Giallo - thriller - noir

LA DONNA IN GABBIA

Adler-Olsen Jussi

Descrizione: L’esordio di un nuovo, straordinario personaggio destinato a restare a lungo nel cuore e nella mente dei lettori: il detective Carl Mørk. «Buon compleanno, Merete. Oggi sono centoventisei giorni che sei qui, e questo è il nostro regalo per te. Lasceremo la luce accesa per un anno, a meno che tu non sia capace di rispondere a una domanda. Perché ti abbiamo rinchiusa?» In una bella giornata d’inverno, la giovane parlamentare Merete Lynggaard scompare senza lasciare tracce. I media si lanciano avidamente sulla storia e le ipotesi si avvicendano nei titoli: dal suicidio all’omicidio, dal tragico incidente al rapimento, fi no alla sparizione volontaria. La polizia mette in campo tutte le forze, ma senza risultato. Merete Lynggaard sembra inghiottita dalla terra. Solo quando Carl Mørk, un poliziotto tenace e polemico, decide anni dopo di impegnarsi nel caso con la sua sezione Q, il reparto speciale per i casi irrisolti, le indagini fanno un decisivo passo in avanti. Carl e il suo misterioso assistente siriano, Assad, si lanciano in una battaglia contro il tempo e contro il disegno delirante di un criminale folle.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Marsilio

Collana: Farfalle

Anno: 2011

ISBN: 9788831708944

Trama

Le Vostre recensioni

Merete Lynggaard, giovane parlamentare danese, scompare senza lasciare traccia mentre è a bordo di un traghetto; unico testimone del fatto, il fratello Uffe, mentalmente ritardato a causa di un incidente stradale. Mentre i media si lanciano avidamente sulla storia, la polizia indaga senza alcun risultato: la donna sembra inspiegabilmente svanita nel nulla. Cinque anni dopo, il poliziotto Carl Morck viene incaricato di riaprire la vicenda, scoprendo una delirante verità.

Prima puntata della serie dedicata alla Sezione Q (The Woman in the Cage, 2007; The Pheasant Killers, 2008; Journal 64, 2010), Q “come il simbolo del Partito Danese sulla scheda elettorale”, dedicata a casi irrisolti, La donna in gabbia è un’ulteriore testimonianza del periodo d’oro della letteratura nord europea, già comprovato da nomi come Stieg Larsson (autore della saga Millennium: Uomini che odiano le donne, La ragazza che giocava con il fuoco, La regina dei castelli di carta) e John Ajvide Lindqvist (Lasciami entrare, L’estate dei morti viventi, Il porto degli spiriti): Jussi Adler-Olsen, scrittore insignito di importanti riconoscimenti internazionali tra cui il Premio Harald Mogensen, il Deutscher Krimipreis e il Glass Key (il premio per la letteratura di genere più importante della Scandinavia), ci regala una storia tesa ed avvincente, che coinvolge il lettore spingendolo all’identificazione con il detective Morck e ad un irrefrenabile desiderio di verità e giustizia, in un crescendo inquietante che scava nei meandri della follia umana.

Le pagine più intense sono indubbiamente quelle dedicate alla prigionia di Merete, al suo decadimento fisico e mentale, alla mancata comprensione dei motivi che spingono il suo aguzzino a punirla così selvaggiamente, alla sua sempre più profonda ed angosciosa disperazione:

La cosa peggiore era la luce che brillava incerta su di lei. La luce eterna era cento volte peggio del buio infinito. Metteva a nudo le miserie della sua vita. Uno spazio bianco raggelante. Qui non poteva semplicemente chiudere gli occhi e scivolare via quando ne aveva voglia. La luce penetrava perfino sotto le palpebre chiuse. E il tempo divenne eterno.

Il dolore arriva ad incarnarsi, a farsi concreto e fisico, nell’episodio in cui la donna è costretta a strapparsi un dente infetto con una tenaglia arrugginita:

Merete ci aveva messo tre giorni a staccare il dente, dopo averlo fatto oscillare avanti e indietro: tre giorni d’incubo in un inferno di dolore. Perché ogni volta che stringeva le braccia della tenaglia intorno a quella bestia pulsante, e l’onda d’urto le toglieva le forze, doveva costringersi a uno sforzo estremo. A ogni minuscola oscillazione, tutto l’organismo s’inceppava. Poi, per qualche secondo, il cuore galoppava all’impazzata per la paura dello strappo seguente, e così via per un’eternità.

