Narrativa

LA CUCINA DEGLI INGREDIENTI MAGICI

McHenry Jael

Descrizione: Solo in cucina Ginny riesce a esprimere se stessa e a ritrovare i sapori di una vita che dopo la morte dei genitori le sembra diventata incomprensibile. E mentre dai fornelli si leva il profumo corposo e piccante della zuppa della nonna, davanti le appare il fantasma della nonna stessa che le sussurra una frase sibillina: Non lasciarglielo fare. Chissà che cosa voleva dire, chissà se ha a che fare con il fatto che la prepotente sorella maggiore di Ginny vuole vendere la casa. Una casa che ha ancora tanti segreti da svelare...

Categoria: Narrativa

Editore: Corbaccio

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788863800708

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

“Ha la voce melmosa, ecco cos’è. Scura e torbida. Con una nota come di caffè lasciato troppo a lungo sulla fiamma. E cioccolato amaro, non zuccherato. Ma c’è anche terra dentro, profonda, nera, come l’orto in ottobre.”

Il cibo come mezzo di conoscenza del mondo.
Il cibo come luogo di incontri, tra passato e futuro, attraverso la contaminazione di ingredienti che prendono forma e consistenza tra le abili mani di Ginny, giovane donna costretta dagli eventi traumatici della vita a prendere velocemente coscienza di se stessa e della propria unicità.I genitori di Ginny e Amanda muoiono all’improvviso in un incidente automobilistico e Ginny si trova sola nell’enorme casa di famiglia, alle prese con un dolore incapace di gestire e con una sorella decisa a vendere la casa e a prendersi cura di lei.
Durante il funerale Ginny, confusa e spaventata, trova conforto in cucina, luogo di fuga e di riconciliazione, e decide di allontanarsi dalla gente e dalle loro chiacchiere attraverso la preparazione di una zuppa toscana la cui ricetta apparteneva alla nonna.

“Il cuore mi batte ancora troppo forte. Mi tuffo nella ricetta e lascio che s’impossessi di me. Mi faccio soggiogare dalle istruzioni, passo dopo passo, finché il brusio comincia a svanire.”Con movimenti lenti e misurati Ginny dà vita agli ingredienti e ben presto l’aroma piccante, vellutato e confortante della ribollita si diffonde nell’aria.
Ed è proprio il profumo della zuppa a riportare in quel luogo il fantasma della nonna defunta che, con la sua voce al sapore di caffè, le lascia un messaggio importante.
“sono qui per dirti di non permetterglielo. Non permetterlo, a lei.”

Da questo momento Ginny si accorge di possedere un dono prezioso: quello di riportare in vita le persone scomparse attraverso le ricette scritte da loro stessi, anche se solo per pochi attimi.
Grazie alla preparazione di diverse pietanze, Ginny riesce a incontrare i genitori e altre persone che hanno fatto parte della sua vita e ognuno di questi fantasmi ha per lei un messaggio di difficile interpretazione, messaggi che tuttavia costringono Ginny ad approfondire le motivazioni che si celano dietro le difficoltà relazionali che fin da piccola le hanno impedito di essere autonoma e indipendente.
Grazie all’incontro con i fantasmi Ginny troverà la forza per combattere contro la decisione di Amanda di vendere la casa di famiglia e riuscirà a scoprire nuove verità su di sé e sul proprio passato.“La cucina degli ingredienti magici” edito da Corbaccio, romanzo d’esordio della giovane scrittrice Jael McHenry, famosa per il suo frequentatissimo blog di cucina, possiede la caratteristica vincente di essere originale e di porsi su più livelli, lasciando che i contorni del romanzo sfumino in un libro di cucina o di incantesimi e magie.
Tra i temi trattati, quello della diversità appare forse il meno convincente.
L’accenno alla sindrome di Asperger come spiegazione della diversità di Ginny si svela lentamente durante la lettura, tuttavia l’argomento, di per sé molto complesso, viene affrontato con un’eccessiva semplicità, lasciando nel lettore una sensazione di incompletezza.
Nonostante ciò, la bellezza di questo romanzo, più che nei temi trattati, si palesa nell’espediente originale di affidare alla protagonista un’interpretazione del mondo dal punto di vista culinario, offrendo al lettore la possibilità di godere non solo della lettura di una storia piacevole, ma anche di ricette sfiziose e profumate di magia.
Alternativa decisamente originale e creativa al successo dilagante dei libri di cucina che occupano oggi i primi posti delle classifiche di vendita.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jael

