Narrativa

La femmina nuda

Stancanelli Elena

Descrizione: Anna e Davide stanno insieme da cinque anni. Si sono amati e traditi, come tutti. Ma un giorno qualcosa cambia. Davide diventa violento, aggressivo e Anna scopre che si è innamorato di un’altra donna. Trova foto hot e alcuni messaggi in cui lui le scrive che la ama. Davide nega, attacca, non vuole che la loro storia finisca. Anna lo manda via di casa e precipita nell’ossessione. Smette di mangiare, controlla continuamente i social network dell’ex compagno e della rivale e, in un crescendo morboso, comincia a pedinarla, arriva a conoscerla e a frequentarla, fino a quando il gioco diventa troppo difficile da continuare. Il nuovo, atteso romanzo di Elena Stancanelli è la storia di una donna che, nella forma di una confessione spudorata alla propria migliore amica, racconta il lato oscuro di ogni donna.

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2016

ISBN: 9788893440028

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

L’amore ed il tradimento 2.0 vissuti all’epoca di Internet. In estrema sintesi si potrebbe riassumere in questo modo La femmina nuda, l’ultimo libro di Elena Stancanelli, candidato al “Premio Strega 2016” e pubblicato dalla nuova casa editrice “La nave di Teseo”, nata (anche) con il contributo del professor Umberto Eco.

Anna, la protagonista di La femmina nuda, è una donna dei nostri tempi, felice ed innamorata del suo compagno con il quale convive da diversi anni, fino a quando non scopre di essere vittima del tradimento. L’altra – che non sarà mai chiamata nel libro con il suo vero nome – viene ribattezzata spregevolmente da Anna con l’epiteto di “Cane”, che rappresenta tra l’altro il nome che la stessa rivale ha affibbiato al proprio cagnolino. La narrazione è una sorta di confessione epistolare della protagonista che a posteriori, rivolgendosi all’amica Valentina, descrive la spirale di idiozia e di nevrosi raggiunte a seguito della scoperta del tradimento subito. Per Anna diventa un’ossessione il bisogno di spiare il suo (ex) fidanzato ricorrendo sia a Facebook (riesce ad indovinare la sua password di accesso al profilo) sia ad un’app per smartphone, che le permette di controllare virtualmente “il puntino blu” che individua gli spostamenti e le scappatelle di lui sulla mappa della città di Roma. La tecnologia costituisce pertanto la chiave di accesso al segreto mondo dei due amanti e Anna riesce infatti a intercettare “i selfies” che “Cane” trasmette  sul programma di messaggistica o via posta elettronica, rimanendo sconvolta dai particolari anatomici immortalati. Tutto questo voyeurismo svela le riflessioni più interessanti trattate nel libro perché dimostra come i social network condizionino pesantemente le nostre vite, permettendoci di spiare impunemente la privacy altrui senza essere visti, come del resto ammette la stessa protagonista: “Se invece ci spostiamo per intero dentro la virtualità spariscono tutti i freni, perché sparisce la nostra identità”. Il rovescio della medaglia invece è il prezzo che si paga nell’accedere a tutto quello che dovrebbe rimanere privato: Anna rimane profondamente turbata, prova rabbia e frustrazione alla vista delle foto che ritraggono la rivale nella sua nudità. Di fronte a tutto questo scopre a sua volta di sentirsi nuda (pur trattandosi di una nudità interiore), impotente e fragile dinnanzi agli eventi.

La femmina nuda in definitiva è un romanzo estremamente attuale tanto per le riflessioni  sull’uso sistematico dei social network quanto perché rappresenta uno spaccato piuttosto realistico della vita di coppia e del tradimento, il cui significato sembra venire in qualche modo svuotato e banalizzato nelle dinamiche relazionali dei nostri giorni. Il tutto viene confezionato dalla Stancanelli avvalendosi di un linguaggio piuttosto forte e crudo, con espressioni viscerali ed estreme, a tratti forse anche eccessive, con l’intento però di delineare adeguatamente gli stati d’animo di chi li vive in presa diretta.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

adalgisa

Pessimo libro, da non consigliarne vivamente la lettura, soldi buttati per l'acquisto.

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Stancanelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stancanelli Elena

