Narrativa

La femmina nuda

Stancanelli Elena

Descrizione: Anna è una donna intelligente, bella, con un lavoro interessante, ma di colpo tutto questo non serve più. Dopo cinque anni la sua storia d'amore con Davide affonda in una palude di tradimenti, bugie, ricatti. E la sua vita va in pezzi. Si trasforma in un'isterica, non dorme, non mangia, fuma e si ubriaca ogni sera per riuscire ad addormentarsi. Compulsivamente inizia a frugare nel telefonino di lui nelle chat, sui social. Non sa cosa sta cercando, non sa perché lo sta cercando. Per un anno rimarrà prigioniera di quello che lei stessa chiama il regno dell'idiozia, senza riuscire a dirlo a nessuno. Questo racconto è la sua confessione, sotto torma di lettera, a Valentina, la sua più cara amica, che l'ha vista distruggersi sera dopo sera. Anna dice tutto, senza pudore. I dettagli umilianti e ridicoli, l'ossessione, la morbosità. Anna somiglia a tutti noi, che combattiamo questa guerra paradossale che chiamiamo amore. Ogni tanto vinciamo, più spesso perdiamo. L'unica cosa su cui possiamo sempre contare, l'unica capace di indicarci i nostri confini, i nostri bisogni, è il corpo. E sarà al corpo che Anna si aggrapperà per sconfiggere il dolore.

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: I delfini

Anno: 2017

ISBN: 9788893441735

Recensito da Simone Pozzati

Le Vostre recensioni

La femmina nuda di Elena Stancanelli

Elena Stancanelli consegna al lettore un romanzo crudo. La narrazione è avvincente. È un libro che si legge come un giallo. Ti impone di arrivare alla fine. Essenzialmente è  la storia di una donna morbosa, distrutta e ossessionata dalle sue insicurezze. Soprattutto sessuali.

Comincia tutto per via di una telefonata non chiusa. Nella quale Anna, la protagonista, ascolta le casuali confessioni di tradimento del compagno Davide.
“Ho appoggiato il telefono sul tavolo in viva voce. Sentivo i rumori della strada, voci sconosciute. Sentivo la voce di Davide, prima al bar poi all’officina. Tremavo. Ogni minuto di quel supplizio, ogni singolo secondo sapevo che stavo facendo la cosa sbagliata. Ma ero eccitata. Più di quando stai semplicemente facendo la cosa sbagliata. Ero eccitata come nell’istante in cui aspetti la punizione. – La vedi quella lì? Da quando si è tagliata i capelli me la scoperei subito.- Ha detto a un tizio la cui voce non riconoscevo. E subito dopo: – E comunque quando ho voglia di scopare c’ho questa e questa e questa…- 

Un elenco di donne. Tra le quali non risultavo io, ancora sua legittima compagna. Le conoscevo tutte: una cocainomane più vecchia di me, incapace di intendere e di volere, una tipa molto bassa e con la testa grossa che gli ronzava sempre intorno e mi chiedeva come facevo a stare con una persona come Davide ridendo nervosamente, un’insegnante d’asilo che portava la gonna con le scarpe da ginnastica e ogni volta che mi vedeva distoglieva lo sguardo.

E cane.
Che lui ovviamente chiamava col  suo vero nome. L’unica che non avessi mai visto. Sapevo della sua esistenza perché Davide me l’aveva nominata un numero di volte sufficiente a creare sospetto anche nella persona meno maliziosa del mondo. Era una cliente dell’officina”

Da qui in poi è un escalation di comportamenti ossessivi – compulsivi al limite dello stalking. Un continuo forzare password di account per spiare social, movimenti e vita del fidanzato che ben presto diventa ex.
Mi chiedo se sia nella nostra natura cercare di forzare l’intimità delle persone. Provare a entrare nei pensieri, nel corpo di qualcun altro, per scoprire se è diverso da noi. Se questa smania di frugare fa parte del nostro fardello di cretineria, quello che dovremmo alleggerire incarnazione dopo incarnazione, o se il mezzo ci ha reso più idioti che mai.

