Saggi

La forchetta dei 5 sapori

Sguazzi Felicia

Descrizione: Siamo bombardati da trasmissioni televisive dedicate aIla cucina, ovunque il cibo è argomento di discussione e condivisione. Sappiamo però realmente gustarlo, assaporando i singoli sapori in tutte le loro sfumature? Felicia Sguazzi ha messo a frutto anni di passione e di ricerca culinaria e di vita e ha compiuto per noi un viaggio nel mondo dei sapori, creando, impiattando e fotografando le oltre 110 ricette di questo libro. Sono buone e originali, suddivise a seconda del sapore dominante: amaro, aspro, dolce, salato e... umami, il quinto sapore, presente in natura molto più di quanto si crede. Tutte naturali, vegetali e senza glutine. Scegliendo le ricette, attingendo dai singoli capitoli si possono creare i propri menu: per esempio, iniziando con un antipasto aspro, proseguendo con un primo piatto dolce, a cui far seguire secondo e contorno amari e umami, per finire in bellezza con un dessert ai mix di sapori.

Categoria: Saggi

Editore: Sonda

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788871068053

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

La forchetta dei 5 sapori non è una semplice raccolta di ricette. Rispetto ai tradizionali libri di cucina si propone, infatti, di introdurre il lettore ai sapori.

Dolce, salato, aspro/agro, amaro e umami. Ciascuno di questi può essere percepito mediante i bottoni gustativi distribuiti nella cavità orale.

Secondo l’autrice di La forchetta dei 5 sapori, la degustazione del cibo e la percezione dei sapori segue un percorso che, partendo dall’osservazione del piatto, attraversa i bottoni gustativi, passando per l’olfatto.

Cucinare vuol dire conoscere, porsi domande e studiare. L’autrice ci racconta qual è stato il percorso che l’ha portata alla cucina vegana (perché vegane sono le ricette contenute in questo libro): a partire dalla scelta vegana, i sapori sono diventati i protagonisti della mia tavola, una tavola più ricca e varia  anche di colori, oltre che di vita.

Cucinare però significa anche educare il palato.

Educare il palato significa andare all’essenza dei sapori senza ingredienti di copertura o insaporitori artificiali; significa imparare a riconoscerli, a dare loro un nome e a condividere la loro percezione con gli altri.

Fatta questa premessa, La forchetta dei 5 sapori  entra nel merito di ciascuno dei sapori (anche le ricette saranno divise a seconda del sapore che si vuole esaltare), si occupa della scelta degli ingredienti e suggerisce trucchi per ottenere il meglio da essi e quindi descrive gli strumenti di cucina e le tecniche per ottimizzare il lavoro e guadagnare tempo.

Terminata la fase introduttiva, estremamente interessante, si entra nel vivo delle ricette, a partire da quelle base (pizza, pane, crespelle, etc), per poi passare a quelle sudddivise, per l’appunto, per sapore. Ogni ricetta è accompagnata da una foto per stimolare l’interesse del lettore (fatto da me personalmente molto apprezzato, essendo una di quelle persone che nella scelta delle ricette ritiene indispensabile farsi orientare dalle foto).

Elenco qualcuna delle ricette per ciascun sapore:

Amaro: crackers al tarassaco con il loro pesto, cestini di riso allo zafferano, gnocchi di asparagi selvatici, risotto radicchio trevigiano e noci, brownie barba-ciok.

Aspro-agro: capriccio di carote e sedano in salsa, fiori di zucchina al forno, crocchette di topinambur, caponata delicata di carciofi e zucca, padellata di germogli.

Dolce: gnocchi di zucca alla mantovana, panelle con farinaccio di campo, patate al latte speziato, biscotti ai fichi, cuoricini alla crema di liquirizia e anice.

Salato: muffin dell’orto, zucchine profumate in pastella, plum-cake rustici all’ortica, panzerotti golosi, tartufi al sale.

Umami: piccantini di radici in salsa, lasagne di riso, vellutata di daikon con carote, vermicelli profumati, polpettine di azuki e cavolo cappuccio.

Mix di sapori: bouquet di germogli, riso basmati con ananas e olive, riso thai al forno, burger di lenticchie al pesto di spinacini, tempeh dorato.

 

Che siate vegani o no, dubito che possiate non trovare interessante il libro: la selezione delle ricette è davvero stimolante.

Felicia Sguazzi è una cuoca vegana attiva sul web sul sito Le delizie di Feli. La sua passione è la ricerca culinaria di una cucina naturale, di stagione e a km 0.

