Narrativa

La figlia sbagliata

Romagnolo Raffaella

Descrizione: Un sabato sera come tanti in una cittadina della provincia italiana. La tv sintonizzata su uno show televisivo, nel lavandino i piatti della cena da lavare. Un infarto fulminante uccide il settantenne Pietro Polizzi, ma Ines Banchero, sua moglie da quasi quarant’anni, se ne accorge solo alla fine della serata. E non chiede aiuto a nessuno, neppure ai due figli, Vittorio e Riccarda. Comincia così, con un decesso di cui tutti sono tenuti all’oscuro, un viaggio di quattro giorni dentro l’inferno domestico di una coppia all’apparenza normale, ma di fatto marchiata a fuoco da un trauma inconfessato. E mentre giorno dopo giorno la morte si impadronisce della scena, il confine fra normalità e follia si fa labile. Il talento è la condanna e l’ossessione di Ines. Eccellente disegnatrice da ragazza, rinuncia a seguire la propria vocazione per una vita «al sicuro»: quella di moglie e madre modello. Ma Ines non riconosce neppure il talento e le più genuine aspirazioni dell’amatissimo figlio Vittorio, campione di nuoto. Né accetta il talento della libera e tenace Riccarda, attrice di successo, sua grande delusione. Ines vive tra i fantasmi - i demoni - del passato. E in questo limbo vaga da sola, cercando qualche frammento di senso e una luce di riscatto.

Categoria: Narrativa

Editore: Frassinelli

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788888320755

Recensito da Anna Maria Balzano

Le Vostre recensioni

È con lucido realismo che Raffaella Romagnolo racconta nel suo romanzo “La figlia sbagliata” la storia di una famiglia piccolo-borghese, lacerata da difficili rapporti interpersonali. La morte improvvisa di Pietro Polizzi, di cui sua moglie Ines, intenta a rigovernare la cucina, sembra non accorgersi, offre lo spunto per rivivere con nostalgia e dolore le tappe più importanti di un’intera vita.

È così che, apparentemente ignara dell’infarto che ha colpito il marito, Ines rivede i giorni della sua giovinezza, il suo primo grande amore, abbandonato per una scelta più saggia e conveniente che l’avrebbe legata col matrimonio a Pietro, rivive la nascita dei suoi due figli, Vittorio, bello, atletico e intelligente, e Riccarda, ribelle, polemica e innamorata del teatro.

Dunque Ines sceglie la famiglia, sceglie di dedicarsi a essa, quasi fosse una piccola impresa, soffocando l’amore vero per un affetto che si sarebbe consolidato nel tempo, ma che le avrebbe dato lunghi dolorosi periodi di noia, compensati solo da quell’orgoglio materno gratificato dal primogenito, il figlio che avrebbe soffocato con il suo represso desiderio di rivalsa. È sul debole Vittorio infatti che Ines sfoga le sue frustrazioni, consapevole della sua mediocrità, e da Riccarda si allontana sempre di più, perché incapace di imporle la sua volontà. Ines cambia negli anni, nel fisico e nello spirito. La convivenza crea tensioni e incomprensioni generazionali e rivalità e gelosie tra fratelli.  L’amore represso e soffocato riesce a esprimersi solo a tratti e la tragedia è sempre in agguato.

Una storia dura, raccontata con delicatezza e sensibilità, che certamente non rassicura sullo stato della famiglia, e tuttavia non ne nega i valori, tutt’altro. La narrazione è serrata, il ritmo è velocizzato dalla brevità delle frasi. Il muoversi dei personaggi ne accompagna e ne esprime lo stato d’animo e la crisi interiore, l’insoddisfazione e i sensi di colpa.

Bello. Coinvolgente. Commovente.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Raffaella

Romagnolo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Romagnolo Raffaella

Lo sceriffo Longmire (lo stesso che è protagonista della serie dei romanzi gialli) riceve la visita di una giovane donna asiatica che all’inizio non riconosce ma che poi ricorda essere stata al centro di un’incredibile storia capitatagli nel Natale di trent’anni prima. Così poco alla volta Longmire rievoca quella commovente storia natalizia. All’epoca era un giovanissimo sceriffo e fu chiamato nel luogo di un incidente automobilistico dove due coniugi giapponesi avevano perso la vita. Erano sopravvissute la figlia di pochi anni e sua nonna, una vecchietta giapponese raggrinzita e incapace di capire una parola d’inglese. La bambina era però in pericolo di vita e andava aerotrasportata urgentemente all’ospedale di Denver, l’unica struttura in grado di salvarla. All’annuncio dell’arrivo di una tempesta di neve si scopre che nessun velivolo è in condizioni di decollare. L’unico “pazzo” che si offre è un vecchio pilota della Seconda guerra mondiale, alcolizzato e con un aereo più vecchio di lui, un bombardiere con il quale aveva bombardato i nemici giapponesi. La squadra che lo accompagna in questo volo pazzesco tra le montagne è composta da Longmire e da un vecchio dottore tedesco, oltre ovviamente alla bambina in fin di vita e alla nonna. Attraverseranno le montagne mentre l’aereo perde pezzi, il pilota continua a bere whiskey, il medico cerca di tenere in vita la bambina e Longmire resta addirittura appeso fuori dall’aereo in mezzo alla tormenta.

Il volo di Natale

Johnson Craig

Le vecchie abitudini di punizioni e decotti “ristoratori” non sono cambiate, il rigore e l’acrimonia della nonna Esmeralda non si sono affievoliti col tempo. L’immaginario infantile di Margherita si ricostituisce e la costringe a rivivere emozioni accantonate, a riappropriarsi di quella parte del passato rimasta in bilico tra verità e leggenda, tra omissione e mistificazione. Margherita non avrebbe mai immaginato di dover viaggiare con la mente fino alla Francia degli anni ’20 e della poesia di Paul Valéry; di dover chinare la testa ed entrare nelle grotte a oltre 20 metri di profondità in cui le zie si rifugiavano durante la guerra e si divincolavano dalle braccia dei soldati tedeschi; di doversi domandare un giorno: sono figlia di un’assassina?

QUANDO LE VOLPI SI SPOSANO

Carturan Rossana

Ventiquattro racconti che ci conducono verso il nucleo più profondo della poetica di Murakami, dove piccoli fatti, all'apparenza insignificanti, rivelano universi sconosciuti eppure stranamente, magicamente famigliari.

I SALICI CIECHI E LA DONNA ADDORMENTATA

Haruki Murakami

"Bestiario di vite disgraziate" è tutto quello che ci circonda e che a tratti ci spaventa, ma soprattutto ci fa ridere. Il bestiario è composto da storie allegramente disperate che, mano a mano, come in un percorso di smarrimento, si riempiono di personaggi disgraziati e sognatori, mentre l'occhio si sposta dall'interno all'esterno, dal personale al collettivo, e tutto diventa favolistico. Dalla risata amara di questi racconti nasce la convinzione di essere parte, assieme all'autrice, di questo affresco surreale e tragicomico dell'umanità. In definitiva il libro è un contenitore di bestie venute male, un po' storpie, eternamente tragiche, che serpeggiano fuori e dentro di noi, ma di cui, alla fine, non possiamo che innamorarci.

Bestiario di vite disgraziate

porcedda ambra