Letteratura americana

La figlia dello straniero

Oates Joyce Carol

Descrizione: Rebecca è una donna dai molti segreti. Mentre si sposta lungo l'America tenendo stretto per mano il figlio Niley, lascia dietro di sé pezzi enormi del suo passato. Una famiglia giunta dall'Europa carica degli orrori della Seconda guerra Mondiale, un marito che trova sfogo alla durezza della vita quotidiana nella violenza sulla propria moglie, una lettera da un lontano cugino, sopravvissuto all'Olocausto, che le rivela dei suoi genitori più di quanto essi avrebbero mai voluto confessare. L'unica soluzione, per Rebecca e Niley, sembra dunque quella di partire. Partire e reinventarsi. In fondo l'America, è anche questo. Ma riuscirà quel giovane, immenso e violento paese a proteggere una madre e un figlio?

Categoria: Letteratura americana

Editore: Mondadori

Collana: Oscar contemporanea

Anno: 2009

ISBN: 9788804590866

Recensito da Anna Maria Balzano

Le Vostre recensioni

Nel regno animale, i deboli soccombono presto”.

Questo l’incipit di “ La figlia dello straniero” di Joyce Carol Oates. Questo il concetto che avrà sempre presente la protagonista del romanzo, Rebecca Shwart, per superare le avversità della vita e sopravvivere alle numerose sopraffazioni di cui sarà vittima.

L’opera, pubblicata negli Stati Uniti nel 2007 con il titolo “ The gravedigger’s daughter”, è apparsa in Italia l’anno successivo edita da Mondadori come “ La figlia dello straniero”. L’impropria quanto deviante traduzione del titolo tradisce una scelta editoriale dettata da criteri ispirati allo scopo di riscuotere un più ampio gradimento da parte del pubblico, che probabilmente avrebbe esitato ad acquistare un testo intitolato “La figlia del becchino”. Questo la dice lunga sulle scelte di mercato di alcune case editrici. La stessa copertina dell’edizione Oscar Mondadori mostra un’immagine che non corrisponde affatto alla figura fisica della protagonista così come la Oates ce l’ha descritta.

Detto questo, il romanzo racconta in poco meno di settecento pagine settanta anni di vita della protagonista, figlia di ebrei di origine tedesca rifugiatisi negli Stati Uniti poco prima che iniziassero le grandi deportazioni di massa. Mai integratisi nel nuovo paese, i genitori di Rebecca vivono in condizioni squallide che esasperano i loro rapporti reciproci e ingigantiscono le incomprensioni con i due figli maschi, che crescono aggressivi e ignoranti. Il luogo in cui il tirannico capofamiglia Jacob svolge la sua attività, il cimitero, ne accentua l’insofferenza e l’arroganza.

Rimasta sola, dopo i fatti violenti che hanno portato alla disintegrazione del suo nucleo familiare di origine, Rebecca si unisce ad un uomo di cui sa poco o nulla e da cui ha un figlio. Stanca di essere maltratta e picchiata dal compagno che non esita a chiamarla con disprezzo ripetutamente “ zingara” e “ ebrea”, Rebecca fugge con il figlio e comincia una vita di continui spostamenti, senza una meta precisa, solo alla ricerca di un po’ di pace. Rebecca e suo figlio Nigel divengono Hazel e Zack. L’incontro con il ricco Gallagher offre loro la possibilità di dare una svolta positiva ad una vita di affanni e di ansie.

Al di là della trama alquanto melodrammatica del romanzo, la Oates affronta alcuni dei temi assai cari agli americani, sia pure a volte con un accento un po’ critico. Vi è sicuramente il tema dell’accoglienza dei rifugiati, con le navi che sbarcavano centinaia di individui perseguitati dal regime nazista. Si tratta pur sempre degli Stati Uniti, il grande paese dalle molteplici identità , il simbolo del cosiddetto “melting pot”. E tuttavia la Oates lascia trasparire la sua perplessità circa il comportamento delle autorità che respinsero la nave Marea dal porto di New York per rimandarla là donde era partita, condannando in questo modo un numero enorme di ebrei che chiedevano asilo a una morte sicura nei campi di sterminio.

Vi é certamente il tema dell’alcolismo, che non conosce epoche, che abbrutisce l’uomo,  lo rende violento e ne distrugge i legami affettivi.

Vi è il tema del ruolo della donna in una società evoluta ma tenacemente maschilista, condannata a svolgere i lavori più umili, e per la quale l’istruzione può essere considerata un optional.

