Narrativa

La femmina nuda

Stancanelli Elena

Descrizione: Anna e Davide stanno insieme da cinque anni. Si sono amati e traditi, come tutti. Ma un giorno qualcosa cambia. Davide diventa violento, aggressivo e Anna scopre che si è innamorato di un’altra donna. Trova foto hot e alcuni messaggi in cui lui le scrive che la ama. Davide nega, attacca, non vuole che la loro storia finisca. Anna lo manda via di casa e precipita nell’ossessione. Smette di mangiare, controlla continuamente i social network dell’ex compagno e della rivale e, in un crescendo morboso, comincia a pedinarla, arriva a conoscerla e a frequentarla, fino a quando il gioco diventa troppo difficile da continuare. Il nuovo, atteso romanzo di Elena Stancanelli è la storia di una donna che, nella forma di una confessione spudorata alla propria migliore amica, racconta il lato oscuro di ogni donna.

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2016

ISBN: 9788893440028

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

L’amore ed il tradimento 2.0 vissuti all’epoca di Internet. In estrema sintesi si potrebbe riassumere in questo modo La femmina nuda, l’ultimo libro di Elena Stancanelli, candidato al “Premio Strega 2016” e pubblicato dalla nuova casa editrice “La nave di Teseo”, nata (anche) con il contributo del professor Umberto Eco.

Anna, la protagonista di La femmina nuda, è una donna dei nostri tempi, felice ed innamorata del suo compagno con il quale convive da diversi anni, fino a quando non scopre di essere vittima del tradimento. L’altra – che non sarà mai chiamata nel libro con il suo vero nome – viene ribattezzata spregevolmente da Anna con l’epiteto di “Cane”, che rappresenta tra l’altro il nome che la stessa rivale ha affibbiato al proprio cagnolino. La narrazione è una sorta di confessione epistolare della protagonista che a posteriori, rivolgendosi all’amica Valentina, descrive la spirale di idiozia e di nevrosi raggiunte a seguito della scoperta del tradimento subito. Per Anna diventa un’ossessione il bisogno di spiare il suo (ex) fidanzato ricorrendo sia a Facebook (riesce ad indovinare la sua password di accesso al profilo) sia ad un’app per smartphone, che le permette di controllare virtualmente “il puntino blu” che individua gli spostamenti e le scappatelle di lui sulla mappa della città di Roma. La tecnologia costituisce pertanto la chiave di accesso al segreto mondo dei due amanti e Anna riesce infatti a intercettare “i selfies” che “Cane” trasmette  sul programma di messaggistica o via posta elettronica, rimanendo sconvolta dai particolari anatomici immortalati. Tutto questo voyeurismo svela le riflessioni più interessanti trattate nel libro perché dimostra come i social network condizionino pesantemente le nostre vite, permettendoci di spiare impunemente la privacy altrui senza essere visti, come del resto ammette la stessa protagonista: “Se invece ci spostiamo per intero dentro la virtualità spariscono tutti i freni, perché sparisce la nostra identità”. Il rovescio della medaglia invece è il prezzo che si paga nell’accedere a tutto quello che dovrebbe rimanere privato: Anna rimane profondamente turbata, prova rabbia e frustrazione alla vista delle foto che ritraggono la rivale nella sua nudità. Di fronte a tutto questo scopre a sua volta di sentirsi nuda (pur trattandosi di una nudità interiore), impotente e fragile dinnanzi agli eventi.

La femmina nuda in definitiva è un romanzo estremamente attuale tanto per le riflessioni  sull’uso sistematico dei social network quanto perché rappresenta uno spaccato piuttosto realistico della vita di coppia e del tradimento, il cui significato sembra venire in qualche modo svuotato e banalizzato nelle dinamiche relazionali dei nostri giorni. Il tutto viene confezionato dalla Stancanelli avvalendosi di un linguaggio piuttosto forte e crudo, con espressioni viscerali ed estreme, a tratti forse anche eccessive, con l’intento però di delineare adeguatamente gli stati d’animo di chi li vive in presa diretta.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

adalgisa

Pessimo libro, da non consigliarne vivamente la lettura, soldi buttati per l'acquisto.

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Stancanelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stancanelli Elena

LACRIME DI TENEBRA

Hamilton Laurell K.

Aprire un cassetto, una scatolina rossa, una bella cassapanca coi piedi di leone, un'angoliera - tutti oggetti che stavano nella vecchia casa di famiglia - e trovarci dentro "un richiamo come all'indietro". Un richiamo a un passato ricevuto in eredità ma di cui il cinquantenne Ugo ha solo pochi ricordi: la casa di Guzzano, un tempo piena di vita ma già vuota dopo la sua nascita, già solamente casa di vacanze, e poi la zia Bruna, la zia Maria, la zia Fila, il nonno, lo zio Renato, lo zio Arrigo... Di fronte a questo vuoto, a questo buco impossibile da riempire ma che è ormai necessario attraversare, Ugo non può che inventarsi il proprio modo per creare "un piccolo centro d'ordine in mezzo alle forze del caos". E il modo che si inventa è raccontare. Allora ecco che dal passato sorgono frammenti, piccole avventure, le corse in macchina con il nonno, l'aia di notte, il favo dei calabroni nel sottotetto, l'amore alla falsa diga del Limentra, visi in penombra, frasi che ritornano, che non si è mai finito, sembra ieri, forza e coraggio. Ma soprattutto emozioni, piccole angosce, malinconie, un po' di sollievo. Sennonché chi racconta ha l'abitudine di evitare, di scantonare, di "slaterare", perciò alle emozioni sigillate dentro a quei cassetti antichi arriva piano e slaterando, appunto, parlando di chi ha conosciuto appena per arrivare infine alla perdita dei genitori: allo smantellamento degli affetti più cari.

Buchi

Cornia Ugo

L'8 febbraio del 1989 un aereo partito da Bergamo, con 144 persone a bordo, si schianta su una montagna delle isole Azzorre. Una bambina di sei anni perde il padre nel disastro. Venticinque anni dopo la stessa bambina decide di partire per l'arcipelago portoghese. "Azzorre "è il viaggio di quella bambina ormai donna. Un viaggio fatto di persone e luoghi, di testimonianze, ricordi, reticenze, incontri fortuiti e voluti; un viaggio privo di compatimenti, intrapreso nella speranza che possa esistere una verità di altra sostanza, a suo modo liberatoria.

Azzorre

Giampaoli Cecilia

Un vocabolario che comincia con un "abbraccio" e prosegue con "cuore", "dedica", "incontro", "notte", e "piangere" in cui Barthes interviene con il suo sottile ingegno di linguista a collezionare tutti questi discorsi spuri in un unico soliloquio. Per il grande pensatore francese l'amore è un discorso sconvolgente ed egli lo ripercorre attraverso un glossario dove recupera i momenti della "sentimentalità", opposta alla "sessualità", traendoli dalla letteratura occidentale, da Platone a Goethe, dai mistici a Stendhal. Si realizza così un repertorio suffragato da calzanti riferimenti letterari e da obbligati riferimenti psicanalitici sul lessico in uso nell'iniziazione amorosa.

Frammenti di un discorso amoroso

Barthes Roland