Letteratura araba

La città del piacere

El Kamhawi Ezzat

Descrizione: La città del piacere, un luogo fuori dal tempo e dallo spazio, plasmato in fretta e furia da un abile architetto e consacrato alla Dea del Piacere. Una felicità mista a malinconia aleggia per le strade di questa moderna metropoli immaginaria, insinuandosi nei cuori dei suoi abitanti, dediti alla pratica del piacere e sudditi di un licenzioso re. Una narrazione che a tratti ha quasi il sapore di una fiaba, abilmente intrecciata con rimandi a miti e leggende. El Kamhawi in questo testo affronta questioni scottanti, lasciando divenire questa città un luogo in cui si condensano i difetti e gli errori dell'uomo moderno.

Categoria: Letteratura araba

Editore: Il Sirente

Collana: Altriarabi

Anno: 2015

ISBN: 9788887847482

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Una verità ti frusterà: le donne girano in stormi, imbalsamate in un profumo lascivo, talmente forte che non ne sentirai più l’odore, ma solo il ronzio quando emana dai loro corpi, e lo vedrai condensarsi, alla fine, e formare una tenda spessa che ricopre la città molestando gli spiriti delle immagini nella loro ascesa.

Un testo elegante e particolare che sicuramente si discosta da molta letteratura, non solo araba, contemporanea. Si tratta di La città del piacere, dello scrittore egiziano Ezzat El Kamhawi (pubblicato in Italia da Il Sirente nella collana altriarabi e tradotto da Isadora D’Aimmo). Il libro narra di un luogo leggendario, la città del piacere appunto, dove la dimensione del reale si intreccia, danza, si avviluppa a una dimensione onirica e immaginaria che richiama a una prosa fiabesca e visionaria senza tempo.

Vedrai il gregge esplodere di piacere e disperdersi. E poi radunarsi un’altra volta, e sbattere con foga le portiere. Vedrai il movimento veloce che li riunisce, due a due, nelle automobili dove i sedili, ribaltati, diventano letti. In momenti come questi non puoi sentire nient’altro che sospiri trattenuti dentro macchine sussultanti.

La città del piacere è una città unica, i cui bianchi palazzi si stagliano alti e leggeri, nel mezzo del deserto. Si dice sia stata eretta in un solo giorno e consacrata alla Dea del piacere e che i suoi abitanti, plasmati per rispondere alla chiamata della seduzione e abbandonarsi a carezze lascive, siano consumati da un desiderio bruciante e inappagabile.

Un libro strano, di non facile comprensione, difficilmente collocabile in una realtà temporale ben definita dato che la narrazione passa senza una consequenzialità logica da emiri e indovini mitologici ad auto, inquinamento, e modernità. Probabilmente nell’immaginario dell’autore c’è qualche città del Golfo: a volte, infatti, vengono in mente paesaggi di Dubai o  Doha. Il testo alterna descrizioni di passaggi evanescenti, lirici e leggeri a scene esplicite e carnali, che trascinano il lettore in una dimensione terrena.

Avvertirai la vischiosità dell’aria, e sentirai l’odore dell’acqua della vita, che gli amanti santificano e i professionisti odiano, e allora capirai di essere arrivato vicino al Palazzo del piacere. Un palazzo elegante, di tre piani, con alte mura senza porte, e una canna fumaria a forma di cresta di gallo da cui cola il fumo del desiderio con gocce di acqua della vita mista a sangue.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ezzat

Kamhawi

El

Libri dallo stesso autore

Intervista a El Kamhawi Ezzat


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La prima settimana di libertà dell'irreprensibile maggiordomo inglese Stevens diventa occasione per ripensare la propria vita spesa al servizio di un gentiluomo moralmente discutibile. Stevens ha attraversato l'esistenza spinto da un unico ideale: quello di rispettare una certa tradizione e di difenderla a dispetto degli altri e del tempo. Ma il viaggio in automobile verso la Cornovaglia lo costringe ben presto a rivedere il suo passato, cosi tra dubbi e ricordi dolorosi egli si accorge dì aver vissuto come un soldato nell'adempimento di un dovere astratto senza mai riuscire ad essere se stesso. Si può cambiare improvvisamente vita e ricominciare daccapo? Da questo romanzo di Ishiguro, acclamato in Gran Bretagna e negli Stati Uniti e vincitore del prestigioso Booker Prize, nel 1993 il regista americano James Ivory ha tratto un famoso film con Anthony Hopkins ed Emma Thompson.

Quel che resta del giorno

Ishiguro Kazuo

L’America come la conosciamo non esiste più. Le macchine si sono fermate, la popolazione è stata decimata da una misteriosa epidemia, il terreno contaminato da tossine, e in questo scenario di morte e dolore è cominciata la grande emigrazione: i sopravvissuti si muovono verso est, verso la speranza e la possibilità di un imbarco per l'Europa. Ferrytown è una stazione di transito, che sopravvive proprio su questo incessante, disperato flusso migratorio. Ed è qui che arrivano Franklin Lopez e suo fratello Jackson, pellegrini verso l'oceano. Franklin ha un dolore a un ginocchio e si ferma sulle colline, mentre il fratello scende a Ferrytown per vedere di guadagnare qualcosa. In una casupola sulle colline Franklin incontra una donna, Margaret, febbricitante e isolata da tutti. Insieme i due intraprenderanno il cammino attraverso quest'America distrutta, aiutandosi a vicenda e trovando anche la forza di un amore inaspettato.

TUTTO CIO’ CHE ABBIAMO AMATO

Crace Jim

Sono storie d’amore, sono incontri di un istante, sono figure femminili indimenticabili. E non importa che siano realmente esistite – e magari frequentate nella Sicilia di tanti anni fa –, o che emergano da qualche capolavoro della letteratura. Il loro fascino rinasce in queste pagine in cui, insieme al maestro, sorridiamo, desideriamo e ci innamoriamo. Di Angelica, di Beatrice, di Carmela, di Helga, di Maria, di Zina... Dalla A alla Z. E pur di conquistarle l’uomo è pronto a tutto, anche andare in bicicletta mentre diluvia o venire malmenato da un lanciatore di coltelli; tutto per fare i conti con i temperamenti, le voglie segrete e i sogni, diversi per ogni donna, in letteratura come nella vita.

Donne

Camilleri Andrea

John Wayne Cleaver è un ragazzo potenzialmente pericoloso. Molto pericoloso. Giudicate voi stessi: un bambino che passa il suo tempo dentro casa - a dirla tutta è un vero sociopatico-, che vive tra i cadaveri dell' obitorio locale, amministrato dalla madre e dalla zia, che ha una tendenza a uccidere gli animali e da quando è piccolo nutre un' autentica passione per gli assassini seriali. Visto così, il suo destino è segnato. Ma consapevole di questa sua propensione e non molto eccitato all'idea di diventare un serial killer, John ha deciso di parlare con uno psicologo e di seguire alcune regole precise: avere solo pensieri positivi verso le persone che lo circondano; non avvicinarsi agli animali; evitare le scene dei crimini. Ma quest'ultimo proposito diventa molto difficile da rispettare quando, proprio vicino casa, vengono ritrovati molti corpi atrocemente mutilati.

IO NON SONO UN SERIAL KILLER

Wells Dan