Narrativa

La confessione di Claude

Zola Emile

Descrizione: Claude, giunto a Parigi, trova una vita diversa da quella che aveva sempre immaginato passeggiando con i suoi amici sotto il sole della Provenza. A fargli compagnia il freddo, la fame e un quaderno, su cui annota le proprie impressioni e sentimenti; e ad acuire il suo malessere la solitudine e la mancanza di qualcuno da amare e con cui condividere la sua miserabile esistenza. Ma ecco che Laurence, una ragazza precocemente invecchiata a causa di una vita di dissolutezze e di stenti, irrompe prepotentemente nella sua vita e Claude decide di salvarla dalla sua sciagurata esistenza. "La confessione di Claude" è un romanzo autobiografico, in cui Zola racconta i primi e difficili anni della sua vita parigina. Pubblicato nel 1865, il libro attirò le attenzioni della polizia francese per la sordida ambientazione delle vicende e per lo stesso motivo lo scrittore venne ripudiato dall'editore Hachette.

Categoria: Narrativa

Editore: Robin

Collana: La biblioteca

Anno: 2011

ISBN: 9788873717874

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La confessione di Claude è l’opera  prima di Emile Zola e probabilmente contiene riferimenti autobiografici.
Come rileva Lilli Monfregola nella prefazione, “Il libro verrà censurato come romanzo trasgressivo e pornografico e, forse per questo, dimenticato”.

In realtà il testo contiene tutte le premesse del naturalismo francese, che poi Zola svilupperà nei suoi scritti successivi, e narra la storia di Claude, che si trasferisce a Parigi dal sud della Francia e scrive agli amici per metterli a parte del suo soggiorno parigino.
Lì, nella solitudine e nell’assoluta povertà (“Come m’ingannavo quando soffrivo per la mia solitudine e per la mia povertà”), conosce Laurence, una prostituta che lo inizia al sesso (“Era il primo nudo che mi accadeva di vedere, e vi mentirei ignobilmente, amici, tentando di minimizzare l’intensità della mia emozione”), della quale il giovane – inesperto della passione e della vita – si innamora.
Nello stabile, ove Claude vive nell’indigenza più assoluta e ospita Laurence, abita anche Jacques (“Sembrava che l’inatteso incontro non fosse accidentale, ma un preciso segno del destino”), una vecchia conoscenza di Claude, con Marie (“Si distendeva come una cortigiana e sorrideva come una santa”), una ragazza dalla salute irrimediabilmente compromessa.

La storia lambisce tutte le anse dell’ossessione amorosa: l’iniziale convinzione di saper tenere il sentimento sotto controllo (“Mi sono dato questa missione: strappare dal fango costei che è la mia compagna, per redimerla agli occhi del mondo”), il montare dell’infatuazione (“Ero ferito dalla sua indifferenza, un’indifferenza della quale era consapevole e che padroneggiava come un’arma per colpirmi senza tregua”), la gelosia e il desiderio di possesso, il tradimento… Il tutto calato nello squallore di un ambiente (“La mia miseria si è unita alla sua, nessuno potrebbe oggi distinguere il suo degrado dal mio”) che consente allo scrittore di declinare l’esasperazione di un’umanità sottoposta alle tensioni e alle difficoltà della vita.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La i-settimana francese – i-LIBRI

[…] di scrittori transalpini. Abbiamo esordito oggi con “La confessione di Claude” di Emile Zola (http://www.i-libri.com/libri/la-confessione-di-claude/), proseguiremo domani pubblicando un articolo su “L’opera al nero” della grande scrittrice […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Emile

Zola

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zola Emile

In un paesino sperduto nel cuore di una sperduta regione, c'è un museo davvero strano: ogni notte, in una stanza buia al piano terra, succede qualcosa di molto, molto inquietante... Che fine fanno tutti i visitatori? E perché, nonostante i rumori, il vecchio custode continua a dormire tranquillo al piano di sopra, svegliandosi solo per ingoiare i ragni che gli camminano sul braccio? E chi è Ernst Fröhlicher, l'enigmatico dottore appena arrivato in paese con il suo inseparabile Labrador nero? Tra presenze sinistre, triangoli d'amore, suicidi, cannibalismo, personaggi grotteschi e situazioni al limite dell'assurdo, mostri e mostriciattoli, Il bizzarro museo degli orrori è un libro macabro, fantasioso, avvincente, divertentissimo, e vi terrà col fiato sospeso (e il sorriso sulle labbra) dalla prima all'ultima pagina. Quando la fantasia di Tim Burton incontra la narrativa gotica di Edgar Allan Poe nasce Dan Rhodes!

