Narrativa

La felicità del lupo

Cognetti Paolo

Descrizione: Fausto si è rifugiato in montagna perché voleva scomparire, Silvia sta cercando qualcosa di sé per poi ripartire verso chissà dove. Lui ha quarant'anni, lei ventisette: provano a toccarsi, una notte, mentre Fontana Fredda si prepara per l'inverno. Intorno a loro ci sono Babette e il suo ristorante, e poi un rifugio a piú di tremila metri, Santorso che sa tutto della valle, distese di nevi e d'erba che allargano il respiro. Persino il lupo, che mancava da un secolo, sembra aver fatto ritorno. Anche lui in cerca della sua felicità. «Un libro che sta racchiuso nei silenzi. Negli spartiti dei fiati, per esempio, è la virgola a dare il respiro, in poesia invece è l'andare a capo, mentre nei passi di montagna il respiro è una regola non scritta. Fiato, poesia, montagna, silenzi: è in questi elementi che si può riassumere l'ultimo libro di Paolo Cognetti.» – Eugenio Giannetta, Avvenire «Non è un romanzo sulla solitudine e non è un romanzo sulla montagna. La solitudine e la montagna sono parti fondamentali e vive di un racconto terso sugli incontri fra esseri umani.» – Annalena Benini, Il Foglio «Silvia rise. E di cosa sa gennaio? Di cosa sapeva gennaio? Fumo di stufa. Prati secchi e gelati in attesa della neve. Il corpo nudo di una ragazza dopo una lunga solitudine. Sapeva di miracolo.» Arrivato alla fine di una lunga relazione, Fausto cerca rifugio tra i sentieri dove camminava da bambino. A Fontana Fredda incontra Babette, anche lei fuggita da Milano molto tempo prima, che gli propone di fare il cuoco nel suo ristorante, tra gli sciatori della piccola pista e gli operai della seggiovia. Silvia è lí che serve ai tavoli, e non sa ancora se la montagna è il nascondiglio di un inverno o un desiderio duraturo, se prima o poi riuscirà a trovare il suo passo e se è pronta ad accordarlo a quello di Fausto. E poi c'è Santorso, che vede lungo e beve troppo, e scopre di essersi affezionato a quel forestiero dai modi spicci, capace di camminare in silenzio come un montanaro. Mentre cucina per i gattisti che d'inverno battono la pista e per i boscaioli che d'estate profumano il bosco impilando cataste di tronchi, Fausto ritrova il gusto per le cose e per la cura degli altri, assapora il desiderio del corpo e l'abbandono. Che esista o no, il luogo della felicità, lui sente di essere esattamente dove deve stare. Di Paolo Cognetti conosciamo lo sguardo luminoso e la voce limpida, il dono di osservare le relazioni umane nel loro dialogo ininterrotto con la natura, che siano i boschi di larici dei duemila metri o il paesaggio di roccia e ghiaccio dei tremila. Con le loro ferite e irrequietezze, quando scappano e quando poi fanno ritorno, i suoi personaggi ci sembrano amici che conosciamo da sempre, di quelli rari. È per questo, forse, che tra le pagine vive di questo libro purificatore abbiamo l'impressione di attraversare non le stagioni di un anno, ma di una vita intera.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2021

ISBN: 9788806249878

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La felicità del lupo di Paolo Cognetti

Fausto è alla ricerca della sua formula esistenziale (“Era stato dieci anni con la stessa donna, e per sei mesi con l’insipida compagnia di sé”) e, memore dell’amore per la montagna, si rifugia in un borgo alle falde delle Alpi (“Cosa ci fai qui sotto il Monte Rosa?”) e ricco di sorgive (“Fontana Fredda ne aveva parecchie”).

Lì trova occupazione come cuoco nel punto ristoro per montanari (“Sentì dire che Santorso aveva avuto un incidente… Ma quest’uomo non ce l’ha un parente?”) e gattisti, da Babette, ove conosce la giovane Silvia, anche lei in pausa di meditazione esistenziale.

Il tempo di tornare a Milano con “il desiderio di una conclusione dignitosa” con Veronica, poi si immerge nella sua nuova vita (“Ci pensi mai agli altri, mentre fai la tua decrescita felice?”) mentre in lui e in Silvia si fa spazio la tensione per un’esperienza montanara ancor più estrema.

Quando finisce la stagione, Silvia trova lavoro nel rifugio d’alta quota di Dufour (“Il Quintino Sella comparve all’ultimo, su un pianoro al limitare del ghiacciaio. Non avrebbe sfigurato come base artica…”), che raggiunge dopo un’emozionante traversata con uno sherpa nepalese (“In Nepal a tremila metri com’è? È campagna. Ci sono le risaie”), mentre Fausto gestisce il punto ristoro dei boscaioli della forestale, ritagliandosi sempre più il profilo di scrittore-cuoco (“Quel giorno erano Patate alla Mario, tratte da un racconto di Rigoni Stern”).

Fausto raggiunge Silvia (“Così Silvia se lo vide arrivare in rifugio impolverato e sudato, con il sacco a pelo arrotolato sullo zaino e la sua camicia a scacchi verde, ringiovanito e più bello di come lo ricordava…”) e insieme realizzano il sogno di vedere i ghiacciai perenni: “Adesso prova a distinguere la neve del Rodano dalla neve del Po, se sei capace…. Così era quella, la città perduta di Felik. I primi quattromila metri della vita di Silvia. Sotto di loro si confondevano le valli appena toccate dal sole, il pianeta azzurro che ricominciava a dibattersi, e intorno splendeva la superficie di quell’astro ghiacciato. Le creste del Rosa sembravano tagliate a colpi di spada”.

