Classici

La disubbidienza

Moravia Alberto

Descrizione: La guarigione, attraverso l'iniziazione sessuale, di un adolescente che non riesce a trovare un equilibrio tra sé e la realtà circostante.

Categoria: Classici

Editore: Bompiani

Collana: I libri di Alberto Moravia

Anno: 2003

ISBN: 9788845255021

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Adolescenza, età della ribellione (“Un’età… in cui la sensibilità è sveglia e la coscienza ancora assopita”) e de La disubbidienza.
Per qualcuno la rivolta ha un oggetto specifico.
Per il quindicenne Luca Mansi, la protesta è multidirezionale e si esprime in una formula: La disubbidienza analizzata da Alberto Moravia.
Le dinamiche in atto (“In quel tempo era soggetto a rabbie improvvise e furie durante le quali il suo corpo, già così stremato, pareva bruciare le poche forze che gli restavano in parossismi di rivolta e di odio”) hanno alcuni prodromi: un pianto inconsulto causato da una scossa elettrica, l’estromissione del cibo dopo un viaggio in treno.

Poi si afferma l’idea della disubbidienza, un processo (“La sua rabbia… Come se avesse avvertito l’inanità della violenza, essa si trasformò improvvisamente in una volontà di rinunzia e di abdicazione”) che risponde a principi propri (“Forse, riprendendo a disubbidire su un piano più logico e più alto, egli non faceva che ritrovare un atteggiamento nativo e perduto”). E se l’adolescente, in genere, manifesta la ribellione in un atteggiamento specifico (rifiuto della scuola, contestazione dei genitori, disturbo alimentare o altro attentato contro l’incolumità), Luca si scaglia contro i simboli borghesi. Tutti, nessuno escluso.
L’amor proprio scolastico.
I genitori (“E voi perché mi avete fatto pregare tanti anni inginocchiato davanti il vostro denaro?”).
La proprietà (rappresentata da marionette, francobolli, libri) e il senso del possesso.
Il denaro.
Infine la stessa vita (“Ora si era attaccato all’ultima parte del piano: la morte fisica”).
“Non mangiare: comprese ad un tratto che questa, fra tutte le disubbidienze, era la più grave, la più radicale, quella che maggiormente intaccava l’autorità familiare.”

Ma la vita scorre sotterranea e affiora nell’impulso sessuale (“L’irritava soprattutto che la fame dei sensi umiliasse in maniera così facile il suo desiderio di liberazione e di morte”). Ha le forme sgraziate di una governante in una breve, sfortunata storia (“La conclusione mortificante di trovare un’agonia là dove si era aspettato un convegno amoroso”).

Luca cerca di affermare La disubbidienza (“Professori e compagni, pensò Luca, volevano che egli vivesse, che continuasse a vivere”), tonificandone il meccanismo (“Capiva che soltanto dando a questa disubbidienza il carattere meccanico e puntuale di un gioco, avrebbe avuto la forza di portarla fino in fondo”) e sfidando la punizione (“Almeno, con la punizione, il carattere profondamente coercitivo della vita si svelava a pieno, senza più alcun ipocrita infingimento”).

La lotta contro la vita (“Morire… era forse l’unico vero piacere che riserbasse agli uomini la vita”) si somatizza in una grave malattia (“Come un sacrificio necessario, conclusione inevitabile di una serie di altri sacrifici minori”): la guarigione potrà sbocciare (“Era una sensazione sconvolgente di libertà aggressiva, di esplorazione illimitata, di visione balenante; come se l’avvenire, accendendosi e bruciando al fuoco dell’immaginazione, gli si fosse consumato e scontato in un attimo, tutto intero, fin nei minimi particolari”) affiorando dagli incubi febbrili, quasi per miracolo,  o per l’arte oblativa di un’infermiera. Potrà sbocciare, sì. E forse anche normalizzarsi (“Gli pareva di aver trovato finalmente un modo nuovo e tutto suo di guardare alla realtà fatto di simpatia e di paziente attesa”).

Anche questo giovane Werther, migrato dal romanticismo ottocentesco al ventesimo secolo dei conflitti mondiali, si staglia su una realtà eteroclita (“Era come se una vibrazione fitta e crescente avesse sforzato gli oggetti fuori dei loro limiti soliti, in un’aria rarefatta e balenante”) tra amori scarnificati negli istinti e riflessioni antiche sul mistero dell’uomo e dei suoi manufatti sociali (“L’idea della morte come di un’operazione magica che gli avrebbe permesso di creare un mondo meno assurdo, più amabile e più intimo, in cui ogni cosa fosse giustificata dall’amore”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Moravia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moravia Alberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un ricercatore in filosofia si imbatte del tutto casualmente nel nome di Gaspard Languenhaert, oscuro filosofo del Settecento propugnatore di una singolare quanto esclusiva "filosofia dell'egoismo", dottrina in base alla quale il mondo non esiste in quanto fatto oggettivo, ma è semplicemente una proiezione mentale dell'individuo. Attraverso le scoperte del ricercatore, quindi, il lettore viene a conoscenza della strana dottrina dell'uomo che affermava di essere l'unica entità realmente esistente, e della vita assurdamente comica da lui condotta in un mondo che non è "vero"... Il tutto culmina in un finale a sorpresa che giustifica pienamente come il mondo, negato dal filosofo, non abbia conservato del filosofo alcuna traccia. “La scuola degli egoisti” esce dalla fucina del miglior Schmitt, uno Schmitt d'antan (1994) che ha da poco lasciato la carriera di professore universitario di filosofia per dedicarsi a tempo pieno alla letteratura. Il suo stile veloce e incisivo ci porta con altrettanta facilità a ragionare su concetti che danno le vertigini e a ridere di gusto per le avventure del filosofo convinto di essere l'unico autore della realtà, un filosofo che ci rimane malissimo quando constata che la realtà esterna non corrisponde alla sua volontà, e che ha seri problemi a gestire una Scuola degli Egoisti dove ogni singolo affiliato è graniticamente convinto di essere l'unica cosa vera al mondo!

