, non solo araba, contemporanea. Si tratta di La città del piacere, dello scrittore egiziano Ezzat El Kamhawi (pubblicato in Italia da Il Sirente nella collana altriarabi e tradotto da Isadora D’Aimmo). Il libro narra di un luogo leggendario, la città del piacere appunto, dove la dimensione del reale si intreccia, danza, si avviluppa a una dimensione onirica e immaginaria che richiama a una prosa fiabesca e visionaria senza tempo.

Vedrai il gregge esplodere di piacere e disperdersi. E poi radunarsi un’altra volta, e sbattere con foga le portiere. Vedrai il movimento veloce che li riunisce, due a due, nelle automobili dove i sedili, ribaltati, diventano letti. In momenti come questi non puoi sentire nient’altro che sospiri trattenuti dentro macchine sussultanti.

La città del piacere è una città unica, i cui bianchi palazzi si stagliano alti e leggeri, nel mezzo del deserto. Si dice sia stata eretta in un solo giorno e consacrata alla Dea del piacere e che i suoi abitanti, plasmati per rispondere alla chiamata della seduzione e abbandonarsi a carezze lascive, siano consumati da un desiderio bruciante e inappagabile.

Un libro strano, di non facile comprensione, difficilmente collocabile in una realtà temporale ben definita dato che la narrazione passa senza una consequenzialità logica da emiri e indovini mitologici ad auto, inquinamento, e modernità. Probabilmente nell’immaginario dell’autore c’è qualche città del Golfo: a volte, infatti, vengono in mente paesaggi di Dubai o  Doha. Il testo alterna descrizioni di passaggi evanescenti, lirici e leggeri a scene esplicite e carnali, che trascinano il lettore in una dimensione terrena.

Avvertirai la vischiosità dell’aria, e sentirai l’odore dell’acqua della vita, che gli amanti santificano e i professionisti odiano, e allora capirai di essere arrivato vicino al Palazzo del piacere. Un palazzo elegante, di tre piani, con alte mura senza porte, e una canna fumaria a forma di cresta di gallo da cui cola il fumo del desiderio con gocce di acqua della vita mista a sangue.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ezzat

Kamhawi

El

Libri dallo stesso autore

Intervista a El Kamhawi Ezzat

L'azione si svolge in un futuro prossimo del mondo (l'anno 1984) in cui il potere si concentra in tre immensi superstati: Oceania, Eurasia ed Estasia. Al vertice del potere politico in Oceania c'è il Grande Fratello, onnisciente e infallibile, che nessuno ha visto di persona ma di cui ovunque sono visibili grandi manifesti. Il Ministero della Verità, nel quale lavora il personaggio principale, Smith, ha il compito di censurare libri e giornali non in linea con la politica ufficiale, di alterare la storia e di ridurre le possibilità espressive della lingua. Per quanto sia tenuto sotto controllo da telecamere, Smith comincia a condurre un'esistenza "sovversiva". Scritto nel 1949, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.

1984

Orwell George

A parte la bravura come immobiliarista, Nikla Poggiardo è odiosa nell'insofferenza verso i bambini, autolesionista nell'ingozzarsi fino al vomito, inadeguata nella scelta scellerata del compagno di vita, il plurimaritato notaio Cesare de Nistris, con il quale intrattiene rapporti intimi, dapprima incandescenti, poi via via sempre più degradanti. Vittima di un abuso che la lascia tramortita, fugge da Roma verso il Salento. Ma anche qui, nella terra natia, i demoni che la perseguitano non le danno tregua. Dopo svariate peripezie, sarà l'avventura con un uomo rozzo e volgare a segnare per Nikla un prima e un dopo, lasciandola alla deriva con un regalo avvelenato. Qualcosa di così inaspettato da costringerla a ribaltare, tra rabbia e sbalordimenti, l'intera sua esistenza.

Graffio

Rosenfeld Tessa

«Mi chiamo Vince Corso. Ho quarantacinque anni, sono orfano e per campare prescrivo libri alla gente». Insegnante precario e lettore come pochi, si è inventato un nuovo lavoro, quello di biblioterapeuta; ha casa e ufficio in via Merulana, un monolocale con soppalco e angolo cottura più da studente fuorisede che da medico delle anime, dove accoglie le sue pazienti - sì, sono donne in prevalenza. Vince le ascolta e poi trova per loro il libro adatto, le pagine che possono lenire, la letteratura insomma come medicina dell’anima e, perché no?, anche del corpo. A rivolgersi al suo pronto soccorso letterario un giorno arriva Giovanna; il fratellastro Fabrizio, sinologo, collezionista di libri, esperto di lingue e di molto altro, ha smarrito il senno e ricoverato in una casa di riposo per malati di Alzheimer ripete ossessivamente poche e smozzicate frasi, sempre le stesse. La donna è convinta di un possibile miglioramento del fratello se solo potesse ritrovare il libro da cui quelle parole sono tratte: sembra proprio il terreno in cui Vince Corso si trova più a suo agio. Così accetta la sfida e visita la biblioteca del professore, ma si trova ben presto a indossare i panni dell’investigatore, a svelare l’enigma che si cela dietro quel labirinto di volumi, una autentica biblioteca di Babele. Un libro sulla memoria, sull’importanza del ricordo, sulla lettura come terapia.

Ogni coincidenza ha un’anima

Stassi Fabio

Le nostre conoscenze sull’umano, sulla vita, sull’universo, sono in piena espansione. Sono anche separate e disperse. Come legarle fra loro? Come affrontare problemi che sono nello stesso tempo complessi e vitali? La risposta di Edgar Morin è luminosa di intelligenza e accessibile a tutti. L’autore ci invita a “pensare globale”, cioè a considerare l’umanità nella sua natura “trinitaria”, poiché ciascuno è nello stesso tempo un individuo, un essere sociale e una parte della specie umana. L’umanità è trascinata nella corsa sfrenata della mondializzazione: la riflessione di Morin ci propone di scrutare il suo futuro senza cedere alla facilità dei luoghi comuni né alle ingiunzioni dell’attualità.

Sette lezioni sul pensiero globale

Morin Edgar