Narrativa

La clausola del padre

Khemiri Jonas Hassen

Descrizione: Come ogni anno, un «padre che è anche un nonno» va in Svezia a curare i suoi interessi e visitare la famiglia che ha abbandonato. Il padre ha cultura e tradizioni che si scontrano con la «svedesità» dei figli. E il suo atteggiamento borioso non facilita di certo i rapporti. Un tacito accordo vincola il figlio a occuparsi di lui a ogni penoso ritorno. Ora che a sua volta ha dei figli, un lavoro che odia e una vita da cui vuole fuggire, forse in fondo non sopporta di vedersi riflesso nel padre. Anche sua sorella è già madre e incinta di un altro bambino che non è sicura di voler tenere: la sorte del feto sarà affidata a una singola connessione telefonica. Ma dieci giorni possono influenzare in modo inatteso le dinamiche di una famiglia tormentata dai fantasmi del passato e dai non detti del presente. Se per questi buffi personaggi, che potrebbero essere scappati dal set di un film di Wes Anderson, esiste una possibilità di riscatto, può venire solo dall’innocenza e dalla freschezza delle nuove generazioni.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2019

ISBN: 9788806241834

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Le complesse dinamiche familiari che si intrecciano tra genitori e figli costituiscono il nucleo portante di La clausola del padre, il nuovo romanzo dello scrittore svedese Jonas Hassen KhemiriUn libro che fin dalle prime pagine si caratterizza per la sua particolarità evidente tanto nell’ironia, talvolta pungente, a cui attinge l’autore nel raccontare le vicende che si intrecciano tra i diversi membri di una famiglia, quanto nell’accattivante scelta di non dare un nome di battesimo ai vari protagonisti, decidendo di fissarli nel ruolo che rivestono. Ecco che pertanto ci si riferirà a loro parlando di “un padre che è anche un nonno” piuttosto che di “un figlio che a sua volta è anche un padre“.

Khemiri scrive un romanzo nel quale emerge prepotentemente il tema del rapporto tra genitori e figli, osservato e raccontato dai diversi punti di vista, compreso quello di un bambino di un anno.  Elemento centrale della storia è proprio il rapporto conflittuale tra un figlio e il padre (“Dovrebbe raccontare di suo papà, dire che hanno un rapporto complicato ma che sotto sotto si vogliono bene, o almeno lui vuole bene al papà, anche se non ha mai avuto la sensazione che il papà ne volesse a lui…”). Un “padre che ora è anche un nonno”, tendenzialmente egoista e da sempre poco presente, che non esita a sottoscrivere una  sorta  di  contratto  (“La  clausola  del  padre“,  che dà appunto il titolo al romanzo) per essere ospitato nell’appartamento-studio del figlio ogni volta che torna a casa in Svezia, evidenziando così la sua propensione a privilegiare i bisogni  materiali  a  scapito  di quell’affetto troppo spesso negato. Specularmente il “figlio che ora è padre” cerca a sua volta di compensare la carenza di affetto e attenzioni riversando tutto l’amore possibile nei confronti della propria prole, e usufruendo altresì dei vantaggi offerti dal  congedo  di paternità che la civilissima Svezia mette a disposizione anche per i padri.

Khemiri riesce a costruire una narrazione mai banale, raccontando una storia familiare che si svolge  nell’arco di  dieci giorni,  il tempo esatto in cui il “padre  che  è anche nonno” rimarrà in Svezia prima di scappare all’estero per l’ennesima volta, e intitolando ogni capitolo con un giorno della settimana (precisamente dal mercoledì al venerdì della settimana successiva).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hassen

