Narrativa

La femmina nuda

Stancanelli Elena

Descrizione: Anna è una donna intelligente, bella, con un lavoro interessante, ma di colpo tutto questo non serve più. Dopo cinque anni la sua storia d'amore con Davide affonda in una palude di tradimenti, bugie, ricatti. E la sua vita va in pezzi. Si trasforma in un'isterica, non dorme, non mangia, fuma e si ubriaca ogni sera per riuscire ad addormentarsi. Compulsivamente inizia a frugare nel telefonino di lui nelle chat, sui social. Non sa cosa sta cercando, non sa perché lo sta cercando. Per un anno rimarrà prigioniera di quello che lei stessa chiama il regno dell'idiozia, senza riuscire a dirlo a nessuno. Questo racconto è la sua confessione, sotto torma di lettera, a Valentina, la sua più cara amica, che l'ha vista distruggersi sera dopo sera. Anna dice tutto, senza pudore. I dettagli umilianti e ridicoli, l'ossessione, la morbosità. Anna somiglia a tutti noi, che combattiamo questa guerra paradossale che chiamiamo amore. Ogni tanto vinciamo, più spesso perdiamo. L'unica cosa su cui possiamo sempre contare, l'unica capace di indicarci i nostri confini, i nostri bisogni, è il corpo. E sarà al corpo che Anna si aggrapperà per sconfiggere il dolore.

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: I delfini

Anno: 2017

ISBN: 9788893441735

Recensito da Simone Pozzati

Le Vostre recensioni

La femmina nuda di Elena Stancanelli

Elena Stancanelli consegna al lettore un romanzo crudo. La narrazione è avvincente. È un libro che si legge come un giallo. Ti impone di arrivare alla fine. Essenzialmente è  la storia di una donna morbosa, distrutta e ossessionata dalle sue insicurezze. Soprattutto sessuali.

Comincia tutto per via di una telefonata non chiusa. Nella quale Anna, la protagonista, ascolta le casuali confessioni di tradimento del compagno Davide.
“Ho appoggiato il telefono sul tavolo in viva voce. Sentivo i rumori della strada, voci sconosciute. Sentivo la voce di Davide, prima al bar poi all’officina. Tremavo. Ogni minuto di quel supplizio, ogni singolo secondo sapevo che stavo facendo la cosa sbagliata. Ma ero eccitata. Più di quando stai semplicemente facendo la cosa sbagliata. Ero eccitata come nell’istante in cui aspetti la punizione. – La vedi quella lì? Da quando si è tagliata i capelli me la scoperei subito.- Ha detto a un tizio la cui voce non riconoscevo. E subito dopo: – E comunque quando ho voglia di scopare c’ho questa e questa e questa…- 

Un elenco di donne. Tra le quali non risultavo io, ancora sua legittima compagna. Le conoscevo tutte: una cocainomane più vecchia di me, incapace di intendere e di volere, una tipa molto bassa e con la testa grossa che gli ronzava sempre intorno e mi chiedeva come facevo a stare con una persona come Davide ridendo nervosamente, un’insegnante d’asilo che portava la gonna con le scarpe da ginnastica e ogni volta che mi vedeva distoglieva lo sguardo.

E cane.
Che lui ovviamente chiamava col  suo vero nome. L’unica che non avessi mai visto. Sapevo della sua esistenza perché Davide me l’aveva nominata un numero di volte sufficiente a creare sospetto anche nella persona meno maliziosa del mondo. Era una cliente dell’officina”

Da qui in poi è un escalation di comportamenti ossessivi – compulsivi al limite dello stalking. Un continuo forzare password di account per spiare social, movimenti e vita del fidanzato che ben presto diventa ex.
Mi chiedo se sia nella nostra natura cercare di forzare l’intimità delle persone. Provare a entrare nei pensieri, nel corpo di qualcun altro, per scoprire se è diverso da noi. Se questa smania di frugare fa parte del nostro fardello di cretineria, quello che dovremmo alleggerire incarnazione dopo incarnazione, o se il mezzo ci ha reso più idioti che mai.

Anna passerà dalle sbronze allo Xanax, sfiorando l’anoressia. Continuerà oppressa dal dolore a spiare Davide e quella donna di cui si sente rivale, Cane (chiamata così perché ha un cane di nome Cane n.d.r.). Anna sarà spietata prima con se stessa, poi con gli altri. E forse per lei la soluzione ultima sarà vivere il corpo, assecondarlo.

