Narrativa

La Forma Fragile del Silenzio

Pigola Fabio Ivan

Descrizione: Imperniato attorno a un leggendario brano blues, il racconto parla con la voce di un sedicenne che scopre di avere un difetto irreversibile all’udito. Il suo è un viaggio attraverso la presa di coscienza dell’handicap, ma è anche il cammino di un teenager come tanti, alla ricerca della propria identità. È un’empatia che lo sorregge dove i sensi vengono meno: trasporta lontano e pone un diaframma tra lui e il mondo degli uomini che si muovono in fretta, e coltivano cinici il destino come fosse un’occasione. Il ragazzo osserva, memorizza i suoni per riascoltarli nell’animo e attende il silenzio che verrà, e che forse sarà davvero un’occasione. Lo fa in disparte, perché non ama la compagnia chiassosa e accessoria delle conoscenze di passaggio. L’affiancano gli amici dai quali trae, come dalla musica, l’energia per combattere la deriva. L’amicizia è il sentimento che conforta e dà voce a ogni cosa, mentre sul mondo cade fragile il sipario del silenzio.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni della Sera

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788897139652

Recensito da Daniela Frascati

Le Vostre recensioni

“Alla mia età ci sono tutte le ragioni per amare ogni tipo di baccano, e nessuna per non poterlo sentire. Il suono è perdersi ad ascoltare le faccende disperse degli altri, le storie degli oggetti, delle cose altrimenti indefinite, prigioniere solo della forma.”
La Forma Fragile del Silenzio
è il raffinato romanzo d’esordio di Fabio Ivan Pigola; un romanzo che ha l’intensità e il pathos emozionale di una lunga poesia e la forza di un romanzo di formazione.
Il protagonista, Paolo, Hombre lo chiamano gli amici della band con i quali divide la  passione per la musica, ha sedici anni e una sensibilità speciale che lo mette in relazione profonda con quanto, persone, situazioni, cose, fa parte del piccolo mondo quotidiano che misura la sua esperienza. Un mondo dove “I sentimenti sono una lunga costruzione che spesso rallentiamo per farla durare nel tempo” e che per lui, ragazzino cresciuto in una famiglia spaiata,  sono la solidità che gli fa affrontare senza  disorientamenti e paure la vita.
In questa età vorace che è l’adolescenza Hombre vive con una consapevolezza di sé che è concessa a pochi suoi coetanei, poiché diventare adulti è spesso un confronto aspro con il mondo fatto di conflitti e tensioni. Per lui, nell’equilibrio mutevole che lo scorrere del tempo determina, questo passaggio d’età sembra essere una conquista a viso aperto, uno slancio empatico verso il futuro,  fino a quando, dentro le giornate scandite  dalla musica della sua band che è feeling e   condivisione di emozioni,  irrompe, lacerante come una nota stonata, l’imprevisto: una forma di ipoacusia neuronale che progressivamente lo condannerà alla sordità. Un’interruzione di vibrazioni sonore, all’inizio intermittente, appena un disturbo che smorza i suoni e spezza le note, poi il vuoto del silenzio che dilaga ammutolendo il mondo, soffocando parole, rumori, melodie.
Da questa menomazione, da questo silenzio che il destino gli impone,  prenderà l’avvio  il vero percorso di formazione che Fabio Ivan Pigola fa compiere al protagonista de La forma fragile del silenzio. Una duplice presa di coscienza: l’incamminarsi verso l’età adulta dove la complessità delle vita e delle relazioni non potrà più mostrare la limpidezza innocente dell’infanzia, e il viaggio ignoto  e terribile di una quotidianità incollata all’handicap, la cui avanguardia già mostra la spoliazione che provocherà nella sua esistenza.
Così mentre si affanna a cercare indicazioni e segni di come affrontare il silenzio, “Ho cercato sui libri e nelle notti sul web una guida, un libretto d’istruzioni, ma il popolo degli audiolesi sembra tanto variegato da avere scarse indicazioni per chiunque.”, allo stesso tempo modella un orecchio interiore, tutt’uno con la memoria, che possa  registrare ogni più piccolo suono, ogni rumore, dal frusciare del vento allo stridore dei freni, dalla musica, la sua passione, alle voci predilette degli amici, di Sugar il suo amore  adolescente, della madre, dello zio, maestro di vita che non avrà più parole da consegnargli.

