Narrativa

LA FINE DEL MONDO STORTO

Corona Mauro

Descrizione: Un giorno il mondo si sveglia e scopre che sono finiti il petrolio, il carbone e l'energia elettrica. È pieno inverno, soffia un vento ghiacciato e i denti aguzzi del freddo mordono alle caviglie. Gli uomini si guardano l'un l'altro, hanno occhi smarriti e il terrore stringe i loro cuori. E ora come faranno? La stagione gelida avanza e non ci sono termosifoni a scaldare, il cibo scarseggia, non c'è nemmeno più luce a illuminare le notti. Le città sono diventate un deserto silenzioso, senza traffico e senza gli schiamazzi e la musica dei locali. Rapidamente gli uomini si accorgono che tutto il benessere conquistato, fatto di oggetti meravigliosi e tecnologia all'avanguardia, è perfettamente inutile. Circondati dal superfluo e privi del necessario, intuiscono che una salvezza esiste, ma si nasconde in un sapere antico, da tempo dimenticato. Capiscono che se vogliono arrivare alla fine di quell'inverno di fame e paura,"l'inverno della morte bianca e nera", devono guardare indietro, tornare alla sapienza dei nonni che ancora erano in grado di fare le cose con le mani e ascoltavano la natura per cogliere i suoi insegnamenti. Così, mentre un tempo duro e infame si abbatte sul mondo intero e i più deboli iniziano a cadere, quelli che resistono imparano ad accendere fuochi, cacciare gli animali costruendo trappole con i rami più teneri, riconoscere le erbe che nutrono e quelle che guariscono. Segnati dalla fatica e dalla paura, i superstiti si faranno più forti e insieme anche più saggi. La fine del mondo storto raddrizzerà gli animi, cancellerà la supponenza del ricco e punirà l'arroganza del povero, che si ritiene l'unico depositario di coraggio e resistenza. Resi uguali dalla difficoltà estrema, gli uomini si incammineranno verso la possibilità di un futuro più giusto e pacifico, che arriverà insieme alla tanto attesa primavera. Ma il destino del mondo è incerto, consegnato nelle mani incaute dell'uomo... Facendo un passo indietro per trovare la voce più pura e poetica della natura imperiosa, e balzando in avanti con la forza di un'immaginazione visionaria e insieme intensamente realistica, Mauro Corona ancora una volta stupisce costruendo un romanzo imprevedibile. Un racconto che spaventa, insegna ed emoziona, ma soprattutto lascia senza fiato per la sua implacabile e accorata denuncia di un futuro che ci aspetta.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2010

ISBN: 9788804603412

Trama

Le Vostre recensioni

Quando ci si accosta alla lettura di un romanzo che ha vinto un premio letterario (in questo caso il premio Bancarella 2011), ci si aspetta sempre qualcosa di eccezionale. Con questa premessa, spesso si rimane delusi. Non mi è accaduto, nel recente passato, quando ho letto “La solitudine dei numeri primi” di Paolo Giordano o quando ho gustato “Stabat mater” di Tiziano Scarpa. Anche “La fine del mondo storto” non mi ha deluso. Innanzitutto mi è piaciuto il modo di ragionare “per assurdo” (ma non troppo) dell’autore. Mauro (mi farebbe un certo effetto chiamarlo per cognome, per via di certe omonimie!), porta alle estreme conseguenze un processo che, oggi, è già in stadio avanzato e, forse, giunto a un punto di “non ritorno”.

Del resto, ragionando per assurdo, in geometria, si dimostrano i teoremi. In diversi ambiti l’uomo, cercando una cosa, talvolta ne ha scoperto un’altra (è la c.d. serendipità: Colombo, cercando le Indie, scoprì l’America, Fleming scoprì le proprietà della penicillina disinfettando malamente un provino …). Un artista, spesso, con il suo sentire privilegiato e raffinato, anticipa con le sue opere il futuro … se poi non viene creduto … si dice che è “una Cassandra”. Speriamo che questo non sia il ruolo del nostro autore!

In questo romanzo Mauro Corona immagina il giorno in cui l’umanità si ritrova senza fonti d’energia: petrolio e gas si sono esauriti. La fine delle risorse coincide con la stagione più difficile da affrontare: quella invernale, quella nella quale le fonti di energia sono particolarmente importanti.  “L’inverno della morte bianca e nera” incombe.

