Narrativa

LA E SENZA ACCENTO

Geena

Descrizione: Quando la vita va troppo veloce e quasi ti sfugge di mano, non è facile conservare un’identità precisa. Ci sei tu e c’è il personaggio che hai costruito per raggiungere i tuoi obiettivi.Carmen è una giovane donna divisa tra apparenza e verità. Da un lato, si crede fredda e sprezzante, e così si mostra agli altri; dall’altro, si scopre fragile e insicura, eppure continua ostinatamente a nascondere ciò che sente davvero.Anche la narrazione asseconda questa doppia natura. Azioni e pensieri sembrano appartenere a persone diverse, per ciascun evento le emozioni sono sdoppiate e contrastanti.Ma chi è veramente Carmen? Quando anche lei l’ha ormai dimenticato, ci pensa la vita a riscuoterla dal suo torpore e metterla davanti a uno specchio. E allora anche la narrazione abbandona il duplice punto di vista per seguire la rinascita di chi ha finalmente capito di essersi smarrito e decide di ritrovare la sua unità, il suo accento mancante…

Categoria: Narrativa

Editore: Absolutely Free

Collana: Penelope

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

Geena, “profetessa” carismatica e sarcastica di cui già ne conosciamo gli aforismi, approda al suo primo romanzo dal titolo La e senza accento, edito da Absolutely Free Editore.

Carmen è una trentenne in carriera, un avvocato di successo ed in più è molto bella: “Due gambe snelle e ben tornite sorreggevano leggiadre un vitino taglia quaranta e un busto sottile adornato da un seno sodo e proporzionato. L’addome era piatto e definito, il sedere alto e tondo”.

Come tante, è una donna divisa. Divisa tra ciò che è stata e ciò che è, divisa tra quel che è e quel che appare, tra quello cui ambisce pubblicamente e quello che segretamente, invece, sogna.

Ci viene presentata fin da subito come cinica e superba; vittima della sua immagine, circondata da se stessa, dai suoi vestiti firmati e dalla scarpe griffate, dal suo lavoro, dal suo lussuoso appartamento.

“Svolgevo una professione che mi piaceva e in cui ero maestra; almeno due volte alla settimana mi concedevo una scopata. Cos’altro desiderare?”

La “scopata” in questione è Paolo, un collega con cui condivide il sesso, e con Eva, la sua futura sposa, condivide Paolo.

“…non ne facevo una questione morale. Ci sono momenti, nella vita di ognuno di noi, in cui lo spirito di sopravvivenza riemerge brutale e cancella sensi di colpa e preconcetti”.

Carmen affronta scetticamente l’amore e lo tiene a debita distanza: “L’amore era un eccesso a cui non ero mai arrivata, nel senso che non avrei mai dato la vita per qualcuno, o sacrificato le mie priorità, o cambiato le mie abitudini”.

Tra le pagine del romanzo, il confronto con altre tre “tipologie di donna” mette in evidenza “il lago di indifferenza che è il suo cuore”, per dirla alla Montale. La madre, l’amica degli anni dell’università ed Eva, così gentili, buone, materne, romantiche e bisognose di protezione, contrastano nettamente con la personalità forte, orgogliosa e sicura, almeno in superficie, di Carmen.

“Io non ero capace di esprimere i miei sentimenti, non lo ero mai stata. C’era sempre qualcosa a frenarmi, una sorta di pudore misto a superbia.

Non tolleravo che un uomo potesse credere che non ce l’avrei fatta ad andare avanti senza di lui”.

Ma, in questo suo muro di cinismo si riesce ad intravedere una crepa sotto cui, s’intuisce, si cela qualcos’altro.

Una sequela di eventi spiazzanti che si susseguono nella vita dell’avvocato, cominciano ad insinuare in lei un dubbio o forse, una consapevolezza. Nella sua vita manca qualcosa e questo qualcosa va cercato.

“Quando i gesti diventano abitudine e pensi di sapere come andrà a finire, trascuri una cosa fondamentale, e cioè che persino nel Monopoli c’è una casella col punto interrogativo: Imprevisti. E potresti essere costretto ad andare subito in prigione, senza passare dal Via. Figuriamoci nella vita… Ogni singolo istante è un lancio di dadi”.

Carmen fa un bilancio della sua vita, la “rilegge”, ne fa editing conscia che però, gli errori, le sviste, come un “e” senza accento, si possono correggere solo nel futuro, in un tempo che ancora non ci appartiene ma di cui possiamo tracciare le direttive.

“Ti è mai capitato di dire a te stessa: Come ho fatto a non pensarci prima? È solo un misero attimo… Poi subentrano distrazioni che di nuovo ti fanno smarrire. Però qualcosa resta, a ricordarti che hai provato a guardare al di là e che puoi riuscirci”.