Dopo "Vaticano Spa", "Sua santità", "Via crucis", tre inchieste che ci hanno introdotto nelle stanze e nei segreti più profondi del Vaticano, in questo nuovo libro Gianluigi Nuzzi ricompone, attraverso documenti inediti, carte riservate dell'archivio Ior e testimonianze sorprendenti, i tre fili rossi - quello del sangue, dei soldi e del sesso - che collegano e spiegano la fitta trama di scandali, dal pontificato di Paolo VI fino a oggi. Una ragnatela di storie dagli effetti devastanti, che hanno suscitato nel tempo interrogativi sempre rimasti senza risposta e che paralizzano ogni riforma di papa Francesco. L'autore ricostruisce molte verità che mancavano, a cominciare dal mistero della morte di papa Luciani...; la trattativa riservata tra Vaticano e procura di Roma per chiudere il caso Emanuela Orlandi; i conti di cardinali, attori, politici presso lo lor, tra operazioni milionarie, lingotti d'oro, fiumi di dollari e trame che portano al traffico internazionale di droga; l'evidenza di una lobby gay che condiziona pesantemente le scelte del Vaticano, tra violenze e pressioni perpetrate nei sacri palazzi e qui per la prima volta documentate. Ecco il "fuori scena" di un blocco di potere per certi aspetti criminale, ramificato, che continua ad agire impunito, più forte di qualsiasi papa (Ratzinger è stato costretto alle dimissioni aprendo però la strada a Bergoglio), sempre capace di rigenerarsi, che ostacola con la forza del ricatto e dei privilegi ogni tentativo di riforma.

Peccato originale

Nuzzi Gianluigi

Sono le cinque meno dieci esatte. Il lago s'intravede all'orizzonte: è una lunga linea di grafite, nera e argento. L'uomo che pulisce sta per iniziare una giornata scandita dalla raccolta della spazzatura. Non prova ribrezzo per il suo lavoro, anzi: sa che è necessario. E sa che è proprio in ciò che le persone gettano via che si celano i più profondi segreti. E lui sa interpretarli. E sa come usarli. Perché anche lui nasconde un segreto. L'uomo che pulisce vive seguendo abitudini e ritmi ormai consolidati, con l'eccezione di rare ma memorabili serate speciali. Quello che non sa è che entro poche ore la sua vita ordinata sarà stravolta dall'incontro con la ragazzina col ciuffo viola. Lui, che ha scelto di essere invisibile, un'ombra appena percepita ai margini del mondo, si troverà coinvolto nella realtà inconfessabile della ragazzina. Il rischio non è solo quello che qualcuno scopra chi è o cosa fa realmente. Il vero rischio è, ed è sempre stato, sin da quando era bambino, quello di contrariare l'uomo che si nasconde dietro la porta verde. Ma c'è un'altra cosa che l'uomo che pulisce non può sapere: là fuori c'è già qualcuno che lo cerca. La cacciatrice di mosche si è data una missione: fermare la violenza, salvare il maggior numero possibile di donne. Niente può impedirglielo: né la sua pessima forma fisica, né l'oscura fama che la accompagna. E quando il fondo del lago restituisce una traccia, la cacciatrice sa che è un messaggio che solo lei può capire. C'è soltanto una cosa che può, anzi, deve fare: stanare l'ombra invisibile che si trova al centro dell'abisso.

Io sono l’abisso

Carrisi Donato

"Anche sulla luna ci sono della macchie nere", recita un proverbio bengalése, ed è proprio a Dhaka, capitale del Bangladesh che si svolge questa struggente e delicata storia d'amore e d'amicizia. Kazi e Aniza sono due dodicenni, amici del cuore, che vivono in uno dei tanti quartieri poveri della città. I ragazzi stanno sempre insieme e condividono gioie e dolori quotidiani, fino a quando Aniza non viene venduta, dalla sua famiglia, a una casa d'appuntamenti e Kazi, pieno di sensi di colpa per non essere riuscito a liberare l'amica, se ne va. Qualche anno più tardi si rincontreranno, e dovranno fare i conti con i lati oscuri del passato e con terribili minacce rappresentate da fanatici religiosi. Una storia scritta in modo armonioso, semplice e lineare, capace di raccontare la forza dell'amore e la volontà di riscatto di chi continua a sognare, nonostante tutto, un futuro migliore.

Le sfumature della luna

Saba Bilkis

"Non vi tragga in inganno il mio romantico abbandono, le forme delicate, i colori tenui, le vetrate colorate che risplendono nel sole. Io rivivo di notte, tra le nebbie delle risaie, i rumori furtivi della campagna, il gelo che trasmetto a chi mi osserva. Struggente lamento fra queste mura, infame è la mia solitudine...". La "villa degli amanti maledetti" poco fuori Lomello si erge in tutta la sua spettrale bellezza, ma un'ombra funesta incombe sempre su di essa. Nel 1964 l'ultimo proprietario chiuse dietro di sé il pesante cancello e se ne andò senza più voltarsi. Nessuno sarebbe mai più dovuto entrare, e mai nessuno osò farlo. Nicole ha ventun anni, è una brillante studentessa di Psicologia; la discussione della sua tesi verte su credenze popolari e isterie collettive. Ha un solo obiettivo: scrivere una tesi originale e attuale e quella villa in stile liberty fa al caso suo... Una casa avvolta nel mistero. Una morte sospetta. Inizia un'indagine segnata da brusche svolte e drammatici cambiamenti di direzione, nel corso della quale il maresciallo Marchi si troverà ad affrontare una realtà sconvolgente.

La casa delle ombre

Mizar Paini Paola