Ne seguono eventi e riflessioni che ci consentono di meditare sul probabile destino dell’uomo. Mi piace seguirne le diverse tappe, considerata l’importanza che attribuisco all’argomento.

Innanzitutto, “messa alle strette, la gente si accorge che può fare a meno di una montagna di robe”(cap. 1 – Brutto risveglio).

La nuova avventura dell’uomo (cap. 2 – Vita grama) è rischiarata dai falò ove si brucia di tutto: sedie, tavoli, mobili (“La Mondadori è un bosco ceduo …”). Nel nuovo mondo, pericoli e tragedie spianano i contrasti, la morte miete vittime, la società si livella (non esistono più poveri e ricchi), si affermano lavori come il taglialegna, l’artigiano, l’agricoltore e il cacciatore.

La situazione estrema (cap. 3 – Vendette) rende l’uomo consapevole che si è amici solo per paura e tornaconto.  E che letteratura, arte e amore sono attività compatibili con uno stomaco pieno. Mentre i lavori inutili (giornalista, critico, giudice …) si estinguono, si afferma il cannibalismo e si ritorna al baratto.

Si ristabilisce l’equilibrio (cap. 4 – Montagne e campagna) tra gli ambienti, le città cambiano fisionomia, non si producono più rifiuti e si riafferma la vita sui monti e nelle campagne. Intanto la natura continua a operare una spietata selezione naturale.

E’ il momento di riflettere (cap. 5 – Riflessioni): sulla scarsa lungimiranza dell’uomo, che ha sprecato tanta ricchezza … ma la fine del mondo storto ha pareggiato i conti! Occorre ripartire dai quattro elementi naturali: aria (vento), terra, acqua e fuoco.

Con la primavera il mondo, metaforicamente “in ginocchio”, si inginocchia per davvero (cap. 6 – In ginocchio): è tempo di seminare nei campi ove le macchine ferme sono “mostri con ganasce penzolanti e sdentate”. L’uomo mira a un’economia di pura sussistenza.

L’estate risolleva le sorti umane (cap. 7 – In piedi), è la stagione nella quale l’uomo accetta un nuovo ritmo, lento, in un sistema rigenerato ove “un escremento vale più dell’oro”.

Tutti riscoprono una vocazione agreste (cap. 8 – Il silenzio) e  il silenzio in un mondo ove i rapporti di potere sono stati annullati.

Tra pannelli solari e mulini a vento  o ad acqua (cap. 9 – Si cerca forza), i cervelli già rattrappiti dal benessere si rimettono in moto dentro ai corpi temprati e più resistenti dei sopravvissuti.

Con il ricordo del mondo distrutto, quando i grandi del pianeta si ritrovavano a discutere della fame nel mondo tra banchetti luculliani, riparte il dialogo tra gli uomini, intorno al fuoco, nella stagione del raccolto (cap. 10 – Le messi).

La società perfetta è in equilibrio, senza capi (cap. 11 – Si tira avanti). In autunno nasce l’uomo ecologico, che si concentra per prepararsi al nuovo inverno. Perché non sia più la stagione “della morte bianca e nera”.

Nel capitolo 12 …

No, cari miei, non posso proprio dirvi come va a finire! Interrogate voi stessi, chiedetelo al vostro intuito o alle vostre tendenze (siete ottimisti? O pensate che l’uomo sia una cane che si morde la coda?). Oppure leggete il romanzo di Mauro Corona. Liberissimi di dissentire sulle sue conclusioni. In tal caso, vi raccomando, scrivetemi e fatemi sapere cosa ne pensate: il destino dell’umanità mi sta molto a cuore. E non credo di essere l’unico.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mauro