Il mistero e l’apparente indifferenza della montagna (“È sempre così quando muore qualcuno? Quasi sempre. Prima o poi una moglie o un figlio arrivano. È più triste quando arrivano i genitori”) assumono un ruolo entificante (“Mi sa che sono troppo delicato per diventare un montanaro”), placano e al tempo stesso catalizzano l’inquietudine personale (“Ma cosa ci faceva lì, uno scemo di quarant’anni senza famiglia e senza lavoro, se non inseguire la ridicola utopia del vivi-nel-posto-che-ti-fa-felice?”), sono un valore estetico (“È un posto di una bellezza assoluta. Ma è così duro”) e alimentano i sogni di ogni protagonista.

Intanto il lupo lascia tracce (“Sì, l’avversario aveva perso vigore, forse non tanto da essere diventato innocuo, ma abbastanza da potersi arrischiare. Forse le antiche regole andavano modificate”) visibili nelle spoglie di un camoscio…

A me il romanzo è piaciuto: l’ideale del ritorno alla purezza della natura, che nelle estremità del mondo si esalta, propizia una lettura rilassante e trasognata…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Cognetti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cognetti Paolo

Venezia 1604. Una gondola fende l’acqua nera come il petrolio. La lanterna dell’imbarcazione illumina fiocamente il volto pensieroso di Paul Pindar, mercante dell’onorevole Compagnia del Levante. L’uomo si trova ormai a Venezia da diversi mesi e consuma le sue notti e il suo denaro tra gioco d’azzardo e cortigiane. Ma niente riesce a fargli dimenticare Celia, la sua promessa sposa, rapita dai turchi per la sua pelle di luna e i biondi capelli. La sua bellezza l’ha resa una delle favorite del sultano. Ma ora il suo destino è sconosciuto. Nessuno sa se sia ancora rinchiusa tra i cancelli dorati dell’harem di Costantinopoli, un mondo proibito e impenetrabile, o se sia scomparsa per sempre. Eppure, proprio quando Paul ha quasi perso la speranza di rincontrarla, ecco che fra le calli veneziane inizia a serpeggiare una voce sempre più insistente. Si dice che in città sia nascosta una misteriosa pietra, “L’Azzurro” del sultano, un diamante blu dal valore inestimabile appartenuto al sovrano di Costantinopoli. Pindar non ha dubbi: deve impossessarsene a tutti i costi. E’ convinto che il gioiello lo ricondurrà in qualche modo a celia. Ma la strada è irta di pericoli. Perché molti altri sono disposti a uccidere pur di averlo. L’unica in grado di aiutarlo è Annetta, una monaca che si trovain un convento di clausura nella laguna veneziana. Il suo è un passato oscuro, indissolubilmente legato al’harem. Pindar deve incontrarla e parlarle, almeno una volta. Niente è come sembra tra gli intricati corridoi del convento e dietro le grate delle celle monacali, che nascondono pericoli, rame silenziose e lotte di potere. E mentre l’ossessione del mercante per il misterioso diamante aumenta sempre più, diventa chiaro che ci sono altre forze segrete in gioco. Il diamante è reale o si tratta solo di un tranello per trascinarlo verso la rovina?

Il diamante dell’harem

Hickman Katie

Pubblicato per la prima volta nel 1959, Una vita violenta venne giudicato dalla critica uno dei romanzi più importanti del dopoguerra. Lungi dal servire effetti coloriti e pittoreschi, il gergo fu utilizzato qui da Pasolini per dare una rappresentazione "lucida e spietata, delle persone e degli atti, dell'ambiente e delle fatalità" (Carlo Emilio Gadda) delle borgate romane. Il romanzo racconta la vera storia della vita breve, vissuta con passione, di Tommaso Puzilli, un giovane sottoproletario dei sobborghi romani. I piccoli furti, i rapporti con omosessuali, i vagabondaggi notturni, fino alla tragedia finale: il ritratto di un gruppo che vive al di fuori di ogni ordinamento sociale che lo possa condizionare. Con la prefazione di Vincenzo Cerami.

UNA VITA VIOLENTA

Pasolini Pier Paolo

Italo Gorini, ultraottantenne professore di Lettere in pensione, vedovo e disabile, un figlio di trentacinque anni laureato e disoccupato, è accudito da una badante straniera che ne tiene desti i sensi e le fantasie. Sono di casa la sorella Maddalena e la cognata Giorgina, che a oltre settant'anni non ha abdicato alla propria femminilità. Ma un colpo di scena impensabile deflagra da un lontano passato e sconvolge i rapporti tra l'anziano invalido e la badante, mettendo in crisi i delicati equilibri dell'intera famiglia. L'ambigua relazione affettiva tra il professore e la sorella, rimasta nubile e per questo convinta di avere in mano il destino del fratello, nonché l'imprevista reazione del figlio, rendono sorprendenti gli esiti della vicenda. Questo singolare romanzo si interroga (e ci interroga) su uno dei temi cruciali del mondo contemporaneo: il protrarsi, sempre più medicalizzato, della vita, che però non di rado, quando i sogni sono finiti e i giorni, le ore diventano una lunga attesa, trasforma la vecchiaia in una crudele solitudine. Non solo: è anche un implacabile ritratto di non poche famiglie d'oggi.

La badante

Collura Matteo

Un truce fatto di sangue. L'inviato di un giornale popolare di nome Firmino. Un avvocato anarchico e metafisico, ossessionato dalla Norma Base, che assomiglia a Charles Laughton. L'antica e affascinante città di Oporto. Un romanzo che sotto le apparenze di un'inchiesta costituisce una riflessione sull'abuso e sulla giustizia.

La testa perduta di Damasceno Monteiro

Tabucchi Antonio