Narrativa

La clausola del padre

Khemiri Jonas Hassen

Descrizione: Come ogni anno, un «padre che è anche un nonno» va in Svezia a curare i suoi interessi e visitare la famiglia che ha abbandonato. Il padre ha cultura e tradizioni che si scontrano con la «svedesità» dei figli. E il suo atteggiamento borioso non facilita di certo i rapporti. Un tacito accordo vincola il figlio a occuparsi di lui a ogni penoso ritorno. Ora che a sua volta ha dei figli, un lavoro che odia e una vita da cui vuole fuggire, forse in fondo non sopporta di vedersi riflesso nel padre. Anche sua sorella è già madre e incinta di un altro bambino che non è sicura di voler tenere: la sorte del feto sarà affidata a una singola connessione telefonica. Ma dieci giorni possono influenzare in modo inatteso le dinamiche di una famiglia tormentata dai fantasmi del passato e dai non detti del presente. Se per questi buffi personaggi, che potrebbero essere scappati dal set di un film di Wes Anderson, esiste una possibilità di riscatto, può venire solo dall’innocenza e dalla freschezza delle nuove generazioni.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2019

ISBN: 9788806241834

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Le complesse dinamiche familiari che si intrecciano tra genitori e figli costituiscono il nucleo portante di La clausola del padre, il nuovo romanzo dello scrittore svedese Jonas Hassen KhemiriUn libro che fin dalle prime pagine si caratterizza per la sua particolarità evidente tanto nell’ironia, talvolta pungente, a cui attinge l’autore nel raccontare le vicende che si intrecciano tra i diversi membri di una famiglia, quanto nell’accattivante scelta di non dare un nome di battesimo ai vari protagonisti, decidendo di fissarli nel ruolo che rivestono. Ecco che pertanto ci si riferirà a loro parlando di “un padre che è anche un nonno” piuttosto che di “un figlio che a sua volta è anche un padre“.

Khemiri scrive un romanzo nel quale emerge prepotentemente il tema del rapporto tra genitori e figli, osservato e raccontato dai diversi punti di vista, compreso quello di un bambino di un anno.  Elemento centrale della storia è proprio il rapporto conflittuale tra un figlio e il padre (“Dovrebbe raccontare di suo papà, dire che hanno un rapporto complicato ma che sotto sotto si vogliono bene, o almeno lui vuole bene al papà, anche se non ha mai avuto la sensazione che il papà ne volesse a lui…”). Un “padre che ora è anche un nonno”, tendenzialmente egoista e da sempre poco presente, che non esita a sottoscrivere una  sorta  di  contratto  (“La  clausola  del  padre“,  che dà appunto il titolo al romanzo) per essere ospitato nell’appartamento-studio del figlio ogni volta che torna a casa in Svezia, evidenziando così la sua propensione a privilegiare i bisogni  materiali  a  scapito  di quell’affetto troppo spesso negato. Specularmente il “figlio che ora è padre” cerca a sua volta di compensare la carenza di affetto e attenzioni riversando tutto l’amore possibile nei confronti della propria prole, e usufruendo altresì dei vantaggi offerti dal  congedo  di paternità che la civilissima Svezia mette a disposizione anche per i padri.

Khemiri riesce a costruire una narrazione mai banale, raccontando una storia familiare che si svolge  nell’arco di  dieci giorni,  il tempo esatto in cui il “padre  che  è anche nonno” rimarrà in Svezia prima di scappare all’estero per l’ennesima volta, e intitolando ogni capitolo con un giorno della settimana (precisamente dal mercoledì al venerdì della settimana successiva).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Hassen

Jonas

Khemiri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Khemiri Jonas Hassen

Il diario di Enrico, un bimbo torinese di terza elementare, ci conduce per mano giorno dopo giorno attraverso le diverse tappe di un anno scolastico denso di avvenimenti gioiosi e tristi. Lo scrivano fiorentino, la maestrina dalla penna rossa, il severo maestro Perboni, il buon compagno Garrone, il povero figlio del carbonaio sono tra i piccoli grandi protagonisti dell'Italia risorgimentale che in questo libro prende vita ancora oggi, a oltre cento anni dalla pubblicazione. Straordinarie storie di eroismi quotidiani capaci di imprimersi nel cuore dei lettori odierni come di quelli di un secolo fa, lasciando un ricordo indelebile.

Cuore

De Amicis Edmondo

«Duca Lamberti è un investigatore atipico, disincantato e arrabbiato, immerso nella folla e nella sua città, tra mafie, seduttori, ipocrisie di ogni specie e grandezza. Scerbanenco nei romanzi di Lamberti, il suo aggressivo e per nulla politicamente corretto alter ego, forse può finalmente far venire a galla il motivo per cui anche lui, come il suo personaggio, non riesce a dormire.» (Dalla prefazione di Cecilia Scerbanenco) Si imparano molte cose in tre anni di carcere passati a raccogliere le storie d’innocenza dei propri compagni di cella, tutti Abele uccisi da Caino e tutti Adamo corrotti da Eva. Duca Lamberti – un ex medico condannato per aver aiutato un’anziana paziente a morire – in prigione ha imparato ad ascoltare, e a non parlare troppo. Per questo un ricco imprenditore, Pietro Auseri, lo ha scelto per un compito che gli sta particolarmente a cuore: salvare il figlio Davide da un’improvvisa depressione annegata nell’alcool. Forse per riscattare la sua vita dedicata agli altri, o forse solo per curiosità, Lamberti accetta di prendersi cura del giovane Auseri, entrando in confidenza con lui fino a stanare il segreto che lo ha gettato nel buio. È una storia che porta alle strade poco battute della periferia di Milano, dove la nebbia custodisce i segreti di amanti e criminali che si dividono la notte, fino al corpo di una giovane ragazza che cercava una vita migliore e ha trovato la morte. Gli unici indizi, un rullino di fotografie bollenti e una donna combattiva, Livia, che applica alla realtà gli imperativi categorici della filosofia. In una città tentacolare e seduttiva come le anime peccatrici che la abitano, Duca Lamberti ha cominciato a indagare.

Venere privata

Scerbanenco Giorgio

Qualcuno lo aveva previsto, qualcun altro lo invocava, altri lo temevano. Non era mai successo. Marco Travaglio racconta i retroscena dell'elezione del presidente della Repubblica più difficile e drammatica della storia italiana. Cosa sta succedendo? Siamo alla fine della Repubblica dei partiti, siamo alla vigilia di un sommovimento istituzionale? La democrazia rappresentativa è arrivata al punto della sua massima crisi e non si sa cosa possa esserci oltre. Travaglio mette in fila gli eventi a modo suo, lucido e implacabile. Ma per capire come si è giunti fin qui è necessario anche ricomporre la storia del passato. E così, insieme alla ricostruzione dell'oggi, l'autore ci propone una carrellata delle passate elezioni, una galleria dei personaggi e degli eventi che hanno segnato la nostra storia repubblicana, da Enrico De Nicola, il primo presidente, a re Giorgio Napolitano. Sarà questa l'ultima elezione del presidente della Repubblica, così come finora l'abbiamo conosciuta?

Viva il re!

Travaglio Marco

Prendi un verso dai poeti e dipingi il mondo di pace