Letteratura latina

La congiura di Catilina

Sallustio

Descrizione:

Categoria: Letteratura latina

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno:

ISBN:

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Sallustio è vissuto a Roma nel I sec. a. C., uno dei periodi più concitati della storia della città. Ammirò Cesare e ne vide il cadavere martoriato. Egli stesso si buttò in politica e ne uscì con accuse di condotta immorale ed estorsione. Insomma, non era uno stinco di santo e come molti oggi riuscì a scampare le condanne.

Si ritirò a vita privata dedicandosi alla narrazione storica di eventi che conosceva bene. Ma la sua è in realtà storia psicologica, dove contano le personalità e le loro parole più che i fatti.

“La congiura di Catilina” parla dell’ambizione e dell’avidità che, nate dal benessere, fecero leva sulle sacche disperate della borghesia e su gente senza scrupoli per minare i valori che avevano reso Roma una grande potenza. Su questi disperati senza futuro, provinciali immiseriti, poveri in canna e matrone in rovina campeggia l’ambizioso per eccellenza: Catilina.

Oltre all’antieroe, nemico grande e perverso, emergono due veri eroi: Catone, austero protettore dei costumi e Cesare il generoso e lungimirante. L’anima della Roma virtuosa e repubblicana, cresciuta in grembo al senato, si sposa con l’intelligenza viva del grande politico che preparò l’impero. Il resto? Lussuria, avidità e mancanza di valori. Era per lo storico un mondo progressivamente alla deriva.

 

Fu la cupidigia a spazzar via la buona fede, la rettitudine e tutte le norme del viver onesto, indusse gli uomini all’arroganza, alla crudeltà, alla negligenza degli dèi, alla convinzione che non c’è cosa che non sia in vendita.”

In quegli anni, venti secoli fa,  s’era “perduto il significato delle parole: dilapidare il denaro altrui si chiama generosità, la temerarietà è chiamata coraggio. Ecco perché la repubblica è agli estremi.”

Le considerazioni di Sallustio assomigliano ai commenti da telegiornale dei lettori moderni, ai pensieri dei nostri giorni. Anche lo stile, fatto di disarmonie e rapidi cambiamenti, calza a pennello con la nostra sensibilità. Le sue parole furono scritte in uno spigoloso latino. Sono belle da leggere e dimostrano che dalla storia c’è da imparare, per fare almeno errori diversi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sallustio

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sallustio

Scritto neI 1917 e pubblicato nel 1919, "Demian" è la storia di un ragazzo combattuto fra due mondi, quello bello e pulito del bene e quello terribile, enigmatico eppur allettante del male. Protagonista è il giovane EmiI Sinclair, caduto sotto l'influsso di un cattivo compagno di scuola, Franz Kromer, che lo spinge a ingannare i genitori, rubare e discendere la china del peccato. Sarà un altro compagno, Max Demian, che sembra vivere fuori del tempo o uscire da un passato senza età, ad attrarre Sinclair e a liberarlo dal nefasto influsso di Kromer, guidandolo verso una concezione della vita straordinariamente complessa e misteriosa.

DEMIAN

Hesse Hermann

Moby Dick non è soltanto il mirabile romanzo che tutti sanno: è un libro totale, dove la Balena («the Whale») sta appunto per il tutto («the Whole»). Così è una cronaca di avventure marine e un trattato esoterico, un epos dell’orrore e della meraviglia, un libro arioso e un’enciclopedia. In Italia, quest’opera inesauribile ha avuto la sorte di essere tradotta per la prima volta da uno dei nostri più importanti scrittori: Cesare Pavese. E si tratta di una traduzione che ebbe una notevole influenza su Pavese stesso e tutta la cultura italiana dei suoi anni.

Moby Dick

Melville Herman

Un inno alla vita, tra fiction e realtà. Il romanzo più disperato e divertito di Franz Krauspenhaar, pericolosamente in bilico tra il coronarico e l’esoterico. Franco Scelsit, cinquantenne, vizioso e appassionato di bolidi anni ’60 – che compra e distrugge in furiose scorribande notturne – è convinto di essere uno scrittore dal talento incompreso. Il riconoscimento economico arriva quando, sotto pseudonimo, crea il personaggio di Stan Dolero e comincia a pubblicare thriller di bassa lega che affollano gli autogrill dell’intera Penisola. Potrebbe finalmente scappare da Milano, da una madre apprensiva e dal fratello saggio e alienato con cui vive, ma un infarto arriva a stravolgere ogni piano. Da un ospedale di periferia, Franco si trova a dover ripensare la propria vita. A fargli da spalla, un agguerrito gruppo di infartuati di diversa età ed estrazione sociale con cui instaura un rapporto di cameratismo ed accettazione della transitorietà umana. “Se la noia di vivere avesse un prezzo sarebbe quello di una mutanda di Bulgari. Bulgari non tratta mutande? Beh, per ora.”

Grandi momenti

Frank Krauspenhaar

C'è Remo, poeta bevitore, antifascista e protagonista di una surreale Resistenza alcolica, che ogni giorno si reca davanti alla statua di Garibaldi spronandolo a scendere dal piedistallo per porre rimedio a torti e soprusi. C'è Ciccillo, basso, grosso, peloso come un orso, un passato da stellina del beat nel gruppo I Planetari, che dilapida tutto per farsi star dell'ospizio comunale. C'è la Bombolina, esile donzelletta dalla mano pesante. C'è Bighe Boghe, fulminato sulla via dell'America come il Nando Moriconi di Alberto Sordi, innamorato di ogni moda e tendenza esterofila, che si ritiene il più grande ballerino al mondo di "boogie woogie" (che però, come ogni altra parola straniera, non sa assolutamente pronunciare).

Toscani innamorati

Senesi Vauro