Narrativa

La femmina nuda

Stancanelli Elena

Descrizione: Anna e Davide stanno insieme da cinque anni. Si sono amati e traditi, come tutti. Ma un giorno qualcosa cambia. Davide diventa violento, aggressivo e Anna scopre che si è innamorato di un’altra donna. Trova foto hot e alcuni messaggi in cui lui le scrive che la ama. Davide nega, attacca, non vuole che la loro storia finisca. Anna lo manda via di casa e precipita nell’ossessione. Smette di mangiare, controlla continuamente i social network dell’ex compagno e della rivale e, in un crescendo morboso, comincia a pedinarla, arriva a conoscerla e a frequentarla, fino a quando il gioco diventa troppo difficile da continuare. Il nuovo, atteso romanzo di Elena Stancanelli è la storia di una donna che, nella forma di una confessione spudorata alla propria migliore amica, racconta il lato oscuro di ogni donna.

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2016

ISBN: 9788893440028

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

L’amore ed il tradimento 2.0 vissuti all’epoca di Internet. In estrema sintesi si potrebbe riassumere in questo modo La femmina nuda, l’ultimo libro di Elena Stancanelli, candidato al “Premio Strega 2016” e pubblicato dalla nuova casa editrice “La nave di Teseo”, nata (anche) con il contributo del professor Umberto Eco.

Anna, la protagonista di La femmina nuda, è una donna dei nostri tempi, felice ed innamorata del suo compagno con il quale convive da diversi anni, fino a quando non scopre di essere vittima del tradimento. L’altra – che non sarà mai chiamata nel libro con il suo vero nome – viene ribattezzata spregevolmente da Anna con l’epiteto di “Cane”, che rappresenta tra l’altro il nome che la stessa rivale ha affibbiato al proprio cagnolino. La narrazione è una sorta di confessione epistolare della protagonista che a posteriori, rivolgendosi all’amica Valentina, descrive la spirale di idiozia e di nevrosi raggiunte a seguito della scoperta del tradimento subito. Per Anna diventa un’ossessione il bisogno di spiare il suo (ex) fidanzato ricorrendo sia a Facebook (riesce ad indovinare la sua password di accesso al profilo) sia ad un’app per smartphone, che le permette di controllare virtualmente “il puntino blu” che individua gli spostamenti e le scappatelle di lui sulla mappa della città di Roma. La tecnologia costituisce pertanto la chiave di accesso al segreto mondo dei due amanti e Anna riesce infatti a intercettare “i selfies” che “Cane” trasmette  sul programma di messaggistica o via posta elettronica, rimanendo sconvolta dai particolari anatomici immortalati. Tutto questo voyeurismo svela le riflessioni più interessanti trattate nel libro perché dimostra come i social network condizionino pesantemente le nostre vite, permettendoci di spiare impunemente la privacy altrui senza essere visti, come del resto ammette la stessa protagonista: “Se invece ci spostiamo per intero dentro la virtualità spariscono tutti i freni, perché sparisce la nostra identità”. Il rovescio della medaglia invece è il prezzo che si paga nell’accedere a tutto quello che dovrebbe rimanere privato: Anna rimane profondamente turbata, prova rabbia e frustrazione alla vista delle foto che ritraggono la rivale nella sua nudità. Di fronte a tutto questo scopre a sua volta di sentirsi nuda (pur trattandosi di una nudità interiore), impotente e fragile dinnanzi agli eventi.

La femmina nuda in definitiva è un romanzo estremamente attuale tanto per le riflessioni  sull’uso sistematico dei social network quanto perché rappresenta uno spaccato piuttosto realistico della vita di coppia e del tradimento, il cui significato sembra venire in qualche modo svuotato e banalizzato nelle dinamiche relazionali dei nostri giorni. Il tutto viene confezionato dalla Stancanelli avvalendosi di un linguaggio piuttosto forte e crudo, con espressioni viscerali ed estreme, a tratti forse anche eccessive, con l’intento però di delineare adeguatamente gli stati d’animo di chi li vive in presa diretta.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

adalgisa

Pessimo libro, da non consigliarne vivamente la lettura, soldi buttati per l'acquisto.

