La figlia femmina

Giurickovic Dato Anna

Descrizione: A Rabat, sullo sfondo di splendidi paesaggi marocchini, Maria ha sei anni e subisce ripetuti abusi da parte del padre, un diplomatico italiano temporaneamente di stanza all'estero. Una mattina, la madre Zaira, tornando verso casa nella Ville Nouvelle dov'è la residenza, dietro un muro di gente e polizia scopre il corpo del marito a terra, caduto dalla finestra e morto presumibilmente suicida mentre era solo in casa con la bambina. Alcuni anni dopo, a Roma, Maria è un'adolescente chiusa, aggressiva e turbata, che risente delle violenze passate tanto da rifarsi sulla madre con fare dispotico. Al culmine di una serie di provocazioni nei confronti di Zaira, sta la scena di seduzione del suo nuovo compagno, scena che avviene volutamente sotto gli occhi della donna, legata indissolubilmente al proprio passato e ai fantasmi in comune con la figlia.

Categoria:

Editore: Fazi

Collana: Le strade

Anno: 2017

ISBN: 9788893250924

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

La figlia femmina, romanzo d’esordio della giovane scrittrice siciliana Anna Giurickovic Dato, affronta con sconcertante lucidità e credibilità un tema doloroso come quello della violenza esercitata sui minori, in questo caso con risvolti ancora più drammatici trattandosi dell’abuso perpetrato da un padre nei confronti della propria figlia Maria ancora bambina, mentre la madre Silvia, ignara di tutto, non percepisce la gravità della situazione.

La storia è ambientata in due momenti temporalmente differenti, in due luoghi diversi che si alternano continuamente con l’intenzione di delineare un quadro completo della vicenda. Da una parte la città di Rabat, in Marocco, ben descritta con i suoi quartieri arabi, la medina, i vicoli rumorosi e profumati di spezie, dove il padre Giorgio è stato mandato in qualità di diplomatico presso l’ambasciata italiana. A Rabat si consuma la tragedia degli abusi infantili subiti da Maria da parte di un padre affettuoso ma malato, che soffre silenziosamente, celando la propria patologia nell’aura di rispettabilità derivante dal suo ruolo di funzionario pubblico. Dall’altra parte invece la città di Roma, dove una Maria adolescente e piuttosto inquieta si trasferisce con la madre che prova a dimenticare quanto avvenuto rifacendosi una vita.

Una madre che vive con molti sensi di colpa a causa della sua cecità e distrazione, avendo ignorato ripetutamente i numerosi segnali di disagio, di apparente stranezza e di richiesta di aiuto provenienti dalla figlia, che invano cercava di richiamare l’attenzione e che in diversi frangenti era stata addirittura vista dalla stessa come un elemento disturbante della quiete familiare.

A Roma tuttavia i nodi rimasti insoluti vengono al pettine, come riesce a dimostrare la scrittrice con semplicità e chiarezza, evidenziando nelle pieghe del comportamento adolescenziale e imprevedibile di Maria la rabbia che continua a covare dentro, l’accusa tuttora viva e reale nei confronti di Silvia. La figlia decide di attuare la propria vendetta nei panni di una “Lolita” dei nostri tempi, servendosi sapientemente della propria sensualità giovanile e seducendo per gioco il nuovo fidanzato della madre incontrato durante una cena domestica. Il tutto si svolge sotto agli occhi esterrefatti della genitrice incapace di reagire, anche perché obnubilata dagli effluvi del troppo vino bevuto, stupita della freddezza della figlia e dalla sua sottile strategia seduttiva. Maria, immortalata in un ritratto dipinto dal fidanzato di Silvia, appare per quello che è ormai realmente col suo “corpo giovane e insolente”, mentre giace “…adagiata seminuda su un divano….i capelli scompigliati sulla testa…..i piccolissimi seni, carnosi quanto basta…esposti con orgoglio a chi l’ammira. Lo sguardo languido…gli occhi vogliono apparire ingenui, candidamente inoffensivi, ma è come se un pensiero sporco balenasse per pochi istanti sul suo viso”.

L’intensità di tutta la vicenda viene in qualche modo amplificata dalla voce narrante della madre che ricostruisce i frammenti di vita prima marocchini e poi italiani, come una sorta di amara confessione, che pare abbia l’obiettivo di ottenere il perdono per poi  potere ricominciare una nuova vita.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Anna

