Saggi

La classe capovolta

Maglioni Maurizio Biscaro Fabio

Descrizione: Può l’insegnante riappropriarsi del suo ruolo e nello stesso tempo parlare un linguaggio più vicino a quello degli studenti? E’ possibile sfruttare tutte le informazioni che sono già accessibili agli studenti tramite i diversi canali dell’era della comunicazione? E’ possibile tornare ad essere quelle figure di riferimento e orientamento fondamentali nella società civile in modo da essere la guida capace di insegnare ad apprendere da soli? E’ possibile fare in modo che i ragazzi si sentano più responsabili del loro apprendimento? Il flipped learning, l’approccio proposto in questo volume, consiste nell’invertire il luogo dove si segue la lezione (a casa propria anziché a scuola) con quello in cui si studia e si fanno i compiti (a scuola anziché a casa). In queste pagine gli autori presentano questa modalità didattica, dando ampio spazio al racconto di esperienze e buone prassi realizzate a livello nazionale e internazionale.

Categoria: Saggi

Editore: Erickson

Collana: Le guide Erickson

Anno: 2014

ISBN: 978-88-590-0488-2

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

In questi giorni in cui si parla tanto di “buona scuola”, con riferimento a numeri (da lotteria!) e a grandi svolte epocali  una terminologia – ahimè – già nota!) sarebbe indubbiamente più produttivo soffermarsi a riflettere sulla didattica, tout court.

Coinvolgente e ricco di spunti è, in proposito, la guida redatta da Maurizio Maglioni e Fabio Biscaro, La classe capovolta”, edito da Erickson. Perfettamente in linea con i tempi e i modi della nostra società, in questa guida si parla infatti di “flipped learning”, ossia “insegnamento capovolto”, una nuova forma di apprendimento che abbandona le tradizionali lezioni frontali, lo studio individuale a casa e le verifiche in classe.

Una scuola dei balocchi? Non proprio.

Un insegnante attento sa bene che l’obiettivo di rendere le lezioni efficaci passa inevitabilmente attraverso modalità didattiche che non possono non tener conto delle nuove esigenze dei ragazzi, in primis il loro interesse per il web. Ed ecco l’insegnamento capovolto: far lavorare lo studente prevalentemente a casa, in autonomia; apprendimento attraverso video o podcast proposti e condivisi da docenti e compagni; in classe dovrà applicare quanto appreso per risolvere problemi e svolgere esercizi proposti dal docente.
In questo modo il docente è più che mai guida e mentore, fornisce agli studenti strumenti per rielaborare e analizzare criticamente il materiale proposto.

Una novità? In un certo senso, forse nell’uso delle tecnologie e quindi delle competenze richieste al docente, ma di certo l’idea dell’insegnante come mero trasmettitore di nozioni e quella degli alunni come vasi da riempire è già superata da un po’… E chi lavora a scuola lo sa bene.

Uno dei vantaggi del metodo consiste indubbiamente nella possibilità, da parte del docente, di diversificare gli apprendimenti, potenziando le abilità degli alunni e aiutando quelli in difficoltà; il tempo a scuola è interamente utilizzato all’applicazione e al perfezionamento delle competenze; stimola l’indipendenza e la creatività. Tutto questo, va detto, con un notevole aumento del lavoro preparatorio da parte del docente.

I veri fondatori del metodo sono considerati Jonathan Bergmann e Aaron Sams, autori del libro “Flip your classroom: reach every student in every class every day”, edito nel 2012 negli Stati Uniti.
A partire dal loro manuale e dai siti web della loro associazione, il flipped learning ormai si sta diffondendo ovunque e in Italia, nel 2014, è nata FLIPNET, l’associazione degli insegnanti che praticano la didattica capovolta. Anche gli autori della guida, Maglioni e Biscaro, hanno realizzato un corso online per docenti – capovolgereibes.net – che conta più di 130 iscritti ( Corso a pagamento. Giusto per far sapere che gli insegnanti si aggiornano, anche senza bonus erogati dallo Stato ) .

Le guide Erickson sono sempre puntuali e ottimo vademecum per i docenti, la lettura è sempre consigliata e non solo agli addetti ai lavori, ma anche ai genitori ad esempio o a quanti si trovino a svolgere – in qualche modo – il delicato compito di educare.