 

Ovviamente il sapore più misterioso è l’umami, di recente scoperta, di cui si può leggere qui.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Felicia

Sguazzi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sguazzi Felicia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nella vivace Istanbul, la vita della libraia turco-tedesca Kati Hirschel scorre fin troppo tranquilla. Il nuovo appartamento che condivide con lo spagnolo Fofo è ormai sistemato, tutti i debiti sono stati pagati e la libreria di cui va tanto fiera - l’unica in tutta la città specializzata in libri gialli - è ben frequentata da locali e turisti. Forse per noia, o per la mancanza di un fidanzato che la tenga occupata, Kati si lascia trascinare da una chiaroveggente che dovrebbe aiutare Fofo a risolvere i suoi problemi di cuore. Le cose prendono una piega inaspettata quando la lettrice di fondi di caffè «vede» la morte di una giovane donna. Temendo che possa trattarsi della fidata collaboratrice Pelin, la libraia corre in ospedale e scopre che la vita in pericolo è un’altra: quella di Nil, ricoverata in terapia intensiva dopo un misterioso malore. Com’è possibile che una donna di neanche trent’anni, in perfetta salute, sia improvvisamente colpita da un attacco cardiaco? E perché aveva la schiuma alla bocca? Il caso è decisamente sospetto e risveglia subito la proverbiale curiosità di Kati, che insieme a Hakan, fratello della «vittima», comincia a scavare nella vita di Nil e a notare altre stranezze. Ad esempio che la giovane, pur essendo disoccupata da sei mesi, poteva permettersi oggetti costosi e una lussuosa abitazione in uno dei quartieri più eleganti di Istanbul. Ce n’è abbastanza per ipotizzare un coinvolgimento in affari loschi. O la presenza di un ricco amante, magari sposato e interessato a sbarazzarsi di lei. Ancora più singolare risulta però la passione di Nil per il tango, legata probabilmente alla decisione di scrivere un romanzo ambientato tra Turchia e Argentina, due paesi accomunati da anni di dittatura militare, da violenze e ingiustizie nei confronti di oppositori e minoranze. E così, grazie al solito mix di intuito, faccia tosta e conoscenza della società turca, Kati porterà avanti anche quest’indagine a modo suo, tra chiacchiere e bicchieri di tè.

Tango a Istanbul

Aykol Esmahan

La corruzione è un male antico capace di infettare chiunque abbia tra le mani l'esercizio di un qualche potere, che contamina con la seduzione del denaro e del profitto e assedia con le armi della disonestà, dell'ingiustizia e del personalismo.

Nei secoli corrotta

Iai Ivano

Arrivano tutte le sere, d'estate. Scaricano da un furgoncino un divano, tavolini e lampade. E pescano. L'alcolizzato abita in una Baracca. I ragazzi vanno da lui a raccattare i vuoti per rivenderseli e comprare qualcosa, un hamburger oppure una scatola di proiettili. Quel giorno il ragazzino sceglie i proiettili. La seconda guerra mondiale è appena finita, e nessuno fa caso a un adolescente con un fucile sottobraccio, fermo a una stazione di servizio. Il ragazzino è un uomo e ricorda, prima che il vento si porti via tutto, l'America e i suoi sogni, l'alcolizzato e le sue bottiglie, i due sul divano in riva al lago. La scelta, leggera e terribile, tra hamburger e proiettili, un colpo di fucile in un campo di meli e l'amico bello e ferito, lasciato lì a morire dissanguato. "American Dust" è un'elegia delicata e sorprendente, in cui l'infanzia e la morte danzano insieme, avvolte nella polvere del sogno americano.

AMERICAN DUST

Brautigan Richard

Negli ultimi anni, è comparsa una nuova categoria di persone: questi soggetti hanno un lavoro ma lo stipendio non consente loro di pagare un affitto e dunque sono spinti per strada. Vivono dove possono, vagano da un luogo all’altro, dormono nella loro macchina. Il grande etnologo Marc Augé, che dà qui prova anche di un talento letterario, immagina la vita di uno di questi “vagabondi”, gli effetti distruttivi prodotti dalla perdita di punti di riferimento spazio-temporali, inventando un genere, l’etnofiction, l’autore utilizza la forma del racconto per evocare un fatto sociale: il suo eroe, un medio funzionario messo in difficoltà da due divorzi e dall’aumento degli affitti, potrebbe non essere cos’i diverso da tutti noi...

DIARIO DI UN SENZA FISSA DIMORA

Augé Marc