Narrativa

La cura Schopenhauer

Yalom Irvin D.

Descrizione: Julius Hertzfeld, eminente psichiatra, è alle prese con i conti che si fanno quando, come lui, si è affetti da una grave malattia. Per riparare gli errori commessi e per lanciare un'ultima sfida, contatta un ex paziente, Philip, filosofo arrogante, sessuomane e narcisista, e lo coinvolge in una terapia di gruppo. Del gruppo fa parte però anche una delle vittime della sessuomania di Philip, e la situazione genera un livello di tensione e coinvolgimento tali che nessuno resta più lo stesso. Hertzfeld affronta il trattamento di Philip ricorrendo al pensatore che l'arrogante filosofo considera il suo guru personale, il suo alter ego: Arthur Schopenhauer. E la "cura Schopenhauer" inizierà a mostrare i suoi effetti.

Categoria: Narrativa

Editore: Neri Pozza

Collana: Biblioteca

Anno: 2009

ISBN: 9788854503236

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

In cosa consiste La cura Schopenhauer secondo Irvin Yalom?

Julius Hertzfeld è un anziano psicoterapeuta. Quando gli viene diagnosticato uno dei tumori più aggressivi, ma gli viene garantito ancora un anno di vita in condizioni accettabili di salute, dopo il panico naturale che consegue alla notizia, si concentra su un pensiero: come approfittare del tempo che gli rimane? Il ragionamento e il sentimento lo conducono a una conclusione: l’attività che maggiormente lo coinvolge è proprio la sua professione (“Prima del melanoma non avrei mai detto che ero innamorato del mio gruppo”). In modalità critica e consuntiva, Julius si concentra sulla sua esperienza passata, sceglie una delle poche persone con le quali ha fallito la terapia (“Vuoi un fallimento? Si disse. Quello era stato un fallimento”) e lo contatta.

Philip Slate era affetto da mania compulsiva (“Tiene il conto delle partner, una tabella segnapunti, e negli ultimi dodici mesi ha fatto sesso con novanta donne diverse”) e si dichiara “guarito” grazie all’ispirazione che ha tratto dallo studio di Schopenhauer: un filosofo originale e critico, misantropo e sociopatico.
Philip intende intraprendere la professione di terapeuta (“Adesso sono anch’io un terapeuta”) e accetta di partecipare alla terapia di gruppo di Julius in cambio del patrocinio necessario per abilitarsi (“E quindi intendi offrirmi conforto descrivendomi come il Buddenbrook morente di Mann ricevette consolazione da Schopenhauer?”).

Quando Philip viene introdotto nelle sedute collettive, la sua personalità imbevuta di pessimismo (“La favola del porcospino, uno dei brani più noti di tutta l’opera di Schopenhauer, ci comunica la sua visione gelida delle relazioni umane”) altera gli equilibri in atto. Tra i soggetti in terapia vi è una donna, Pam, che è stata vittima della sua mania compulsiva (“In un gruppo di terapia una donna incontra un uomo che molti anni prima era stato suo professore e l’aveva sfruttata sessualmente”).

I capitoli che ripercorrono la biografia (“Goethe voleva qualcuno che criticasse la sua complessa opera sulla teoria dei colori”) e le opere di Schopenhauer si alternano alla cronaca degli incontri del gruppo in un intreccio interessante nel corso del quale emergono le patologie dei partecipanti e le loro inter-relazioni. Fino all’emersione delle contraddizioni insite nella guarigione di Philip (“Schopenhauer ti ha curato, ma adesso hai bisogno di essere salvato dalla cura Schopenhauer”).