Dato

Giurickovic

Libri dallo stesso autore

Intervista a Giurickovic Dato Anna


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Cosa si prova a essere improvvisamente trasformati in uno specchio da una strana luce viola e ritrovarsi su un pianeta di una galassia lontana anni luce, di nome Catorcia, luogo in cui finiscono tutti gli oggetti che agli Umani non servono più ma che vogliono sfuggire alla discarica? E come combattere per salvare l’esistenza stessa di Catorcia, del mondo e dell’universo intero, dai piani malefici di Yvonne, un essere terribile che è concentrato di mille malvagità, di MorteaCredito, un enorme cannone reduce da infinite battaglie, e di una misteriosa banconota fuori corso? Sono loro tre, infatti, i capi dei terribili Ravanosi, gli umani che raccolgono gli oggetti usati per esporli nei mercatini delle pulci. Sarà Nico, una ragazza di dodici anni che vive con la nonna e i suoi 1748 specchi, ad affrontare questi temibili nemici; nella lotta, però, non sarà sola. Potrà contare infatti sull’aiuto di Abelardo, un vecchio frigo panciuto, dei Gialli e dei Rossi, quarantanove cartellini di quelli usati dagli arbitri per ammonire o espellere i giocatori durante le partite di calcio, di un Mattone, ma anche di Gualtiero, un wc a cui si “affezionerà molto”. Ognuno si dimostrerà un compagno pieno di sorprese e risorse inaspettate; ma soprattutto sarà prezioso il Dono di Nico, una qualità particolare e unica che ha acquisito a Catorcia e che le resterà per sempre.

ODORE DI GUAI

Tomatis Marco

Da sempre Clare Moorhouse ama camminare nella folla di Parigi, fra i boulevard e gli stretti vicoli del quartiere latino. Tra gli sguardi frettolosi dei passanti, passi svelti e mani che si sfiorano per sbaglio, Clare riesce a essere sé stessa completamente. Solo in mezzo a completi sconosciuti si sente al sicuro. Nessuno può riconoscerla, nessuno può scoprire il segreto che da anni custodisce nel cuore, nemmeno il vento di primavera che le scompiglia i capelli biondi. Ma oggi è un giorno speciale. Clare ha appena saputo di dover organizzare una cena importante per suo marito, un diplomatico in carriera. Forse per lui è arrivato il momento di ottenere la tanto attesa promozione ad ambasciatore. E tutto dipende dalla cena che Clare ha appena dodici ore per definire. Un compito che può svolgere solo lei, abituata a rendere ogni ricevimento impeccabile. Per lei non è mai stato un problema, eppure oggi, mentre sceglie le primule da mettere nel centrotavola o corre al Bon Marché per gli ingredienti più raffinati, un peso le tormenta l'anima. Perché il nuovo incarico per suo marito sarà in Irlanda. E Dublino è la città che nasconde il segreto dal quale Clare ha cercato di fuggire per vent'anni. Tutta la sua vita perfetta, suo marito, i suoi figli e quello che ha di più caro sono in pericolo: oggi, tra la folla che l'ha sempre fatta sentire protetta, sono riapparsi gli occhi azzurri di un uomo che Clare credeva morto. Un uomo che è l'unico al mondo a conoscere il suo passato, e che adesso potrebbe spazzare via la tela di inganni così sapientemente intessuta…

Quando eravamo foglie nel vento

Korkeakivi Anne

Qual è il giorno in cui siamo diventati umani? Quale l’attimo in cui questa vitale e spossante consapevolezza ci ha invaso? Questa la domanda che Paolo Zardi fa al lettore. Ma prima lo chiede ai personaggi che animano queste pagine. Un padre che cova l’insopprimibile desiderio che sua figlia non somigli alla madre; una moglie che nell’istante assoluto del pentimento capisce che tradirà ancora; un vecchio che ad ogni compleanno avverte quanto sia difficile morire; una vedova all’ossessiva ricerca di un’alternativa ai ricordi; una dottoressa che, per un momento, vede nel corpo attraente di un paziente la giovinezza che avrebbe avuto suo figlio. Creature sospese tra l’amore e il dolore, tra desiderio e paura, tra la vergogna e la grazia. La delicatezza dei corpi, la labilità delle intenzioni, la precarietà di ogni condizione umana sono i punti focali attorno ai quali i personaggi di questi racconti si muovono, combattono, vivono, fotografati tutti nella loro abbagliante purezza.

IL GIORNO CHE DIVENTAMMO UMANI

Zardi Paolo

Mara Abbiati, scultrice italiana, e suo marito Craig Nolan, famoso antropologo inglese, hanno una piccola casa di vacanza vicino a Canciale, paesino ligure arrampicato tra il mare e l’Appennino. Un mattino d’estate Craig sale sul tetto per controllare da dove sia entrata la pioggia di un temporale estivo, e la vecchia copertura gli cede sotto i piedi. I Nolan, alla ricerca di qualcuno che gli aggiusti la casa, vengono in contatto con Ivo Zanovelli, un costruttore dall’aspetto ribelle e con molte ombre nella vita. Nel corso di pochi giorni di un luglio incandescente l’equilibrio già precario di ognuno dei tre si rompe, facendo emergere con violenza dubbi, desideri, contraddizioni fino a quel momento dormienti.

Cuore primitivo

De Carlo Andrea