Il testo è diviso in due sezioni che corrispondono alle due fasi della vita di Carmen; dialoghi spontanei e naturali s’intervallano a soliloqui e pensieri della donna, parti narrative a sprezzanti aforismi e sentenze che rimangono impresse nella memoria del lettore.

Il romanzo è l’intrigante e coinvolgente storia di qualcuna di noi, di qualche nostra amica, della vicina di casa, della collega di lavoro ma scritta con le parole provocatrici e spontanee dell’autrice; è la storia di un modo diverso di essere donna e del modo uguale in cui tutte, alla fin dei conti, lo siamo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Geena

Libri dallo stesso autore

Intervista a Geena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il ballo ha la perfezione esemplare di un piccolo classico, poiché riesce a mescolare, pur nella sua brevità, i temi più ardui: la rivalità madre-figlia, l’ipocrisia sociale, le goffe vertigini della ricchezza improvvisata, le vendette smisurate dell’adolescenza – che passano, in questo caso eccezionale, dall’immaginazione alla realtà. Perché è proprio una vendetta, quella della quattordicenne Antoinette nei confronti della madre: non premeditata, e per questo ancora più terribile. In poche pagine folgoranti, con la sua scrittura scarna ed essenziale, Irène Némirovsky condensa, senza nulla celare della sua bruciante crudeltà, un dramma di amore respinto, di risentimento e di ambizione. Nel 1929, quando Némirovsky pubblica David Golder, il suo primo romanzo (a cui l’anno dopo seguirà Il ballo), la critica manifesta tutta la sua sbalordita ammirazione di fronte a questa giovane donna elegante e mondana, appartenente a una ricca famiglia di émigré russi di origine ebrea, che si rivela una brillante scrittrice. Per tutti gli anni Trenta Irène Némirovsky continuerà a pubblicare con immutato successo. Nel dopoguerra, tuttavia, sulla sua opera cala il silenzio. Solo a partire dall’autunno del 2004 la critica, ma soprattutto i lettori, hanno cominciato a restituire a Irène Némirovsky il posto che le spetta fra i più grandi, e i più amati, narratori del Novecento.

Il ballo

Némirovsky Irène

Il diario del ritorno sul palco di un giovane musicista dopo un periodo di lontananza dai riflettori. Un diario sincero e fragile, scandito a ritmo di musica, di poche settimane destinate a segnare l'esistenza del protagonista. Poche settimane vissute fra la quotidianità di un lavoro qualunque, le serate in sala prove o in tour con i compagni di una vita e la ricerca di una stabilità emotiva. Costantemente in bilico fra le inquietudini di un passato in eterno ritorno e l'esigenza di un nuovo equilibrio e nuovi lampi di serenità. Un romanzo crudo e diretto, figlio del caos di questi anni senza identità.

SUONANDO PEZZI DI VETRO

Bonfanti Roberto

Sulla tua parola. Letture della messa per vivere la parola di Dio. Settembre-ottobre 2014

Da Jose Arcadio ad Aureliano Babilonia, dalla scoperta del ghiaccio alle pergamene dello zingaro Melquìades finalmente decifrate: Cent'anni di solitudine di una grande famiglia i cui componenti vengono al mondo, si accoppiano e muoiono per inseguire un destino ineluttabile, in attesa della nascita di un figlio con la coda di porco. Pubblicato nel 1967, scritto in diciotto mesi, ma "meditato" per più di tre lustri, Cent'anni di solitudine rimane un capolavoro insuperato e insuperabile, che nel 1982 valse al suo autore I'assegnazione del premio Nobel. Un libro tumultuoso con i toni della favola, sorretto da una tensione narrativa fondata su un portentoso linguaggio e su un'invidiabile fantasia. Garcia Marquez ha saputo rifondare la realtà e creare Macondo, il paradigma della solitudine, una situazione mentale e un destino più che un villaggio. Lo ha costretto a crescere avvinghiato alla famiglia Buendia. Lo ha trasformato in una città degli specchi e lo ha fatto spianare dal vento. In questo universo di solitudini incrociate, impenetrabili ed eterne, galleggia una moltitudine di eroi predestinati alla sconfitta, cui fanno da contraltare la solidità e la sensatezza dei personaggi femminili. Su tutti domina la figura del colonnello Aureliano Buendia, il primo uomo nato a Macondo, colui che promosse trentadue insurrezioni senza riuscire in nessuna, che ebbe diciassette figli maschi e glieli uccisero tutti, che sfuggì a quattordici attentati, a settantatre imboscate e a un plotone di esecuzione per finire i suoi giorni chiuso in un laboratorio a fabbricare pesciolini d'oro.

Cent’anni di solitudine

Márquez Gabriel García