Narrativa

La confraternita del Chianti

Fante John

Descrizione: Tirannico e orgoglioso primo scalpellino d' America, il vecchio Nick Molise è di nuovo in crisi con la moglie. Nessuno dei figli ha voglia di intervenire; d'altronde Nick, che sarebbe stato un uomo più felice se non avesse avuto famiglia... i suoi quattro figli erano i chiodi che lo tenevano crocifisso a mia madre, non ha intenzione di chiedere nulla a nessuno, tanto più che se la spassa a meraviglia con i vecchi amici e, nonostante l'età, coltiva un mucchio di progetti. Può divertirsi, sbevazzare e gloriarsi quanto gli pare del suo grande passato (la città di San Elmo era il suo Louvre, il suo museo a cielo aperto offerto agli occhi del mondo). Il sogno, neppure troppo segreto, sarebbe una tribù di figli-muratori seguaci della sua arte, mentre gli tocca fare i conti con un frenatore di treni, un funzionarietto di banca e uno scrittore. In barba alla propria innata pigrizia, Henry - alias John Fante - lascia moglie e figli, si imbarca su un aereo e si tuffa alla volta dei genitori; giunto a San Elmo, il padre lo prende in contropiede, invitandolo a un'impresa assurda quanto inutile: costruire un essiccatoio per pelli di cervo, in una località impervia a duemila metri di altezza. Henry in un primo tempo esita, poi acconsente, attratto dalla banda di squinternati confratelli del babbo...

Categoria: Narrativa

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Gli alianti

Anno: 1995

Traduttore: Francesco Durante

ISBN: 9788871681221

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Grazie a La confraternita del Chianti” John Fante confeziona un’opera nella quale il genio letterario dà pieno sfogo a un temperamento creativo che alle radici italiane affida l’affilato equilibrismo tra razionalità e follia.

Questa volta siamo fuori dal perimetro della famiglia Bandini e ci troviamo nel bel mezzo della dinastia dei Molise: una famiglia che ruota intorno alla potente figura di Nick (“Nel corso degli anni, agli angoli delle strade, nei saloon, nelle sale biliardo, Nick Molise si era cacciato in tante di quelle baruffe che il buon nome della famiglia era ormai gravemente compromesso in città”), il padre, che naturalmente preferisco definire con le parole dell’autore: “Capriccioso, rumoroso, profittatore della pazienza altrui, quasi sempre sbronzo, a San Elmo poteva starsene a briglia sciolta”.
E se non bastasse: “Faceva pietà: distrutto, imbarazzante, rivoltante, spudorato, stupido, rozzo, disgustoso e sbronzo, il peggior padre che un uomo potesse avere…
Fatte salve improvvise e autentiche impennate d’affetto filiale: “Il mio vecchio! Che tesoro che era, com’era eccitante!

Il romanzo si apre con una sceneggiata vivacissima, un litigio coniugale con relativa denuncia, minaccia di divorzio (“È cattolica osservante. Non ci sarà nessun divorzio”) e relativi strascichi. A questo scenografico sipario viene demandato il compito di presentarci l’eterogeneo nucleo familiare. Accanto al capoclan, si staglia l’altrettanto centrale figura materna: centrale non soltanto per le abilità culinarie (“Mia madre sarebbe stata capace di far da mangiare anche con un po’ d’acqua calda e un osso”), ma anche perché costituisce un modello alternativo in una dialettica perenne (“Spero che se ne vada per primo. Nessuno all’infuori di me è in grado di sopportarlo”). E dinnanzi al bipolarismo genitoriale, i figli appaiono più fragili, quasi un ingombro (“I figli erano i chiodi che lo tenevano crocefisso a mia madre. Senza di loro, sarebbe stato libero come un uccello”), eppure altrettanto ben caratterizzati, spesso con le tonalità sottilmente umoristiche del Fante: così Mario (“Mio fratello Mario, un quarantenne tranquillo, un uomo un po’ sopra le righe…”), perennemente incollato alle telecronache del baseball, dopo che Nick gli ha spezzato il sogno di divenire campione; così Virgil, bancario dalla carriera bloccata (“Dirigente dell’ufficio prestiti della First National Bank, mio fratello Virgil era convinto che le stravaganze di papà gli avessero rovinato la carriera”); così la recessiva figlia (“Quanto a mia sorella Stella, mai aveva cessato di disapprovare il vecchio”)…

