Narrativa

La cura Schopenhauer

Yalom Irvin D.

Descrizione: Julius Hertzfeld, eminente psichiatra, è alle prese con i conti che si fanno quando, come lui, si è affetti da una grave malattia. Per riparare gli errori commessi e per lanciare un'ultima sfida, contatta un ex paziente, Philip, filosofo arrogante, sessuomane e narcisista, e lo coinvolge in una terapia di gruppo. Del gruppo fa parte però anche una delle vittime della sessuomania di Philip, e la situazione genera un livello di tensione e coinvolgimento tali che nessuno resta più lo stesso. Hertzfeld affronta il trattamento di Philip ricorrendo al pensatore che l'arrogante filosofo considera il suo guru personale, il suo alter ego: Arthur Schopenhauer. E la "cura Schopenhauer" inizierà a mostrare i suoi effetti.

Categoria: Narrativa

Editore: Neri Pozza

Collana: Biblioteca

Anno: 2009

ISBN: 9788854503236

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

In cosa consiste La cura Schopenhauer secondo Irvin Yalom?

Julius Hertzfeld è un anziano psicoterapeuta. Quando gli viene diagnosticato uno dei tumori più aggressivi, ma gli viene garantito ancora un anno di vita in condizioni accettabili di salute, dopo il panico naturale che consegue alla notizia, si concentra su un pensiero: come approfittare del tempo che gli rimane? Il ragionamento e il sentimento lo conducono a una conclusione: l’attività che maggiormente lo coinvolge è proprio la sua professione (“Prima del melanoma non avrei mai detto che ero innamorato del mio gruppo”). In modalità critica e consuntiva, Julius si concentra sulla sua esperienza passata, sceglie una delle poche persone con le quali ha fallito la terapia (“Vuoi un fallimento? Si disse. Quello era stato un fallimento”) e lo contatta.

Philip Slate era affetto da mania compulsiva (“Tiene il conto delle partner, una tabella segnapunti, e negli ultimi dodici mesi ha fatto sesso con novanta donne diverse”) e si dichiara “guarito” grazie all’ispirazione che ha tratto dallo studio di Schopenhauer: un filosofo originale e critico, misantropo e sociopatico.
Philip intende intraprendere la professione di terapeuta (“Adesso sono anch’io un terapeuta”) e accetta di partecipare alla terapia di gruppo di Julius in cambio del patrocinio necessario per abilitarsi (“E quindi intendi offrirmi conforto descrivendomi come il Buddenbrook morente di Mann ricevette consolazione da Schopenhauer?”).

Quando Philip viene introdotto nelle sedute collettive, la sua personalità imbevuta di pessimismo (“La favola del porcospino, uno dei brani più noti di tutta l’opera di Schopenhauer, ci comunica la sua visione gelida delle relazioni umane”) altera gli equilibri in atto. Tra i soggetti in terapia vi è una donna, Pam, che è stata vittima della sua mania compulsiva (“In un gruppo di terapia una donna incontra un uomo che molti anni prima era stato suo professore e l’aveva sfruttata sessualmente”).

I capitoli che ripercorrono la biografia (“Goethe voleva qualcuno che criticasse la sua complessa opera sulla teoria dei colori”) e le opere di Schopenhauer si alternano alla cronaca degli incontri del gruppo in un intreccio interessante nel corso del quale emergono le patologie dei partecipanti e le loro inter-relazioni. Fino all’emersione delle contraddizioni insite nella guarigione di Philip (“Schopenhauer ti ha curato, ma adesso hai bisogno di essere salvato dalla cura Schopenhauer”).

Il romanzo è complesso, psicologicamente interessante e consente di ripercorrere il pensiero di un filosofo (“Come è inquietante incontrare un pensatore così dotato e tuttavia così aggressivo dal punto di vista sociale, così preveggente e tuttavia così incapace di vedere”) che rappresenta una delle radici della psicanalisi freudiana e una delle prime brecce che nel mondo occidentale si aprono sulle filosofie orientali (“All’età di 17 anni… fui colto dalla disperazione di vivere come il giovane Buddha dinanzi alla visione della malattia, della vecchiaia, del dolore e della morte”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

D.