IL BIZZARRO MUSEO DEGLI ORRORI

Rhodes Dan

Ninella ha cinquant'anni e un grande amore, don Mimì, con cui non si è potuta sposare. Ma il destino le fa un regalo inaspettato: sua figlia si fidanza proprio con il figlio dell'uomo che ha sempre sognato, e i due ragazzi decidono di convolare a nozze. Il matrimonio di Chiara e Damiano si trasforma così in un vero e proprio evento per Polignano a Mare, paese bianco e arroccato in uno degli angoli più magici della Puglia. Gli occhi dei 287 invitati non saranno però puntati sugli sposi, ma sui loro genitori. Ninella è la sarta più bella del paese, e da quando è rimasta vedova sta sempre in casa a cucire, cucinare e guardare il mare. In realtà è un vulcano solo temporaneamente spento. Don Mimì, dietro i baffi e i silenzi, nasconde l'inquieto desiderio di riavere quella donna solo per sé. A sorvegliare la situazione c'è sua moglie, la futura suocera di Chiara, che a Polignano chiamano la "First Lady". È lei a controllare e a gestire una festa di matrimonio preparata da mesi e che tutti vogliono indimenticabile: dal bouquet "semicascante" della sposa al gran buffet di antipasti, dall'assegnazione dei posti alle bomboniere - passando per l'Ave Maria -, nulla è lasciato al caso. Ma è un attimo e la situazione può precipitare nel caos, grazie a un susseguirsi di colpi di scena e a una serie di personaggi esilaranti: una diciassettenne che deve perdere cinque chili e la verginità; un testimone gay che si presenta con una finta fidanzata; una zia che da quando si è trasferita in Veneto dice "voi meridionali" e un truccatore che obbliga la sposa a non commuoversi per non rovinare il make-up. Io che amo solo te è un romanzo sulle gioie segrete, sull'arte di attendere e sulle paure dell'ultimo minuto. Tra ironia e commozione, quello di Luca Bianchini è un avventuroso viaggio sull'amore, che arriva - o ritorna - quando meno te lo aspetti, ti rimette in gioco e ti porta dove decide lui. Come il maestrale, che accompagna i tre giorni di questa storia, sullo sfondo di una Puglia dove regnano ancora antichi valori e tanta bellezza.

IO CHE AMO SOLO TE

Bianchini Luca

«Per chi non la conoscesse già, vorrei presentare la protagonista di questa storia. Chiqui è una piccola volpe che è entrata nella mia vita quando decisi di lasciarmi alle spalle i ritmi frenetici di una società che sentivo sempre più estranea. Quando vivi seguendo i tuoi sogni, il tempo vola e io ancora stento a credere che siano già trascorsi tre anni da quando Chiqui è entrata nella mia vita e nel mio cuore. Questo breve racconto è un tributo alla piccola volpe che ho avuto il privilegio di conoscere e che ha contribuito a rendere incredibili questi tre anni nella Casa di Luce. La forza con la quale affronta le avversità è stata una lezione preziosa, ma, cosa più importante, Chiqui mi ha permesso di condividere il suo mondo, i suoi amici, e quello che ho imparato seguendola e scoprendo ciò che lei conosceva, e io ignoravo, mi ha dato la spinta per imbarcarmi in una nuova, grande avventura: dedicare tutte le mie energie a difendere chi non può farlo da solo e a diffondere tra i miei simili la consapevolezza del danno che stiamo arrecando alla nostra casa comune, la Terra. Spero davvero che anche voi, cari amici, possiate apprendere da lei come ho fatto io, e impegnarvi in prima persona per cambiare le cose.» (Sergio Bambarén)

Storia della piccola volpe che mi insegnò il perdono

Bambarén Sergio

GiØve: intervista alla cantautrice