Vi è ancora il tema della disuguaglianza sociale e quello dei pregiudizi razziali. C’è insomma in questo romanzo, un po’ tutta l’America, ma non solo: c’è tutto il mondo occidentale con la sua arroganza e la sua difficoltà a gestire i problemi con giustizia ed equità. Ma c’è soprattutto la grande meravigliosa illusione di realizzare il sospirato “sogno americano” che permette alla più sfortunata piccola “zingara ebrea” di entrare legittimamente a far parte di quella rispettabile società su cui l’establishment poggia solidamente le sue basi.

In conclusione, un romanzo ambizioso che si rivela a volte un po’ prolisso, che difetta di pathos anche nelle descrizioni più drammatiche.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carol

Joyce

Oates

Libri dallo stesso autore

Intervista a Oates Joyce Carol

Non ci pensa due volte la terribile, dispotica signora Pontreau a spingere giù dalla finestrella del granaio il genero immobilizzato da una crisi di epilessia. La morte di quel buono a nulla, di quella «marionetta» dalle gambe molli, le permetterà di annettersi la sua proprietà e soprattutto di riprendere il controllo sulle tre figlie. Ma c’è un’altra donna, altrettanto terribile, una vecchia domestica rancorosa, che ha dei sospetti e che potrebbe parlare, o ricattarla. Il prezzo da pagare perché tutto venga soffocato, perché una greve cappa di silenzio scenda sulle vittime e i colpevoli, e perché ogni cosa – il paese come la grande casa dalle finestre sprangate – ripiombi in una calma sinistra, sarà altissimo.

Il grande male

Simenon Georges

Ancora oggi successo a teatro, Chi ha paura di Virginia Woolf? fu così schoccante per l'America di allora che non Vinse mai il meritatissimo premio Pulitzer, che invece Albee ottenne per ben tre volte con A delicate balance nel '67, Seascape nel '75 e il bellissimo Three tall women, tre figure femminili e un figlio diseredato in quanto gay (l'opera più autobiografica). Molti altri premi hanno costellato la lunga carriera di Albee, onoreficenze che gli permisero di aprire una Fondazione a suo nome nel '94 per sostenere il "William Flanagan Creative Persons Center", una colonia di scrittori ed artisti di Montauk.

Chi ha paura di Virginia Woolf?

Albee Edward

“Se cominci a dare un senso alle cose significa che stai invecchiando” Tony Pagoda è un cantante melodico con tanto passato alle spalle. La sua è stata la scena di un’Italia florida e sgangheratamente felice, tra Napoli, Capri e il mondo. È stato tutto molto facile e tutto all’insegna del successo. Ha avuto il talento, i soldi, le donne. E inoltre ha incontrato personaggi straordinari e miserabili, maestri e compagni di strada. Da tutti ha saputo imparare e ora è come se una sfrenata, esuberante saggezza si sprigionasse da lui senza fatica. Ne ha per tutti e, come un Falstaff contemporaneo, svela con comica ebbrezza di cosa è fatta la sostanza degli uomini, di quelli che vincono e di quelli che perdono. Quando la vita comincia a complicarsi, quando la scena muta, Tony Pagoda sa che è venuto il tempo di cambiare. Una sterzata netta. Andarsene. Sparire. Cercare il silenzio. Fa una breve tournée in Brasile e decide di restarci, prima a Rio, poi a Manaus, inebriato da una nuova libertà e ossessionato dagli scarafaggi. Ma per Tony Pagoda, picaro senza confini, non è finita. Dopo diciotto anni di umido esilio amazzonico qualcuno è pronto a firmare un assegno stratosferico perché torni in Italia. C’è ancora una vita che lo aspetta.

HANNO TUTTI RAGIONE

Sorrentino Paolo

Un bambino di undici anni e sua madre di venticinque vivono nella campagna francese in roulotte. Joss è una madre troppo giovane e non ha tempo per occuparsi del piccolo Tom: la sera esce, va a ballare e si innamora sempre di ragazzi sbagliati. Tom, figlio, amico, compagno di vita, è invece un ragazzino che ha imparato per necessità a essere autonomo, a trascorrere le serate in solitudine, a correggere il francese della madre che studia per prendere la maturità. “Tom piccolo Tom” racconta un universo di fatiche, indigenza e mancanza di sicurezze, ma allo stesso tempo di piccole fortune (e virtù), di quelle gioie che possono restituire il gusto di un'esistenza leggera.

TOM, PICCOLO TOM

Constantine Barbara