Narrativa

La clausola del padre

Khemiri Jonas Hassen

Descrizione: Come ogni anno, un «padre che è anche un nonno» va in Svezia a curare i suoi interessi e visitare la famiglia che ha abbandonato. Il padre ha cultura e tradizioni che si scontrano con la «svedesità» dei figli. E il suo atteggiamento borioso non facilita di certo i rapporti. Un tacito accordo vincola il figlio a occuparsi di lui a ogni penoso ritorno. Ora che a sua volta ha dei figli, un lavoro che odia e una vita da cui vuole fuggire, forse in fondo non sopporta di vedersi riflesso nel padre. Anche sua sorella è già madre e incinta di un altro bambino che non è sicura di voler tenere: la sorte del feto sarà affidata a una singola connessione telefonica. Ma dieci giorni possono influenzare in modo inatteso le dinamiche di una famiglia tormentata dai fantasmi del passato e dai non detti del presente. Se per questi buffi personaggi, che potrebbero essere scappati dal set di un film di Wes Anderson, esiste una possibilità di riscatto, può venire solo dall’innocenza e dalla freschezza delle nuove generazioni.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2019

ISBN: 9788806241834

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Le complesse dinamiche familiari che si intrecciano tra genitori e figli costituiscono il nucleo portante di La clausola del padre, il nuovo romanzo dello scrittore svedese Jonas Hassen KhemiriUn libro che fin dalle prime pagine si caratterizza per la sua particolarità evidente tanto nell’ironia, talvolta pungente, a cui attinge l’autore nel raccontare le vicende che si intrecciano tra i diversi membri di una famiglia, quanto nell’accattivante scelta di non dare un nome di battesimo ai vari protagonisti, decidendo di fissarli nel ruolo che rivestono. Ecco che pertanto ci si riferirà a loro parlando di “un padre che è anche un nonno” piuttosto che di “un figlio che a sua volta è anche un padre“.

Khemiri scrive un romanzo nel quale emerge prepotentemente il tema del rapporto tra genitori e figli, osservato e raccontato dai diversi punti di vista, compreso quello di un bambino di un anno.  Elemento centrale della storia è proprio il rapporto conflittuale tra un figlio e il padre (“Dovrebbe raccontare di suo papà, dire che hanno un rapporto complicato ma che sotto sotto si vogliono bene, o almeno lui vuole bene al papà, anche se non ha mai avuto la sensazione che il papà ne volesse a lui…”). Un “padre che ora è anche un nonno”, tendenzialmente egoista e da sempre poco presente, che non esita a sottoscrivere una  sorta  di  contratto  (“La  clausola  del  padre“,  che dà appunto il titolo al romanzo) per essere ospitato nell’appartamento-studio del figlio ogni volta che torna a casa in Svezia, evidenziando così la sua propensione a privilegiare i bisogni  materiali  a  scapito  di quell’affetto troppo spesso negato. Specularmente il “figlio che ora è padre” cerca a sua volta di compensare la carenza di affetto e attenzioni riversando tutto l’amore possibile nei confronti della propria prole, e usufruendo altresì dei vantaggi offerti dal  congedo  di paternità che la civilissima Svezia mette a disposizione anche per i padri.

Khemiri riesce a costruire una narrazione mai banale, raccontando una storia familiare che si svolge  nell’arco di  dieci giorni,  il tempo esatto in cui il “padre  che  è anche nonno” rimarrà in Svezia prima di scappare all’estero per l’ennesima volta, e intitolando ogni capitolo con un giorno della settimana (precisamente dal mercoledì al venerdì della settimana successiva).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hassen

Jonas

Khemiri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Khemiri Jonas Hassen


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dalla morte dei genitori in un terribile incidente d'auto dal quale è uscito miracolosamente illeso, Simon soffre di incubi spaventosi. Dopo essere stato ricoverato in un ospedale psichiatrico in seguito allo shock, Simon si è stabilito dalla zia insieme con suo fratello maggiore, ma adattarsi alla nuova vita è un compito durissimo, soprattutto da quando Simon è perseguitato da una presenza malvagia che lo spia nel buio, proprio come nei suoi sogni più spaventosi. E forse è proprio questa presenza la responsabile della scomparsa di una ragazza, la stessa che Simon decide di cercare aiutato dalla sua unica amica.

Incubo di Wulf Dorn

Dorn Wulf

Andrea e Maria Bellomo, fratello e sorella, sono uniti da un legame fortissimo, che affonda le radici in un passato difficile. Antonella, la madre, li ha cresciuti da sola. Andrea vive a Lecce, dove è attore e regista di una piccola compagnia di teatro, la "PPP". Maria vive a Roma, ed è una delle promesse più interessanti nel panorama italiano del cinema e della televisione. Cosa accadrà quando Andrea, stanco della vita di provincia, raggiungerà sua sorella a Roma?

Beati i puri

Pagano Luciano

Nel 1832 mentre il colera imperversa a New York, un uomo si aggira per la città fantasma, lottando contro gli spettri del proprio passato, mentre la morte si avvicina a passi felpati...Nel 1859, la vita del giovane rampollo di una ricca famiglia di Manhattan viene sconvolta dalla fulminante apparizione e dalla misteriosa sparizione di una modella irlandese... Nel 2001, una donna perseguitata dal fantasma dell'amante, morto negli attacchi contro le Torri gemelle, intreccia un'ambigua relazione con un avvocato nella cui mente si annidano pericolose turbe... Dal maestro delle atmosfere gotiche, tre raccontiche comunicano, attraverso enigmatici echi sotterranei, tre amori che sconfinano nella follia, uno sguardo inquieto sul volto segreto di New York.

La città fantasma

McGrath Patrick

Dalla tragica morte della moglie, A. J. Fikry è diventato un uomo scostante e scorbutico, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (e pure quelli che non vende) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di abbassare i prezzi. Anche per gli agenti di vendita è ormai un interlocutore a dir poco difficile. Ma tutto cambia una sera come tante, quando, rientrando in libreria, A. J. trova una bambina che gironzola nel reparto dedicato all'infanzia. Al collo ha appuntato un biglietto scritto dalla madre: questa è Maya. Ha due anni. È molto intelligente ed è eccezionalmente loquace per la sua età. Voglio che diventi una lettrice e che cresca in mezzo ai libri. Io non posso più occuparmi di lei. Sono disperata. Seppur riluttante (e sorprendendo tutti i suoi conoscenti), A. J. decide di adottarla, lasciando così che quella bambina gli sconvolga l'esistenza. Perché Maya è animata da un'insaziabile curiosità e da un'attrazione istintiva per i libri, per il loro odore, per le copertine vivaci, per quell'affascinante mosaico di parole che riempie le pagine all'interno e, grazie a lei, A. J. non solo scoprirà la gioia di essere padre, ma riassaporerà anche il piacere di essere un libraio. Trovando infine la forza per aprirsi a un nuovo, inatteso amore.

La misura della felicità

Zevin Gabrielle