Narrativa

La confessione di Claude

Zola Emile

Descrizione: Claude, giunto a Parigi, trova una vita diversa da quella che aveva sempre immaginato passeggiando con i suoi amici sotto il sole della Provenza. A fargli compagnia il freddo, la fame e un quaderno, su cui annota le proprie impressioni e sentimenti; e ad acuire il suo malessere la solitudine e la mancanza di qualcuno da amare e con cui condividere la sua miserabile esistenza. Ma ecco che Laurence, una ragazza precocemente invecchiata a causa di una vita di dissolutezze e di stenti, irrompe prepotentemente nella sua vita e Claude decide di salvarla dalla sua sciagurata esistenza. "La confessione di Claude" è un romanzo autobiografico, in cui Zola racconta i primi e difficili anni della sua vita parigina. Pubblicato nel 1865, il libro attirò le attenzioni della polizia francese per la sordida ambientazione delle vicende e per lo stesso motivo lo scrittore venne ripudiato dall'editore Hachette.

Categoria: Narrativa

Editore: Robin

Collana: La biblioteca

Anno: 2011

ISBN: 9788873717874

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La confessione di Claude è l’opera  prima di Emile Zola e probabilmente contiene riferimenti autobiografici.
Come rileva Lilli Monfregola nella prefazione, “Il libro verrà censurato come romanzo trasgressivo e pornografico e, forse per questo, dimenticato”.

In realtà il testo contiene tutte le premesse del naturalismo francese, che poi Zola svilupperà nei suoi scritti successivi, e narra la storia di Claude, che si trasferisce a Parigi dal sud della Francia e scrive agli amici per metterli a parte del suo soggiorno parigino.
Lì, nella solitudine e nell’assoluta povertà (“Come m’ingannavo quando soffrivo per la mia solitudine e per la mia povertà”), conosce Laurence, una prostituta che lo inizia al sesso (“Era il primo nudo che mi accadeva di vedere, e vi mentirei ignobilmente, amici, tentando di minimizzare l’intensità della mia emozione”), della quale il giovane – inesperto della passione e della vita – si innamora.
Nello stabile, ove Claude vive nell’indigenza più assoluta e ospita Laurence, abita anche Jacques (“Sembrava che l’inatteso incontro non fosse accidentale, ma un preciso segno del destino”), una vecchia conoscenza di Claude, con Marie (“Si distendeva come una cortigiana e sorrideva come una santa”), una ragazza dalla salute irrimediabilmente compromessa.

La storia lambisce tutte le anse dell’ossessione amorosa: l’iniziale convinzione di saper tenere il sentimento sotto controllo (“Mi sono dato questa missione: strappare dal fango costei che è la mia compagna, per redimerla agli occhi del mondo”), il montare dell’infatuazione (“Ero ferito dalla sua indifferenza, un’indifferenza della quale era consapevole e che padroneggiava come un’arma per colpirmi senza tregua”), la gelosia e il desiderio di possesso, il tradimento… Il tutto calato nello squallore di un ambiente (“La mia miseria si è unita alla sua, nessuno potrebbe oggi distinguere il suo degrado dal mio”) che consente allo scrittore di declinare l’esasperazione di un’umanità sottoposta alle tensioni e alle difficoltà della vita.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La i-settimana francese – i-LIBRI

[…] di scrittori transalpini. Abbiamo esordito oggi con “La confessione di Claude” di Emile Zola (http://www.i-libri.com/libri/la-confessione-di-claude/), proseguiremo domani pubblicando un articolo su “L’opera al nero” della grande scrittrice […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Emile

Zola

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zola Emile


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tim, diciassette anni, albino, è un outsider, precipitato al prestigioso college di Irving per un solo semestre. Alla vigilia del suo arrivo a scuola conosce in aeroporto la bella Vanessa, ma l'incanto di quella notte si infrange contro il muro della realtà: Vanessa intesse una relazione clandestina con Tim ma non intende lasciare il suo Patrick. La tragedia si consuma durante la festa di fine anno: Tim, annebbiato dalle medicine che sta prendendo senza prescrizione, sale su una slitta trascinando con sé Vanessa, e finisce contro un albero. Lei entra in coma e lui perde la vista. È il materiale di partenza per quella che alla Irving diventerà una tradizione: il Tragedy Paper, la tesi di fine anno.

Io sono la neve

Laban Elizabeth

Se non volete mettere in discussione nulla della vostra vita, e magari cercate quel tantino di rassicurazione che non guasta, cambiate libro. Oppure, lasciate perdere ogni umana certezza e imbarcatevi in quest'impresa. Tanto, che vi può succedere, nel mondo onirico delle lettere? Di vita ce n'è una sola, ed è questa qui che state vivendo... fino a prova contraria.

PIZZERIA INFERNO

Serio Michele

C'è una piccola isola tra la Toscana e la Corsica, simile a una lancia di granito, che fora il Mediterraneo e punta minacciosa il cielo. Su quell'isola si sogna. Un uomo che ha perso l'amore e desidera solo lasciarsi morire. Un gruppo di persone che fanno della sopravvivenza il loro credo. Un clandestino cresciuto nelle fogne di Bucarest. Uno scienziato visionario e uno strano esperimento. Un delitto orribile, tra le rovine degli antichi Druidi. E la Fine del Mondo. Il libro di Morgan Perdinka, scritto nel 2003 - quattro anni prima del misterioso suicidio dell'autore -, pubblicato riscoperto e presentato dal maestro Danilo Arona.

MALAPUNTA

Perdinka Morgan

Il volume raccoglie due dei più importanti romanzi di Joseph Roth. Nella Leggenda del santo bevitore Andreas, un clochard, vive sotto i ponti di Parigi. Quando un misterioso passante gli dona una piccola somma di denaro, egli la accetta promettendo di restituirla la domenica successiva con un'offerta in chiesa. Ogni volta che ha in tasca il denaro sufficiente per saldare il suo debito, però, Andreas non resiste alla tentazione di usarlo per rincorrere vizi e piaceri e la restituzione di quei duecento franchi diventa la sua tormentata ragione di esistere. Da questo racconto, tradotto in tutto il mondo e considerato il testamento letterario di Roth, è tratto l'omonimo film di Ermanno Olmi. In Fuga senza fine, Franz Tunda, tenente dell'esercito austriaco, viene fatto prigioniero dai russi e riesce a salvarsi grazie all'aiuto di un mercante di pellicce siberiano, che lo nasconde in casa sua. A guerra finita, Franz, dopo molte peripezie e avventure sentimentali, ritorna finalmente in Austria, ma ormai non è più lo stesso. Metafora del disincanto e dello smarrimento che ha colpito la generazione vissuta in Europa tra le due guerre, questo breve e intenso romanzo è considerato il più autobiografico tra quelli di Roth.

FUGA SENZA FINE

Roth Joseph