Saggi

La forchetta dei 5 sapori

Sguazzi Felicia

Descrizione: Siamo bombardati da trasmissioni televisive dedicate aIla cucina, ovunque il cibo è argomento di discussione e condivisione. Sappiamo però realmente gustarlo, assaporando i singoli sapori in tutte le loro sfumature? Felicia Sguazzi ha messo a frutto anni di passione e di ricerca culinaria e di vita e ha compiuto per noi un viaggio nel mondo dei sapori, creando, impiattando e fotografando le oltre 110 ricette di questo libro. Sono buone e originali, suddivise a seconda del sapore dominante: amaro, aspro, dolce, salato e... umami, il quinto sapore, presente in natura molto più di quanto si crede. Tutte naturali, vegetali e senza glutine. Scegliendo le ricette, attingendo dai singoli capitoli si possono creare i propri menu: per esempio, iniziando con un antipasto aspro, proseguendo con un primo piatto dolce, a cui far seguire secondo e contorno amari e umami, per finire in bellezza con un dessert ai mix di sapori.

Categoria: Saggi

Editore: Sonda

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788871068053

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

La forchetta dei 5 sapori non è una semplice raccolta di ricette. Rispetto ai tradizionali libri di cucina si propone, infatti, di introdurre il lettore ai sapori.

Dolce, salato, aspro/agro, amaro e umami. Ciascuno di questi può essere percepito mediante i bottoni gustativi distribuiti nella cavità orale.

Secondo l’autrice di La forchetta dei 5 sapori, la degustazione del cibo e la percezione dei sapori segue un percorso che, partendo dall’osservazione del piatto, attraversa i bottoni gustativi, passando per l’olfatto.

Cucinare vuol dire conoscere, porsi domande e studiare. L’autrice ci racconta qual è stato il percorso che l’ha portata alla cucina vegana (perché vegane sono le ricette contenute in questo libro): a partire dalla scelta vegana, i sapori sono diventati i protagonisti della mia tavola, una tavola più ricca e varia  anche di colori, oltre che di vita.

Cucinare però significa anche educare il palato.

Educare il palato significa andare all’essenza dei sapori senza ingredienti di copertura o insaporitori artificiali; significa imparare a riconoscerli, a dare loro un nome e a condividere la loro percezione con gli altri.

Fatta questa premessa, La forchetta dei 5 sapori  entra nel merito di ciascuno dei sapori (anche le ricette saranno divise a seconda del sapore che si vuole esaltare), si occupa della scelta degli ingredienti e suggerisce trucchi per ottenere il meglio da essi e quindi descrive gli strumenti di cucina e le tecniche per ottimizzare il lavoro e guadagnare tempo.

Terminata la fase introduttiva, estremamente interessante, si entra nel vivo delle ricette, a partire da quelle base (pizza, pane, crespelle, etc), per poi passare a quelle sudddivise, per l’appunto, per sapore. Ogni ricetta è accompagnata da una foto per stimolare l’interesse del lettore (fatto da me personalmente molto apprezzato, essendo una di quelle persone che nella scelta delle ricette ritiene indispensabile farsi orientare dalle foto).

Elenco qualcuna delle ricette per ciascun sapore:

Amaro: crackers al tarassaco con il loro pesto, cestini di riso allo zafferano, gnocchi di asparagi selvatici, risotto radicchio trevigiano e noci, brownie barba-ciok.

Aspro-agro: capriccio di carote e sedano in salsa, fiori di zucchina al forno, crocchette di topinambur, caponata delicata di carciofi e zucca, padellata di germogli.

Dolce: gnocchi di zucca alla mantovana, panelle con farinaccio di campo, patate al latte speziato, biscotti ai fichi, cuoricini alla crema di liquirizia e anice.

Salato: muffin dell’orto, zucchine profumate in pastella, plum-cake rustici all’ortica, panzerotti golosi, tartufi al sale.

Umami: piccantini di radici in salsa, lasagne di riso, vellutata di daikon con carote, vermicelli profumati, polpettine di azuki e cavolo cappuccio.

Mix di sapori: bouquet di germogli, riso basmati con ananas e olive, riso thai al forno, burger di lenticchie al pesto di spinacini, tempeh dorato.

 

Che siate vegani o no, dubito che possiate non trovare interessante il libro: la selezione delle ricette è davvero stimolante.

Felicia Sguazzi è una cuoca vegana attiva sul web sul sito Le delizie di Feli. La sua passione è la ricerca culinaria di una cucina naturale, di stagione e a km 0.