Anna passerà dalle sbronze allo Xanax, sfiorando l’anoressia. Continuerà oppressa dal dolore a spiare Davide e quella donna di cui si sente rivale, Cane (chiamata così perché ha un cane di nome Cane n.d.r.). Anna sarà spietata prima con se stessa, poi con gli altri. E forse per lei la soluzione ultima sarà vivere il corpo, assecondarlo.

“Il corpo scarta. Si ammala, ti molla in mezzo alla strada, ti stordisce. Ma a volte senza che tu te ne accorga, ti porta in salvo, lontanissimo.”
Buona lettura

Simone Pozzati

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Stancanelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stancanelli Elena

Etor è il personaggio nato dalla matita del disegnatore, writer e motion grapher Totore Nilo, e rappresenta il suo "alter ego", il Totore Nilo/bambino, raffigurato con casco e occhiali da aviatore e accompagnato dal suo immancabile aeroplano. Il casco è magico e consente di viaggiare nello spazio e nel tempo, per evadere dalla banalità, dal grigiore, dalle tante gabbie metaforiche e psicologiche che condizionano la vita dell'uomo. Età di lettura: da 7 anni.

Etor nel paese delle carabattole salvate

Pezzetta Cristiana

Con un'analisi antropologica l'autore racchiude nella figura di Arturo - che all'inizio è presentato come un piccolo orfano, per poi ritrovarsi, alla fine della storia, un uomo anziano, saggio e fonte di consigli preziosi per le nuove generazioni - tutte le riflessioni sull'esistenza umana. Infanzia, primi amori, matrimonio, famiglia, lavoro, pensione, vedovanza, sono temi affrontati con vera introspezione psicologica, che costituiscono uno specchio di verità per chiunque si accosti a questa lettura. La vita del protagonista è scandita da una continua lotta con l'oscuro destino, la cui ingovernabilità rispetto alle vite altrui non sarà che un'amara accettazione. Nonostante le rinunce e i dispiaceri, un'energia però è in grado di animare ancora la speranza di Arturo, quella dirompente dell'amore, che lo sosterrà fino a età matura, quando a essa si affiancherà un'altra forza, quella dei ricordi, che come un'ancora gli permetterà di stare a essi aggrappato, come se ancora ogni cosa fosse possibile e in viaggio verso la realizzazione.

Vecchiaia e gioventù

Giancane Gaetano

Una Venezia estiva ammorbata da una peste incombente ospita l'inquieto Gustav Aschenbach, famoso scrittore tedesco che ha costruito vita e opera sulla più ostinata fedeltà ai canoni classici dell'etica e dell'estetica. Un sottile impulso lo scuote nel momento in cui compare sulla spiaggia del Lido la spietata bellezza di Tadzio, un ragazzo polacco. Un unico gioco di sguardi, la vergogna della propria decrepitezza, la scelta di imbellettarsi per nasconderla, sono i passi che scandiscono la vicenda. In pieno Novecento, Thomas Mann ha colto e rappresentato la grande cultura borghese in via di dissoluzione, in un'opera emblematica che fonde la perfezione formale con la rappresentazione degli aspetti patologici di quella crisi.

La morte a Venezia

Mann Thomas

Mauro Bignami, professore di filosofia, ha due amici che gestiscono un B&B ed ospitano alcuni americani che soggiornano nella loro struttura. Sul green del Golf Club di Pleasant Valley, un caddy viene colpito a morte da un fucile di precisione durante una partita di golf, e questo evento coinvolge direttamente uno degli ospiti del B&B. Bignami spinto da curiosità e senso della giustizia, si lascia coinvolgere in questa vicenda, correndo grossi rischi ma imprimendo alla torbida faccenda lo sviluppo conclusivo.

Trappola per lupi

Vallepiano Bruno