Narrativa

La confessione di Claude

Zola Emile

Descrizione: Claude, giunto a Parigi, trova una vita diversa da quella che aveva sempre immaginato passeggiando con i suoi amici sotto il sole della Provenza. A fargli compagnia il freddo, la fame e un quaderno, su cui annota le proprie impressioni e sentimenti; e ad acuire il suo malessere la solitudine e la mancanza di qualcuno da amare e con cui condividere la sua miserabile esistenza. Ma ecco che Laurence, una ragazza precocemente invecchiata a causa di una vita di dissolutezze e di stenti, irrompe prepotentemente nella sua vita e Claude decide di salvarla dalla sua sciagurata esistenza. "La confessione di Claude" è un romanzo autobiografico, in cui Zola racconta i primi e difficili anni della sua vita parigina. Pubblicato nel 1865, il libro attirò le attenzioni della polizia francese per la sordida ambientazione delle vicende e per lo stesso motivo lo scrittore venne ripudiato dall'editore Hachette.

Categoria: Narrativa

Editore: Robin

Collana: La biblioteca

Anno: 2011

ISBN: 9788873717874

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La confessione di Claude è l’opera  prima di Emile Zola e probabilmente contiene riferimenti autobiografici.
Come rileva Lilli Monfregola nella prefazione, “Il libro verrà censurato come romanzo trasgressivo e pornografico e, forse per questo, dimenticato”.

In realtà il testo contiene tutte le premesse del naturalismo francese, che poi Zola svilupperà nei suoi scritti successivi, e narra la storia di Claude, che si trasferisce a Parigi dal sud della Francia e scrive agli amici per metterli a parte del suo soggiorno parigino.
Lì, nella solitudine e nell’assoluta povertà (“Come m’ingannavo quando soffrivo per la mia solitudine e per la mia povertà”), conosce Laurence, una prostituta che lo inizia al sesso (“Era il primo nudo che mi accadeva di vedere, e vi mentirei ignobilmente, amici, tentando di minimizzare l’intensità della mia emozione”), della quale il giovane – inesperto della passione e della vita – si innamora.
Nello stabile, ove Claude vive nell’indigenza più assoluta e ospita Laurence, abita anche Jacques (“Sembrava che l’inatteso incontro non fosse accidentale, ma un preciso segno del destino”), una vecchia conoscenza di Claude, con Marie (“Si distendeva come una cortigiana e sorrideva come una santa”), una ragazza dalla salute irrimediabilmente compromessa.

La storia lambisce tutte le anse dell’ossessione amorosa: l’iniziale convinzione di saper tenere il sentimento sotto controllo (“Mi sono dato questa missione: strappare dal fango costei che è la mia compagna, per redimerla agli occhi del mondo”), il montare dell’infatuazione (“Ero ferito dalla sua indifferenza, un’indifferenza della quale era consapevole e che padroneggiava come un’arma per colpirmi senza tregua”), la gelosia e il desiderio di possesso, il tradimento… Il tutto calato nello squallore di un ambiente (“La mia miseria si è unita alla sua, nessuno potrebbe oggi distinguere il suo degrado dal mio”) che consente allo scrittore di declinare l’esasperazione di un’umanità sottoposta alle tensioni e alle difficoltà della vita.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

La i-settimana francese – i-LIBRI

[…] di scrittori transalpini. Abbiamo esordito oggi con “La confessione di Claude” di Emile Zola (http://www.i-libri.com/libri/la-confessione-di-claude/), proseguiremo domani pubblicando un articolo su “L’opera al nero” della grande scrittrice […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Emile

Zola

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zola Emile


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Trentacinquenne londinese, la protagonista di questo romanzo è considerata una brava moglie. Devota e innamorata, vive in modo consapevole la nuova vita coniugale con i suoi alti e bassi, mai però dimentica del passato da single. Ma un giorno la brava moglie incappa in un sospetto. Un sospetto indicibile, che fa crollare in un soffio le certezze conquistate a fatica e il legame ventennale con la migliore amica. Il momento di crisi le dischiude però una possibilità, le apre una strada che lei percorre con coraggio e che la porta a scendere nel profondo di se stessa, a tu per tu con i desideri inconfessabili, con la più sincera scoperta del sesso. Passo dopo passo, sino a quel fondo che molte donne riescono solo a intravedere, seguiamo la protagonista nelle sue tappe più scabrose. Dopo aver ammesso di non essere mai riuscita a raggiungere l'orgasmo con il marito, di essere stata pavida nella scelta professionale, di riconoscere nel proprio compagno un uomo ordinario e un po' noioso, rivela di sognare un amante che la leghi al letto e donne che la tocchino. Risponde "voglio fare sesso" a un taxista che le domanda la destinazione, si tuffa in una relazione clandestina con un ragazzo più giovane... Esplorando l'universo femminile nelle sue pieghe più segrete, dando voce a quello che molte donne non riescono a dire, nemmeno a se stesse, questo romanzo raggiunge esiti di particolare, persuasiva verità.

