Letteratura femminile

LA DONNA DI SCORTA

De Silva Diego

Descrizione: S'incrociano in una mattina di pioggia, su un marciapiede scivoloso. Dorina che fa tesi a pagamento e Livio che fa l'antiquario. Subito s'innamorano. Dorina, una giovane single, e Livio, un uomo sposato... Ma i ruoli di quella che potrebbe sembrare un'ordinaria relazione fra amanti clandestini s'invertono fin dall'inizio. Livio, radicato in una solida vita matrimoniale, si trova invischiato in un rapporto privo di gerarchie che la sua normalità non può reggere. Perche Dorina non vuol prendere il posto di sua moglie. Non chiede niente piú di quello che Livio è disposto a darle. Accetta la sua condizione di marito e di padre con una naturalezza che sconvolge l'assetto ordinato della vita di lui. Tanto da fargli montare dentro l'ossessione di sapere se il silenzio di Dorina, la sua mancanza di domande, la sua tranquillità ogni volta che lo vede tornare in famiglia, la luce tiepida e rassegnata che le raddolcisce lo sguardo siano cicatrici o espressioni naturali della sua persona. La donna di scorta è la messa a nudo di un sentimento vero e autosufficiente che non ricatta, non pretende; e non ha bisogno di investiture, sacrifici o riconoscimenti, ma nel puro desiderio dell'altro trova la sua sola ragione di essere.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Einaudi

Collana:

Anno: 2005

ISBN: 9788806173968

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Si voltò. Non la vide. Si era rannicchiata nell’angolo della porta ed era scivolata giù, come una gazza ferita. Un dolore che strappa, uno spasimo al petto. Si butta su di lei e l’abbraccia. E’ piccola, il suo corpo la raccoglie completamente….Sorride e piange. Provano a baciarsi ma non si può. Appena le labbra si incontrano, l’amore deraglia. Gli occhi pretendono, le mani vogliono sentire. Devono separarsi, e sorridere. O stringere. E poi tenersi, e tenersi ancora. L’unico modo di quietare quel miscuglio di gioia e sofferenza“. L’immagine è quella di un amore a cui non tutto è permesso. Perché Livio e Dorina quell’amore non lo possiedono. Le loro vite si sono incrociate solo per caso, su “un strada centrale secondaria…di quelle che, anche se ci abiti vicino da vent’anni, hai sempre fatto per andare da un’altra parte“.

Il tempo concesso all’altro è ciò che rimane del resto delle loro vite. Livio è già di Laura, sua moglie, “una di quelle donne che vedi immediatamente in prospettiva. Ti conquistano per la naturalezza  con cui sembra che sappiano aspettare le cose e poi farle andare dalla parte giusta“. Dorina è tutto il resto del mondo possibile, è quella domanda che ti sale da dentro e che ti fa guardare la tua vita per quello che è. Dorina è la bellezza che, si sa, “solleva cose rimpiante”. E’ la terra da occupare. Livio si era sentito spinto verso di lei “dalla sua unicità” anche se “nel profondo di sé avrebbe voluto scoprire che era una donna come tante“.

Questo però non accadrà: Dorina non è come tante e soprattutto non chiede più di quello che Livio, con tutte le sue paure, è in grado di darle. Dorina non gli sbatte in faccia la sua ipocrisia di uomo sposato, non urla la sua gelosia, non rivendica un posto nella sua vita e non gli chiede un seguito. Dorina c’è nella sua solitudine silenziosa, con le sue certezze conquistate che spiazzano e che, difficilmente, la debolezza di un uomo può comprendere.

Ormai conosceva tutto di lei, anche i graffi sulle mani, eppure quando la cercava col pensiero non c’era verso di prenderla. Era come quei personaggi dei sogni che ti dicono due o tre parole alludendo a una verità che ti guarda, e quando ti avvicini per sapere si allontanano appena, ma abbastanza per non farsi raggiungere“.

Il lettore però ha bisogno di capire, di comprendere. Il lettore vede ciò che a Livio non è dato sapere, perché legge l’intimità di Dorina, guarda il posto lasciato vuoto nel suo letto di donna sola. Sente i suoi pensieri quando Livio la stringe a sé e quell’impressione nemica che la occupa poco prima di vederlo. Ne percepisce il dolore trattenuto quando lui le mostra sua figlia e sua moglie, quasi come una provocazione, o le dice che Laura, sì sua moglie, è incinta. Il lettore vorrebbe abbracciare Dorina quando, sola nella notte della sua casa, stringe a sé lo spazzolino ed il dentifricio lasciati lì da Livio, unico segno concreto della presenza di quell’uomo nella sua vita.

La scrittura di De Silva crea vicinanza, quella del lettore ai due protagonisti e al loro amore, perché in fondo di amore si tratta. Amore maltrattato, secondario forse, un amore la cui unica sfortuna è quella di essere arrivato troppo tardi, rispetto ad una famiglia che c’è nella sua rassicurante normalità. Il lettore entra dentro alla confusione di Livio, percepisce forte il suo attaccamento a Dorina e la paura di ferire Laura; il lettore cerca nei non detti di Dorina le conseguenze dell’amore poco presente di Livio. Tutto senza dare un giudizio, in rispettoso silenzio di fronte all’impossibilità di quel sentimento, senza aspettarsi nulla di più dalle loro scelte.

