Narrativa

La fabbrica della speranza

Sankaran Lavanya

Descrizione: Anana e un uomo che fa. Come un pioniere, si e aperto la strada in una terra ostile - lo stato indiano somiglia al nostro, invadente e dispotico quando chiede, inesistente quando serve - e intravede finalmente l'orizzonte: la sua è una fabbrica modello, pronta a decollare sul mercato internazionale. Anche i suoi figli gli sembrano un miracolo, mentre la moglie è capricciosa e insicura. Nei sogni Anand accarezza un'altra donna: accanto a Kavika, non è più solo. E quando di colpo tutto si complica, perché politici rapaci lo tormentano con un subdolo ricatto, Kavika è l'unica che lo sa ascoltare. Ma qual è il karma di Anand? Proteggere sua moglie per amore dei figli, o dare ascolto ai propri bisogni più intimi e abbandonarsi tra le braccia di Kavika? Cedere al ricatto che minaccia la sua fabbrica e adeguarsi alla corruzione imperante, o combattere e dire di no? Kamala è una vita che combatte. Ha lavorato nei cantieri con il figliolino al collo, dormendo sul marciapiede in una tenda improvvisata. Fare la serva per la famiglia di Anand le sembra una conquista: ha una casa minuscola in cui tornare la sera, può mandare a scuola il suo amato Narayan. La sua vita è distante mille miglia da quella dei suoi datori di lavoro, che spendono in un pomeriggio di shopping quello che lei guadagna in un anno, ma Kamala sarebbe contenta così. Se non fosse per la speculazione edilizia che minaccia la sua casa. Se non fosse per la calunnia che rischia di distruggere tutto quello che ha.

Categoria: Narrativa

Editore: Marcos y Marcos

Collana: Gli Alianti

Anno: 2014

ISBN: 9788871686813

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Il nuovo romanzo di Lavanya Sankaran  è ambientato a Bangalore, città che incarna i sogni e i problemi dell’India moderna. La fabbrica della speranza racconta il contrasto e la somiglianza tra modernizzazione e miseria.

“Il traffico era tremendo, stamattina” disse, nel tipico stile di Bangalore. Il traffico: gli autisti degli autorisciò con la loro guida sconsiderata e gli stranieri che strillavano terrorizzati sul sedile dei passeggeri; i camion e gli autobus strapieni che trattenevano il fiato per farsi strada attraverso improbabili viuzze sempre più strette; i gas di scarico che si mescolavano con il caldo e la furia crescenti, domati infine dalla pioggia e dalla rassegnazione; e il ritmo spasmodico di una canzone di Bollywood, ah baby, oh baby, sexy sexy baby baby.”

Dal lato c’è Anand, un uomo giusto che ha saputo creare dal nulla una piccola azienda. Ora è arrivato il momento di fare un salto di qualità comprando un terreno più grande. L’imprenditore si scontra con una miriade di difficoltà create per assurdo dalle istituzioni che dovrebbero aiutarlo.  Nonostante sia schiacciato da mazzette e dispetti continua a sperare aggrappandosi ai suoi valori, per i quali sa rinunciare a felicità apparentemente più appaganti.

L’uomo vive in una bella casa con sua moglie e i suoi figli, con tanto di piscina e servitù. In quelle stanze lussuose si aggira il rovescio della medaglia, Kamala, una vecchia donna di servizio che si sente realizzata perché quel lavoro alimenta la sua particolare speranza: il futuro del figlio Narayan.

I pochi e sudati soldi lo allontanano dalla strada e gli garantiscono una vita dignitosa. Non deve dormire nelle baracche o vendere la sua fatica per pochi spiccioli come è capitato a lei nel passato.

I due mondi si incontrano nella casa di Anand ma restano distanti. C’è il quartiere delle ville e quello delle camere in affitto, che sono tanto diversi. Eppure sono percorsi dalla stessa disperazione da cui ci si salva solo con la speranza.

Il secondo libro di Lavanya Sankaran è un bellissimo racconto su questo prezioso sentimento, uguale per tutti e fonte inesauribile di pienezza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lavanya

Sankaran

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sankaran Lavanya


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Con una ambientazione contemporanea, il primo volume di una saga di stampo mitologico - ''The Awakening series'' - che dosa sapientemente amore, avventura, elementi storici. Un vero CASO EDITORIALE che incanterà le giovani lettrici di tutto il mondo. Helen, timida adolescente di Nantucket, sta quasi per uccidere il ragazzo più attraente dell'isola, Lucas Delos, davanti a tutta la sua classe. L'episodio si rivela essere qualcosa di più di un mero incidente. Helen teme per la sua salute mentale: ha iniziato ad avere incubi di notte e allucinazioni di giorno. Ogni volta che vede Lucas le appaiono tre donne che piangono lacrime di sangue. Il tentato omicidio porta Helen a scoprire che lei e Lucas non stanno facendo altro che interpretare i ruoli di un'antica tragedia d'amore. Le apparizioni femminili rappresentano infatti le Erinni. Helen, come l'omonima Elena di Troia, è destinata a dare inizio alla guerra a causa della sua relazione con Lucas. I due scoprono sulla loro pelle che i miti non sono leggende. Ma è giusto o sbagliato stare con il ragazzo che si ama se questo significa mettere in pericolo il resto del mondo? Come si sconfigge il destino?

STARCROSSED

Angelini Josephine

Stefan Zweig scrisse Novella degli scacchi nel 1941, pochi mesi prima di suicidarsi, insieme con la seconda moglie, nella città brasiliana di Petropolis, il 22 febbraio 1942. La notizia della sua morte fu soffocata da quelle provenienti dai fronti di guerra e così anche la sua ultima, disperata protesta, non fu che un flebile grido, quasi inudibile nel frastuono di quegli anni. Nella Novella degli scacchi lo stato d'animo di abbandono, di infinita stanchezza, di rinuncia alla lotta, che portò l'autore al suicidio, è prefigurato nella sconfitta di colui che rappresenta la sensibilità, l'intelligenza, la cultura per opera di un semianalfabeta, ottuso uomo-robot. E, a rendere ancora più crudele la disfatta dello spirito, Zweig scelse come terreno dello scontro una scacchiera. Dallo sfacelo della sua «geistigen Heimat Europa», della sua patria spirituale, l'Europa, Zweig non vuole salvare nemmeno il gioco degli scacchi, ormai appannaggio non più di uomini dotati di talento, estro, passione, ma di «campioni» come Czentovic, un rozzo quanto prodigioso accumulo di facoltà puramente meccaniche.

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI

Stefan Zweig

Sulle spiagge dell'Adriatico un uomo giace sulla sabbia con la gola squarciata. Segue a breve un altro omicidio. L'assassino attende con pazienza che passi la tempesta ma non sa che il proprio nome è stato scritto sulla sabbia.

LA SABBIA NON RICORDA

Scerbanenco Giorgio

Napoli, Eremo dei Camaldoli; Vinicio Lamia, editore fallito e morfinomane, scopre l'archetipo di tutti i libri sacri, Nekros. "É il più sconosciuto dei testi poiché contiene la chiave di tutti gli altri; è alla portata di chiunque ma nessuno sa dove sia". Pubblicarlo sarà pericoloso: niente inchiostro né carta, solo sangue e pelle umana. Un vecchio avventuriero gesuita, una vedova avvenente e un amico ben armato, lo seguiranno per aiutarlo; o per impedirgli di rivoluzionare ogni principio teologico.

NEKROS

Ciaccio Ugo