LA SCUOLA DEGLI EGOISTI

Schmitt Eric-Emmanuel

L'Italia che cambia degli anni settanta non sembra aver voglia di cambiare in via Icaro 15, Milano. Sì, certo, l'eco arriva anche lì ma Elvira, la portinaia, è, come un secolo prima, alla mercé di inquilini gretti, litigiosi, pettegoli. Un universo di maligne ottusità e luoghi comuni che tuttavia diventa teatro del mondo nell'immaginazione duttile e porosa di Chino, il figlio adolescente di Elvira. Quando, al quinto piano, prende casa Amelia Lynd, un'anziana signora dall'incedere altero, maniere impeccabili, madrelingua inglese, Chino ne avverte subito il carisma e ne diventa adorante discepolo. Da dove viene? Cos'ha da nascondere? Qual è il suo segreto? Gli inquilini la mettono al bando, la ostracizzano. Chino si muove, con una sorta di strana ebbrezza, fra i sogni combattivi della madre - diventare proprietaria di uno degli appartamenti abitati dai suoi aguzzini - e le utopie della nuova madre-maestra dalla quale apprende la magia delle parole, le parole che raccontano e le parole che semplicemente dicono. Proprio allora la commedia quotidiana cede al dramma e le vicende di via Icaro e della sua portineria subiscono una fortissima accelerazione. E Chino deve imparare più in fretta, di che passioni, di che ambizioni, di che febbri è intessuta la vita.

LE PAROLE PERDUTE DI AMELIA LYND

Gardini Nicola

Blanca Perea è una donna all¿apparenza invulnerabile, stimata docente universitaria e pilastro di una famiglia felice. Improvvisamente, vede crollare tutte le sue certezze quando scopre che il marito sta per avere un figlio da un'altra donna. Fuggire da Madrid sembra essere l'unico modo per salvarsi e, senza pensarci, accetta una borsa di studio di tre mesi in California, all'Università di Santa Cecilia. Deve catalogare e archiviare tutte le carte di Andrés Fontana, importante letterato spagnolo trasferitosi negli Stati Uniti e morto già da trent'anni, un lavoro apparentemente noioso ma che si rivela invece decisamente intrigante. Ad aiutarla c'è l'ex allievo prediletto di Fontana, Daniel Carter, che si precipita a Santa Cecilia appena viene a sapere che qualcuno sta finalmente mettendo mano al lascito del suo maestro. Insieme esplorano una parte di documenti fino ad allora sconosciuta, gli studi che il professore aveva dedicato al Camino Real, la catena di missioni che i frati francescani fondarono in tutta la California. Ma l'interesse di Daniel per l'impresa e le ricerche sul nuovo materiale non fanno che scatenare in Blanca una serie di interrogativi via via più urgenti. Perché nessuno - soprattutto Daniel - ha finora recuperato l'eredità di Fontana? E perché farlo proprio ora? Per ottenere le risposte che sta cercando, Blanca dovrà scavare nel passato, indagare il legame che univa Daniel e Fontana, affrontare retroscena impensati e svelare interessi politici nascosti. Ma dovrà soprattutto tornare a credere in se stessa e riscoprire la voglia di aprirsi all'amore, per trovare finalmente la chiave per cambiare il suo futuro. Dopo il grande successo di La notte ha cambiato rumore, María Dueñas torna a parlare ai suoi lettori attraverso la voce di una donna capace di affrontare le sconfitte con il coraggio di mettersi in discussione. Un amore più forte di me è una storia luminosa che si sviluppa tra la Spagna e la California, tra gli anni Cinquanta e oggi, dove si intrecciano le vicende di personaggi carichi di passione e umanità, convinti che l'avventura più emozionante della propria vita è sempre quella che si sta per vivere.

Un amore più forte di me

Dueñas María

Lorenzo, padre Pizzarro, Quèlo, il Massone, Vulvia, Aniene e le memorabili interpretazioni di Tremonti, Venditti e Rutelli; queste e altre le voci, vecchie e nuove, di Corrado Guzzanti, raccolte in un unico volume animato da ironia corrosiva e raffinata comicità. Un viaggio satirico attraverso gli ultimi vent'anni di storia italiana, uno specchio del paese immerso nella crisi, un ritratto della sua classe dirigente e dei "mostri" che ne popolano l'apparente normalità, una riflessione sui vizi e i difetti degli italiani attraverso personaggi dall'irresistibile ironia. Una guida completa ai testi dei personaggi di Corrado Guzzanti che contiene il testo completo di "Aniene 2. Molto rigore per nulla" e il meglio delle battute storiche di uno degli attori di satira più amati in Italia.

PAROLA DI CORRADO

Guzzanti Corrado