Narrativa

La Forma Fragile del Silenzio

Pigola Fabio Ivan

Descrizione: Imperniato attorno a un leggendario brano blues, il racconto parla con la voce di un sedicenne che scopre di avere un difetto irreversibile all’udito. Il suo è un viaggio attraverso la presa di coscienza dell’handicap, ma è anche il cammino di un teenager come tanti, alla ricerca della propria identità. È un’empatia che lo sorregge dove i sensi vengono meno: trasporta lontano e pone un diaframma tra lui e il mondo degli uomini che si muovono in fretta, e coltivano cinici il destino come fosse un’occasione. Il ragazzo osserva, memorizza i suoni per riascoltarli nell’animo e attende il silenzio che verrà, e che forse sarà davvero un’occasione. Lo fa in disparte, perché non ama la compagnia chiassosa e accessoria delle conoscenze di passaggio. L’affiancano gli amici dai quali trae, come dalla musica, l’energia per combattere la deriva. L’amicizia è il sentimento che conforta e dà voce a ogni cosa, mentre sul mondo cade fragile il sipario del silenzio.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni della Sera

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788897139652

Recensito da Daniela Frascati

Le Vostre recensioni

“Alla mia età ci sono tutte le ragioni per amare ogni tipo di baccano, e nessuna per non poterlo sentire. Il suono è perdersi ad ascoltare le faccende disperse degli altri, le storie degli oggetti, delle cose altrimenti indefinite, prigioniere solo della forma.”
La Forma Fragile del Silenzio
è il raffinato romanzo d’esordio di Fabio Ivan Pigola; un romanzo che ha l’intensità e il pathos emozionale di una lunga poesia e la forza di un romanzo di formazione.
Il protagonista, Paolo, Hombre lo chiamano gli amici della band con i quali divide la  passione per la musica, ha sedici anni e una sensibilità speciale che lo mette in relazione profonda con quanto, persone, situazioni, cose, fa parte del piccolo mondo quotidiano che misura la sua esperienza. Un mondo dove “I sentimenti sono una lunga costruzione che spesso rallentiamo per farla durare nel tempo” e che per lui, ragazzino cresciuto in una famiglia spaiata,  sono la solidità che gli fa affrontare senza  disorientamenti e paure la vita.
In questa età vorace che è l’adolescenza Hombre vive con una consapevolezza di sé che è concessa a pochi suoi coetanei, poiché diventare adulti è spesso un confronto aspro con il mondo fatto di conflitti e tensioni. Per lui, nell’equilibrio mutevole che lo scorrere del tempo determina, questo passaggio d’età sembra essere una conquista a viso aperto, uno slancio empatico verso il futuro,  fino a quando, dentro le giornate scandite  dalla musica della sua band che è feeling e   condivisione di emozioni,  irrompe, lacerante come una nota stonata, l’imprevisto: una forma di ipoacusia neuronale che progressivamente lo condannerà alla sordità. Un’interruzione di vibrazioni sonore, all’inizio intermittente, appena un disturbo che smorza i suoni e spezza le note, poi il vuoto del silenzio che dilaga ammutolendo il mondo, soffocando parole, rumori, melodie.
Da questa menomazione, da questo silenzio che il destino gli impone,  prenderà l’avvio  il vero percorso di formazione che Fabio Ivan Pigola fa compiere al protagonista de La forma fragile del silenzio. Una duplice presa di coscienza: l’incamminarsi verso l’età adulta dove la complessità delle vita e delle relazioni non potrà più mostrare la limpidezza innocente dell’infanzia, e il viaggio ignoto  e terribile di una quotidianità incollata all’handicap, la cui avanguardia già mostra la spoliazione che provocherà nella sua esistenza.
Così mentre si affanna a cercare indicazioni e segni di come affrontare il silenzio, “Ho cercato sui libri e nelle notti sul web una guida, un libretto d’istruzioni, ma il popolo degli audiolesi sembra tanto variegato da avere scarse indicazioni per chiunque.”, allo stesso tempo modella un orecchio interiore, tutt’uno con la memoria, che possa  registrare ogni più piccolo suono, ogni rumore, dal frusciare del vento allo stridore dei freni, dalla musica, la sua passione, alle voci predilette degli amici, di Sugar il suo amore  adolescente, della madre, dello zio, maestro di vita che non avrà più parole da consegnargli.

“Come nei film in muto, è la fantasia ad aggiungere urla, sirene, frenate, detonazioni, gorgoglii o sconquassi. Le porte si aprono e riepilogo a memoria lo sfiato del veicolo, lo stridore di freni e ferraglia che tanto mi disturbava. Esploro il corpo alla ricerca di un bottone da schiacciare,una manopola da ruotare, un tasto come quelli degli strumenti musicali, ma non vi è ritmo che batta invano. Tutte le note hanno melodia, è inutile perseguitarle in un elenco riassuntivo destinato all’addio.”

Malgrado il danno che gli è toccato in sorte e che progressivamente s’insinua nelle pagine del bel romanzo di Pigola, è con leggerezza e poesia che seguiamo Hombre nell’apprendimento al silenzio; come Alice di fronte ai paradossi del suo viaggio sotterraneo, Hombre  ci scivola dentro,  ci si adatta, acconsente alla mutilazione non per sopravviverle ma per viverla  come un’opportunità diversa.