Corona

Libri dallo stesso autore

Intervista a Corona Mauro

Scrivere un racconto sulla paternità è come scriverne uno sulla vecchiaia: puoi immaginartela anche a vent'anni, ma non ti scricchiolano le ossa. Per questo motivo fanno parte di "Scena padre" soltanto scrittori che genitori lo sono davvero. Di fronte ai figli "di carta" non c'è bisogno di ricalibrare costantemente le proprie aspettative, o di reinventarsi ogni giorno. Nella vita invece può capitare che, superato lo stupore della prima notte passata in casa con la figlia appena nata, ci si domandi chi diventerà quel fagotto che dorme nella culla. Magari qualcuno con cui non sarà facile parlare, se non con brevi comunicazioni di servizio appiccicate sul frigorifero ("A che ora devo accompagnarti in palestra?", "Ho lasciato il pollo nel forno", "Anche oggi un'altra nota?") cercando di far passare fra le righe prima di tutto l'affetto. In quest'antologia di racconti inediti, otto scrittori affrontano la meraviglia e il divertimento nel constatare quanto un figlio possa esserti alleato e rivale in parti uguali. E mentre affini la creatività e l'ironia necessarie a parare i colpi, ti accorgi dello scarto tra la potenza del generare e l'impotenza dell'allevare, davanti a qualcuno che riesce sempre a spiazzarti. E allora diventare padri può significare anche rimettersi in discussione come figli.

Scena padre

Magrelli Valerio, Fois Marcello, De Silva Diego...

Ernesto vive un rapporto ormai logoro con la moglie depressa, il suo taxi è teatro di storie che si intrecciano a un delitto nella Roma "bene". La vittima è uno scultore di fama internazionale, pochissimi avevano accesso all'appartamento dove viene ritrovato cadavere e nessuno ha un movente valido per torturarlo a morte. L'ispettore Paolo Proietti, a capo dell'indagine, intuisce che sta per sollevare un verminaio. La verità lo lascerà schifato, esausto e fragile come mai un poliziotto dovrebbe sentirsi. É un malessere che conosce fin troppo bene, lo rivive negli incubi che lo angosciano a quattordici anni di distanza da un caso in cui si è lasciato coinvolgere troppo. Ernesto e Paolo sono fratelli senza un filamento di DNA in comune, condividono tutto fin dal giorno in cui si sono incontrati sui banchi delle scuole superiori. Tutto, tranne un segreto che ciascuno nasconde all'altro: il poliziotto per non giocarsi il distintivo, il tassista perché è impossibile confessare al suo amico cosa lo torturi da giorni. Il silenzio viaggia nel mondo degli artisti malati, viziati e viziosi, e in quello dei ricordi che fanno male da morire, nella paura di non essere più abbastanza o di non averci provato a sufficienza, protegge i mostri e offende gli innocenti. Si spezzerà, poi, nella voce di una giustizia sommaria che non regala pace o reale assoluzione dai peccati, ma dignità a quanti sono costretti a macchiarsi le mani di sangue.

I silenzi di Roma

Troncanetti Luana

Messico: Irma, diciannove anni, nata in Canada, vive tutta sola a un passo dal deserto. Suo padre, mennonita imbrigliato da un rigore bacchettone, l’ha ripudiata. Suo marito, spacciatore di basso rango, è sparito nel nulla. Ma Diego, regista-figo del film con cane filosofo, alle prese con un copione sperimentale e un cast internazionale, ingaggia Irma come interprete e tuttofare. L’atmosfera libertaria del gruppo, le chiacchiere notturne, i progetti artistici galvanizzano Irma. Galvanizzano anche la sorellina Aggie, che sogna di mollare mamma e papà, e viver con lei. Anzi, un bel giorno molla tutto davvero, e convince anche Irma a gettarsi in un’avventura a dir poco clamorosa...

MI CHIAMO IRMA VOTH

Toews Miriam

Quindici storie che segnano l'esordio narrativo di James Joyce e compongono un mosaico unitario che rappresenta le tappe fondamentali della vita umana: l'infanzia, l'adolescenza, la maturità, la vecchiaia, la morte. In queste pagine Joyce ritrae oggettivamente il mondo della sua città natale, i pregi e i difetti della piccola borghesia dublinese, l'attaccamento alla tradizione cattolica, il sentimento nazionalistico, il decoro, la grettezza, le meschinità, i pregiudizi, osservati e descritti con mordente ironia e profondo senso poetico. Ogni storia, dove pare nulla succeda, rivela in realtà una complessità di sentimenti che smascherano, agli occhi e al cuore di Joyce, la vera anima di Dublino. Introduzione di Giorgio Melchiori.

Gente di Dublino

Joyce James