Romanzo storico

La figlia del mattino

Gedge Pauline

Descrizione: Oltre 3.500 anni fa, il Sole diede vita a una bambina, Hatshepsut, figlia minore del Faraone. La piccola era fuori dal comune, era agile e aveva doti magiche. Quando sua sorella maggiore morì, fu lei a dover sposare Thutmosis, figlio illegittimo del Faraone, assicurando così una discendenza al sangue divino. La figlia del mattino, «uno dei più bei romanzi storici sulla vita nell’antico Egitto» («The New York Book Review»), racconta le vicissitudini di Hatshepsut, la prima donna faraone, che intorno all’anno 1500 a.C. governò brillantemente per oltre due decenni. A partire dalla descrizione dell’infanzia di Hatshepsut, la sua ascesa al potere, il suo amore impossibile con l’architetto di corte e, infine, il suo assassinio, Pauline Gedge ha scritto un romanzo epico, accuratamente basato su fatti storici, ricco di aneddoti sulla vita a Tebe, sul solare mondo egiziano in tutto il suo splendore.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Castelvecchi

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788876157295

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Autrice di tredici romanzi che hanno venduto oltre sei milioni di copie nel mondo, Pauline Gedge ha da sempre riconosciuto nella scrittura il proprio modo di esprimere ciò che non le riusciva altrettanto bene di dire a voce. Nel suo sito internet narra la propria vita e di come sia riuscita a trasformare quella che inizialmente era una esigenza (lo scrivere) in una professione. Lo scrivere è letteralmente nel mio sangue (Writing is quite literally in my blood). Non avrebbe potuto essere più esplicita. 

La figlia del mattino è stato il suo primo romanzo ad essere pubblicato, nonché il libro che le ha consentito di seguire la strada che aveva sempre sentito essere tracciata davanti a sé.

 

Questo romanzo, come altri che ha scritto e pubblicato successivamente, è ambientato nell’antico Egitto. Il soggetto scelto dall’autrice è un personaggio di cui poco si sente parlare, ma al quale fonti storiche attribuiscono non poca rilevanza, avendo garantito durante il suo regno un periodo di prosperità. Il suo nome è Hatshepsut che, a dispetto di quanto forse vi aspettereste, è una donna, e più in particolare una delle poche donne che hanno regnato in Egitto e certamente l’unica ad essersi fregiata del titolo di faraone. Di lei sono giunte poche notizie. Il figliastro, che la seguì sul trono, cercò di cancellarne ogni traccia. Fortunatamente non riuscì nel suo intento e la storia di questo incredibile personaggio è giunta fino a noi, anche grazie alla penna di Pauline Gedge, che ci fa vivere il suo coraggio e le sue paure, descrivendo una donna che sin da bambina era destinata alla storia.

 

Il romanzo ripercorre tutta la vita di Hatshepsut. Da sempre la favorita del padre, il faraone Thutmose I, venne da questi scelta come regnante dopo la morte della sorella maggiore, a dispetto dell’esistenza di un erede maschio, nato dalla seconda moglie del faraone, considerato da tutti come inadatto a regnare. In una società dove la donna non aveva un ruolo di primaria importanza e dove la legge prescriveva che solo un uomo potesse diventare faraone, Hatshepsut riuscì ad imporsi, circondandosi di una schiera di persone fidate che l’accompagnarono fino alla morte. Tra questi, senza dubbio il più degno di nota è Sepmut, che conquistò il cuore della giovane regina e lo fece suo per tutta la vita. La storia di Sepmut, che si intreccia con quella di Hatshepsut, è quella di un giovane nato in una famiglia di contadini, che ancora bambino fu portato dal padre in convento perché diventasse sacerdote e cambiasse la propria sorte. Il destino ebbe però molto di più in serbo per lui di quanto il padre potesse mai aspettarsi. Un uomo coraggioso e leale, che affrontò ogni nuova sfida con la semplicità che la sua umile nascita gli aveva assicurato e che mai avrebbe perso.

 

Un romanzo storico veramente ben scritto. Descritto dalla New York Book Review come “uno dei più bei romanzi sulla vita nell’antico Egitto”, La figlia del mattino trascina il lettore nell’affascinante società egiziana, descrivendone le credenze e le tradizioni e facendogli vivere, seppur per poche ore, le vita di quei personaggi che vissero oltre 3500 anni fa, ma che la penna dell’autrice riesce a farci sembrare attuali.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pauline

Gedge

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gedge Pauline

Un libro essenziale per ogni fan di Freddie, che racconta il crepuscolo del cantante e l’alba del mito.

L’ultimo Freddie Mercury

De Ponti Roberto

In mezzo alle montagne c'è il lago d'Orta. In mezzo al lago c'è l'isola di San Giulio. Sull'isola c'è la villa del barone Lamberto, un signore molto vecchio, molto ricco, sempre malato. Le sue malattie sono ventiquattro, e solo il fedele maggiordomo Anselmo è in grado di ricordarsele tutte... Ma ecco che intanto piombano sull'isola il perfido nipote Ottavio, che mira ad impadronirsi dell'eredità, e una gang di banditi decisi a rapire il barone e a chiedere un riscatto enorme. Le storie di Rodari offrono divertimento e una girandola di situazioni e personaggi esilaranti: un modo di comprendere questo nostro mondo. Età di lettura: da 11 anni.

C’era due volte il barone Lamberto

Rodari Gianni

Artur Paz Semedo, impiegato di una storica fabbrica d'armi, le Produzioni Bellona s.a., e intenditore di film bellici, viene profondamente colpito da alcune commoventi immagini de "L'espoir", di André Malraux, cui assiste casualmente. La successiva lettura del libro, che pare già provocare un'impercettibile incrinatura nelle sue certezze di amante appassionato delle armi da fuoco e, poco dopo, il suggerimento della ex moglie Felícia, una pacifista convinta, di investigare negli archivi dell'azienda per scoprire se le Produzioni Bellona s.a. abbiano mai venduto armamenti ai fascisti lo avviano verso un'avventura...

Alabarde Alabarde

Saramago Jose

In una Barcellona avvolta nella nebbia, l'architetto e restauratore Gabriel Grieg riceve la visita di una sconosciuta, che gli dà una notizia sconvolgente: entro ventiquattr'ore il suo destino cambierà radicalmente. E in effetti, la sua vita sarà rivoluzionata dalla scoperta dell'oscuro potere della Chartam, un oggetto misterioso che gli esperti definiscono "il segreto meglio custodito degli archivi vaticani". Sulla Chartam, infatti, si fonda da secoli l'ordine gerarchico della Curia, emblematicamente raffigurato nel dipinto "La Torre di Babele" di Pieter Bruegel il vecchio. Grieg e la sua nuova compagna d'avventure si lanceranno così in un'indagine senza sosta, seguendo un tortuoso percorso che li porterà sulle tracce di una setta religiosa e di uno spregiudicato cardinale, fino a perdersi nei vicoli bui della città - dal Barrio Gotico al Montjuïc - e nei misteri iniziatici contenuti nelle opere del massimo rappresentante dell'architettura catalana: Antoni Gaudí.

Il labirinto sepolto di Babele

De Lys Francisco J.