Mchenry

Libri dallo stesso autore

Intervista a McHenry Jael


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Paul Léautaud, piccolo classico del Novecento e mito discreto, aveva fatto nella sua vita ciò che ognuno almeno una volta ha vagheggiato: aveva trasformato una gelosa, ermetica solitudine in un osservatorio sulle assurdità e le bassezze del tempo. Ed anche questi tre rari racconti non concedono nulla di prevedibile al lettore: buoni sentimenti, riferimenti ideologici, appartenenze letterarie, perfino l’inevitabile speranza, di ciò tutto è estraneo a una scrittura che odia ogni preziosismo e resta elegantissima e crudele mentre affonda nelle lacerazioni di una vita: «Nessuno mi avrà conosciuto. Sono stato, sotto il mio riso, il disincanto, la disperazione assoluta. Non l’ho mai mostrato per pudore, nel timore del ridicolo». Il primo dei tre, Il piccolo amico, considerato da molti il suo capolavoro, è una cronaca-confessione di straziante distacco, pur nell’immagine che vuol offrire di quasi gaio cinismo, del suo rapporto con la madre eterna assente: Léautaud, abbandonato a pochi giorni dalla nascita, la rivide solo dopo vent’anni (tranne per brevi incontri occasionali) e ne fu appassionato così intensamente da turbarla e spingerla ad allontanarsi per sempre. La storia procede in due tempi: nel primo, la madre appare e scompare in tutte le figure di «amiche» che popolano l’infanzia e la prima giovinezza, e tutto è immerso nel luccicante incanto del tempo sfuggente, dell’infanzia e dei luoghi di Parigi; il secondo tempo è «un bel romanzo d’amore con la madre»: romanticamente, il protagonista cerca di rivivere la voluttà di un ricordo di bambino, quando, tra profumi e abbracci, poté la seconda volta incontrare la madre. Gli altri due racconti si riconnettono in realtà a quel travolgente amore: In memoriam ricorda la morte del padre (uomo di spettacolo e persona non meno evanescente), e Amori, ancora una storia di abbandono, racconta della prima esperienza erotica e del primo innamoramento per una «amica» che poi dovette sposare il suo protettore.

AMORI

Léautaud Paul

"In Anna Karenina è rappresentata la colpa come ostacolo, anzi come barriera invalicabile al raggiungimento della felicità. Accanto ad Anna e a Vronskij, che non possono essere felici insieme, vediamo come Levin e Kitty ottengono in fondo con facilità, nonostante qualche dibattito interiore, quello che è negato agli altri due: ma Kitty ha saputo dimenticare Vronskij e, rinunciando a lui, rinunciare agli ideali poetici, ricchi di fascino e di bellezza esteriore, ricchi di pregi mondani, della sua giovinezza. Rinunciando a questi ideali, Kitty scopre che la realtà usuale e consueta, lungi dall'essere meschina e squallida, è assai preziosa e bella. È questa la storia di molti personaggi di Tolstoj". (Natalia Ginzburg)

Anna Karenina

Tolstoj Lev Nikolaevic

Ambientato in una società del futuro prossimo dove sono state annullate le differenze individuali, la percezione del dolore, la passione e i sentimenti più profondi, il libro racconta un anno di vita di Jonas, un ragazzo di dodici anni che viene insignito del compito di ricevere le Memorie dell'Umanità. Mentre Jonas raccoglie i ricordi di The Giver, provando sulla propria pelle tutte quelle sensazioni che nessun altro membro della comunità conoscerà mai, scopre il terribile segreto della Società in cui vive. E realizza che la strada verso la conoscenza è un cammino senza ritorno Età di lettura: da 9 anni.

The Giver. Il donatore

Lowry Lois

Flora ha visto tutto, ma nessuno le crede. La ragazza è morta, qualcuno l’ha uccisa. Aveva solo quattordici anni, si chiamava Miranda ed è stata ritrovata nella sua camera a Birgittågarden, la casa di recupero per ragazze in difficoltà a Sundsvall, a nord di Stoccolma. Le pareti sono schizzate di sangue, le lenzuola ne sono intrise. Nessuna delle altre ragazze sa che cosa sia successo, ma una di loro è fuggita nella notte. Flora non sa chi indagherà sull’omicidio, non sa che l’ispettore Joona Linna sta per ispezionare la peggiore e più indecifrabile scena del crimine della sua carriera, non sa che solo Joona può sperare di scovare qualche indizio. Flora sa soltanto di aver visto la ragazza. Sa di aver visto l’arma del crimine che nessuno riesce a trovare. Sa che cosa è successo. Ma la polizia non le crede, per una semplice ragione. Al momento dell’omicidio, Flora era a centinaia di chilometri di distanza. Eppure Flora è certa di aver ragione. Lei ha visto. Perché lei è una medium.

LA TESTIMONE DEL FUOCO

Kepler Lars