Narrativa

LA DONNA ALLO SPECCHIO

Schmitt Eric-Emmanuel

Descrizione: Anne, Hanna, Anny: tre ragazze, tre spiriti liberi che si scontrano con le chiusure dell'epoca in cui vivono. Anne, nelle Fiandre del XVI secolo, è una mistica che parla con gli animali come San Francesco, fa il bene perché non concepisce altra forma di agire, percepisce Dio nella natura e non comprende la necessità dei riti religiosi. Ma è fuori tempo rispetto al periodo della Controriforma e dell'Inquisizione: la sua estatica serenità viene presto tacciata di eresia. Hanna, nella Vienna inizio Novecento, è una giovane aristocratica alla ricerca di se stessa, insoddisfatta delle serate all'opera e delle convenzioni borghesi. Dopo molta infelicità riuscirà a individuare nella psicoanalisi, nuova strabiliante cura appena inventata dal dottor Freud, il modo per raggiungere le radici del suo malessere. Anny è una star di Hollywood dei nostri tempi, drogata di celebrità e di sostanze stupefacenti, che cerca con l'abbrutimento di dare un senso a una vita in cui l'unico valore è il denaro: ci riuscirà invece attraverso la recitazione, e nel suo travagliato percorso esistenziale troverà l'amore. Le storie delle tre giovani donne si intersecano nonostante i secoli che le dividono in un intreccio sempre più appassionante che in un crescendo di rivelazioni porta le tre vicende a una conclusione congiunta.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 2012

ISBN: 9788866320883

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

“La donna allo specchio” vi coinvolgerà fino a farvi rinunciare a quel sonno ristoratore di cui avete tanto bisogno, fino a farvi marinare la scuola come Bastian dopo aver sfogliato le prime pagine de “La storia infinita”.

Soprattutto se siete donne.

Attraverso tre epoche e tre personaggi magnificamente veri, l’autore riesce a tratteggiare gli aspetti più intimi dell’animo femminile, quelli che tutte condividiamo o riusciamo a comprendere, in un crescendo di rabbia positiva che, passando dalla ribellione, conduce alla libertà.

Sorprende che sia stato un uomo a scrivere… ma Schmitt è un camaleonte che assume i colori delle sue storie, un attore che sa immedesimarsi in tutte le parti per farci riflettere e commuovere, e in questo libro fa sfoggio di tutta la sua arte narrativa.

Anche voi diventerete protagoniste e proverete a guardarvi allo specchio.

Chi è quella donna che segue con gli occhi bassi una strada dritta e asfaltata, che nel costante sforzo di compiacere gli altri ha dimenticato se stessa, che non ha il coraggio di difendere le proprie idee?

La debolezza cristallizza gli orizzonti; la rassegnazione paralizza le nostre gambe. Oggi come nei secoli scorsi e in quelli a venire.

Anne, la vergine di Bruges, è imprigionata nella superstiziosa società del XVI secolo, vittima innocente di una religione arrogante che rispetta solo i propri dogmi; Hanna trascorre le giornate nei salotti dell’aristocrazia viennese, con un marito bello e colto che tutte le invidiano, tristemente rinchiusa nella torre d’avorio delle convenzioni e dei cliché; Anny è una star di Hollywood al culmine della carriera, la cui infelicità nascosta e senza nome trova sollievo solo negli eccessi di una vita spericolata.

Amatene una e le amerete tutte, perché Anne, Hanna ed Anny, in un certo senso, sono una cosa sola e fanno parte di un unico, geniale disegno.

L’architettura è armonica; il linguaggio risulta semplice, se raffrontato alla ricercatezza dei messaggi; la ricostruzione degli ambienti è meticolosa; il finale stupisce.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eric-emmanuel

Schmitt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Schmitt Eric-Emmanuel

Due ragazzi sedicenni frequentano la stessa scuola esclusiva. L'uno è figlio di un medico ebreo, l'altro è di ricca famiglia aristocratica. Tra loro nasce un'amicizia del cuore, un'intesa perfetta e magica. Un anno dopo, il loro legame è spezzato. Questo accade in Germania, nel 1933... Racconto di straordinaria finezza e suggestione, L'amico ritrovato è apparso nel 1971 negli Stati Uniti ed è poi stato pubblicato in Inghilterra, Francia, Olanda, Svezia, Norvegia, Danimarca, Spagna, Germania, Israele, Portogallo. Ovunque lo stesso entusiasmo della critica. "Un'opera letteraria rara", l'ha definito George Steiner sul New Yorker, "Un capolavoro", ha scritto Arthur Koestler nell'introduzione all'edizione inglese del 1976. "Un libro che assilla la memoria... una gemma", "Un racconto magistrale", hanno fatto eco The Sunday Express e The Financial Times di Londra. E infine Le Monde di Parigi: "Uno dei testi più densi e più puri sugli anni del nazismo in Germania... Tra i romanzi più belli che si possano raccomandare ai lettori, dai dodici anni in su. Senza esitazione."

L’amico ritrovato

Uhlman Fred

Marianna Scamardella giovanissima giallista

La congiura di Catilina

Sallustio

Quella di Rick è stata una carriera sportiva giocata sotto il segno della mediocrità. Ma quando gli si presenta l'occasione di entrare in campo con la propria squadra in netto vantaggio, riesce a far perdere la partita e a guadagnarsi il licenziamento in tronco. Il suo agente gli troverà un'unica, insolita, seconda occasione: i Parma Panthers. Rick partirà, consapevole di non avere altra scelta, ma ignaro degli incredibili risvolti (e degli esilaranti equivoci) che il nuovo ingaggio riserverà non solo alla sua carriera. L'Audiobook di Grisham esce in libreria in contemporanea con l'edizione cartacea.

Il professionista

Grisham John