Narrativa

LA E SENZA ACCENTO

Geena

Descrizione: Quando la vita va troppo veloce e quasi ti sfugge di mano, non è facile conservare un’identità precisa. Ci sei tu e c’è il personaggio che hai costruito per raggiungere i tuoi obiettivi.Carmen è una giovane donna divisa tra apparenza e verità. Da un lato, si crede fredda e sprezzante, e così si mostra agli altri; dall’altro, si scopre fragile e insicura, eppure continua ostinatamente a nascondere ciò che sente davvero.Anche la narrazione asseconda questa doppia natura. Azioni e pensieri sembrano appartenere a persone diverse, per ciascun evento le emozioni sono sdoppiate e contrastanti.Ma chi è veramente Carmen? Quando anche lei l’ha ormai dimenticato, ci pensa la vita a riscuoterla dal suo torpore e metterla davanti a uno specchio. E allora anche la narrazione abbandona il duplice punto di vista per seguire la rinascita di chi ha finalmente capito di essersi smarrito e decide di ritrovare la sua unità, il suo accento mancante…

Categoria: Narrativa

Editore: Absolutely Free

Collana: Penelope

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

Geena, “profetessa” carismatica e sarcastica di cui già ne conosciamo gli aforismi, approda al suo primo romanzo dal titolo La e senza accento, edito da Absolutely Free Editore.

Carmen è una trentenne in carriera, un avvocato di successo ed in più è molto bella: “Due gambe snelle e ben tornite sorreggevano leggiadre un vitino taglia quaranta e un busto sottile adornato da un seno sodo e proporzionato. L’addome era piatto e definito, il sedere alto e tondo”.

Come tante, è una donna divisa. Divisa tra ciò che è stata e ciò che è, divisa tra quel che è e quel che appare, tra quello cui ambisce pubblicamente e quello che segretamente, invece, sogna.

Ci viene presentata fin da subito come cinica e superba; vittima della sua immagine, circondata da se stessa, dai suoi vestiti firmati e dalla scarpe griffate, dal suo lavoro, dal suo lussuoso appartamento.

“Svolgevo una professione che mi piaceva e in cui ero maestra; almeno due volte alla settimana mi concedevo una scopata. Cos’altro desiderare?”

La “scopata” in questione è Paolo, un collega con cui condivide il sesso, e con Eva, la sua futura sposa, condivide Paolo.

“…non ne facevo una questione morale. Ci sono momenti, nella vita di ognuno di noi, in cui lo spirito di sopravvivenza riemerge brutale e cancella sensi di colpa e preconcetti”.

Carmen affronta scetticamente l’amore e lo tiene a debita distanza: “L’amore era un eccesso a cui non ero mai arrivata, nel senso che non avrei mai dato la vita per qualcuno, o sacrificato le mie priorità, o cambiato le mie abitudini”.

Tra le pagine del romanzo, il confronto con altre tre “tipologie di donna” mette in evidenza “il lago di indifferenza che è il suo cuore”, per dirla alla Montale. La madre, l’amica degli anni dell’università ed Eva, così gentili, buone, materne, romantiche e bisognose di protezione, contrastano nettamente con la personalità forte, orgogliosa e sicura, almeno in superficie, di Carmen.

“Io non ero capace di esprimere i miei sentimenti, non lo ero mai stata. C’era sempre qualcosa a frenarmi, una sorta di pudore misto a superbia.

Non tolleravo che un uomo potesse credere che non ce l’avrei fatta ad andare avanti senza di lui”.

Ma, in questo suo muro di cinismo si riesce ad intravedere una crepa sotto cui, s’intuisce, si cela qualcos’altro.

Una sequela di eventi spiazzanti che si susseguono nella vita dell’avvocato, cominciano ad insinuare in lei un dubbio o forse, una consapevolezza. Nella sua vita manca qualcosa e questo qualcosa va cercato.

“Quando i gesti diventano abitudine e pensi di sapere come andrà a finire, trascuri una cosa fondamentale, e cioè che persino nel Monopoli c’è una casella col punto interrogativo: Imprevisti. E potresti essere costretto ad andare subito in prigione, senza passare dal Via. Figuriamoci nella vita… Ogni singolo istante è un lancio di dadi”.

Carmen fa un bilancio della sua vita, la “rilegge”, ne fa editing conscia che però, gli errori, le sviste, come un “e” senza accento, si possono correggere solo nel futuro, in un tempo che ancora non ci appartiene ma di cui possiamo tracciare le direttive.

“Ti è mai capitato di dire a te stessa: Come ho fatto a non pensarci prima? È solo un misero attimo… Poi subentrano distrazioni che di nuovo ti fanno smarrire. Però qualcosa resta, a ricordarti che hai provato a guardare al di là e che puoi riuscirci”.

