Romanzo storico

La figlia del mattino

Gedge Pauline

Descrizione: Oltre 3.500 anni fa, il Sole diede vita a una bambina, Hatshepsut, figlia minore del Faraone. La piccola era fuori dal comune, era agile e aveva doti magiche. Quando sua sorella maggiore morì, fu lei a dover sposare Thutmosis, figlio illegittimo del Faraone, assicurando così una discendenza al sangue divino. La figlia del mattino, «uno dei più bei romanzi storici sulla vita nell’antico Egitto» («The New York Book Review»), racconta le vicissitudini di Hatshepsut, la prima donna faraone, che intorno all’anno 1500 a.C. governò brillantemente per oltre due decenni. A partire dalla descrizione dell’infanzia di Hatshepsut, la sua ascesa al potere, il suo amore impossibile con l’architetto di corte e, infine, il suo assassinio, Pauline Gedge ha scritto un romanzo epico, accuratamente basato su fatti storici, ricco di aneddoti sulla vita a Tebe, sul solare mondo egiziano in tutto il suo splendore.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Castelvecchi

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788876157295

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Autrice di tredici romanzi che hanno venduto oltre sei milioni di copie nel mondo, Pauline Gedge ha da sempre riconosciuto nella scrittura il proprio modo di esprimere ciò che non le riusciva altrettanto bene di dire a voce. Nel suo sito internet narra la propria vita e di come sia riuscita a trasformare quella che inizialmente era una esigenza (lo scrivere) in una professione. Lo scrivere è letteralmente nel mio sangue (Writing is quite literally in my blood). Non avrebbe potuto essere più esplicita. 

La figlia del mattino è stato il suo primo romanzo ad essere pubblicato, nonché il libro che le ha consentito di seguire la strada che aveva sempre sentito essere tracciata davanti a sé.

 

Questo romanzo, come altri che ha scritto e pubblicato successivamente, è ambientato nell’antico Egitto. Il soggetto scelto dall’autrice è un personaggio di cui poco si sente parlare, ma al quale fonti storiche attribuiscono non poca rilevanza, avendo garantito durante il suo regno un periodo di prosperità. Il suo nome è Hatshepsut che, a dispetto di quanto forse vi aspettereste, è una donna, e più in particolare una delle poche donne che hanno regnato in Egitto e certamente l’unica ad essersi fregiata del titolo di faraone. Di lei sono giunte poche notizie. Il figliastro, che la seguì sul trono, cercò di cancellarne ogni traccia. Fortunatamente non riuscì nel suo intento e la storia di questo incredibile personaggio è giunta fino a noi, anche grazie alla penna di Pauline Gedge, che ci fa vivere il suo coraggio e le sue paure, descrivendo una donna che sin da bambina era destinata alla storia.

 

Il romanzo ripercorre tutta la vita di Hatshepsut. Da sempre la favorita del padre, il faraone Thutmose I, venne da questi scelta come regnante dopo la morte della sorella maggiore, a dispetto dell’esistenza di un erede maschio, nato dalla seconda moglie del faraone, considerato da tutti come inadatto a regnare. In una società dove la donna non aveva un ruolo di primaria importanza e dove la legge prescriveva che solo un uomo potesse diventare faraone, Hatshepsut riuscì ad imporsi, circondandosi di una schiera di persone fidate che l’accompagnarono fino alla morte. Tra questi, senza dubbio il più degno di nota è Sepmut, che conquistò il cuore della giovane regina e lo fece suo per tutta la vita. La storia di Sepmut, che si intreccia con quella di Hatshepsut, è quella di un giovane nato in una famiglia di contadini, che ancora bambino fu portato dal padre in convento perché diventasse sacerdote e cambiasse la propria sorte. Il destino ebbe però molto di più in serbo per lui di quanto il padre potesse mai aspettarsi. Un uomo coraggioso e leale, che affrontò ogni nuova sfida con la semplicità che la sua umile nascita gli aveva assicurato e che mai avrebbe perso.

 

Un romanzo storico veramente ben scritto. Descritto dalla New York Book Review come “uno dei più bei romanzi sulla vita nell’antico Egitto”, La figlia del mattino trascina il lettore nell’affascinante società egiziana, descrivendone le credenze e le tradizioni e facendogli vivere, seppur per poche ore, le vita di quei personaggi che vissero oltre 3500 anni fa, ma che la penna dell’autrice riesce a farci sembrare attuali.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pauline

Gedge

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gedge Pauline


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sono passati tre anni da quando Harry Hole è andato via. Via da Oslo, via dalla Centrale di polizia, via dalla donna che ha amato e ferito troppo, e troppe volte. Ma dai suoi fantasmi no, da quelli non è riuscito a fuggire: l'hanno inseguito a Hong Kong e ora lo reclamano, e Harry non può non rispondere, non può non tornare. Oleg, il figlio di Rakel, il ragazzo che lui ha cresciuto come fosse anche figlio suo, è in carcere. Accusa: l'omicidio di Gusto Hanssen, il suo migliore amico. Movente: secondo gli investigatori, un regolamento di conti nel mondo della droga. Ma Harry non ci crede. Oleg, il suo Oleg, il bambino che lo teneva per mano e lo chiamava papà, può essere diventato un tossicodipendente, ma non un assassino. E a lui non resta che correre a casa, correre contro il tempo, in cerca di una verità diversa da quella già decretata. Una verità che si nasconde tanto nelle maglie dei sentimenti piú profondi che legano le persone, quanto nei quartieri dello spaccio, con l'ombra misteriosa di un nemico inafferrabile che lo vuole morto.

Lo spettro

Nesbø Jo

Julius Hertzfeld, eminente psichiatra, è alle prese con i conti che si fanno quando, come lui, si è affetti da una grave malattia. Per riparare gli errori commessi e per lanciare un'ultima sfida, contatta un ex paziente, Philip, filosofo arrogante, sessuomane e narcisista, e lo coinvolge in una terapia di gruppo. Del gruppo fa parte però anche una delle vittime della sessuomania di Philip, e la situazione genera un livello di tensione e coinvolgimento tali che nessuno resta più lo stesso. Hertzfeld affronta il trattamento di Philip ricorrendo al pensatore che l'arrogante filosofo considera il suo guru personale, il suo alter ego: Arthur Schopenhauer. E la "cura Schopenhauer" inizierà a mostrare i suoi effetti.

La cura Schopenhauer

Yalom Irvin D.

Serao, Matilde – ZIG ZAG (L’Infedele, 1897)

"Torino di carta" è una guida letteraria della città e dei suoi quartieri, un'escursione narrativa per le strade di Torino, raccontata attraverso le opere di grandi scrittori, classici della letteratura italiana del Novecento e romanzi di autori contemporanei. Uno strumento per orientarsi attraverso le molteplici storie che, seppure in periodi differenti, hanno Torino come protagonista. Da Edmondo De Amicis fino alla produzione letteraria degli ultimi anni, la città viene ridisegnata e presentata intercettando e restituendo al lettore il punto di osservazione e lo stile di ogni autore. Tra gli scrittori che popolano la Torino di carta incontrerete: De Amicis, Natalia Ginzburg, Pavese, Calvino, Levi, Arpino, Fruttero & Lucentini, Oggero, Pandiani, Frascella, Perissinotto, Culicchia, Remmert. Il volume si apre con una prefazione di Alice Avallone e contiene in allegato la mappa letteraria di Torino con l'indicazione dei luoghi chiave delle opere passate in rassegna.

Torino di carta

Chiappori Alessandra