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elena

Stancanelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stancanelli Elena

Vincitore del Premio Mondello e Super Mondello 2007 «Si può anche immaginare questo romanzo come uno splendido film, o come un mosaico: tutte le sue tessere compongono un quadro che ricorda i dipinti di David Hockney, e così quella raccontata è una Seconda guerra mondiale senza la solita epopea, ma con tutti i momenti tristi, felici, eccitanti e tragici della vita, restituiti da una scrittura asciutta e accurata» – Frankfurter Allgemeine Zeitung Centro Italia, alla vigilia del secondo conflitto mondiale. La vita di un gruppo di ragazzi e ragazze si trova nel pieno di quella che presto diventerà una guerra civile. Fra loro c'è Stefano Portelli, avvocato di belle speranze con la testa gonfia di utopie innamorato di Eleonora. E c'è la cognata Nina, legata in segreto a Sergio, capo partigiano quasi adolescente. Altre esistenze corrono parallele, incrociandosi poi in maniera imprevista: quella di Alastair Ormiston, pilota inglese della RAF, che adora i libri di Virginia Woolf e sogna il compagno ideale. E quella di Edna, l'amica del cuore che, in una Londra bombardata dai nazisti, scopre se stessa e la felicità. Se queste vite si incroceranno in maniera imprevista, rimescolando le carte della grande Storia, sarà per opera di un destino che le supera, bruciandole in un falò dove tutto si consuma – gioia e dolore insieme.

I giorni innocenti della guerra

Fortunato Mario

Dialogando con il figlio mai avuto, un uomo ripercorre la sua vita. Ma se a quel padre e a quel figlio dà la voce Erri De Luca, leparole nate dalla notte emanano luce. “Le parole, figlio, non inventano la realtà, che esiste comunque. Danno alla realtà la lucidità improvvisa, che le toglie la sua naturale opacità e così la rivela.” In una sera senza corrente elettrica, mentre rilegge Pinocchio, un uomo sente la presenza del figlio che non ha avuto, il figlio che la madre – la donna con cui in gioventù lo concepì – decise di abortire. Alla fiamma del camino, il figlio gli appare già adulto, e quella presenza basta “qui e stasera” a fare la sua paternità. Per tutta la notte al figlio “estratto da una cena d’inverno” lui racconta “un poco di vita scivolata”. E così ecco l’infanzia napoletana, la nostalgia della madre e del padre, il bisogno di andare via, di seguire la propria libertà – “lalibertà che ho conosciuto è stata andare e stare dove non potevo fare a meno” –, le guerre trascorse ma anche i baci che ha dato… e, a poco a poco che racconta, immagina le reazioni di questo figlio adulto, ciò che potrebbe dire, fino a che il figlio, da muto che era, prende la parola e inizia a dare voce alla propria curiosità (“a proposito di maschere, di che ti vestivi a Carnevale?”), punteggia il racconto del padre con domande e osservazioni, lo guida, aiuta a mettere i dettagli a fuoco, e si fa guidare. Il monologo iniziale diventa così un dialogo a due voci, che indaga su una vita, sugli affetti, sulle scelte fatte, sui libri letti e su quelli scritti, sull’importanza delle parole e delle storie. Un’indagine che, più che tracciare un bilancio, vuol essere scandaglio, ricerca intima – quasi una rivelazione –, che accoglie l’obiezione, è aperta all’errore, si china sull’inevitabilità di ciò che è stato e salva, tramanda le qualità emerse dai ricordi (“questa potrebbe essere una dote per me: imparare da qualunque esempio”)...

Il giro dell’oca

De Luca Erri

PASSIONE VINTAGE

Wolff Isabella

De Amicis, Edmondo – SANGUE ROMAGNOLO (Cuore, 1886)