Non me ne voglia chi si aspettava solo una recensione, ma in questo momento di importanti decisioni per il futuro della scuola pubblica mi è sembrato doveroso, anche in questa occasione, far sentire la voce di chi crede nella scuola e continua – nonostante tutto – a lavorarci, e bene.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Biscaro

Maurizio

Maglioni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Maglioni Maurizio Biscaro Fabio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tutto ruota attorno a una latteria, che la giovane Belinda vuole aprire nel centro di un delizioso paesino medievale. Certo, il paesino più che delizioso sembra sonnolento, a causa di una giunta comunale poco attiva; certo, nel negozio che Belinda sta ristrutturando si dice aleggi la presenza di un fantasma. Ma la ragazza vuol cambiar vita a tutti i costi, per superare il divorzio dei suoi, per riprendersi da una delusione amorosa, per rompere con tanti legami. La circonda una folla di personaggi divertenti e scombinati, sinceri e misteriosi... come la vita.

BORGO PROPIZIO

Limone Loredana

Nell'interno aristocratico e decaduto che rinserra tre donne, si sdipana il monologo della serva Zerlina: storia di una passione demoniaca e di una feroce sete di rivalsa, confessate in un parossismo d'odio al giovane affittuario A. Con foga implacabile, Zerlina racconta una vendetta di raffinata perfidia nei confronti del Signor von Juna, fatuo avventuriero che già nel nome ricorda il Don Giovanni - così come la stessa Zerlina e la padrona Elvira. Ma il suo furore finirà per travolgere tutto e tutti, anche l'impostura della rispettabilità coniugale in un'Austria alla mercé della rovina, dove i presunti non-colpevoli "affondano" per dirla con Broch "nella colpa etica, in una colpevole non-colpevolezza".

Il racconto della serva Zerlina

Broch Hermann

In questo libro Jesper Juul condensa numerosi spunti di riflessione e indirizza il lettore verso possibili soluzioni relative alle questioni che più di frequente caratterizzano i rapporti nelle famiglie ricostituite, sostitutive, patchwork o, nelle parole dell'autore, famiglie bonus, quelle cioè in cui si intrecciano le relazioni dei figli con i nuovi partner dei propri genitori. Il bonus è il vantaggio dato dall'ingresso di un nuovo adulto in un nucleo familiare dopo una separazione. Il loro ruolo non è semplice: Jesper Juul propone alcuni accorgimenti per coglierne le migliori opportunità e non cadere nelle trappole più comuni, illustrando le une e le altre con interessanti esempi tratti dalla sua esperienza di terapeuta della famiglia. Rivolgendosi ai nuovi adulti che si introducono nella famiglia del partner, Juul invita a riflettere su alcuni temi basilari: l'importanza di scegliere con cura quando e come introdurre un nuovo adulto nella vita familiare; la necessità di un buon contatto, nel rispetto dei limiti altrui e dei propri; l'inutilità di recitare la parte degli educatori e l'invito a divenire amici adulti; il ruolo degli ex partner, ma non ex genitori; la necessità di condividere la responsabilità dei loro precedenti insuccessi nelle relazioni di coppia; la necessaria consapevolezza che nessun consiglio potrà servire, se l'amore e la disponibilità verso gli altri, i figli, non andranno di pari passo con la voglia di maturare e di crescere insieme con loro.

Un genitore in più

Juul Jesper

Una raccolta di paradossali colloqui di lavoro, domande singolari, annunci bizzarri. Consigli utili per districarsi fra i "lei è troppo per la nostra azienda", i "lei è una persona instabile, ha viaggiato troppo" e i "dobbiamo tornare tutti all'agricoltura". Un modo per riflettere, sorridendo, sui cambiamenti del mondo del lavoro e della nostra società, ma soprattutto per non arrendersi di fronte all'incertezza. Mal comune, mezzo gaudio? Forse, ma anche consapevolezza che dalla crisi si esce solo credendo in se stessi e nelle proprie capacità. Il libro è diviso in tre parti, suddivise a loro volta in capitoli. La prima parte è intitolata "Dei colloqui e degli altri demoni". La seconda: "Storie di ordinaria follia lavorativa". La terza: "Lavoro o son desto?". Qui sono raccolti una serie di consigli su come sopravvivere ai colloqui, agli stage, nonché una guida semiseria per capire quando è ora di darsela a gambe e fuggire dagli annunci-truffa.

Papà mi presti i soldi che devo lavorare?

Bottone Alessia