Narrativa

La confraternita del Chianti

Fante John

Descrizione: Tirannico e orgoglioso primo scalpellino d' America, il vecchio Nick Molise è di nuovo in crisi con la moglie. Nessuno dei figli ha voglia di intervenire; d'altronde Nick, che sarebbe stato un uomo più felice se non avesse avuto famiglia... i suoi quattro figli erano i chiodi che lo tenevano crocifisso a mia madre, non ha intenzione di chiedere nulla a nessuno, tanto più che se la spassa a meraviglia con i vecchi amici e, nonostante l'età, coltiva un mucchio di progetti. Può divertirsi, sbevazzare e gloriarsi quanto gli pare del suo grande passato (la città di San Elmo era il suo Louvre, il suo museo a cielo aperto offerto agli occhi del mondo). Il sogno, neppure troppo segreto, sarebbe una tribù di figli-muratori seguaci della sua arte, mentre gli tocca fare i conti con un frenatore di treni, un funzionarietto di banca e uno scrittore. In barba alla propria innata pigrizia, Henry - alias John Fante - lascia moglie e figli, si imbarca su un aereo e si tuffa alla volta dei genitori; giunto a San Elmo, il padre lo prende in contropiede, invitandolo a un'impresa assurda quanto inutile: costruire un essiccatoio per pelli di cervo, in una località impervia a duemila metri di altezza. Henry in un primo tempo esita, poi acconsente, attratto dalla banda di squinternati confratelli del babbo...

Categoria: Narrativa

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Gli alianti

Anno: 1995

Traduttore: Francesco Durante

ISBN: 9788871681221

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Grazie a La confraternita del Chianti” John Fante confeziona un’opera nella quale il genio letterario dà pieno sfogo a un temperamento creativo che alle radici italiane affida l’affilato equilibrismo tra razionalità e follia.

Questa volta siamo fuori dal perimetro della famiglia Bandini e ci troviamo nel bel mezzo della dinastia dei Molise: una famiglia che ruota intorno alla potente figura di Nick (“Nel corso degli anni, agli angoli delle strade, nei saloon, nelle sale biliardo, Nick Molise si era cacciato in tante di quelle baruffe che il buon nome della famiglia era ormai gravemente compromesso in città”), il padre, che naturalmente preferisco definire con le parole dell’autore: “Capriccioso, rumoroso, profittatore della pazienza altrui, quasi sempre sbronzo, a San Elmo poteva starsene a briglia sciolta”.
E se non bastasse: “Faceva pietà: distrutto, imbarazzante, rivoltante, spudorato, stupido, rozzo, disgustoso e sbronzo, il peggior padre che un uomo potesse avere…
Fatte salve improvvise e autentiche impennate d’affetto filiale: “Il mio vecchio! Che tesoro che era, com’era eccitante!

Il romanzo si apre con una sceneggiata vivacissima, un litigio coniugale con relativa denuncia, minaccia di divorzio (“È cattolica osservante. Non ci sarà nessun divorzio”) e relativi strascichi. A questo scenografico sipario viene demandato il compito di presentarci l’eterogeneo nucleo familiare. Accanto al capoclan, si staglia l’altrettanto centrale figura materna: centrale non soltanto per le abilità culinarie (“Mia madre sarebbe stata capace di far da mangiare anche con un po’ d’acqua calda e un osso”), ma anche perché costituisce un modello alternativo in una dialettica perenne (“Spero che se ne vada per primo. Nessuno all’infuori di me è in grado di sopportarlo”). E dinnanzi al bipolarismo genitoriale, i figli appaiono più fragili, quasi un ingombro (“I figli erano i chiodi che lo tenevano crocefisso a mia madre. Senza di loro, sarebbe stato libero come un uccello”), eppure altrettanto ben caratterizzati, spesso con le tonalità sottilmente umoristiche del Fante: così Mario (“Mio fratello Mario, un quarantenne tranquillo, un uomo un po’ sopra le righe…”), perennemente incollato alle telecronache del baseball, dopo che Nick gli ha spezzato il sogno di divenire campione; così Virgil, bancario dalla carriera bloccata (“Dirigente dell’ufficio prestiti della First National Bank, mio fratello Virgil era convinto che le stravaganze di papà gli avessero rovinato la carriera”); così la recessiva figlia (“Quanto a mia sorella Stella, mai aveva cessato di disapprovare il vecchio”)…