Il romanzo è complesso, psicologicamente interessante e consente di ripercorrere il pensiero di un filosofo (“Come è inquietante incontrare un pensatore così dotato e tuttavia così aggressivo dal punto di vista sociale, così preveggente e tuttavia così incapace di vedere”) che rappresenta una delle radici della psicanalisi freudiana e una delle prime brecce che nel mondo occidentale si aprono sulle filosofie orientali (“All’età di 17 anni… fui colto dalla disperazione di vivere come il giovane Buddha dinanzi alla visione della malattia, della vecchiaia, del dolore e della morte”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

D.

Irvin

Yalom

Libri dallo stesso autore

Intervista a Yalom Irvin D.

Giulia, diciotto anni, la passione per il canto a tenerla viva, ha una famiglia spezzata alle spalle e un fratello, Davide, come una piccola luce nelle ore di buio. Roman, diciotto anni anche lui, dopo l’infanzia trascorsa in una terra straniera vive un presente di clandestino, fatto di piccoli furti e giornate senz’amore. I loro mondi, opposti e lontani, finiscono per scontrarsi, poi incontrarsi, tra le corsie di un supermercato: in un pomeriggio cometanti altri sembra possibile dimenticare la solitudine grazie ad un amore pulito, capace di annullare pregiudizi e paure. Mentre, fuori, la tv continua a creare star, mostri, casi di cronaca, e nel bar sotto casa italiani e stranieri paiono decisi a non volersi capire. Matteo De Simone, giovane scrittore torinese, con “I denti guasti”, sua seconda prova, dimostra talento ed uso sapiente della lingua, abile nel raccontare il nostro presente, quello italiano impastato di mass media e scontri di civiltà, per narrarci un’atipica storia d’amore nata in fretta e troppo in fretta svanita nel nulla: sullo sfondo personaggi nudi, crudi, veri, emblemi di una società complicata e qualunquista tratteggiati con intelligenza e passione. “I denti guasti”, romanzo costruito su di affetti complicati e conflitti irrisolti, stupirà per lo sguardo luci do dell’autore, capace di raccontare le fragilità di Giulia e Roman, così come le nostre, senza banali e scontate divisioni tra bene e male.

DENTI GUASTI

De Matteo Simone

Si avvicina il Natale, e come ogni anno Luca Cupiello si accinge a preparare il presepe nonostante l'insofferenza di sua moglie Concetta e suo figlio Tommasino. Per Luca il presepe rappresenta una priorità assoluta del suo vivere quotidiano, ma in realtà la quiete famliare è turbata da un dramma che sua moglie Concetta - chissà come - riesce a tenere nascosto al marito. La figlia di Luca e Concetta, Ninuccia è sposata con Nicolino, un facoltoso commerciante, ma non lo ama, ed anzi ha intenzione di fuggire con il suo amante, Vittorio Elia, comunicando la sua decisione al marito per lettera. Concetta riesce a strappare dalle mani di Ninuccia la lettera, per impedire che il peggio accada, ma nella confusione - e senza sapere nulla - Luca consegna la missiva al genero...

Natale in casa Cupiello

De Filippo Eduardo

LE BRACI – Sàndor Màrai

Un paparino profondamente materno che prende in contropiede l'incipiente vecchiaia - nonché il figlio - a suon di collant, gonna, rossetto e tacchi a spillo. Un principe azzurro che tenta inutilmente di risvegliare la principessa dal suo sonno profondo con mille prodezze erotiche, e finisce per addormentarsi lui, per sempre. Uno scrittore esordiente pronto a rinnegare il suo idolo - che ha contribuito in modo sostanziale al suo decollo - non appena ne ha preso il posto nel firmamento letterario. Un uomo che decide di sposare l'ex fidanzata perché scopre che è malata terminale, e quando lei guarisce grazie all'amore, non sa proprio che pensare, che pesci pigliare... Che si tratti di vecchi rincretiniti, vitelloni incalliti o Madonne ribelli al destino di future madri di Gesù Cristo, Quim Monzó entra nelle vite dei suoi personaggi con occhio acuto, parole al vetriolo, balsami di tenerezza.

MILLE CRETINI

Monzò Quim