La forma fragile del silenzio è una storia delicata, scandita da una scrittura perfetta, rigorosa come una partitura musicale, profonda e nitida come la sofferenza silenziosa, quasi rassegnata di Hombre che guarda il suo handicap con la consapevolezza di un limite insanabile.
L’ostacolo del silenzio è una parete alta e troppo liscia, ogni tentativo di scavalcarla con gli occhi si spegne prima di scoprire un appiglio.

Eppure l’avvolgente e coinvolgente romanzo di questo adolescente sopraffatto dal silenzio della sua sordità, ha qualcosa di stridente che non si afferra subito ma sopraggiunge come un raschio dentro la quiete di quel  mondo senza suoni. Tutto è perfetto in questa storia; su tutto Hombre e la sua disarmante sensibilità, il suo accettare senza dramma né ribellione il male fisico che gli è toccato. Ma l’accettazione consapevole e matura del mondo che perde progressivamente voce e che  Hombre sa trasformare in un salvifico principio di realtà da assecondare, rimbomba oltre le pagine e diventa   metafora,  paradigma di un silenzio generazionale da cui la nostra società sembra essere colpita. Nell’opposta, ma speculare, condizione di chi vive sommerso da suoni, rumori,  musica, frastuono, parole senza risonanze interiori né echi,  si è ingenerata una sordità tanto più potente e disperata di quella di Hombre, una sordità alla compassione, alla ingiustizia, all’amore per l’altro  che ha sprofondato tutti in una rassegnazione che nessun altra generazione avrebbe subito. Un arrendevolezza al mondo così com’è, deciso dall’alto e da altri, che  sa di rinuncia e di accomodamento quando i sedici anni dovrebbero essere, invece,  l’età dell’urlo e della rivolta.
“Già prima non ero fra i protagonisti, ora sono acqua che la terra non trattiene, evaporo e torno in aria senza essere succhiato da alcuna radice.” 

Daniela Frascati

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ivan

Fabio

Pigola

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pigola Fabio Ivan

«Humanitas. Ecco quello che si troverà in queste poesie. Semplicemente l'uomo; l'uomo che vaga alla ricerca di sé e delle cause ultime e prime sin dalla notte dei tempi; l'uomo che aspira al cielo e all'infinito pur rimanendo nel suo platonico carcere di carne e apparenze; l'uomo che accende l'intelletto, va oltre la realtà, addentrandosi nelle pianure dell'anima e del pensiero, per elevarsi dalla propria condizione terrena e raggiungere un'armonia e un equilibrio spirituale apparentemente lontani e difficilmente afferrabili».

Una presentazione per Riccardo Magni

Magni Riccardo

La tempesta

Moravia Alberto

La cosa più affascinante del sesso non è il sesso, ma tutto ciò che gli ruota attorno: in una sola parola, la vita. È per questo cheLeonardo, Eva e Giorgio, dovendo parlare di sesso, raccontano le rispettive esistenze (audaci e innocenti allo stesso tempo) a un intervistatore che vorrebbe scrivere un libro sul piacere, e che invece si ritrova in continuazione a fare i conti con il loro dolore. Del resto, nel gioco erotico, tutto è così terribilmente intrecciato: non solo il piacere e il dolore, ma anche la trasgressione e le regole, la libertà e il possesso, l'eccitazione e la noia, l'io e la maschera. Quelle che i nostri eroi indossanoin questo romanzo corrispondono ai tre ruoli chiave del gioco: Leonardo (nome in codice: Mister Wolf) è il bull, maschio alfa che applica al sesso seriale la disciplina e la meticolosità degli antichi samurai, Eva (la First Lady) è la sweet, regina e schiava deldesiderio maschile, Giorgio (il Presidente) è il cuckold, tradito consenziente che sguazza nella sua impotenza ma non rinuncerebbe mai a manovrare i fili. Insieme formano il triangolo più classico e scabroso dell'intera geometria erotica, quello in cui l'ossessione maschile di possedere e offrire l'oggetto del proprio desiderio s'incastra con l'aspirazione della donna ad appartenere, finalmente, solo a se stessa. Recitano dei ruoli, Mister Wolf, la First Lady e il Presidente. Ma quanto più il corpo è il loro abito di scena, tanto più la loro anima si denuda, rivelando ai nostri occhi l'umanità struggente, tenera, e talvolta esilarante, di tre protagonisti fuori dagli schemi.

Il gioco

D'Amicis Carlo

Dopo anni di lavoro totalizzante in un’importante società di eventi, Nina viene lasciata a casa. Disoccupata, cinica e piena di pregiudizi, circoscrive la vita entro i confini del suo condominio a ringhiera, mantenendo però una florida e fittizia routine tra chat e social network: più del senso di vuoto, è l'onta della disoccupazione a toglierle il sonno. Indolente, trascorre le giornate a osservare i condomini, punti di riferimento di un mondo intimo ma che sente lontano. Fin quando la sua attenzione si concentra su una vicina da sempre scostante, diventata improvvisamente perno silente e misterioso di un gineceo di tre anziane: la smilza, la leopardata e la forzuta.

Le affacciate

Perali Caterina