Letteratura russa

La figlia del capitano

Puškin Aleksandr Sergeevič

Descrizione: Pubblicato nel 1836, il romanzo - che narra l"iniziazione" del giovane Grinev sullo sfondo della rivolta di Pugacev - sfugge a classificazioni precise, perché sospeso tra generi diversi. Prevalgono tuttavia in esso l'ironia, il superamento delle convenzioni romantiche e un interesse così acuto per la storia che sembra presupporre, da parte dello scrittore, una presa di posizione di tipo ideologico. Ma Puskin non era un rivoluzionario, né un ammiratore del popolo russo in quanto forza progressista. Nel "Capitolo omesso", qui riportato in Appendice, si legge infatti: "Quelli che da noi progettano impossibili rivolte o sono giovani e non conoscono il nostro popolo oppure sono persone dal cuore crudele, per le quali la testa altrui vale un quarto di copeco e la propria pelle ne vale uno". Con buona pace della critica "sociale", Puskin non era schiavo di alcuna ideologia.

Categoria: Letteratura russa

Editore: Mondadori

Collana: Oscar grandi classici

Anno: 2005

ISBN: 9788804534433

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Pubblicato nel 1836, Puškin sfruttò le ricerche storiche che aveva condotto – in quasi dieci anni – per il saggio Storia della rivolta di Pugacëv, uscito appena due anni prima.

 La figlia del capitano fu l’ultimo romanzo dell’autore, morto l’anno successivo alla pubblicazione – ad appena 38 anni – a seguito delle ferite riportate in un duello.

Si tratta di uno dei primi esempi di romanzo storico della letteratura russa, che seppur molto diverso, aprì successivamente la strada al ben più conosciuto Guerra e pace, di Tolstoj. Certo le differenze tra i due romanzi sono notevoli. Innanzitutto La figlia del capitano è narrato in prima persona dal protagonista, Pëtr Andréevič Grinëv, giovane di famiglia nobile e ricca, che ad appena sedici anni il padre decide di arruolare nell’esercito. Anche lo stile poi è molto diverso. La prosa di Puškin è più asciutta rispetto a quella di Tolstoj. Sembra talvolta che l’autore voglia narrare quanto più velocemente possibile i fatti, per passare a quelli successivi.

Senza alcun dubbio il risultato è un romanzo di veloce lettura (ciò è anche dovuto alla lunghezza contenuta), che non riesce ad annoiare.

Veniamo alla trama. Pëtr Andréevič Grinëv sembra avere una strada già stabilita sin dalla nascita. Iscritto nell’elenco della guardia quando era ancora nella pancia della madre, al momento di dover partire il padre decide di cambiarne il destino e di arruolarlo nell’esercito regolare. Nel viaggio per recarsi alla sede dove prestare servizio è accompagnato dal fedele servo Savél’ič, che più di una volta gli salverà la vita. Durante il lungo tragitto per raggiungere la propria destinazione, Pëtr incontrerà due bizzarri personaggi. Ciascuno di questi svolgerà poi un ruolo importante nella storia a seguire.

La sua destinazione è un piccolo avamposto in una remota zona nella steppa russa: la fortezza di Belogorsk. Un’area sino a poco tempo prima in grande tumulto, agitata dalla rivolta del cosacco Pugacëv. Proprio nella piccola fortezza dove era stato inviato, Pëtr conosce una giovane ragazza, la figlia del capitano in comando Mironov, di nome Maša. I due si innamorano quasi subito, generando l’invidia di un altro ufficiale di stanza presso la fortezza, un attaccabrighe di nome Švabrin.

Contemporaneamente si diffonde la notizia della fuga di Pugacëv dalla prigione nella quale era stato incarcerato. In breve tempo i ribelli guidati dal cosacco raggiungono la fortezza e la conquistano. Pëtr riesce ad abbandonarla per recarsi nella sede del comando, lasciando però Maša nelle mani di Švabrin, che dopo aver rinnegato la fedeltà alla Zarina Caterina II, è stato nominato comandante della fortezza.

Cosa accade dopo ve lo lascio scoprire da soli.

Come detto sopra, la storia del cosacco ribelle e pretendente al trono (si faceva chiamare il vero Zar) è realmente accaduta, ed ha rappresentato per la Russia un periodo di particolare agitazione, per le forti tensioni esistenti tra le diverse classi sociali – che Puškin descrive ed enfatizza nel suo romanzo. La figura di Pugačëv, anche dopo la sua sconfitta, rimase significativa tra le classi meno abbienti (che costituivano la stragrande maggioranza della popolazione russa di quei tempi) anche negli anni a seguire.