Tra i figli, si distingue Henry: un po’ perché a lui viene affidata la narrazione, un po’ perché in lui scrittore (“Ti pare che oggi saresti uno scrittore se non era per quelle due persone meravigliose?”) ritroviamo sia Arturo Bandini, sia lo stesso John Fante (“Dostoevskij era epilettico. Io avevo l’asma. Per poter scrivere bene, un uomo deve avere un’indisposizione fatale. Era l’unico modo per avere a che fare con la presenza della morte”), un po’ perché attraverso il suo sentire vengono rappresentate le individualità, le contrapposizioni a volte complici (“Dai papà, ho cinquant’anni. Ne ho viste di cotte e di crude”), le aspirazioni, i ricordi e i sentimenti (“Mi sentivo un serpe uscito dalla propria pelle per cercarsene un’altra più vecchia. Mi sentivo un vecchio di sedici anni”) di un microcosmo variopinto, tanto nelle sfumature più vispe (“La signorina Quinlan spalmò uno strato sottile di miele di gelsomino sulla mia spada, dalla radice alla punta”) quanto in quelle più nostalgiche che si scatenano nel letto di mamma, inalando il suo profumo (“Allora piansi… le sole venute in mie soccorso erano quelle piccole bestioline che avevano provocato dapprincipio tutto quel caos: i granchi”)…

Intorno alla famiglia vi è poi il drappello degli italo-americani, la confraternita dell’uva, una sorta di armata Brancaleone abile soltanto nell’alzare il gomito e nel fiancheggiare in modo guascone le intemperanze di Nick Molise… Ma la descrizione richiederebbe un altro, intero commento, che rimandiamo alla prossima puntata…

Godibile, divertente, a tratti spettacolare, “La confraternita dell’uva” ha l’impareggiabile sapore di un ottimo bicchiere di vino d’annata italiano. Come ci ricorda una nota ricorrente collocata a piè di pagina (“in italiano nel testo”), che contrassegna parole scritte in corsivo, in sé parlanti e che pertanto mi astengo dal commentare: la cucina – mannaggia! – minestrone – trippa alla milanese – puttana!

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

John

Fante

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fante John

Tra la laguna di Venezia e Bolzano si susseguono strani accadimenti: un uomo muore in un incidente in mare, un altro precipita da una scarpata, una donna viene aggredita e minacciata di morte. C'è un filo a collegare i fatti o questi sono solo frutto di coincidenze? No, le coincidenze non esistono. Almeno così la pensa Rollo Weber, scanzonato commissario che da quando è stato trasferito alla questura di Bolzano ancora non ha avviato un'indagine seria. Forse ora avrà l'opportunità di dimostrare tutta la sua capacità investigativa. L'incontro con la psicologa Helena Ziegler, ex poliziotta dal passato pieno di ombre, gli farà scoprire dettagli importanti per far luce su oscuri scenari. Le intricate vicende arriveranno a increspare le acque della laguna e scolorire la variopinta isola di Burano, dove una verità terribile affiorerà a sconvolgerne l'afosa quiete. Tra misteriosi intrighi, sensi di colpa e giochi di potere, Massimo Rossi ci immerge in una storia in cui thriller, noir e spy story si fondono.

La luce nera della paura

Rossi Massimo

Alcune storie riescono a intrecciarsi alla nascita disegnando un percorso unico che le rende complementari. È il caso di Sofia e Luca che si incontrano e non si abbandonano più. Lei vive in un mondo di violenza e sopraffazione accanto a un orco dalle mani grandi che le fa da padre. La donna che le ha dato la vita non è abbastanza forte per proteggerla, e Sofia deve riuscirci da sola. Deve cambiare la sua storia come fa con i colori dei suoi quadri, passando dalle foglie ingiallite ai boccioli appena nati. Luca custodisce il segreto di un amore dai tratti drammatici che si scontra con la realtà brutale della malattia della madre. Ma da una frase che lei gli ripeteva da bambino, troverà il coraggio di cambiare gli eventi seguendo le indicazioni di un vecchio diario di sogni e memorie. Sbattuti in una vita che non riserva loro nessun sorriso, trovano il modo di evadere dalla realtà in cui abitano. Il mondo contorto di violenza e dolore che conoscono li insegue fino alla fine, senza dare loro il tempo di prendere il respiro per un ultimo pensiero. Per un’ultima fantasia. Per un ricordo, forse. Una storia di attese e illusioni. Una storia che cresce poco alla volta, insieme ai suoi personaggi, e non si ferma di fronte a un sogno inespresso. Ma va oltre.

L’altro lato dei sogni

Spampinato Lorena

Dopo la scomparsa del grande giornalista, il ricordo di una autobiografia intitolata Mister Moonlight pubblicata da Minimum Fax

Mister Moonlight

Stagno Tito

La città del piacere, un luogo fuori dal tempo e dallo spazio, plasmato in fretta e furia da un abile architetto e consacrato alla Dea del Piacere. Una felicità mista a malinconia aleggia per le strade di questa moderna metropoli immaginaria, insinuandosi nei cuori dei suoi abitanti, dediti alla pratica del piacere e sudditi di un licenzioso re. Una narrazione che a tratti ha quasi il sapore di una fiaba, abilmente intrecciata con rimandi a miti e leggende. El Kamhawi in questo testo affronta questioni scottanti, lasciando divenire questa città un luogo in cui si condensano i difetti e gli errori dell'uomo moderno.

La città del piacere

El Kamhawi Ezzat