Narrativa

La combattente

Nardini Stefania

Descrizione: Il passato, ai suoi occhi, è fascino e sconfitta. Cercare lì la verità per riuscire a rinascere. Angelita è rimasta da sola nella grande casa di famiglia. Fabrizio, suo compagno di vita da trent’anni, se ne è andato via divorato da un cancro. Scrittrice, ex giornalista, in età matura è travolta da un’opprimente solitudine. L’impatto con la realtà è violento, privo di certezze. Il mondo, questo nuovo mondo, in cui arranca, non le appartiene. Disperata, si aggrappa a brandelli di lucidità che si trasformano in incubi. È l’anno zero. La sua storia con Fabrizio si trasforma in un ricordo crudele che si va sfumando come un ritratto in seppia. Ma accade qualcosa nel presente, una scoperta oltre la quale cova un mistero. Angelita cerca la verità indagando e ripercorrendo gli eventi degli anni Settanta.

Categoria: Narrativa

Editore: E/o

Collana: Dal mondo

Anno: 2021

ISBN: 9788833573304

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

La combattente di Stefania Nardini

Stefania Nardini, giornalista e scrittrice, vive tra Marsiglia e Roma. Pubblica con la casa editrice e/o un libro intitolato La combattente. Un testo coinvolgente, che tratta il tema degli anni di piombo, del terrorismo e delle sue ripercussioni, tutt’ora attuali. Argomento a oggi poco trattato.

La combattente narra la storia di Angelita, che conosce per la prima volta Fabrizio durante una sua inchiesta giornalistica sui manicomi. Se ne innamora e i due vanno a vivere assieme. Vivono una vita idilliaca fino a quando lui si ammala gravemente e muore. Angelita rimane sola con un gatto. Il figlio Marco è lontano e ha la sua vita. L’elaborazione del lutto è faticosa, è una salita impervia e tutta da costruire. A causa di un incidente domestico si allaga la casa e Angelita è costretta a scendere in cantina. In un anfratto trova una pistola e lettere indirizzate a una donna che non è lei: “Provai una brutta sensazione. Lo sconcerto faceva a pugni con la consapevolezza, con la curiosità. Dalla plastica sporca e opaca il tatto mi restituiva forme allarmanti. Orientai la luce sul sacchetto e l’aprii : mi ritrovai tra le mani una pistola legata con dello spago a delle lettere. Un brivido mi tagliò in due.”

Chi è la donna? Cosa si cela nel passato di Fabrizio, di cui Angelita non sa nulla? Negare la realtà sarebbe facile, ma non risolverebbe nulla: “Volevo a tutti i costi arrivare alla verità. Avvertivo questo bisogno di sapere, di capire; era un diritto irrinunciabile. Ne andava della mia vita, non solo del mio passato. Per troppo tempo mi era stata negata la realtà.”

Inizia così un viaggio dentro gli anni di piombo, nelle sue più intrinseche sofferenze, in un afflato particolare tra presente e passato che colpisce: “Il passato tornava sul presente vomitando verità inimmaginabili. Fughe, nomi di copertura, armi, attentati, parole in codice. Non era il mio universo, ma c’ero caduta dentro tirata per un braccio, a tentoni, a strattoni, dal caso.”

Il libro è scritto con un linguaggio poetico, preciso e scarno, che colpisce. L’indagine riguarda un dolore che attanaglia, che provoca dubbi e che conduce alla domanda fatidica: conosciamo veramente chi amiamo, la persona con cui condividiamo pezzi importanti di vita? La natura umana è analizzata con effettiva conoscenza, l’elaborazione del lutto è narrata con precisione e sapienza narrativa. La narrazione affascina, i personaggi ben descritti e l’argomentazione di un tema oscuro e buio, ma che è parte della Storia, sono i punti cardine di un romanzo che merita. Molto consigliato!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stefania