 

Ovviamente il sapore più misterioso è l’umami, di recente scoperta, di cui si può leggere qui.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Felicia

Sguazzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sguazzi Felicia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È la storia di due ragazze, Maria (che narra in prima persona) e Tsugumi. A diciannove anni Maria lascia il piccolo paese sul mare per trasferirsi a Tokyo e iscriversi all'università. Anni dopo, decide di tornare al paese per le vacanze, dove ritrova Tsugumi, l'eroina del romanzo, bellissima e dispotica ragazza. Tutti tentano di essere indulgenti con lei, sperando di renderle migliore la vita che le resta. Infatti le è stata diagnosticata dalla nascita una malattia incurabile. Terminate le vacanze, Maria sta per tornare a Tokyo ma le condizioni di Tsugumi peggiorano e pare non ci sia più niente da fare. All'ultimo momento Tsugumi si salva, sentendosi vicina alla morte però aveva scritto a Maria una lettera-testamento e con questa si chiude il romanzo.

TSUGUMI

Yoshimoto Banana

La fanfara di Bellano è nei guai. Evelindo Gavazzi – cui è affidato il delicato compito di suonare il bombardino nella fanfara che sul molo accoglie i viaggiatori che sbarcano a Bellano – non fa più parte dell’organico: è bloccato in casa a suon di sberle dalla novella sposa Noemi, che non sopporta che faccia tardi e torni a casa ubriaco. Almeno il cappello racconta le avventure della banda orfana di bombardino e della sua gloriosa rinascita. Protagonista del nuovo romanzo di Andrea Vitali è un’improbabile congrega di musicisti: il suonatore di cornetta Zaccaria Vergottini e la seconda cornetta Eumeo Vergottini, il clarino Guzzin (al secolo Augusto Boldoni), il basso Aurelio Leoni. E soprattutto Onorato Geminazzi, giunto nel borgo come in esilio dalla natía Menaggio: sarà proprio il Geminazzi – in seguito a un imprevisto intreccio di circostanze – l’artefice e protagonista della rinascita della banda e della sua trasformazione nel glorioso Corpo Musicale Bellanese. Tra gli altri protagonisti, oltre alla signora Estenuata, consorte del Geminazzi, ci sono il traghetto Patria, l’Amaro Grona, l'oste Bormida Pinìn, il paese di Bellano e le sue frazioni Obriaco, Lezzeno, Bonzeno, Biosio e Oro, il signor podestà e i Regi Carabinieri. C'è naturalmente anche il cappello, quello dell'uniforme della banda, al centro di mille e uno equivoci.

ALMENO IL CAPPELLO

Vitali Andrea

Il destino dell'uomo è segnato. Anche la terra sembra saperlo. Si apre, poi mastica e inghiotte, affamata. Tempi di guerra, di carestie e vendetta. Non c'è scampo agli attentati che si susseguono in città né rimedio ai fondamentalismi verso i diversi, non c'è salvezza dalle nubi tossiche né speranza nella misericordia umana. C'è solo una possibilità. È scritta nel vento. E porta un nome: Maria. La riscossa degli ultimi parte da una Sardegna infetta, un'isola/mondo in cui i cani governano e un pescatore affetto dal morbo guida un'orda stracciata verso la terra promessa. Un romanzo corale, esploso, torrenziale, i cui protagonisti mostrano il cuore feroce di un'umanità alla deriva. Il libro più oscuro, spietato e conturbante di Gianni Tetti.

Grande nudo di Gianni Tetti

Gianni Tetti

“Voci di famiglia” è un titolo che allude alla storia narrata, dove parlano tre persone distintamente, quelle che in un'unica scena del romanzo formano una famiglia.Sofia si reca al cimitero a portare un fiore a sua madre, Ashley. Era una scrittrice, e prima di morire aveva chiesto che all'interno della cappella dove avrebbe dimorato la sua salma, ci fosse un ripiano dove collocare una copia di ogni suo libro. Chi avesse voluto prenderne uno da leggere, in cambio avrebbe dovuto lasciare un fiore. Sofia vede una rosa rossa. Vede che non c'è La musica del silenzio, l'unico che non ha letto. Torna a casa, prende il libro, si accomoda sul letto e inizia a leggere una storia che non conosceva. Nel libro che Sofia legge segue una pagina bianca; intuisce che la seconda parte non è stata scritta da sua madre. Quando Sofia torna al cimitero vede che il libro è stato riportato, ma ce n'è anche un altro mai visto prima. Si intitola “Il risveglio” ed è firmato solo con un nome: Luciano. Sofia si guarda intorno ma non vede nessuno. Torna a casa per leggerlo.Poi si reca al cimitero, e lo inserisce accanto ai libri scritti da sua madre. Sente un rumore alle sue spalle. Si volta, e lo vede.

Voci di famiglia

Giubilei Vincenza