Narrativa

La forza di gravità

Piersanti Claudio

Descrizione: Nel condominio alla periferia di una grande città senza nome vivono Serena e il Professore. Il Professore è un pensionato senza pensione che conta le stelle cadenti e sta mettendo a punto un progetto segreto. Serena ha diciotto anni, ama i cani e divide la sua esistenza tra Sogni e Sogni Possibili: è impaurita da tutto e da tutti, eppure allo stesso tempo è piena di coraggio. Grazie all’aiuto del Professore, è riuscita a superare l’esame di maturità come privatista e ora si prepara ad affrontare il test di Medicina, sempre guidata dalle parole, dai consigli, dai libri del Professore. L’unica pausa dallo studio, Serena la prende per portare a spasso i suoi cani e talvolta anche quelli di altri condomini. Ed è in quei momenti, passeggiando nel buio della sera, che incontra le persone più diverse, alcune ostili e minacciose, altre incredibilmente affascinanti, come il lunare Ottavio Celeste – smemorato e intenso. I Sogni Possibili di Serena, tuttavia, vengono stravolti il giorno in cui si sveglia e il Professore è stato ricoverato. L’uomo ha infatti deciso di testare il misterioso oggetto a cui stava lavorando sulla mano di un ufficiale giudiziario che si è presentato alla sua porta. Poiché l’oggetto in questione è una ghigliottina (!), la quiete del vecchio e della ragazza viene inevitabilmente turbata e i due finiscono nelle spire dell’inarrestabile forza di gravità che governa le nostre vite. Con uno stile misurato e allusivo, Piersanti costruisce un romanzo gotico ricco di personaggi e situazioni surreali e poetiche, che come mai ci restituiscono le domande fondamentali sul senso del nostro stare al mondo.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I narratori

Anno: 2018

ISBN: 9788807033056

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Nel romanzo di Claudio Piersanti La forza di gravità è legge della fisica applicata all’esistenza (“Soprattutto vorrei non sentire più questa terribile e crescente forza di gravità che mi svuota di qualunque energia”).

Il rapporto tra un vecchio intellettuale e una giovane che ha dovuto superare alcune prove della vita (“Gli sorrise mostrando il volto senza nasconderlo con i capelli”) si sviluppa nella vicinanza e nell’affinità culturale.
I ruoli precettore-allieva si scambiano con quelli di madre-figlio, ove punti di debolezza e di forza si completano, si invertono, si rincorrono.

Dario Posatore, detto il Professore, è un vecchio strambo che sublima la misantropia (“Era sempre stato un po’ misantropo ma da qualche tempo non sopportava più nessuno, a parte lei”) in originalità (“Ė una scultura che sembra… come si chiama… una ghigliottina!”).
“Era un vecchio e un bambino. Uno scienziato, un filosofo, un giacobino, un depresso, un esagitato, un pigro e anche un frenetico. Era nello stesso tempo ateo e religioso. Giocose e tetro.”

Serena insegue tenacemente il proprio sogno di diventare ricercatrice in ambito medico-scientifico e affronta la propria realtà familiare e condominiale con senso di responsabilità e serietà. Intanto porta a spasso quattro cani in uscite serali e notturne (“Decise di non assecondare l’ingordigia olfattiva dei suoi cani”) che sono occasioni di incontri (“E ora all’improvviso aveva quasi un appuntamento, la sera quando usciva… Ottavio Celeste!”) e riflessioni.
“Avrebbe voluto dirle com’era bella la mente di Serena, com’era plastica, pulita, lineare, serena come il suo nome, priva di spigoli e inutili nevrosi…”

Quando il Professore è assediato da debiti, querele e controlli giudiziari, compie uno sproposito (“Qui c’è la dolce vedova che porta la pace”, ndr: la ghigliottina) e fugge verso un epilogo per certi versi sorprendente.

La storia consente di soffermarsi sui complessi meccanismi dell’anticonformismo, dell’età, delle relazioni umane e del rapporto tra gioventù e senilità.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Claudio

Piersanti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Piersanti Claudio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Che cosa può spingere un vecchio fantasma aristocratico sull'orlo della depressione? Il povero Sir Simon di Canterville, che in preda a uno scatto d'ira uccise la moglie, è condannato a un eterno vagare per il castello, con l'unica gioia rimastagli di far scappare dalla paura ogni nuovo inquilino. Ma non ci sono catene scricchiolanti e ululati sinistri che tengano, quando ad abitare il castello arrivano il ministro americano Hiram B. Otis e famiglia. Contro il loro scetticismo, le burle dei gemelli e il pragmatismo della signora Otis che lava le pozze di sangue con lo smacchiatore, il povero fantasma finisce nel ridicolo, fino a desiderare di morire di nuovo.

Il fantasma di Canterville

Wilde Oscar

«Ho sempre pensato che a Milano sto bene, che è un posto da combattenti, da apolidi, una legione straniera. Che non saprei dove altro vivere. Ho fatto tutto qui: università, figli, matrimonio, lavoro. Milano mi somiglia. Parla poco, non ha tempo, sembra che non si affezioni a nessuno, ma non è così. Milano è come me, va di fretta e cerca di fare tutto meglio che può, nonostante se stessa.» Mila è stata una bambina amata e luminosa, una ragazza solitaria: oggi è la moglie di Paolo e la madre di Maddi e dei gemelli, una donna che ha perso il filo del suo destino. Un giorno cede a un impulso segreto, e si ritrova in ospedale. Qui incontra Annamaria, un'insegnante laica che, come le suore, ha fatto voto di povertà, castità e obbedienza. Tramite lei Mila torna in contatto con una figura straordinaria della sua infanzia, santa Rita, la santa degli impossibili, che ha attraversato i secoli con la forza della sua testimonianza: quella di una donna che – a nome di tutte le donne – riuscì a volare oltre ogni ostacolo grazie alla potenza magica di una passione inestinguibile. Attraverso un racconto asciutto e raccolto, Daria Bignardi dà vita a un personaggio inquieto, pieno di contraddizioni, segnato da un bisogno di trascendenza inespresso eppure capace di cogliere l'amore del mondo che silenziosamente ci può salvare.

Santa degli impossibili

Bignardi Daria

Nidi di periferia

Ci sono fatti che possono essere accantonati. Altri addirittura dimenticati. Ma ce ne sono alcuni, terribili, devastanti, su cui nessuno può passare sopra. Questo è il caso di Michele. Una parte della sua vita se ne è andata, una parola fine scritta dalla penna del destino. Incomprensibile, inimmaginabile. Un dolore che sembra non finire mai, che conduce la mente nell'oblio più profondo. Michele non può sopportarlo. Deve fare qualcosa. Deve scegliere il proprio destino. Il nostro destino. È davvero nostro? Siamo veramente noi a sceglierlo? Michele si trova nel bel mezzo di una spirale di eventi di cui lui stesso non è in grado di carpire il filo conduttore. Pensa di avere in mano la situazione, di poter controllare il flusso degli eventi. Eppure c'è qualcosa nei suoi piani che sta per andare in fumo. Qualcosa che non aveva calcolato e che nessuno può fermare. È una voce, un'idea, una persona. O forse niente di tutto questo. È il disegno del destino.

Il disegno del destino

Simoncini Davide