Splendido esempio di letteratura di genere, La donna in gabbia dona nuova linfa al giallo-thriller, suscitando aspettative notevoli per le puntate successive.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

77/2015: Jussi Adler-Olsen, La donna in gabbia, Marsilio 2011, pag 461 |

[…] http://www.i-libri.com/libri/la-donna-in-gabbia-di-jussi-adler-olsen/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jussi

Adler-olsen

Libri dallo stesso autore

Intervista a Adler-Olsen Jussi

Nel luglio 1845, Henry Thoreau lasciava la sua cittadina natale per andare a vivere in una capanna nei boschi del vicino lago di Walden. Il suo voleva essere un esperimento, che assumeva però risvolti politici e sociali insieme: era una scelta di "disobbedienza civile" verso una società di cui non condivideva gli ideali mercantili. Nell'introduzione Piero Sanavio spiega come il vagabondo di Walden, nel suo solitario rapporto con la natura, ricercasse un alfabeto segreto: quello del mitico New England di due secoli prima, dimensione morale, estetica e metafisica, prima ancora che semplice territorio geografico.

Walden. Vita nei boschi

Thoreau Henry D.

Il libro è il tragico monologo di una donna che aspetta un figlio guardando alla maternità non come a un dovere ma come a una scelta personale e responsabile. Una donna di cui non si conosce né il nome né il volto né l'età né l'indirizzo: l'unico riferimento che ci viene dato per immaginarla è che vive nel nostro tempo, sola, indipendente e lavora. Il monologo comincia nell'attimo in cui essa avverte d'essere incinta e si pone l'interrogativo angoscioso: basta volere un figlio per costringerlo alla vita? Piacerà nascere a lui? Nel tentativo di avere una risposta la donna spiega al bambino quali sono le realtà da subire entrando in un mondo dove la sopravvivenza è violenza, la libertà un sogno, l'amore una parola dal significato non chiaro.

LETTERA A UN BAMBINO MAI NATO

Fallaci Oriana

Pilar ritrova a Madrid l'amico d'infanzia. Insieme a lui, che ha girato il mondo facendo esperienza di tutte le religioni, compie un viaggio di sei giorni durante il quale la donna ritrova se stessa attraverso una riflessione mistico-iniziatica. I due si recheranno a Lourdes, dove cementeranno il loro amore alla luce di una fede che esalta i valori della missione nel mondo.

SULLA SPONDA DEL FIUME PIEDRA MI SONO SEDUTA E HO PIANTO

Coelho Paulo

«Chiamatemi Tiresia. Per dirla alla maniera dello scrittore Melville, quello di Moby Dick. Oppure Tiresia sono, per dirla alla maniera di qualcun altro…». Questo l’inizio folgorante della Conversazione su Tiresia, un racconto articolato che ricostruisce la storia del celebre indovino attraverso i secoli, con 63 versioni del mito declinato in età antica e moderna da scrittori, poeti, filosofi, drammaturghi. E discorrendo dell’indovino cieco Camilleri si abbandona al racconto, narra di miti e di dèi, di libri e scrittori, di uomini e donne, di teatro e personaggi, di sé e dell’oggi, di cecità e preveggenza, e lo fa nel modo mirabile che i lettori gli conoscono. Il destino di un protagonista letterario si snoda dalla tragedia greca - ben quattro raccontano la storia di Tiresia - a Omero, Dante, Eliot, Apollinaire, Primo Levi e tanti altri; persino Woody Allen lo fa apparire in un suo film. Indossando i panni di Tiresia Camilleri, con la potenza del mito e la forza della sua narrazione, conferma l’incrollabile passione per il teatro, la formidabile cultura, e ci regala un’opera unica, preziosa.

Conversazione su Tiresia

Camilleri Andrea