Jonas

Khemiri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Khemiri Jonas Hassen

Maurizio ha dieci anni e non vede l'ora che comincino le vacanze. Per lui l'estate significa stare dai nonni a Crabas: lì ogni anno ritrova Franco e Giulio, fratelli di biglie, di ginocchia sbucciate e caccia alle libellule, e domina con loro un piccolo universo retto da legami che sembrano destinati a durare per sempre. Ma nell'estate del 1986 qualcosa di imprevedibile incrinerà la loro infanzia e mostrerà a tutti, adulti e ragazzi, quanto possa essere fragile il granito delle identità collettive. Basta un prete venuto da fuori a fondare una nuova parrocchia per portare una scintilla di fanatico antagonismo dove prima c'erano solo fratellanze. In quella crepa della comunità l'estraneo può assumere qualunque volto, persino i capelli rossi di un inseparabile compagno di giochi. In questo racconto insieme comico e profondo, la penna inconfondibile di Michela Murgia ci regala una storia di formazione in cui il protagonista scopre - insieme al lettore - cosa significa dire "oi". "Non era un pronome come negli altri posti, ma la cittadinanza di una patria tacita dove tutto il tempo si declinava così, al presente plurale".

L’incontro

Murgia Michela

Capolavoro di letteratura inglese e unico romanzo di Emily Brontë, con un saggio di Virginia Woolf e la prefazione di Charlotte Brontë. Cime tempestose appare nel 1847 in una Inghilterra già frenata dai pudori vittoriani; è l'unico romanzo di una scrittrice di ventotto anni prossima alla morte perché consumata dalla tisi. Il libro, stampato in proprio e in poche copie, non desta, come del resto quelli delle sorelle, grande interesse; in seguito si imporrà come singolare capolavoro della letteratura inglese. Nella solitaria e selvaggia brughiera dello Yorkshire si consuma una tumultuosa e distruttiva passione amorosa. Tutti i tormentati contrasti che s'innescano tra gli abitanti di una agiata dimora a fondo valle e quelli di una fattoria su di un colle ventoso convergono nella figura del trovatello Heathcliff. Le contraddittorie e velenose passioni umane innestano nell'amore la sofferenza e la crudele vendetta.

Cime tempestose

Brontë Emily

Buffo, vitale, appassionato. Superstizioso, paziente ascoltatore, imbranato. È Jeremy Davenant, l'ultimo dei cavalieri di ventura. La sua forza? La sua normalità. La capacità di convivere con le proprie debolezze, di accogliere quelle altrui. Il fatto è che Jeremy è completamente andato, partito, per quella che ritiene la donna del destino, e sembra invece l'incarnazione della donna di picche: Milena. Metà indiana, metà zingara, intelligente e sovversiva, Milena appare selvatica e irraggiungibile. Irraggiungibile? Jeremy è convinto che la loro unione sia predestinata, profondamente voluta dal fato. Lo dice anche la Pagina magica! Un foglio strappato da un'enciclopedia, ragalatogli molti anni prima da zio Gerard durante un gioco a mosca cieca.

UNA CATENA DI ROSE

Moore Jeffrey

Qual è il giorno in cui siamo diventati umani? Quale l’attimo in cui questa vitale e spossante consapevolezza ci ha invaso? Questa la domanda che Paolo Zardi fa al lettore. Ma prima lo chiede ai personaggi che animano queste pagine. Un padre che cova l’insopprimibile desiderio che sua figlia non somigli alla madre; una moglie che nell’istante assoluto del pentimento capisce che tradirà ancora; un vecchio che ad ogni compleanno avverte quanto sia difficile morire; una vedova all’ossessiva ricerca di un’alternativa ai ricordi; una dottoressa che, per un momento, vede nel corpo attraente di un paziente la giovinezza che avrebbe avuto suo figlio. Creature sospese tra l’amore e il dolore, tra desiderio e paura, tra la vergogna e la grazia. La delicatezza dei corpi, la labilità delle intenzioni, la precarietà di ogni condizione umana sono i punti focali attorno ai quali i personaggi di questi racconti si muovono, combattono, vivono, fotografati tutti nella loro abbagliante purezza.

IL GIORNO CHE DIVENTAMMO UMANI

Zardi Paolo