Letteratura latina

La congiura di Catilina

Sallustio

Descrizione:

Categoria: Letteratura latina

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Sallustio è vissuto a Roma nel I sec. a. C., uno dei periodi più concitati della storia della città. Ammirò Cesare e ne vide il cadavere martoriato. Egli stesso si buttò in politica e ne uscì con accuse di condotta immorale ed estorsione. Insomma, non era uno stinco di santo e come molti oggi riuscì a scampare le condanne.

Si ritirò a vita privata dedicandosi alla narrazione storica di eventi che conosceva bene. Ma la sua è in realtà storia psicologica, dove contano le personalità e le loro parole più che i fatti.

“La congiura di Catilina” parla dell’ambizione e dell’avidità che, nate dal benessere, fecero leva sulle sacche disperate della borghesia e su gente senza scrupoli per minare i valori che avevano reso Roma una grande potenza. Su questi disperati senza futuro, provinciali immiseriti, poveri in canna e matrone in rovina campeggia l’ambizioso per eccellenza: Catilina.

Oltre all’antieroe, nemico grande e perverso, emergono due veri eroi: Catone, austero protettore dei costumi e Cesare il generoso e lungimirante. L’anima della Roma virtuosa e repubblicana, cresciuta in grembo al senato, si sposa con l’intelligenza viva del grande politico che preparò l’impero. Il resto? Lussuria, avidità e mancanza di valori. Era per lo storico un mondo progressivamente alla deriva.

 

Fu la cupidigia a spazzar via la buona fede, la rettitudine e tutte le norme del viver onesto, indusse gli uomini all’arroganza, alla crudeltà, alla negligenza degli dèi, alla convinzione che non c’è cosa che non sia in vendita.”

In quegli anni, venti secoli fa,  s’era “perduto il significato delle parole: dilapidare il denaro altrui si chiama generosità, la temerarietà è chiamata coraggio. Ecco perché la repubblica è agli estremi.”

Le considerazioni di Sallustio assomigliano ai commenti da telegiornale dei lettori moderni, ai pensieri dei nostri giorni. Anche lo stile, fatto di disarmonie e rapidi cambiamenti, calza a pennello con la nostra sensibilità. Le sue parole furono scritte in uno spigoloso latino. Sono belle da leggere e dimostrano che dalla storia c’è da imparare, per fare almeno errori diversi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sallustio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sallustio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Doppio sogno

Schnitzler Arthur

La storia è quella di Morris Bober, umile commerciante ebreo che nel cuore di Manhattan conduce una vita misera e consumata dagli anni, e di Frank Alpine, un ladruncolo di origini italiane, deciso a riscattarsi e diventare un uomo onesto e degno di stima, aiutando Morris al negozio. Tuttavia il giovane Frank non resisterebbe dietro al bancone, sempre più assediato dalla concorrenza, se non si innamorasse di Helen, la fi glia di Morris. La vicenda è straordinariamente intrecciata intorno alle emozioni, ai segreti, al destino di queste tre esistenze. La narrazione, dal ritmo quasi ipnotico, e la singolare capacità di Malamud di raccontare i gesti, gli sguardi e le abitudini dei protagonisti rendono possibile sin dalle prime battute una completa comprensione della particolarità dell’ambiente e della psicologia dei personaggi. Lo stile limpido, semplice, a tratti ironico, è un capolavoro di perfezione, e regala quella atmosfera inconfondibile, a metà tra il tragico e il comico, che rende affascinante la narrativa di Malamud.

Il commesso

Malamud Bernard

La ciociara

Moravia Alberto

Grida il mio nome