Narrativa

LA CUCINA DEGLI INGREDIENTI MAGICI

McHenry Jael

Descrizione: Solo in cucina Ginny riesce a esprimere se stessa e a ritrovare i sapori di una vita che dopo la morte dei genitori le sembra diventata incomprensibile. E mentre dai fornelli si leva il profumo corposo e piccante della zuppa della nonna, davanti le appare il fantasma della nonna stessa che le sussurra una frase sibillina: Non lasciarglielo fare. Chissà che cosa voleva dire, chissà se ha a che fare con il fatto che la prepotente sorella maggiore di Ginny vuole vendere la casa. Una casa che ha ancora tanti segreti da svelare...

Categoria: Narrativa

Editore: Corbaccio

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788863800708

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

“Ha la voce melmosa, ecco cos’è. Scura e torbida. Con una nota come di caffè lasciato troppo a lungo sulla fiamma. E cioccolato amaro, non zuccherato. Ma c’è anche terra dentro, profonda, nera, come l’orto in ottobre.”

Il cibo come mezzo di conoscenza del mondo.
Il cibo come luogo di incontri, tra passato e futuro, attraverso la contaminazione di ingredienti che prendono forma e consistenza tra le abili mani di Ginny, giovane donna costretta dagli eventi traumatici della vita a prendere velocemente coscienza di se stessa e della propria unicità.I genitori di Ginny e Amanda muoiono all’improvviso in un incidente automobilistico e Ginny si trova sola nell’enorme casa di famiglia, alle prese con un dolore incapace di gestire e con una sorella decisa a vendere la casa e a prendersi cura di lei.
Durante il funerale Ginny, confusa e spaventata, trova conforto in cucina, luogo di fuga e di riconciliazione, e decide di allontanarsi dalla gente e dalle loro chiacchiere attraverso la preparazione di una zuppa toscana la cui ricetta apparteneva alla nonna.

“Il cuore mi batte ancora troppo forte. Mi tuffo nella ricetta e lascio che s’impossessi di me. Mi faccio soggiogare dalle istruzioni, passo dopo passo, finché il brusio comincia a svanire.”Con movimenti lenti e misurati Ginny dà vita agli ingredienti e ben presto l’aroma piccante, vellutato e confortante della ribollita si diffonde nell’aria.
Ed è proprio il profumo della zuppa a riportare in quel luogo il fantasma della nonna defunta che, con la sua voce al sapore di caffè, le lascia un messaggio importante.
“sono qui per dirti di non permetterglielo. Non permetterlo, a lei.”

Da questo momento Ginny si accorge di possedere un dono prezioso: quello di riportare in vita le persone scomparse attraverso le ricette scritte da loro stessi, anche se solo per pochi attimi.
Grazie alla preparazione di diverse pietanze, Ginny riesce a incontrare i genitori e altre persone che hanno fatto parte della sua vita e ognuno di questi fantasmi ha per lei un messaggio di difficile interpretazione, messaggi che tuttavia costringono Ginny ad approfondire le motivazioni che si celano dietro le difficoltà relazionali che fin da piccola le hanno impedito di essere autonoma e indipendente.
Grazie all’incontro con i fantasmi Ginny troverà la forza per combattere contro la decisione di Amanda di vendere la casa di famiglia e riuscirà a scoprire nuove verità su di sé e sul proprio passato.“La cucina degli ingredienti magici” edito da Corbaccio, romanzo d’esordio della giovane scrittrice Jael McHenry, famosa per il suo frequentatissimo blog di cucina, possiede la caratteristica vincente di essere originale e di porsi su più livelli, lasciando che i contorni del romanzo sfumino in un libro di cucina o di incantesimi e magie.
Tra i temi trattati, quello della diversità appare forse il meno convincente.
L’accenno alla sindrome di Asperger come spiegazione della diversità di Ginny si svela lentamente durante la lettura, tuttavia l’argomento, di per sé molto complesso, viene affrontato con un’eccessiva semplicità, lasciando nel lettore una sensazione di incompletezza.
Nonostante ciò, la bellezza di questo romanzo, più che nei temi trattati, si palesa nell’espediente originale di affidare alla protagonista un’interpretazione del mondo dal punto di vista culinario, offrendo al lettore la possibilità di godere non solo della lettura di una storia piacevole, ma anche di ricette sfiziose e profumate di magia.
Alternativa decisamente originale e creativa al successo dilagante dei libri di cucina che occupano oggi i primi posti delle classifiche di vendita.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jael

Mchenry

Libri dallo stesso autore

Intervista a McHenry Jael

La rivoluzione del prosciutto

Storia d’amore con sorpresa

E quando le cose ti chiamano, ti chiamano. Quando sono lì, sono lì per noi. Non importa se ci sono state per un secondo o da sempre. Arigliana, "cinquanta case di pietra e duecento abitanti", è il paesino sulle montagne della Lucania dove Pietro e Nina trascorrono le vacanze con i nonni. Un torrente che non è più un torrente, un’antica torre normanna e un palazzo abbandonato sono i luoghi che accendono la fantasia dei bambini, mentre la vita di ogni giorno scorre apparentemente immutabile tra la piazza, la casa e la bottega dei nonni; intorno, una piccola comunità il cui destino è stato spezzato da zi’ Rocco, proprietario terriero senza scrupoli che ha condannato il paese alla povertà e all’arretratezza. Quell’estate, che per Pietro e Nina è fin dall’inizio diversa dalle altre – sono rimasti senza la mamma –, rischia di spaccare Arigliana, sconvolta dalla scoperta che dentro la torre normanna si nasconde una famiglia di stranieri. Chi sono? Cosa vogliono? Perché non se ne tornano da dove sono venuti? è l’irruzione dell’altro, che scoperchia i meccanismi del rifiuto. Dopo aver catalizzato la rabbia e la paura del paese, però, sono proprio i nuovi arrivati a innescare un cambiamento, che torna a far vibrare la speranza di un Sud in cui si mescolano sogni e tensioni. Un’estate memorabile, che per Pietro si trasforma in un rito di passaggio, doloroso eppure pieno di tenerezza e di allegria: è la sua stessa voce a raccontare come si superano la morte, il tradimento, l’ingiustizia e si diventa grandi conquistando il proprio fragile e ostinato splendore. Attraverso questa voce irriverente, scanzonata eppure saggia, Catozzella scrive un romanzo potente e felice, di ombre e di luce, tragico e divertente, semplice come le cose davvero profonde.

E tu splendi

Catozzella Giuseppe

Due sconosciuti in attesa di sparare durante un safari umano. Un giovane sacerdote, ignaro del suo futuro di papa, in un corpo a corpo con il desiderio. Gli attentati compiuti nei supermercati da un tranquillo padre di famiglia con la passione per gli esplosivi. Le peripezie di un cuore espiantato, in corsa verso la seconda vita. Un uomo deciso a condividere la casa con un branco di lupi. Fatti realmente accaduti che si fondono a invenzioni folgoranti.

La sposa

Covacich Mauro