Il testo è diviso in due sezioni che corrispondono alle due fasi della vita di Carmen; dialoghi spontanei e naturali s’intervallano a soliloqui e pensieri della donna, parti narrative a sprezzanti aforismi e sentenze che rimangono impresse nella memoria del lettore.

Il romanzo è l’intrigante e coinvolgente storia di qualcuna di noi, di qualche nostra amica, della vicina di casa, della collega di lavoro ma scritta con le parole provocatrici e spontanee dell’autrice; è la storia di un modo diverso di essere donna e del modo uguale in cui tutte, alla fin dei conti, lo siamo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Geena

Libri dallo stesso autore

Intervista a Geena

Un sacerdote assiste alla sanguinosa fine di un matrimonio: Lena, esile ma intimamente feroce, si fa sposare con l’inganno da Alberto, che è innamorato di un’altra donna, Eva. Dopo anni di umiliazioni, Alberto uccide Lena e corre da Eva. Il sacerdote sospetta qualcosa e segue i due amanti nel loro viaggio disperato di albergo in albergo, (la loro luna di miele), sperando di riuscire in qualche modo a salvarli. Ma i due, sempre più immersi in un rapporto morboso, sensuale e rovente, sono inseguiti dal fantasma di Lena. Un romanzo psicologico che racconta “il male che nasce in due anime buone”.

Luna di miele

Scerbanenco Giorgio

Dal genio di Patrick McGrath, un romanzo che entra nei pensieri del suo protagonista, e di noi lettori, per far luce sulle diaboliche ossessioni scatenate dai segreti quando decidono di parlare. "Un romanzo magnifico, eccitante, che ti cattura dalla prima pagina e ti tiene in ostaggio fino alla fine. Patrick McGrath tocca nuovi folgoranti vertici di emozione." John Banville Londra, 1975. L’anziano poeta Francis McNulty sente avvicinarsi la fine dei suoi giorni ma il suo animo non trova pace, schiacciato da una colpa che non ha mai avuto il coraggio di confessare. Le ombre di un tradimento sotto le armi, durante la Guerra Civile spagnola, si allungano nella casa di Cleaver Square quando un’oscura presenza, con le fattezze del generale Francisco Franco, comincia a fargli visita. In alta uniforme, il contegno di un militare decaduto, l’apparizione perseguita Francis con i ricordi dei giorni drammatici di quarant’anni prima. Perseguitato dalle visioni e spronato dalle domande di un giovane reporter che sta scrivendo un pezzo su di lui, il vecchio poeta accetta l’invito della figlia ad accompagnarla in viaggio di nozze a Madrid, in cui vede finalmente l’occasione per affrontare i fantasmi del suo passato. Mentre nel palazzo reale si consuma l’agonia del Generalissimo, vittima e carnefice di un’epoca che si sta consumando, Francis torna nei luoghi della sua vergogna, in un viaggio liberatorio nel tempo, nei ricordi di famiglia, nei recessi della sua mente.

La lampada del diavolo

McGrath Patrick

II re dei camosci è un animale ormai stanco. Solitario e orgoglioso, da anni ha imposto al branco la sua supremazia. Forse è giunto il tempo che le sue corna si arrendano a quelle di un figlio più deciso. E novembre, tempo di duelli: è il tempo delle femmine. Dalla valle sale l'odore dell'uomo, dell'assassino di sua madre. Anche l'uomo, quell'uomo, era in là negli anni, e gran parte della sua vita era passata a cacciare di frodo le bestie in montagna. E anche quell'uomo porta, impropriamente, il nome di "re dei camosci" - per quanti ne aveva uccisi. Ha una Trecento magnum e una pallottola da undici grammi: non lasciava mai la bestia ferita, l'abbatteva con un solo colpo. Erri De Luca spia l'imminenza dello scontro, di un duello che sembra contenere tutti i duelli. Lo fa entrando in due solitudini diverse: quella del grande camoscio fermo sotto l'immensa e protettiva volta del cielo e quella del cacciatore, del ladro di bestiame, che non ha mai avuto una vera storia da raccontare per rapire l'attenzione delle donne, per vincere la sua battaglia con gli altri uomini. "In ogni specie sono i solitari a tentare esperienze nuove," dice De Luca. E qui si racconta, per l'appunto, di questi due animali che si fronteggiano da una distanza sempre meno sensibile, fino alla pietà di un abbraccio mortale.

Il peso della farfalla

De Luca Erri

Premio Andersen 2017 come "miglior libro a fumetti"

La compagnia dei soli

Rinaldi Patrizia, Paci Marco