Irvin

Yalom

Libri dallo stesso autore

Intervista a Yalom Irvin D.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

All'inizio della storia Penelope, a Roma nel novembre del 1978, ha diciassette anni, figlia unica di una famiglia borghese. Tre traumi in lancinante sequenza squassano la sua vita. Per sopravvivere, per proteggersi dal male, Penelope deve autoescludersi dal mondo. Molti anni dopo, quando la sua esistenza sembra finalmente aprirsi grazie all'amore e alla dedizione di Edoardo, Penelope torna al più misterioso tra gli eventi drammatici che hanno segnato la sua adolescenza, l'unico che sia ancora possibile affrontare: la scomparsa di Margherita, la sua amica del cuore, inghiottita nel gorgo della lotta armata dopo aver chiesto un aiuto che Penelope ha rifiutato di darle. Ma nessuno sa più nulla di lei. Il solo che potrebbe riportare Penelope sulle sue tracce è Riccardo Serventi, terrorista che sta scontando vent'anni nel carcere di Rebibbia. Il suo fratello gemello Emanuele era stato fidanzato con Margherita, ma anche lui pare essersi inabissato nel nulla, da quando si è pentito e ha cambiato identità. Sembra già una vicenda intricata e viscerale per tutti gli elementi emotivi che mette in gioco, ma il romanzo è appena cominciato e l'avventura di Penelope, il suo percorso attraverso il passato e il presente, la fedeltà e il tradimento, il delitto e il castigo, il bene e il male è ancora lungo e aperto a ogni colpo di scena, fino all'ultima pagina. È veramente difficile non riconoscersi in questa Penelope che è piuttosto un Ulisse al femminile, un'eroina al contrario che sembra sbagliarle tutte, come una farfalla irresistibilmente attratta dalla luce che le brucerà le ali, eppure riesce a non perdere mai di vista l'approdo salvifico dopo tanto strazio. È difficile non emozionarsi leggendo queste pagine, che danno vita a tanti personaggi memorabili e riaccendono l'immaginario del nostro passato recente, con i suoi sogni cattivi e le sue mitologie - come una motocicletta Norton Commando lanciata nel vuoto…

IL SOGNO CATTIVO

D’Aloja Francesca

Una saga familiare che si intreccia a un capitolo poco conosciuto del nostro Novecento. Una vicenda tutta al femminile che emoziona e sorprende: inattesa, profonda, viva. "Non avevo mai pensato di scrivere della mia famiglia. Cosa c'era da raccontare? Finché non ho trovato il diario di Rosa, la mia bisnonna. E ho capito che tra quelle pagine c'era anche la storia di un popolo e di una regione, quella in cui sono nata. Una storia che in Italia conoscono in pochi e che potrebbe, invece, insegnarci molto. Rosa comincia il suo diario ai primi del Novecento, quando il Sudtirolo è territorio austriaco. È l'8 aprile 1902, il giorno del suo matrimonio con Jakob Rizzolli. Lungo la linea dei secoli e di due altre generazioni di donne ­ mia nonna Elsa, mia madre Herlinde ­ la sua eredità è arrivata fino a me".

EREDITA’

Gruber Lilli

Le storie di Natale scritte da Silvana Sanna

Dall’incontro di due personalità eccezionali nasce un libro unico e prezioso, che affianca a trentasei racconti di Erri De Luca altrettanti disegni (in bianco e nero e a colori) dell’artista Alessandro Mendini. Un duetto che rimanda a una nostra tradizione forte – basti pensare al connubio fra Rodari e Munari – e che qui comincia sempre con un’illustrazione, da cui poi il racconto prende liberamente l’abbrivio. “Quello che scrivo,” dice De Luca, “dipende dal riflesso di uno che è preso alla sprovvista.” E a stupire, a spiazzare sono quei disegni che fanno spalancare gli occhi come uno strappo nel cielo, fanno sentire nudi “come quei due nel primo giardino, dopo l’assaggio scippato dall’albero della conoscenza”, perché “la suggestione è una manifestazione della verità”. Erri De Luca e Alessandro Mendini iniziano quasi per gioco – ispirandosi ai disegni di un bambino caro a entrambi – e poi via via stabiliscono fra loro un dialogo di forme e parole serrato e ricco di senso, tracciano sulla pagina le proprie paure, le tentazioni, le fiere ostinazioni, e tutto un vivace campionario di “mostruosità terrestri”. Compongono dunque un libro di eroismi quotidiani che scandaglia, attraverso percorsi tutt’altro che logici e prevedibili, il nostro più profondo sentire: facendoci avvertire il fiato dei mostri dietro le nostre spalle e al contempo consegnandoci le chiavi del serraglio dentro cui tenerli a bada. I mostri sono i diavoli custodi dell’infanzia, nessun angelo può tenerli a bada.

Diavoli custodi

De Luca Erri - Mendini Alessandro