Saggi

La classe capovolta

Maglioni Maurizio Biscaro Fabio

Descrizione: Può l’insegnante riappropriarsi del suo ruolo e nello stesso tempo parlare un linguaggio più vicino a quello degli studenti? E’ possibile sfruttare tutte le informazioni che sono già accessibili agli studenti tramite i diversi canali dell’era della comunicazione? E’ possibile tornare ad essere quelle figure di riferimento e orientamento fondamentali nella società civile in modo da essere la guida capace di insegnare ad apprendere da soli? E’ possibile fare in modo che i ragazzi si sentano più responsabili del loro apprendimento? Il flipped learning, l’approccio proposto in questo volume, consiste nell’invertire il luogo dove si segue la lezione (a casa propria anziché a scuola) con quello in cui si studia e si fanno i compiti (a scuola anziché a casa). In queste pagine gli autori presentano questa modalità didattica, dando ampio spazio al racconto di esperienze e buone prassi realizzate a livello nazionale e internazionale.

Categoria: Saggi

Editore: Erickson

Collana: Le guide Erickson

Anno: 2014

ISBN: 978-88-590-0488-2

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

In questi giorni in cui si parla tanto di “buona scuola”, con riferimento a numeri (da lotteria!) e a grandi svolte epocali  una terminologia – ahimè – già nota!) sarebbe indubbiamente più produttivo soffermarsi a riflettere sulla didattica, tout court.

Coinvolgente e ricco di spunti è, in proposito, la guida redatta da Maurizio Maglioni e Fabio Biscaro, La classe capovolta”, edito da Erickson. Perfettamente in linea con i tempi e i modi della nostra società, in questa guida si parla infatti di “flipped learning”, ossia “insegnamento capovolto”, una nuova forma di apprendimento che abbandona le tradizionali lezioni frontali, lo studio individuale a casa e le verifiche in classe.

Una scuola dei balocchi? Non proprio.

Un insegnante attento sa bene che l’obiettivo di rendere le lezioni efficaci passa inevitabilmente attraverso modalità didattiche che non possono non tener conto delle nuove esigenze dei ragazzi, in primis il loro interesse per il web. Ed ecco l’insegnamento capovolto: far lavorare lo studente prevalentemente a casa, in autonomia; apprendimento attraverso video o podcast proposti e condivisi da docenti e compagni; in classe dovrà applicare quanto appreso per risolvere problemi e svolgere esercizi proposti dal docente.
In questo modo il docente è più che mai guida e mentore, fornisce agli studenti strumenti per rielaborare e analizzare criticamente il materiale proposto.

Una novità? In un certo senso, forse nell’uso delle tecnologie e quindi delle competenze richieste al docente, ma di certo l’idea dell’insegnante come mero trasmettitore di nozioni e quella degli alunni come vasi da riempire è già superata da un po’… E chi lavora a scuola lo sa bene.

Uno dei vantaggi del metodo consiste indubbiamente nella possibilità, da parte del docente, di diversificare gli apprendimenti, potenziando le abilità degli alunni e aiutando quelli in difficoltà; il tempo a scuola è interamente utilizzato all’applicazione e al perfezionamento delle competenze; stimola l’indipendenza e la creatività. Tutto questo, va detto, con un notevole aumento del lavoro preparatorio da parte del docente.

I veri fondatori del metodo sono considerati Jonathan Bergmann e Aaron Sams, autori del libro “Flip your classroom: reach every student in every class every day”, edito nel 2012 negli Stati Uniti.
A partire dal loro manuale e dai siti web della loro associazione, il flipped learning ormai si sta diffondendo ovunque e in Italia, nel 2014, è nata FLIPNET, l’associazione degli insegnanti che praticano la didattica capovolta. Anche gli autori della guida, Maglioni e Biscaro, hanno realizzato un corso online per docenti – capovolgereibes.net – che conta più di 130 iscritti ( Corso a pagamento. Giusto per far sapere che gli insegnanti si aggiornano, anche senza bonus erogati dallo Stato ) .