“Come nei film in muto, è la fantasia ad aggiungere urla, sirene, frenate, detonazioni, gorgoglii o sconquassi. Le porte si aprono e riepilogo a memoria lo sfiato del veicolo, lo stridore di freni e ferraglia che tanto mi disturbava. Esploro il corpo alla ricerca di un bottone da schiacciare,una manopola da ruotare, un tasto come quelli degli strumenti musicali, ma non vi è ritmo che batta invano. Tutte le note hanno melodia, è inutile perseguitarle in un elenco riassuntivo destinato all’addio.”

Malgrado il danno che gli è toccato in sorte e che progressivamente s’insinua nelle pagine del bel romanzo di Pigola, è con leggerezza e poesia che seguiamo Hombre nell’apprendimento al silenzio; come Alice di fronte ai paradossi del suo viaggio sotterraneo, Hombre  ci scivola dentro,  ci si adatta, acconsente alla mutilazione non per sopravviverle ma per viverla  come un’opportunità diversa.

La forma fragile del silenzio è una storia delicata, scandita da una scrittura perfetta, rigorosa come una partitura musicale, profonda e nitida come la sofferenza silenziosa, quasi rassegnata di Hombre che guarda il suo handicap con la consapevolezza di un limite insanabile.
L’ostacolo del silenzio è una parete alta e troppo liscia, ogni tentativo di scavalcarla con gli occhi si spegne prima di scoprire un appiglio.

Eppure l’avvolgente e coinvolgente romanzo di questo adolescente sopraffatto dal silenzio della sua sordità, ha qualcosa di stridente che non si afferra subito ma sopraggiunge come un raschio dentro la quiete di quel  mondo senza suoni. Tutto è perfetto in questa storia; su tutto Hombre e la sua disarmante sensibilità, il suo accettare senza dramma né ribellione il male fisico che gli è toccato. Ma l’accettazione consapevole e matura del mondo che perde progressivamente voce e che  Hombre sa trasformare in un salvifico principio di realtà da assecondare, rimbomba oltre le pagine e diventa   metafora,  paradigma di un silenzio generazionale da cui la nostra società sembra essere colpita. Nell’opposta, ma speculare, condizione di chi vive sommerso da suoni, rumori,  musica, frastuono, parole senza risonanze interiori né echi,  si è ingenerata una sordità tanto più potente e disperata di quella di Hombre, una sordità alla compassione, alla ingiustizia, all’amore per l’altro  che ha sprofondato tutti in una rassegnazione che nessun altra generazione avrebbe subito. Un arrendevolezza al mondo così com’è, deciso dall’alto e da altri, che  sa di rinuncia e di accomodamento quando i sedici anni dovrebbero essere, invece,  l’età dell’urlo e della rivolta.
“Già prima non ero fra i protagonisti, ora sono acqua che la terra non trattiene, evaporo e torno in aria senza essere succhiato da alcuna radice.” 

Daniela Frascati

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ivan

Fabio

Pigola

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pigola Fabio Ivan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Thomas Jay è uno scrittore di culto. Dal chiuso di una cella racconta la sua incredibile storia ad Ailie, una studentessa che sta scrivendo una tesi sulla sua opera. Dopo un'infanzia povera ma fantasiosa, accanto a una nonna rivoluzionaria e una zia amorevole, Thomas Jay viene spedito in America. A dodici anni entra per la prima volta in riformatorio; trova il modo di scappare e si rifugia nella lavanderia di Max. Maestro silenzioso e discreto, Max accende nel ragazzo l'amore per la letteratura ma soprattutto lo incoraggia a scrivere. Anche il critico Samuel Atkinson crede in lui e fa pubblicare il suo romanzo “In the Dim, in the Light”, destinato a diventare una pietra miliare della narrativa contemporanea. Carattere inquieto e ribelle, Thomas Jay passa l'intera giovinezza fuggendo da un riformatorio all'altro per approdare al carcere, quello vero, e all'ergastolo. Intanto i suoi romanzi, eccezionali allegorie della vita, incantano il mondo. «Chi lo incontra firma un contratto con l'eternità», dice il professor Hatkinson ad Ailie per metterla in guardia dal suo scrittore preferito. Ma Ailie si è innamorata di Thomas Jay prima ancora di conoscerlo e vuole raccogliere i suoi ricordi e l'ultimo, estremo desiderio d'amore. Un romanzo commovente che parla di libri. E soprattutto del potere delle parole, dell'anima di chi le ha scritte e di chi le legge.