Nardini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nardini Stefania

Sono le cinque meno dieci esatte. Il lago s'intravede all'orizzonte: è una lunga linea di grafite, nera e argento. L'uomo che pulisce sta per iniziare una giornata scandita dalla raccolta della spazzatura. Non prova ribrezzo per il suo lavoro, anzi: sa che è necessario. E sa che è proprio in ciò che le persone gettano via che si celano i più profondi segreti. E lui sa interpretarli. E sa come usarli. Perché anche lui nasconde un segreto. L'uomo che pulisce vive seguendo abitudini e ritmi ormai consolidati, con l'eccezione di rare ma memorabili serate speciali. Quello che non sa è che entro poche ore la sua vita ordinata sarà stravolta dall'incontro con la ragazzina col ciuffo viola. Lui, che ha scelto di essere invisibile, un'ombra appena percepita ai margini del mondo, si troverà coinvolto nella realtà inconfessabile della ragazzina. Il rischio non è solo quello che qualcuno scopra chi è o cosa fa realmente. Il vero rischio è, ed è sempre stato, sin da quando era bambino, quello di contrariare l'uomo che si nasconde dietro la porta verde. Ma c'è un'altra cosa che l'uomo che pulisce non può sapere: là fuori c'è già qualcuno che lo cerca. La cacciatrice di mosche si è data una missione: fermare la violenza, salvare il maggior numero possibile di donne. Niente può impedirglielo: né la sua pessima forma fisica, né l'oscura fama che la accompagna. E quando il fondo del lago restituisce una traccia, la cacciatrice sa che è un messaggio che solo lei può capire. C'è soltanto una cosa che può, anzi, deve fare: stanare l'ombra invisibile che si trova al centro dell'abisso.

Io sono l’abisso

Carrisi Donato

Il protagonista di questo libro è un signore che ha cinquantacinque anni però anche lui è stato giovane, e quando era giovane ha fatto l'editore, poi ha fatto lo scrittore, adesso fa il giornalista e pratica una forma di giornalismo che lui chiama Giornalismo disinformato, e la insegna, anche. E' un tipo di giornalismo, il giornalismo disinformato, che dice che delle cose che si scrivono non bisogna saper niente. "Ragazzi" gli dice a quelli che partecipano ai suoi corsi "se non sapete cosa scrivere, scrivetelo. Scrivete così: Non so cosa scrivere". E delle regole classiche del giornalismo, delle cinque doppie vu, "when" "what" "where" "who" "why", che sarebbero le cinque cose da dire secondo le regole classiche del giornalismo informato, ecco, lui, nei pezzi che scrive lui, cerca di non rispondere a nessuna di queste domande, ma si sforza di rispondere a un'altra, domanda: "how". Bisogna concentrarsi sul "come", secondo lui, e se ci si concentra sul "come" si risponde anche alle altre domande. Bisogna cioè farsi guidare, in un certo senso, non dal proprio cervello, non dalla propria sapienza, dai propri occhi, bisogna mettersi per strada e cominciare a guardare. Allora lì, in un certo senso, è un'avventura; può saltar fuori qualsiasi cosa, può andare a finire che uno diventa testimone dì un omicidio, oppure che uno torna a casa, si mette al computer e scrive "Non so cosa scrivere". Ecco. Ermanno Baistrocchi, all'inizio di questo romanzo, diventa testimone di un omicidio, e la sua esistenza di giornalista disinformato, che era già abbastanza complicata per conto suo, diventa, da un giorno all'altro, complicatissima.

Manuale pratico di giornalismo disnformato

Nori Paolo

Nel 1999, dopo aver pubblicato tre romanzi di culto, il celebre scrittore Nathan Fawles annuncia la sua decisione di smettere di scrivere per ritirarsi a vita privata a Beaumont, un'isola selvaggia e sublime al largo delle coste mediterranee. Autunno 2018. Fawles non rilascia interviste da più di vent'anni, mentre i suoi romanzi continuano ad attirare i lettori. Mathilde Monney, una giovane giornalista svizzera, sbarca sull'isola, decisa a svelare il segreto del celebre scrittore. Lo stesso giorno, viene ritrovato sulla spiaggia il cadavere di una donna e le autorità mettono sotto sequestro l'isola, bloccando ogni partenza e ogni arrivo. Comincia allora un pericoloso faccia a faccia tra Mathilde e Nathan, in cui si scontrano verità occulte e insospettabili menzogne, e si mescolano l'amore e la paura...

La vita segreta degli scrittori

Musso Guillaume

Ogni giorno Gesù parla al nostro cuore attraverso le letture della messa. Tante volte però non siamo in sintonia con lui per stanchezza o per semplice incomprensione dei testi sacri. Spesso avremmo bisogno di una spiegazione o di un commento chiaro, che ci permetta di capire le letture per poi metterle in pratica. Il messalino, che possiamo portare sempre con noi, ci viene incontro con il commento/meditazione delle letture; ci fa conoscere la vita e l'esempio del santo del giorno; ci guida nella liturgia quotidiana e nelle preghiere della Chiesa. Diviene, così, un compagno di viaggio semplice ed edificante durante tutte le ore del giorno.

Sulla tua parola. Messalino maggio-giugno 2016.

Fusco Roberto