Letteratura latina

La congiura di Catilina

Sallustio

Descrizione:

Categoria: Letteratura latina

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Sallustio è vissuto a Roma nel I sec. a. C., uno dei periodi più concitati della storia della città. Ammirò Cesare e ne vide il cadavere martoriato. Egli stesso si buttò in politica e ne uscì con accuse di condotta immorale ed estorsione. Insomma, non era uno stinco di santo e come molti oggi riuscì a scampare le condanne.

Si ritirò a vita privata dedicandosi alla narrazione storica di eventi che conosceva bene. Ma la sua è in realtà storia psicologica, dove contano le personalità e le loro parole più che i fatti.

“La congiura di Catilina” parla dell’ambizione e dell’avidità che, nate dal benessere, fecero leva sulle sacche disperate della borghesia e su gente senza scrupoli per minare i valori che avevano reso Roma una grande potenza. Su questi disperati senza futuro, provinciali immiseriti, poveri in canna e matrone in rovina campeggia l’ambizioso per eccellenza: Catilina.

Oltre all’antieroe, nemico grande e perverso, emergono due veri eroi: Catone, austero protettore dei costumi e Cesare il generoso e lungimirante. L’anima della Roma virtuosa e repubblicana, cresciuta in grembo al senato, si sposa con l’intelligenza viva del grande politico che preparò l’impero. Il resto? Lussuria, avidità e mancanza di valori. Era per lo storico un mondo progressivamente alla deriva.

 

Fu la cupidigia a spazzar via la buona fede, la rettitudine e tutte le norme del viver onesto, indusse gli uomini all’arroganza, alla crudeltà, alla negligenza degli dèi, alla convinzione che non c’è cosa che non sia in vendita.”

In quegli anni, venti secoli fa,  s’era “perduto il significato delle parole: dilapidare il denaro altrui si chiama generosità, la temerarietà è chiamata coraggio. Ecco perché la repubblica è agli estremi.”

Le considerazioni di Sallustio assomigliano ai commenti da telegiornale dei lettori moderni, ai pensieri dei nostri giorni. Anche lo stile, fatto di disarmonie e rapidi cambiamenti, calza a pennello con la nostra sensibilità. Le sue parole furono scritte in uno spigoloso latino. Sono belle da leggere e dimostrano che dalla storia c’è da imparare, per fare almeno errori diversi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sallustio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sallustio

Due donne vengono trovate morte a Oslo – entrambe annegate nel loro stesso sangue. Quello che confonde la polizia è che le ferite sui volti delle vittime siano state provocate dall’interno delle loro bocche. Kaja Solness della Omicidi è mandata a rintracciare un uomo: l’unico specialista di omicidi seriali del dipartimento di polizia di Oslo. Il detective, alcolista, rude e pronto a fare sempre di testa sua, si è rintanato nella vasta, anonima Hong Kong. È come al solito in fuga ed è perseguitato dal suo caso precedente, e dai creditori. Ma quando scopre che la sua amata ragazza (con cui ha appena litigato) potrebbe cadere nella trappola del serial killer, torna a Oslo. Il suo nome è Harry Hole.

IL LEOPARDO

Nesbø Jo

A volte il cambiamento avviene in maniera naturale e progressiva e noi ci rendiamo conto solo del risultato finale. Altre volte invece il cambiamento è repentino e brutalmente evidente. Paolo e Alexis, due amici inseparabili, vivono in contemporanea un cambiamento radicale per entrambi. La metamorfosi di Paolo viene da dentro, la crescita avviene suo malgrado. I nuovi desideri aprono la strada a un amore più completo che mai, a una felicità fatta non più di sbronze e piaceri egoistici, ma di attenzione vera per l'altro e condivisione di progetti costruttivi. Alexis è sconvolta dall'amore per una donna che la mette di fronte ai preconcetti propri e altrui. La trama leggera permette all'autore del romanzo di infilare nel racconto semplici ma incisivi brani informativi, ricchi di dati chiari e interessanti, che aiutano sia i protagonisti sia i lettori ad allargare i loro orizzonti culturali ed emotivi. Prefazione di Aurelio Mancuso.

DUE NON E’ IL DOPPIO DI UNO

Groppo Elettra

Enrico IV

Un bambino di undici anni e sua madre di venticinque vivono nella campagna francese in roulotte. Joss è una madre troppo giovane e non ha tempo per occuparsi del piccolo Tom: la sera esce, va a ballare e si innamora sempre di ragazzi sbagliati. Tom, figlio, amico, compagno di vita, è invece un ragazzino che ha imparato per necessità a essere autonomo, a trascorrere le serate in solitudine, a correggere il francese della madre che studia per prendere la maturità. “Tom piccolo Tom” racconta un universo di fatiche, indigenza e mancanza di sicurezze, ma allo stesso tempo di piccole fortune (e virtù), di quelle gioie che possono restituire il gusto di un'esistenza leggera.

TOM, PICCOLO TOM

Constantine Barbara