Letteratura latina

La congiura di Catilina

Sallustio

Descrizione:

Categoria: Letteratura latina

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Sallustio è vissuto a Roma nel I sec. a. C., uno dei periodi più concitati della storia della città. Ammirò Cesare e ne vide il cadavere martoriato. Egli stesso si buttò in politica e ne uscì con accuse di condotta immorale ed estorsione. Insomma, non era uno stinco di santo e come molti oggi riuscì a scampare le condanne.

Si ritirò a vita privata dedicandosi alla narrazione storica di eventi che conosceva bene. Ma la sua è in realtà storia psicologica, dove contano le personalità e le loro parole più che i fatti.

“La congiura di Catilina” parla dell’ambizione e dell’avidità che, nate dal benessere, fecero leva sulle sacche disperate della borghesia e su gente senza scrupoli per minare i valori che avevano reso Roma una grande potenza. Su questi disperati senza futuro, provinciali immiseriti, poveri in canna e matrone in rovina campeggia l’ambizioso per eccellenza: Catilina.

Oltre all’antieroe, nemico grande e perverso, emergono due veri eroi: Catone, austero protettore dei costumi e Cesare il generoso e lungimirante. L’anima della Roma virtuosa e repubblicana, cresciuta in grembo al senato, si sposa con l’intelligenza viva del grande politico che preparò l’impero. Il resto? Lussuria, avidità e mancanza di valori. Era per lo storico un mondo progressivamente alla deriva.

 

Fu la cupidigia a spazzar via la buona fede, la rettitudine e tutte le norme del viver onesto, indusse gli uomini all’arroganza, alla crudeltà, alla negligenza degli dèi, alla convinzione che non c’è cosa che non sia in vendita.”

In quegli anni, venti secoli fa,  s’era “perduto il significato delle parole: dilapidare il denaro altrui si chiama generosità, la temerarietà è chiamata coraggio. Ecco perché la repubblica è agli estremi.”

Le considerazioni di Sallustio assomigliano ai commenti da telegiornale dei lettori moderni, ai pensieri dei nostri giorni. Anche lo stile, fatto di disarmonie e rapidi cambiamenti, calza a pennello con la nostra sensibilità. Le sue parole furono scritte in uno spigoloso latino. Sono belle da leggere e dimostrano che dalla storia c’è da imparare, per fare almeno errori diversi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sallustio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sallustio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Josef K. condannato a morte per una colpa inesistente è vittima del suo tempo. Sostiene interrogatori, cerca avvocati e testimoni soltanto per riuscire a giustificare il suo delitto di "esistere". Ma come sempre avviene nella prosa di Kafka, la concretezza incisiva delle situazioni produce, su personaggi assolutamente astratti, il dispiegarsi di una tragedia di portata cosmica. E allora tribunale è il mondo stesso, tutto quello che esiste al di fuori di Josef K. è processo: non resta che attendere l'esecuzione di una condanna da altri pronunciata.

Il processo

Kafka Franz

Heroides: Lettere d’amore

Ovidio

In Una lama di luce avevamo lasciato Montalbano e Livia sconvolti per la fine di François, il protagonista del Ladro di merendine, il bambino che Livia avrebbe voluto adottare. Livia non si è mossa da Boccadasse e nelle lunghe telefonate con Salvo mostra tutta la sua prostrazione, ma in un’alba livida la telefonata di Fazio interrompe il sogno angoscioso di Montalbano per trascinarlo in una nuova indagine. Sono giorni di pioggia a Vigàta, quegli acquazzoni violenti e persistenti che non danno requie, fiumane d’acqua scatenata che travolgono case e terreni lasciando dietro di sé un mare di fango. È in una di queste giornate che un uomo, Giugiù Nicotra, viene trovato morto in un cantiere, mezzo nudo, colpito da un proiettile alle spalle. Aveva cercato scampo in una specie di galleria formata da grossi tubi per la costruzione di condotte d’acqua. L’indagine parte lenta e scivolosa, ma ben presto ogni indizio, ogni personaggio, conduce al mondo dei cantieri e degli appalti pubblici. Un mondo non meno viscido e fangoso della melma di cui ogni cantiere è ricoperto. Districandosi tra tutto quel fango nel quale «sguazzariano» costruttori, ditte, funzionari pubblici, una cosa Montalbano non riesce a togliersi dalla testa: che Nicotra, il morto, andando a morire dentro alla galleria, avesse voluto comunicare qualche cosa. «Lei poco fa ha detto una parola, piramide. E a me è tornato in mente… Sa che dentro alla piramide di Cheope nessuno per lungo tempo ci è potuto entrare perché non si riusciva a scoprire l’accesso? Poi qualcuno ha rotto gli indugi e ha praticato un foro nella parete, foro non autorizzato dai custodi della piramide. Ma così anche i custodi, che fino a quel momento erano stati costretti a starsene fuori, poterono penetrare all’interno».

La piramide di fango

Camilleri Andrea

Quando giunge dal suo torbido passato nella sua nuova casa in un tranquillo quartiere inglese, Annie pensa che a ventisette anni la sua vita è finalmente iniziata. Si fissa su Neil, un giovane vicino di casa, scambiando la sua gentilezza per interesse sentimentale, Annie immagina un futuro di coppia assieme a Neil nonostante lui conviva felicemente con Lucy. Portando avanti il proprio programma di miglioramento personale, Annie organizza una catastrofica festa per conoscere i vicini di casa, si regala una nuova acconciatura e inizia a tormentare Lucy frugandole nella spazzatura, calpestandole i fiori e indossando vestiti identici a quelli della rivale. Ma poco alla volta emergono dettagli inquietanti del suo passato: dove sono finiti il. suo ex-marito e la loro figlioletta? Chi sono gli uomini che Annie, cicciottella, ha incontrato attraverso la rivista erotica Abundance? È una vittima della solitudine e di un'infanzia infelice oppure una pericolosa sociopatica bugiarda e con gravi disturbi mentali? Un romanzo straordinario che ci tiene in bilico tra umorismo nero, raffinata indagine su una mente disturbata e un misto di horror tra Stephen King, Patricia Highsmith e Ruth Rendell. Certamente è letteratura di gran classe.

UN CERTO TIPO DI INTIMITA’

Ashworth Jenn