“Il corpo scarta. Si ammala, ti molla in mezzo alla strada, ti stordisce. Ma a volte senza che tu te ne accorga, ti porta in salvo, lontanissimo.”
Buona lettura

Simone Pozzati

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Stancanelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stancanelli Elena


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il Novecento è appena iniziato in Giappone, e l'era Meiji sembra aver restituito onore e grandezza al paese facendone una nazione moderna. Per il gatto protagonista di queste pagine, però, un'oscura follia aleggia nell'aria, nel Giappone all'alba del XX secolo. Il nostro eroe vive, infatti, a casa di un professore che si cimenta in bizzarre imprese. Scrive prosa inglese infarcita di errori, recita canti no¯ō nel gabinetto, tanto che i vicini lo hanno soprannominato il «maestro delle latrine», accoglie esteti con gli occhiali cerchiati d'oro, spettegola della vita dissoluta di libertini e debosciati. Insomma, mostra a quale grado di insensatezza può giungere il genere umano in epoca moderna... Pubblicato per la prima volta nel 1905, Io sono un gatto non è soltanto un romanzo raro, che ha per protagonista un gatto, filosofo e scettico, che osserva distaccato un radicale mutamento epocale. È anche uno dei grandi libri della letteratura mondiale, la prima opera che, come ha scritto Claude Bonnefoy, inaugura il grande romanzo giapponese all'occidentale.

Io sono un gatto

Soseki Natsume

Shuggie è un adolescente obeso, che racconta la propria storia e quella della sua famiglia, composta dalla madre Glenda e dal patrigno Red, un uomo brutale e ignorante che odia il ragazzo ma lo usa nei suoi furti di medicine e di qualsiasi altra cosa che possa poi rivendere. Glenda tira avanti occupandosi del cimitero locale e passa il tempo cercando di distrarre Red da suo figlio, che lei invece adora: lo chiama Sweet Mister e non fa che promettergli che prima o poi avranno una vita migliore. Ma quando un giorno Glenda vede una Thunderbird verde coi sedili di pelle e il suo giovane guidatore, Jimmy Vin Pearce, si innesca una catena di eventi che potrebbe generare solo dolore e sangue... così la donna deve tenere segreta la sua infatuazione per i soldi e i bei vestiti di Jimmy Vin, mentre lei e suo figlio sognano di scappare dalla loro vita d’inferno per trovarne una priva della violenza che hanno conosciuto finora.

IO E GLENDA

Woodrell Daniel

Adam ogni giorno ricomincia da capo: un treno diverso, un'università diversa, una donna diversa. Il lunedì parte da Milano all'alba, aspetta la coincidenza a Tortona e va a insegnare ebraico ad Alessandria; poi, se i preliminari con Paola procedono senza intoppi, riesce a rientrare in tempo per fare la spesa e preparare la cena per la moglie Hhava. Il martedì a Bergamo potrebbe anche non andare, il compenso per le sue lezioni è troppo basso, ma a Bergamo c'è Monica, con il suo naso semitico, i suoi riccioli rossi, la sua voce roca, il suo accento irresistibile. Il mercoledì a Pavia lo aspetta la collega Teresa, il giovedì a Treviso fa l'amore con Fernanda nel locale caldaia, il venerdì a Verona sale nel monolocale di Sasha con una fetta di torta altoatesina, ma il sabato finalmente si riposa. Il sabato Adam corre sul lungomare di Levante, si ferma a scrivere una poesia al bar Sereno, sveglia la moglie con il profumo dei biscotti appena sfornati. Ogni settimana si ripete come una giostra infinita, come un viaggio in tondo da un microcosmo all'altro. Finché un giorno, del tutto inaspettata, si apre anche per lui una via di fuga: la speranza di un'unica vita, di un mondo solo, dove potersi abbandonare in pace. "Bar Atlantic" è la storia di un precario della scuola, della vita, dell' amore: di un casalingo inquieto che venera sua moglie e ha un'amante diversa in cinque città.

BAR ATLANTIC

Osimo Bruno

Perché una sacca di sangue costa 3 euro al Sant’Andrea di Vercelli e 12 al Gallicano di Cosenza? E perché la Regione Piemonte dispone di 700 dipendenti e la Sicilia di 6000? Ci sono tante cose che ci fanno arrabbiare: gli sprechi, le inefficienze e ognuna delle mille male-qualcosa che popolano le cronache quotidiane. Una volta si tratta di truffe. Un’altra volta è una partoriente che ci lascia la pelle a causa di un errore o di un disguido. Un’altra ancora sono i treni fermi in mezzo alla campagna per il sistema andato in tilt. Perché tutto questo? La risposta non viene da differenze culturali o caratteriali che, con facile qualunquismo, si potrebbero individuare. La ragione affonda le radici nella storia: proprio quella di 150 anni fa. Se oggi i cittadini si lamentano per l’eccessivo carico fiscale e per le troppe tasse che gravano sul singolo contribuente, diventa inevitabile rammentare che l’andazzo prese il via giusto un secolo e mezzo fa, quando ci si cominciò a inventare imposte con tanta fantasia e nessuna logica. Se adesso tutti parlano di federalismo (e pochi immaginano come farlo) è perché si riconosce implicitamente che sono stati commessi errori imperdonabili che adesso diventa urgente rettificare. Non un’Italia unita e nuova ma un regno sabaudo allargato, che annette, che conquista e che impone le sue regole e le sue misure. Un travisamento degli accordi e del progetto originario, che ha tradito il Nord danneggiando anche il Sud.

Polentoni

Del Boca Lorenzo