Romanzo storico

La figlia del mattino

Gedge Pauline

Descrizione: Oltre 3.500 anni fa, il Sole diede vita a una bambina, Hatshepsut, figlia minore del Faraone. La piccola era fuori dal comune, era agile e aveva doti magiche. Quando sua sorella maggiore morì, fu lei a dover sposare Thutmosis, figlio illegittimo del Faraone, assicurando così una discendenza al sangue divino. La figlia del mattino, «uno dei più bei romanzi storici sulla vita nell’antico Egitto» («The New York Book Review»), racconta le vicissitudini di Hatshepsut, la prima donna faraone, che intorno all’anno 1500 a.C. governò brillantemente per oltre due decenni. A partire dalla descrizione dell’infanzia di Hatshepsut, la sua ascesa al potere, il suo amore impossibile con l’architetto di corte e, infine, il suo assassinio, Pauline Gedge ha scritto un romanzo epico, accuratamente basato su fatti storici, ricco di aneddoti sulla vita a Tebe, sul solare mondo egiziano in tutto il suo splendore.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Castelvecchi

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788876157295

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Autrice di tredici romanzi che hanno venduto oltre sei milioni di copie nel mondo, Pauline Gedge ha da sempre riconosciuto nella scrittura il proprio modo di esprimere ciò che non le riusciva altrettanto bene di dire a voce. Nel suo sito internet narra la propria vita e di come sia riuscita a trasformare quella che inizialmente era una esigenza (lo scrivere) in una professione. Lo scrivere è letteralmente nel mio sangue (Writing is quite literally in my blood). Non avrebbe potuto essere più esplicita. 

La figlia del mattino è stato il suo primo romanzo ad essere pubblicato, nonché il libro che le ha consentito di seguire la strada che aveva sempre sentito essere tracciata davanti a sé.

 

Questo romanzo, come altri che ha scritto e pubblicato successivamente, è ambientato nell’antico Egitto. Il soggetto scelto dall’autrice è un personaggio di cui poco si sente parlare, ma al quale fonti storiche attribuiscono non poca rilevanza, avendo garantito durante il suo regno un periodo di prosperità. Il suo nome è Hatshepsut che, a dispetto di quanto forse vi aspettereste, è una donna, e più in particolare una delle poche donne che hanno regnato in Egitto e certamente l’unica ad essersi fregiata del titolo di faraone. Di lei sono giunte poche notizie. Il figliastro, che la seguì sul trono, cercò di cancellarne ogni traccia. Fortunatamente non riuscì nel suo intento e la storia di questo incredibile personaggio è giunta fino a noi, anche grazie alla penna di Pauline Gedge, che ci fa vivere il suo coraggio e le sue paure, descrivendo una donna che sin da bambina era destinata alla storia.

 

Il romanzo ripercorre tutta la vita di Hatshepsut. Da sempre la favorita del padre, il faraone Thutmose I, venne da questi scelta come regnante dopo la morte della sorella maggiore, a dispetto dell’esistenza di un erede maschio, nato dalla seconda moglie del faraone, considerato da tutti come inadatto a regnare. In una società dove la donna non aveva un ruolo di primaria importanza e dove la legge prescriveva che solo un uomo potesse diventare faraone, Hatshepsut riuscì ad imporsi, circondandosi di una schiera di persone fidate che l’accompagnarono fino alla morte. Tra questi, senza dubbio il più degno di nota è Sepmut, che conquistò il cuore della giovane regina e lo fece suo per tutta la vita. La storia di Sepmut, che si intreccia con quella di Hatshepsut, è quella di un giovane nato in una famiglia di contadini, che ancora bambino fu portato dal padre in convento perché diventasse sacerdote e cambiasse la propria sorte. Il destino ebbe però molto di più in serbo per lui di quanto il padre potesse mai aspettarsi. Un uomo coraggioso e leale, che affrontò ogni nuova sfida con la semplicità che la sua umile nascita gli aveva assicurato e che mai avrebbe perso.

 

Un romanzo storico veramente ben scritto. Descritto dalla New York Book Review come “uno dei più bei romanzi sulla vita nell’antico Egitto”, La figlia del mattino trascina il lettore nell’affascinante società egiziana, descrivendone le credenze e le tradizioni e facendogli vivere, seppur per poche ore, le vita di quei personaggi che vissero oltre 3500 anni fa, ma che la penna dell’autrice riesce a farci sembrare attuali.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pauline

Gedge

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gedge Pauline


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Platone, avaro e pomposo aristocratico, avido di popolarità, vuole sbancare con un best-seller, e , costi quel che costi, concretizzare la propria idea di Stato giusto. Socrate è un beone geniale e alla moda, non manca un solo banchetto, ma ha il vizio di rubacchiare qua e là monili e statuette con cui rimpingua la bottega di antiquariato della moglie, la bionda Santippe. Platone decide di sfruttare la situazione, ricatta Socrate e gli offre denaro in cambio dei dialoghi che solitamente getta al vento. Alla celebre coppa di cicuta Socrate giunge per motivi diversi da quelli tradizionalmente noti: snocciolando i lati oscuri di quegli antichi geni, il demiurgo Durrenmatt intavola un dibattito sul rapporto fra concreto e astratto, pubblicità e vero sapere, ambizione e qualità. Lucido e sorprendente, abile nel giocare con i grandi pensieri e la storia come fossero biglie di vetro, Durrenmatt chiama alla riflessione, anche con poche battute.

La morte di Socrate

Le assi curve di Yves Bonnefoy

Arrivano tutte le sere, d'estate. Scaricano da un furgoncino un divano, tavolini e lampade. E pescano. L'alcolizzato abita in una Baracca. I ragazzi vanno da lui a raccattare i vuoti per rivenderseli e comprare qualcosa, un hamburger oppure una scatola di proiettili. Quel giorno il ragazzino sceglie i proiettili. La seconda guerra mondiale è appena finita, e nessuno fa caso a un adolescente con un fucile sottobraccio, fermo a una stazione di servizio. Il ragazzino è un uomo e ricorda, prima che il vento si porti via tutto, l'America e i suoi sogni, l'alcolizzato e le sue bottiglie, i due sul divano in riva al lago. La scelta, leggera e terribile, tra hamburger e proiettili, un colpo di fucile in un campo di meli e l'amico bello e ferito, lasciato lì a morire dissanguato. "American Dust" è un'elegia delicata e sorprendente, in cui l'infanzia e la morte danzano insieme, avvolte nella polvere del sogno americano.

AMERICAN DUST

Brautigan Richard

Anime assassine. I casi dell’Ispettore Quetti

Diego Collaveri