Tra i figli, si distingue Henry: un po’ perché a lui viene affidata la narrazione, un po’ perché in lui scrittore (“Ti pare che oggi saresti uno scrittore se non era per quelle due persone meravigliose?”) ritroviamo sia Arturo Bandini, sia lo stesso John Fante (“Dostoevskij era epilettico. Io avevo l’asma. Per poter scrivere bene, un uomo deve avere un’indisposizione fatale. Era l’unico modo per avere a che fare con la presenza della morte”), un po’ perché attraverso il suo sentire vengono rappresentate le individualità, le contrapposizioni a volte complici (“Dai papà, ho cinquant’anni. Ne ho viste di cotte e di crude”), le aspirazioni, i ricordi e i sentimenti (“Mi sentivo un serpe uscito dalla propria pelle per cercarsene un’altra più vecchia. Mi sentivo un vecchio di sedici anni”) di un microcosmo variopinto, tanto nelle sfumature più vispe (“La signorina Quinlan spalmò uno strato sottile di miele di gelsomino sulla mia spada, dalla radice alla punta”) quanto in quelle più nostalgiche che si scatenano nel letto di mamma, inalando il suo profumo (“Allora piansi… le sole venute in mie soccorso erano quelle piccole bestioline che avevano provocato dapprincipio tutto quel caos: i granchi”)…

Intorno alla famiglia vi è poi il drappello degli italo-americani, la confraternita dell’uva, una sorta di armata Brancaleone abile soltanto nell’alzare il gomito e nel fiancheggiare in modo guascone le intemperanze di Nick Molise… Ma la descrizione richiederebbe un altro, intero commento, che rimandiamo alla prossima puntata…

Godibile, divertente, a tratti spettacolare, “La confraternita dell’uva” ha l’impareggiabile sapore di un ottimo bicchiere di vino d’annata italiano. Come ci ricorda una nota ricorrente collocata a piè di pagina (“in italiano nel testo”), che contrassegna parole scritte in corsivo, in sé parlanti e che pertanto mi astengo dal commentare: la cucina – mannaggia! – minestrone – trippa alla milanese – puttana!

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Fante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fante John


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Allora, io ho avuto un grave incidente mi è bruciata la macchina io c'ero dentro. Mi dispiace molto per la mia macchina. Bruciata distrutta rottamata." - "Puoi abbassare il braccio, che non ci arrivo, infilarti l'ago? mi ha chiesto un'infermiera qua l'altro giorno.Non è colpa mia se sei bassa, le ho risposto. lo che di solito son sempre così gentile. lo qui bisogna mettere a posto le cose ho pensato. Ricominciamo a scrivere, intanto."

GRANDI USTIONATI

Nori Paolo

Basato in parte su una storia autobiografica, questo libro mette in scena, in modo estremo, il muro che separa il mondo aspro della ribellione adolescenziale dalle regole della vita sociale degli adulti: è la cronaca dell'esistenza di una diciassettenne "ragazza perduta". Chloe viene strappata alla strada - dove si prostituisce, dopo essere scappata di casa a causa degli abusi sessuali del patrigno e della morte della sorella, che questi ha ucciso - e rinchiusa insieme a un manipolo di "ragazze sbandate" in un istituto per personalità autodistruttive. Qui, invece di redimersi, ingaggia ad armi pari una furiosa battaglia psicologica contro il suo terapeuta.

STORIA DI CHLOE

Phillips Suzanne

Premio Rapallo Carige Opera Prima per la donna scrittrice 2015. Alento è un borgo abbandonato che sembra rincorrere l'oblio, e che non vede l'ora di scomparire. Il paesaggio d'intorno frana ma, soprattutto, franano le anime dei fantasmi che Estella, la protagonista di questo intenso e struggente romanzo, cerca di tenere in vita con disperato accudimento. Voci, dialoghi, storie di un mondo chiuso dove la ricchezza e la miseria sono impastate con la stessa terra nera. Capricci, ferocie, crudeltà, memorie e colpe di un paese condannato a ritornare alla terra. Come tra le quinte di un teatro ecco aggirarsi un anarchico, un venditore di vasi da notte, una donna che non vuole sposarsi, un banditore cieco, una figlia che immagina favole, un padre abile nel distruggerle. Con Carmen Pellegrino l'abbandonologia diviene scienza poetica. E questo modo particolare di guardare le rovine, di cui molto si è parlato sui giornali e su internet, ha finalmente il suo romanzo.

Cade la terra

Pellegrino Carmen

Il volume contiene il ciclo completo inaugurato dalla "Guida galattica per gli autostoppisti", che comprende "Il ristorante al termine dell'universo", "La vita, l'universo e tutto quanto", "Addio e grazie per tutto il pesce" più un racconto inedito. Una gigantesca autostrada cosmica sta per essere costruita dalle parti del sistema solare. E una banale diramazione deve essere aperta proprio dove ora c'è la terra. Di conseguenza quel vecchio e inutile pianeta va rimosso. Lo viene a sapere Ford Perfect, redattore extraterrestre in incognito che deve aggiornare la monumentale "Guida galattica per gli autostoppisti", il manuale che insegna ai turisti come destreggiarsi in un cosmo selvaggio, di multinazionali e viaggi organizzati.

Guida galattica per autostoppisti

Adams Douglas