Livio e Dorina insieme sono in fondo un istante, quel  momento di unicità che la quotidianità della vita ha concesso loro. Su quel terrazzo affacciato sulla città, sotto un cielo denso ed una luna debole, tristi, nella consapevolezza della fugacità di quel tempo, abbracciati, nel cercare di guardare le stesse cose, De Silva lo fa sentire tutto il loro desiderio,  dà consistenza a quel sentimento che c’è e che, comunque vada, non è un amore di scorta.

Dorina stava con gli occhi chiusi quando sentì scendere le mani di lui verso i seni…alzò le braccia e gli prese la nuca…tirò l’aria. Livio le affondò la bocca tra il collo e la spalla. Dorina si voltò…gli sbottonò la camicia…scoprendogli completamente il torace. Gli percorse la pella nuda….Si levò il maglione..e scoprì il seno. Livio voleva toccarla. Lei lo prese per i fianchi e lo tirò a sé. Poi gli strinse le braccia intorno al collo. Lui sentì i suoi capezzoli che gli affondavano nella pelle…Le restituì l’abbraccio. Rimasero schiacciati uno all’altro, con la città accesa tutt’intorno“.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Diego

Silva

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Silva Diego


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Rebecca è una donna dai molti segreti. Mentre si sposta lungo l'America tenendo stretto per mano il figlio Niley, lascia dietro di sé pezzi enormi del suo passato. Una famiglia giunta dall'Europa carica degli orrori della Seconda guerra Mondiale, un marito che trova sfogo alla durezza della vita quotidiana nella violenza sulla propria moglie, una lettera da un lontano cugino, sopravvissuto all'Olocausto, che le rivela dei suoi genitori più di quanto essi avrebbero mai voluto confessare. L'unica soluzione, per Rebecca e Niley, sembra dunque quella di partire. Partire e reinventarsi. In fondo l'America, è anche questo. Ma riuscirà quel giovane, immenso e violento paese a proteggere una madre e un figlio?

La figlia dello straniero

Oates Joyce Carol

Questo romanzo comincia il 6 luglio 777 in un'abbazia sull'isola di Vectis (Inghilterra), quando il piccolo Octavus, accolto dai monaci per pietà, prende una pergamena e comincia a scrivere un'interminabile serie di nomi affiancati da numeri. Un elenco enigmatico e inquietante. Questo romanzo comincia il 12 febbraio 1947, a Londra, quando Winston Churchill prende una decisione che peserà sulla sua coscienza sino alla fine dei suoi giorni. Una decisione atroce ma necessaria. Questo romanzo comincia il 28 marzo 1949, a Washington, quando Harry Truman, il presidente della prima bomba atomica, scopre un segreto che, se divulgato, scatenerebbe il panico nel mondo intero. Un segreto lontano e vicinissimo. Questo romanzo comincia il 22 maggio 2009, a New York, quando il giovane avvocato David Swisher riceve una cartolina su cui ci sono una bara e la data di quel giorno. Poco dopo, muore. E la stessa cosa succede ad altre cinque persone. Un destino crudele e imprevedibile. Questo romanzo è cominciato e forse tutti noi ci siamo dentro, anche se non lo sappiamo.

LA BIBLIOTECA DEI MORTI

Cooper Glenn

Un narratore "collettivo", voce di un gruppo di coetanei maschi, rievoca a vent'anni di distanza la vicenda delle cinque giovani sorelle Lisbon, oggetto proibito della loro adolescenza, avvolte in un'aura di mistero che la tragica fine comune - si sono tutte tolte la vita nel breve spazio di un anno - ha fissato per sempre. Nella memoria di questi antichi, tenacissimi spasimanti, esse divengono il simbolo - accarezzato con una nostalgia che lo scanzonato humour della scrittura non riesce a dissimulare - di una possibilità remota e perduta: l'irruzione di un fremito ignoto nel mondo tranquillo, ordinario, opprimente dell'America suburbana degli anni Settanta. Salutato alla sua uscita, nel 1993, come romanzo-sorpresa dell'anno, Le vergini suicide segna l'esordio folgorante di uno scrittore poco più che trentenne, ma già padrone di uno stile e di un universo letterario affatto personali.

LE VERGINI SUICIDE

Eugenides Jeffrey

La vita sonnolenta di un’isola in mezzo al mare viene turbata dalla scomparsa di Cecilia, diciassette anni, bruna, florida, allegra e senza fantasie, poi ritrovata morta in fondo a un pozzo. Suo padre, grande e grosso come una specie di orco da fiaba, gestisce il negozio di alimentari in alto sulla collina. Improvvisamente tutta l’isola vibra di eccitazione e di curiosità. Un’aria di suspense si addensa a poco a poco. Uno straniero sbarca dalla nave con una valigia in mano e uno strano cappello calato sugli occhi, quasi non volesse farsi riconoscere. Una vecchia racconta di avere udito al calare della sera un grido moribondo, non si sa se umano o animale. Un bambino dice di aver visto un’ombra seguire la ragazza su per la ripida salita verso il paese alto. Un paio di scarpe di vernice nera col tacco fanno il giro del paese non per ordine di un Principe Azzurro ma nelle mani di un giovane e inesperto carabiniere.

L’ETA’ DELL’ARGENTO

Bompiani Ginevra