Proprio la rilevanza che assunse la rivolta, e gli sforzi compiuti per sedarla, furono alcuni dei motivi per cui l’autore decise di pubblicare l’opera in forma anonima a sue spese.

Credo che la scelta di Puškin sia stata abbastanza logica, se si pensa al fatto che la figura di Pugačëv non è stata demonizzata, ma descritta spesso anche nel suo lato umano (immagino questo potesse non piacere, considerato anche che le ricerche per la preparazione del saggio sulla rivolta erano state pagate dallo stato, senza che però lo stesso saggio ottenesse il successo sperato).

Potete trovare maggiori dettagli su Wikipedia, alla voce Emel’jan Ivanovič Pugačëv, o leggendo il saggio di Puškin sopra citato.

Un piacevole romanzo breve di uno dei principali esponenti della letteratura russa, le cui opere furono di ispirazione a molti dei grandi scrittori che seguirono nella seconda parte dell’ottocento.

  

button acquista feltrinelli

{jcomments on}

 

 

 

 

 

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sergeevič

Aleksandr

Puškin

Libri dallo stesso autore

Intervista a Puškin Aleksandr Sergeevič

Doppio sogno

Schnitzler Arthur

A Fercolo, piccolo centro dell’entroterra calabrese, vive l’umanità del romanzo. Un’umanità complessa e dolorosa, caratterizzata da situazioni irrisolte e trasversali nell’incertezza dei rapporti. Un professore precario, un politico navigato, una prostituta, un ragazzino alla ricerca del vero padre, due studenti dagli opposti destini, un maresciallo a caccia di un omicida. Un viaggio in pulmino, tra strade e paesi di Calabria, una terra con le sue smemoratezze, “i suoi caratteri, il rammarico profondo per tutto quello che potrebbe essere e non è.” Un viaggio che, seppur breve, rimescola le carte e i rapporti, rimette in discussione le singole vite, stravolgendole: dopo non sarà più come prima. Vicende umane, tra derive e riscatti, paesaggi del cuore e di una regione che, aspra e dura, cerca tenerezza. Prefazione di Pino Aprile.

L’assenza che volevo

Talarico Olimpio

Dai poemi omerici alla fantascienza contemporanea, dai testi sacri ai fumetti, passando per tutti i capisaldi della nostra educazione alla lettura (dai "Ventimila leghe sotto i mari" ad "Alice nel paese delle meraviglie", dal "Milione" di Marco Polo a Tolkien), l'umanità ha continuamente inventato terre immaginarie e leggendarie, proiettando lì desideri, sogni, utopie, incubi troppo ingombranti e impegnativi per il nostro limitato mondo reale. Umberto Eco ci conduce in un vero e proprio viaggio illustrato in queste terre lontane e sconosciute, facendoci scoprire da chi sono abitate, quali passioni le attraversano, quali eroi le abitano e, soprattutto, quale importanza rivestono per noi. Un percorso erudito e godibile insieme che accosta testi antichi e medievali a testi contemporanei, film a poemi, fumetti a romanzi che hanno segnato la sensibilità e la formazione di tutti noi.

Storia delle terre e dei luoghi leggendari

Eco Umberto

Quando una donna viene lasciata, tanto più se di punto in bianco, le ambasce del cuore possono travolgerla e spingerla a entrare nel tortuoso tunnel delle supposizioni, delle attese spasmodiche - più o meno sensate - di un segnale, magari nella speranza che non sia proprio l'ultimo e che lui ritorni. Ma così non va. C'è una cosa che le donne dovrebbero imparare dagli uomini, e cioè l'arte di dimenticare. Nessuno ci insegna come si fa ad amare, a evitare di essere infelici, a dimenticare, a spezzare le lancette dell'orologio dell'amore. Come si fa a non tormentarci, a lottare contro la tirannia delle piccole cose, a neutralizzare il complotto dei ricordi e ignorare un telefono che resta muto. Esiste qualcuno che, mentre siamo lì a singhiozzare per un torto d'amore, ci dice che un giorno rideremo di quella stessa cosa che oggi ci fa piangere? Attraverso le confidenze di amiche e conoscenti, proverbi e una ricchissima raccolta di aforismi di personaggi famosi - poeti, scrittori, filosofi arabi e non - questo libro è una sapiente e gustosa raccolta di pillole di saggezza per prendere le distanze da una storia finita e creare i presupposti per una nuova. Una meditazione piena di stile e ironia su come sopravvivere all'amore e ai suoi danni.

L’ARTE DI DIMENTICARE

Mosteghanemi Ahlam