LA SPOSA NUDA

Gemmell Nikki

Nella comunità di San Mathias il male sembra essere più forte degli uomini... La tranquillità degli abitanti della valle di Stille, un altopiano isolato e di difficile accesso, è stata turbata. Qualcuno ha violato una delle regole millenarie del Metodo imposto dal fondatore san Mathias. Il parroco don Basilius, guida spirituale dei valligiani, è preoccupato: un pericolo sconosciuto sta per abbattersi sulla comunità. Come se non bastasse, un bambino scompare misteriosamente nel bosco. Qualcuno lo riporterà a casa apparentemente in buone condizioni ma ostaggio di un mutismo che sembra essere senza via di uscita. Cosa è successo nel buio di quel bosco? Il bambino si è solo perso o qualcuno lo ha rapito? I suoi occhi hanno forse visto qualcosa che doveva rimanere nell'ombra? Indizi e sospetti si stringono intorno a una vecchia auto e al maso Becker, proprietà di un famoso e piuttosto eccentrico stilista svizzero. La psicologa Helena, una ex poliziotta scelta per il recupero del piccolo, con pazienza traccia un percorso nelle indagini mettendo a nudo lati oscuri del luogo e dei suoi abitanti, segreti inimmaginabili. Tutto e tutti possono essere il contrario di quello che sembrano.

L’OMBRA DEL BOSCO SCARNO

Rossi Massimo

Quando una coppia in divisa bussa alla sua porta, Manuel, scrittore di successo ossessivamente dedito alla stesura del prossimo bestseller, intuisce all'istante che dev'essere accaduto qualcosa di grave ad Alvaro, l'uomo che ama e al quale è sposato da anni. E infatti il corpo senza vita del marito è stato ritrovato al volante della sua auto, inspiegabilmente uscita di strada tra le vigne e i paesaggi scoscesi della Galizia, a chilometri di distanza dal luogo in cui Alvaro avrebbe dovuto trovarsi al momento dell'incidente. Sconvolto, Manuel parte per identificare la salma. Ma giunto a destinazione si ritrova invischiato in un intrico di menzogne, segreti e omissioni che ha al centro la ricca e arrogante famiglia d'origine del marito. Con l'aiuto di Nogueira, poliziotto in pensione dal carattere ruvido, e di Padre Lucas, il prete locale amico d'infanzia di Alvaro, Manuel indaga sulle molte ombre nel passato dei Muñiz Dávila e sulla vita segreta dell'uomo che si era illuso di conoscere quanto se stesso.

Tutto questo ti darò

Redondo Dolores

Quando la rivoluzione sessuale degli anni Sessanta ha bussato alla sua porta, David Kepesh l'ha accolta con entusiasmo, trasformandola nel momento di verità della propria vita. Da allora ha giurato a se stesso che non avrebbe mai più avuto una relazione stabile con una donna, e per trent'anni ha mantenuto fede al proposito, conducendo l'esistenza dell'«uomo emancipato». Ma un giorno, nell'aula del suo corso di critica letteraria all'università, entra Consuela Castillo, ventiquattrenne di una bellezza conturbante, che scatena il desiderio e la gelosia del maturo professore. «Forse, ora che mi sto avvicinando alla morte, anch'io segretamente desidero non essere libero», pensa Kepesh, ma non immagina quale sarà lo svolgimento tormentato della sua relazione con Consuela, e soprattutto il suo epilogo tragico. E poiché non può fare a meno di interrogarsi sulla propria vita e sul mondo, e non può fare a meno di spiegare agli altri le proprie convinzioni («la didattica è il mio destino»), tanto più doloroso è dover ammettere di essere in preda a una forza nuova che lo sta trascinando verso l'abisso. Dopo aver concluso con La macchia umana la trilogia sull'America del dopoguerra, Philip Roth conferma il suo momento di grazia con un romanzo di eccezionale intensità, dove i temi intrecciati dell'eros e della morte trovano un nuovo sviluppo tra i sogni della liberazione sessuale e l'immutata fragilità degli esseri umani.

L’ANIMALE MORENTE

Einaudi