Le guide Erickson sono sempre puntuali e ottimo vademecum per i docenti, la lettura è sempre consigliata e non solo agli addetti ai lavori, ma anche ai genitori ad esempio o a quanti si trovino a svolgere – in qualche modo – il delicato compito di educare.

Non me ne voglia chi si aspettava solo una recensione, ma in questo momento di importanti decisioni per il futuro della scuola pubblica mi è sembrato doveroso, anche in questa occasione, far sentire la voce di chi crede nella scuola e continua – nonostante tutto – a lavorarci, e bene.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Biscaro

Maurizio

Maglioni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Maglioni Maurizio Biscaro Fabio

Parigi, un appartamento senza inquilini nel centro della città, silenzioso, troppo perfetto per non nascondere misteri. Madeline, una giovane poliziotta di Londra, lo prende in affitto per cercare un po' di riposo, dopo una serie di casi non risolti e la crisi della sua storia d'amore. Per un errore tecnico, nella stessa casa arriva anche Gaspard, venuto a Parigi per isolarsi e scrivere in tranquillità la sua nuova opera teatrale. Queste due anime solitarie e irrequiete sono così costrette a vivere assieme per qualche giorno. L'appartamento era di proprietà del celebre pittore Sean Lorenz che lo usava anche come studio, e in quelle stanze si respira ancora la sua passione per i colori e per la luce. Distrutto dall'assassinio del giovane figlio, Lorenz è morto l'anno precedente l'arrivo dei due inquilini, lasciando in eredità tre dipinti, che tuttavia risultano oggi scomparsi. Affascinati dal suo genio e colpiti dai molti misteri che avvolgono la sua vita e, soprattutto, la sua morte, Madeline e Gaspard decidono di unire le forze per ritrovare le opere dell'artista. Ma per arrivare a scoprire il segreto che si nasconde dietro l'enigmatica figura di Sean Lorenz, Madeline e Gaspard dovranno affrontare i loro demoni in un'indagine che li cambierà per sempre.

Un appartamento a Parigi

Musso Guillaume

In Una lama di luce avevamo lasciato Montalbano e Livia sconvolti per la fine di François, il protagonista del Ladro di merendine, il bambino che Livia avrebbe voluto adottare. Livia non si è mossa da Boccadasse e nelle lunghe telefonate con Salvo mostra tutta la sua prostrazione, ma in un’alba livida la telefonata di Fazio interrompe il sogno angoscioso di Montalbano per trascinarlo in una nuova indagine. Sono giorni di pioggia a Vigàta, quegli acquazzoni violenti e persistenti che non danno requie, fiumane d’acqua scatenata che travolgono case e terreni lasciando dietro di sé un mare di fango. È in una di queste giornate che un uomo, Giugiù Nicotra, viene trovato morto in un cantiere, mezzo nudo, colpito da un proiettile alle spalle. Aveva cercato scampo in una specie di galleria formata da grossi tubi per la costruzione di condotte d’acqua. L’indagine parte lenta e scivolosa, ma ben presto ogni indizio, ogni personaggio, conduce al mondo dei cantieri e degli appalti pubblici. Un mondo non meno viscido e fangoso della melma di cui ogni cantiere è ricoperto. Districandosi tra tutto quel fango nel quale «sguazzariano» costruttori, ditte, funzionari pubblici, una cosa Montalbano non riesce a togliersi dalla testa: che Nicotra, il morto, andando a morire dentro alla galleria, avesse voluto comunicare qualche cosa. «Lei poco fa ha detto una parola, piramide. E a me è tornato in mente… Sa che dentro alla piramide di Cheope nessuno per lungo tempo ci è potuto entrare perché non si riusciva a scoprire l’accesso? Poi qualcuno ha rotto gli indugi e ha praticato un foro nella parete, foro non autorizzato dai custodi della piramide. Ma così anche i custodi, che fino a quel momento erano stati costretti a starsene fuori, poterono penetrare all’interno».

La piramide di fango

Camilleri Andrea

La carriola di Luigi Pirandello (commento)

La nuova raccolta poetica di Gabriele Galloni.

Creatura breve

Galloni Gabriele