Thomas Jay

Libutti Alessandra

Romanzo che nel 1929 segnò l'esordio di Marguerite Yourcenar nella letteratura, "Alexis" ha la qualità propria dei libri che restano nel tempo: una grandezza che si riconosce solo più tardi, come è avvenuto per l'"Opera al nero" e per le "Memorie di Adriano". E' la storia di un giovane che cerca di uscire dalla situazione falsa che mette in scacco il suo matrimonio. Al momento di abbandonare la moglie, egli le scrive le ragioni del suo distacco, chiamandola a testimone della lotta vana che ha condotto contro la propria inclinazione omosessuale. Reagendo a una prova precedente che indulgeva alla moda delle biografie romanzate ("Pindare"), la Yourcenar, ventiquattrenne come Alexis, si concentra qui per la prima volta su una vicenda delimitata, 'intimista', spingendosi in profondità nella psicologia del personaggio. L'omosessualità e il titolo stesso del romanzo richiamano un'opera giovanile di Gide (il "Traité du vain désir") ma si avverte molto più forte l'influenza del Rilke di "Malte Laurids Brigge", a cui sono vicini il tono, gli scrupoli, la religiosità di Alexis, quella tenerezza diffusa che egli emana sulle persone e le cose. Un libro raro, e di quelli della Yourcenar uno dei pochissimi ch'ella non abbia provato a riscrivere, paga di aver detto quanto c'era da dire.

Alexis

Yourcenar Marguerite

"Non si cura per quello che si sa o che si crede di sapere. Si cura e si può soltanto curare per quello che si è!". Sono le parole del magistrato a Giulia, giovane chirurgo in carriera, dopo un tragico incidente segnato dall'arroganza del suo sapere. Fino a quel momento Giulia è stata tutto: bella, determinata, rampante con la spocchia di un cognome che conta. Per lei il malato non è stato mai il fine, ma soltanto un mezzo per dimostrare la sua abilità in sala operatoria, per tenere alta la media dei suoi successi. Poi l'incidente di percorso, l'umiliazione del tribunale, il riaffiorare di altre tragiche vicende. È un mondo che crolla, che le fa il vuoto intorno, la umilia, mette a nudo le sue fragilità, la spinge a Grado, nella villa di famiglia, al riparo dalle ansie della madre e dai maldestri tentativi del marito di starle accanto, e dove ritrova casualmente Paolo, il cugino fidato, il compagno di giochi di un tempo. Villa Flavia è piena di ricordi per entrambi: le faide di famiglia, i primi amori di lei, le sue minigonne, quella spider rossa in attesa al cancello ogni sera, e lui che aspettava il suo rientro fino a notte fonda, disposto ad amarla "anche soltanto per amore".

L’ARROGANZA DEL CUORE

Calandra Claudio

Storia del nuovo cognome è il seguito dell’amica geniale, pubblicato nel 2011. L’amica geniale racconta l’infanzia e l’adolescenza di due ragazze napoletane, Lila e Lenù, seguite nelle intense peripezie della loro amicizia, in un quartiere povero e feroce negli anni del passaggio a un benessere conquistato con ogni mezzo. Al cuore del romanzo c’è il rapporto tra le due amiche, un rapporto di affetto, di gelosia, di competizione, di emulazione, di rifiuto e di attrazione vertiginosa. Ritroviamo le due protagoniste e la loro straordinaria amicizia nelle nuove prove che la vita mette loro davanti. Lila si sposa a soli diciassette anni con un giovane del quartiere arricchitosi con commerci e traffici non sempre limpidi, e diventa la signora Carracci in una nuova esistenza dove agio e violenza, frustrazione e potere si mischiano. Lenù continua invece a studiare, suscitando l’ammirazione e l’invidia dell’amica. È una gara a chi delle due riuscirà a uscire dal quartiere che le imprigiona, a liberarsi da un ambiente che entrambe odiano. Ameranno anche lo stesso uomo.

Storia del nuovo cognome

Ferrante Elena